Articoli marcati con tag ‘Protocollo della Legalità’

Anti-stato, manifestazioni e Protocollo della Legalità

Cominciamo con un complimento; non frequente da parte nostra,con questa amministrazione . Siamo andati a leggerci il Piano anticorruzione 2018-2020. Appare  ben strutturato: tratta in modo organico e separato le problematiche relative alla gestione degli appalti,  ai comportamenti e obbligazioni del personale, in particolare dei quadri (che nella P.A. vengono chiamati Posizioni Organizzative).

Questo piano è stato pubblicato il 13 Marzo;  casualmente dopo l’ennesima nostra denuncia di un’assenza del tema riciclaggio e corruzione entro le manifestazioni previste per questo mese “Buccinasco contro le mafie” (VEDI, il 3 Marzo). Mentre scriviamo del nuovo Protocollo non se ne parla, entro le quotidiane comunicazioni pompieristiche che appaiono sul sito istituzionale. Eppure meriterebbe, per l’importanza del tema e anche per  sforzo (che c’è)  di dare organicità  al documento.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Protocollo della Legalità e … gruppo di lavoro: si cambia

Con il “solito” mese di ritardo viene diffuso a Coalizione Civica il verbale della Commissione speciale che il sindaco declassa a gruppo di lavoro (VEDI). C’è da rimanere sorpresi, perché nel verbale si parla d’altro, non del Protocollo della Legalità e dei suoi articoli da integrare nei regolamenti. Nel sintetico verbale vengono affrontate due questioni.

Questioni di cui il prolifico sito istituzionale non parla, così come non sono presentate in Buccinasco Informazioni. Si tratta: UNO di una prassi europea che in Italia fatica a introdursi: i Patti d’Integrità e, DUE  della nuova normativa sul codice degli appalti (ancora non interamente operante in attesa di integrazioni da parte dell’ANAC, l’ente anticorruzione di Carbone). Le questioni tuttora aperte e d’affrontare del Protocollo della Legalità, sembrano accantonate. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

Nessun Commento


Corruzione: impariamo a conoscerla, se vogliamo uscirne

Protocollo della Legalità: l’argomento in positivo: la legalità si contrappone a comportamenti che possono manifestarsi nella pubblica amministrazione che esulano dalla corretta gestione e si concretizzano in danni economici per il bene comune, vantaggi personali per chi partecipa allo scambio illegale, politico o pubblico amministratore, privato o malavita organizzata: la ‘ndrangheta nel nostro caso.

Il termine corruzione appare forte, quando si tratta di amministrazione della cosa pubblica. Spesso, anche in sede giudiziale si usano sinonimi attenuativi come dazione, vantaggio improprio, scambio di favori o cose del genere.  I vocabolari indicano sinonimi più concreti:   decomposizione, deterioramento, putrefazione, disfacimento, alterazione, oppure depravazione, degenerazione, degrado, immoralità, dissolutezza, pervertimento, decadimento. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento


Commissione speciale e Gruppo di Lavoro: partiti ma….

Su come questa maggioranza ha “adottato” il Protocollo della Legalità Città Ideale non ha nascosto le riserve. Atteggiamento di prudenza il nostro, di diffidenza se si vuole visti i precedenti, ma comunque saremmo contentissimi se venissero accolte le indicazioni tradotte in principi operativi, sanzionando i comportamenti che esulano dal Protocollo della Legalità.

La prima riunione si è tenuta il trenta Marzo. Una modalità che non sembra abbia chiarito la natura di quella che il Consiglio ha all’unanimità votato come Commissione speciale, la medesima che il sindaco ha denominato Gruppo di Lavoro. Città Ideale non ha potuto essere presente, con dispiacere dato l’interesse al passo avanti che può aversi per la nostra Comunità. Ecco quanto riferisce il capogruppo Fiorello Cortiana di Coalizione Civica: Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Avviso Pubblico e Protocollo della Legalità: che fine ha fatto? Che fine farà?

Eletto a fine Maggio 2012, il neo sindaco Maiorano fa la relazione programmatica della sua amministrazione. Siamo alla prima decade di Giugno; la prima dichiarazione del sindaco. Parla di tutto in una relazione che stanca.  Il 14 Giugno Città Ideale riprende l’evento con un articolo (VEDI). Adesso è lì a dimostrare l’assenza di qualsiasi pregiudizio nostro, il titolo:

Buccinasco e le Regole: nota molto positiva dal nuovo Sindaco Maiorano

Dichiara allora solennemente il sindaco che s’impegna ad adottare Avviso Pubblico (allora chiamato ancora Carta di Pisa); dichiara che questa carta sarà integrata entro lo Statuto comunale. Un impegno rilevante per Buccinasco; tale da segnare un distacco, un cambiamento di qualità nel bene amministrare. Riportiamole allora le dichiarazioni d’allora: Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Protocollo della Legalità: un ripensamento positivo alle porte?

I lettori di Città Ideale sanno di che si parla. Da fine Settembre 2015 abbiamo dedicato al tema sei articoli (VEDI il primo, specifico del 02 10 2015). Quando presentato, il sindaco non lo ha adottato, come richiesto dal testo, ha anzi formulato una risposta scritta contestandolo, soprattutto contestando la normativa del conflitto di interessi (guarda caso proprio la fattispecie su cui oggi a Buccinasco si sta dibattendo, a dimostrare  la necessità e l’urgenza della decisione normativa al riguardo).

