Articoli marcati con tag ‘trasparenza’

Protocollo della Legalità? Com’è finito e qualche domanda che resta

Per rispondere a questa domanda con compiuta conoscenza di causa si dovrebbe ascoltare lo streaming di un Consiglio Comunale, per così dire straordinario, tenutosi il 12 Dicembre (VEDI Consiglio Comunale sedute in streaming) e trascriverlo. Sul tema si tratta di ottanta minuti entro cui si sono discussi cinque punti (16 minuti cadauno) che riguardano il tema. Data la delicatezza del tema ci sembra prudente attendere il verbale trascritto ufficialmente.

Ciò che rileva nel merito è quanto segue: non ci sono pervenuti gli atti dal gruppo Coalizione Civica; non sono depositati entro la direttrice Consiglio Comunale le documentazioni degli atti in deliberazione; non sono pubblicate (ancora) in Albo Pretorio le deliberazioni approvate. Neppure è pubblicata la trascrizione del Consiglio.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

1 Commento


Buccinasco: notizie che sarebbero utili, nel bilancio e per i Cittadini

Da un articolo de ilsole24ore di ieri apprendiamo alcune cose che fa bene avere dall’Istat, per una volta, in questo lungo periodo di vacche magre che tormenta il paese (VEDI). Con velocità da tartaruga, e soprattutto non per iniziativa politica ma per gli sviluppi informatici di Bankitalia, è stato istituito e messo in linea un sistema che riguarda tutto l’insieme di pagamenti e incassi della P.A., un sistema denominato SIOPE.

I lettori capiranno subito quale miniera di dati possono tornare utili con vari insiemi di enti, di tempi e di tipologie, che permettono un ricongnizione e informazione compiuta circa lo stato del paese nelle sue diverse articolazioni. L’articolo de ilsole ce ne da un esempio molto interessante nella tabella allegata che mette a fuoco le multe e gli incassi 2016, al 30 Giugno (VEDI). Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

2 Commenti


Buccinasco e Cittadini attivi: altro passo avanti. Altri ne seguiranno

Il non voto, la reazione passiva dei Cittadini, all’invadente  e chiuso mondo della politica, anche e soprattutto quando locale, forse è giunta a una svolta. Quando la sfiducia si esprime nella non partecipazione ai fatti della Comunità, in genere il segnale viene  visto dai sociologi negativamente.

Sintomo di una malattia del “patto sociale” che sta alla base del vivere democratico. Il che però, va detto, non è rapporto di relazione automatico: causa/effetto. Nelle democrazie con maggiore tasso di partecipazione alle decisioni,  spesso si assiste a quote modeste o addirittura minime di votanti, soprattutto nei frequenti referendum.

In questo caso può anche vedersi un moto di estraneità sul quesito proposto: “mi sta bene una soluzione come l’altra e lascio che a decidere siano coloro che, coinvolti, andranno a esprimere le loro volontà”. Così il voto viene visto come intromissione in affari che, chi si sente estraneo vede come alterazione della volontà dei Cittadini interessati. A parte questa casistica (che diamo per assodato non riguardi l’Italia), l’effetto del non voto quale può essere?

L’assenza al voto come rifiuto della politica, può essere compressa fino all’esplosione in eventi  traumatici di vario livello; anche vere e proprie rivoluzioni. Con traumi e problemi propri di ogni passaggio di questo genere: prima che si possa ricostruire un equilibrio sociale dalla condivisione diffusa. Se non succedono è da preferirsi.

In una società civilmente matura la risposta, la correzione dell’anomalia da troppa delega ai partiti, avviene mediante la costituzione spontanea di gruppi di Cittadini che si impegnano direttamente nella Comunità. Impegni diversi che stanno crescendo, di natura sociale,  culturale, ludica, anche sportiva.  Minori i casi d’impegno diretto nella  manutenzione e sistemazione della cosa pubblica (tendenzialmente non gradita dalla politica attuale).

Ecco però che stiamo assistendo a un salto  di qualità. Una prima felice occasione è stata la autogestione della Sorveglianza di Quartiere, organizzata in breve e divenuta un centro di raccolta autogestito sulla sicurezza, come utile interfaccia per le forze dell’ordine. Il tentativo di ostacolare l’iniziativa di sindaco e giunta, davvero sbagliato, ha avuto conseguenze opposte, consolidando e dando sicurezza ai Cittadini volontari.

È poi seguito un gruppo locale che riguarda l’area immobiliare dei musicisti in fondo a passeggiata Rossini. Richiesta all’amministrazione; risposte molto parziali e inefficaci, tempo che trascorre a vuoto, poi si arriva al giornale locale che pubblica un’intervista collettiva. Il tentativo di dividere e bloccare l’iniziativa, ottiene il medesimo risultato: il gruppo di Cittadini si attiva in proprio e comincia a sistemare un’area lasciata deperire.

Questa volta arriva un’ipotesi di risposta del sindaco (sul giornale);  si vedrà come va a finire. Quel che è certo è un movimento dal basso, di Cittadini consapevoli e più che civili, che non prendono forche e falci per assaltare il municipio ma per sostituirsi all’inazione di chi, queste cose dovrebbe curare e risolvere. Saremo ottimisti in Città Ideale, ma la società civile è cresciuta e sta mettendo in campo il proprio valore aggiunto: vuole direttamente esserci e partecipare.

Finiti i tempi dei Masaniello e Ciceruacchio: di rappresentanti popolari dall’agire emotivo quanto privo di solidità concreta sul che fare, facilmente strumentalizzabili. Con i Cittadini attivi adesso ci si deve misurare, alla pari. Riconoscendo loro dignità e soprattutto il primato quali primi rappresentanti diretti del popolo. Popolo che non vuole più essere, e  non è più riducibile a  massa di manovra. Cittadini che sono il domani della democrazia vera, informata, partecipe.

Tag: ,

Nessun Commento


Trasparenza: la norma, la Legge e le oscurità del sistema Maiorano

Dobbiamo informare i lettori e i Cittadini di un evidente buco (ci viene difficile considerare svarione o dimenticanza) che riguarda la legge della trasparenza. Come già illustrato nell’articolo del 24 Marzo (VEDI), il governo Monti approva il DECRETO TRASPARENZA nella pubblica amministrazione (uno dei suoi ultimi: un mese dopo Napolitano neo eletto, passa l’incarico a Letta.

Logico che l’applicazione concreta di un decreto decisa da un altro governo subisce qualche alterazione operativa. L’impatto che viene dato da Letta è di natura squisitamente burocratica. Una delle tante, troppe normee leggi entro cui la P.A. si avviluppa (e rimane bloccata). Anche a Buccinasco viene applicata con effetto da fine anno. Segretario, interprete della legittimità degli atti, Bellagamba. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

3 Commenti


Trasparenza: adesione burocratica e obiettivi possibili

Trasparenza: perfino un decreto legge è arrivato a definire l’obiettivo più rilevante di una diffusione semplice e agevole di tutti  i dati della pubblica amministrazione (P.A.): maggiore è la conoscenza della casa comune, di ogni suo atto, di ogni suo passaggio, delle sue decisioni, più difficoltà incontra l’agire corruttivo o la concussione. Più sono i dati riservati,  maggiore è la possibilità di accordi riservati che recano danno all’amministrazione (le tasche dei cittadini).

La normativa in questione è il decreto legge 33/2013 (VEDI), definito appunto: decreto trasparenza. Poco pubblicizzato, quasi nessuna attenzione sui media. Le sue disposizioni sono state attuate anche dal Comune di Buccinasco. Con la prevalente attenzione  a rispettare  burocraticamente quanto il decreto obbliga (non su tutto, come vedremo). Dimenticandosi del principio ispiratore della legge: trasparenza come antidoto alla corruzione, alla cattiva amministrazione. Ecco la definizione:

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

3 Commenti


Trasparenza e open data: Comunità partecipata

Stiamo vivendo sul far politica, sulla cosiddetta “forma partito” una fase di tramonto.  L’Italia non sarà il solo paese arretrato  ma certamente lo è  fra i paesi industrializzati. Una analisi del Censis apparsa su ilSole24Ore ce ne informa in senso generale (VEDI). Non tratta delle conseguenze sul far politica, ma delle perdite che derivano dall’arretratezza digitale. Danni che vengono dalla ancora scarsa diffusione fra aziende e privati, soprattutto nell’applicazione entro la pubblica amministrazione… Ed eccola la politica!.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , , ,

2 Commenti


Statuto in bozza cinque: cosa si cancella e i motivi addotti

Lo Statuto in bozza (quello che i Cittadini non devono conoscere fino al cinque Dicembre ed hanno tempo fino al nove per poter inoltrare suggerimenti), contiene e descrive le parti eliminate e le motivazioni della eliminazione. La questione relativa al diritto di informazione e trasparenza amministrativa (art.18) contiene perle di saggezza dirigistica che ricordano la dittatura del proletariato: la democrazia ai Cittadini deve essere somministrata da loro: un Grande Fratello che ha senno e competenza…