Il protocollo il sindaco lo ha ricevuto a fine Luglio dal Presidente della Commissione d’Indagine. Sono ormai trascorsi nove mesi, senza effetto.  Il sindaco, nel suo scritto (inoltrato al Consigliere Cortiana anziché alla Commissione d’indagine; un errore incomprensibile, o forse voluto)  si arrampica con argomenti stirati faticosamente. La logica e la chiarezza sono carenti.

Risposta dopo 60 giorni del 30 Settembre cui nulla ha più fatto seguito. Il Presidente del Consiglio Comunale  che a inizio Febbraio pone l’argomento richiesto da Coalizione Civica (su sollecitazione di Città Ideale), in coda alla approvazione del bilancio preventivo. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

14 Commenti


Protocollo della Legalità: la Giunta prende in giro?

Il 14 Dicembre Città Ideale, a fronte di un silenzio che arriva ormai ai novanta giorni, dalla sua presentazione in Consiglio, denuncia il nulla fatto e spinge alla sua formale istituzione, così come uscita dalla Commissione d’indagine, approvata all’unanimità. Non ci aspettiamo precisazioni o risposte, e come la solito, ecco che arriva una sorpresa.

Non discussa in Consiglio, non proposta da un gruppo, da Cittadini o altro. Parto della Giunta in una seduta del 23 Dicembre 2015, l’antivigilia di Natale; i Cittadini ne sono informati da un comunicato   dell’ufficio stampa con le dichiarazioni virgolettate del sindaco (VEDI). Uscita pre natalizia:

“ un progetto  concreto, un modo di contrastare, coi fatti e non a parole, qualsiasi tentativo di infiltrazione di aziende infiltrate dalla criminalità organizzata”.

Ci fermiamo qui nella dichiarazione, perché il contenuto, ha del sorprendente. Infatti, come candidamente afferma il Comandante della P.L., si tratta di obblighi che le istituzioni del comune sono già tenute a garantire. Infatti lo stabilisce il DPR 380, testo unico sull’edilizia, ma anche il regolamento comunale edilizia richiama alla vigilanza del territorio.

Che ci si inventi un NOCC  Nucleo Operativo Controllo Cantieri, al di là del nome e dell’acronimo, cosa porta di nuovo? Sono già, dai loro obblighi funzionali, tenuti a compiere distintamente e, quando la situazione lo richieda, congiuntamente. Cosa c’è di nuovo? Sembra nulla.

Sembra: perché finora non si può dire. Il 23 è stato pubblicato il comunicato che parla della seduta di Giunta. Documento che ad oggi, siamo al 28 Dicembre, non risulta ancora operativo perché manca la pubblicazione sull’Albo Pretorio.  Ci sono le festività, certo. Ma gli atti della Giunta sono aria fritta finché non sono resi noti ai Consiglieri, almeno nel loro estratto; finché non sono pubblicati sull’Albo Pretorio.

Senza il contenuto descritto dalla determina di Giunta non siamo in grado di conoscerne i contenuti tecnici, non conosciamo i costi che ne conseguono, se ve ne sono. Questa disattenzione ripetuta verso le regole minime stabilite dalle norme, lascia segnali di protervia. Quasi un segnale del tipo: chi comanda siamo noi e facciamo ciò che vogliamo.

Un segnale di inadeguatezza  serio. Che non cambia anche se l’insieme di questo agire fosse da attribuirsi alla disorganizzazione che fa seguito alle ripetute ri-organizzazioni, per cui nessuno ci capisce bene nello stabilire chi è il responabile di cosa. Cose fatte in fretta, quasi all’improvviso, di nascosto, senza il minimo di confronto. Per concludere senza neanche rispettare le regole. Come fanno a pubblicare e commentare una decisione, quando è ancora fantomatica?

Insomma si vantano del niente, che non sappiamo cosa e se sia fatto. Esiste un registro delle ispezioni presso gli uffici che sono deputati al controllo del territorio, degli appalti, dei lavori ? Quante sono quelle effettuate da ciascuno di questi uffici ogni anno negli ultimi tre anni? Quali gli esiti ? Tenere disinformati i Cittadini consente loro di raccontare ciò che vogliono, senza la possibilità di un riscontro.

Se con questi capolavori di inefficienza NOCC, pensano di dimostrare che stanno facendo qualcosa entro il Protocollo della Legalità (VEDI) beh, cadono male. Anzi, dimostrano quanto vi sia urgenza e necessità di un Procollo che faccia da guida alla gestione per contenere al massimo il rischio di corruzione e di infiltrazione dell’antistato.

PROTOCOLLO DELLA LEGALITÀ

DA ADOTTARE SUBITO!

PER UNA AMMINISTRAZIONE COERENTE

NEL CONTRASTO AL CONFLITTO DI INTERESSI

PER UNA POLITICA ETICA E ONESTA

Tag: ,

18 Commenti


Buccinasco e Protocollo della Legalità: che fine ha fatto?

Il tempo passa e siamo ormai al trimestre, nel silenzio più totale. Il Protocollo della Legalità uscito dalla Commissione d’indagine  è stato consegnato al Consiglio, illustrato. Su questo il sindaco ha steso una sua riflessione distribuita ai Consiglieri.  Le comissioni ordinarie hanno il compito di discuterne, mettendo in evidenza i mutamenti necessari (VEDI): finora nessuna riunione è programmata .

Il presidente Cortiana dichiara il Protocollo della Legalità approvato all’unanimità; tre membri (Cortiana, Cortinovi e, dobbiamo ritenere anche Arceri) sono d’accordo. Due membri della maggioranza (Palone e Campese) esprimono precisazioni imbarazzate del tipo: l’abbiamo intesa come una presa d’atto, non una approvazione. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

2 Commenti



SetPageWidth