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

Nessun Commento


Buccinasco: vicesindaco. Il suo agire, il che fare

La vicenda potrebbe definirsi umana, come tale può scivolare nel compassionevole, nel cercare una comprensione dell’agire che tende ad alleggerirla, fino quasi ad una assoluzione. A Città Ideale è già capitato di cogliere ed esprimere la comprensione verso un nostro ex  amministratore che si è trovato a subire eventi che erano tutti contro di lui. Ci sentiamo del tutto estranei allo sciacallaggio, all’aggiungere il nostro “crucifige”, quando mille d’altri  si esprimono con il pollice verso.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

5 Commenti


Lo Statuto in bozza: quarta puntata. I Regolamenti

Poi faremo un riepilogo dello Statuto che Città Ideale vede corrispondere al suo obiettivo ideale. Così ci sarà per i Cittadini la possibilità di fare il confronto. L’idea di DEMOCRAZIA PARTECIPATA E TRASPARENTE:  questo l’obiettivo.  Di una gestione efficiente, di una struttura politica che orienta e indirizza, senza il potere di decidere le spese, di scegliere i fornitori o le aziende. Con quella che la nostra gestione pro tempore intenderebbe proporci; propinarci, visti gli intenti d’insieme che si colgono.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

Nessun Commento


San Giuliano e Buccinasco: avvisi e responsabilità. E la Legalità?

La faccenda di San Giuliano Milanese è eclatante per il numero degli indagati (22). Di questi tempi va di moda, sullo stile del nostro Sindaco, sminuire l’”avviso di garanzia” come un atto dovuto a favore dell’indagato che nulla ha a che vedere con la probità e nettezza del pubblico amministratore, almeno fintanto che non vi sia il rinvio a giudizio.  Affermazione che Città Ideale ritiene erronea.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , , ,

2 Commenti


Buccinasco: Coalizione Civica e .. la maggioranza. Una lezione di stile

Crediamo sia da raccontare perché è un esempio del come ci si deve civilmente comportare. Succede che a Città Ideale viene inviata una busta anonima contenente una pagina anonima che allega due presumibili documenti di provenienza comunale, da cui si evince una possibile condizione non regolare relativa ad uno dei maggiori esponenti della maggioranza (diciamo il vicesindaco).

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

4 Commenti


Farmacia: conti che non sono chiari

Andrea Dalseno ha fatto miracoli di impegno e di analisi, in qualche ora dopo che i documenti sono stati resi disponibili.  Tutti noi gli dobbiamo essere grati: lettori e Cittadini.

Tuttavia: il tempo ristrettissimo, l’assenza di qualsiasi spiegazione ai Cittadini, la presentazione in delibera di una variazione di bilancio che non si è potuto seriamente esaminare… sono una patente denuncia di oscurità e fastidio verso gli elettori Cittadini. Ricordiamolo quando sarà il momento.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

12 Commenti


Trasparenza Buccinasco: tema aperto DUE

Prima di affrontare il secondo file di AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE una questione non marginale è da descrivere su un titolo OIV,  ad oggi è ancora vuoto. La sigla: Organismo Indipendente di Valutazione, forse comincia a chiarire dell’argomento? Diciamo che si tratta di uno strumento legislativo che risale al 2009, negli intenti destinato a rendere operativa nella P.A. una gestione meritocratica: il premio sui risultati al personale.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , , ,

Nessun Commento


Trasparenza ed etica: Cancellieri ci dimostra quanto ci mancano

La vicenda non è il caso di riepilogarla e francamente non siamo invogliati a ripeterla. Siamo nella quotidiana dimostrazione di politica ridotta a gossip, a chiacchiere e maldicenze. Stiamo invece parlando della questione forse più importante nella gestione dello Stato: la dignità e l’autorevolezza di coloro cui viene assegnato il compito di gestirne le sorti.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , , , ,

2 Commenti


Buccinasco e amministrazione trasparente: una piattaforma utile

Sul sito del comune è pubblicata e presente, crediamo da pochi giorni,  una struttura nuova che delinea i dati della Casa Comune rispettando le attuazioni che prevede una legge recente in materia: una delle prime norme del governo Letta. Crediamo sia utile farla conoscere e farne conoscere l’uso ai lettori, anche attraverso una analisi delle numerose categorie sottostanti.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

2 Commenti



SetPageWidth