Articoli marcati con tag ‘Polizia Locale’

Buccinasco: Polizia Locale al lavoro, senza notizie

Quanti sono gli addetti alla Polizia Locale di Buccinasco? come cambia il numero degli incaricati? Quante sono le funzioni operative esterne e quali sono? Vi sono turnazioni? Quanti sono coloro che non possono svolgere mansioni esterne per ragioni di salute o altro?

Andiamo più sulle generali: quali sono i compiti demandati alla Polizia Locale? Per ciascuno di questi compiti quante sono le persone impiegate? Esiste un programma di presenza sul territorio, diviso per mansioni? La Polizia Locale è una funzione importante, svolge compiti essenziali che fanno da spina dorsale sul controllo del territorio, con effetti sul comportamento civile, sul rispetto del codice della strada, sulla regolarità delle attività svolte, commerciali, degli esercizi  o d’altra natura.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Pro tempore in uscita: si ripropongono ma decidono adesso spese degli anni a venire

Ne abbiamo già elencate diverse di queste delibere di spesa fatte a ormai pochi giorni dalla fine (ci auguriamo quella del loro mandato). Proseguono ormai con ritmo settimanale se non quotidiano. Spese di cui non si coglie l’urgenza. Basta il buon senso per giudicare in modo pessimo questo indecoroso prelievo dalle tasse future a noi Cittadini, che si fanno beffe del diritto di amministrare che spetta agli eletti di Giugno.

In questo caso, lasciamo ai lettori giudicare il senso di questa decisione, che andremo a descrivere (i documenti sono pubblicati sull’Albo Pretorio Giovedi 13 Aprile, determina 239). Dunque, si tratta delle divise per la P.L. e quanto annesso alla bisogna. Che evidentemente devono essere improrogabilmente sostituite, essendo quelle in uso da buttare (o meglio, da conferire a un cassone della Caritas).

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Regolamento di Polizia Urbana: qualcosa di nuovo (che si deve fare)

Non è ancora posto nel sito istituzionale del comune (ove si trova il testo precedente del 2001), tuttavia già pubblicato e approvato all’unanimità dal Consiglio del 6 Marzo, pubblicato il 15 in Albo Pretorio  Un documento da tenere sottomano e leggere con attenzione, perché ci può riguardare tutti, nei comportamenti usuali di Cittadini.

Un Regolamento di Polizia Urbana espone gli aspetti essenziali che riportano alle leggi, dal codice della strada a ogni altro aspetto che riguarda la vita della Comunità all’esterno di casa propria (VEDI: in particolare art. 16). Rispetto al precedente i cambiamenti  apportati che hanno colpito la Commissione  prima, il Consiglio poi, vengono da una elencazione minuta dei singoli comportamenti che non rispettano quanto è pubblico. Dal buttare a terra carte o altro, imbrattare muri o arredo urbano, un elenco minuzioso, quasi pedante.

Tanto che qualcuno dei Consiglieri su questa elencazione analitica si è dichiarato non convinto (pur votandola). Implicitamente sostiene che non servono le elencazioni perché non perseguibili concretamente; il civismo va insegnato dalla scuola. Sulla scuola soprattutto, sulla famiglia, si sono espressi un poco tutti, raccontando ciascuno esempi di vita ove la maleducazione dei giovani, i comportamenti non civici, è patente. Da leggere le pagine (dalla 23 alla 41: VEDI) della trascrizione. Riportiamo le considerazioni di Benedetti:

Cioè all’interno di questo regolamento c’è tutta una serie di norme che sono francamente inapplicabili, cioè danno, almeno questo è un mio parere, nel senso che rientrano in un civismo sociale, ma che diventano inapplicabili quando la gente decide comunque di comportarsi in termini non civili. Nel senso che non è pensabile che si possano assumere mille Vigili Urbani che controllino ogni pezzettino del nostro territorio, quindi reprimere sul nascere queste forme di inciviltà che sono magari contenute all’interno di questo regolamento…… Chiaramente rientrano in un civismo da parte delle persone che deve essere una cosa inculcata fin dalle più teneri età, anche se è un termine un po’ così, però è reale

Pensieri, come dire, di comune buon senso. Invece ci si potrebbe aspettare, sarebbe dovuta, una maggiore capacità di approfondimento. L’inutilità dell’elencazione di piccoli comportamenti quotidiani entro la Comunità: dal rispetto delle cose, la pulizia delle strade, è derivata da un comune sentire di scarso civismo; in primis, sociologicamente, da chi lo sostiene.  Soprattutto rivestendo un compito di indirizzo operativo.

L’ovvia attenzione sul versante del sistema formativo delle scuole, per come è  presentato dal Consiglio,  ha il sapore di cosa che non li riguardi: la ripetizione di un luogo comune. Il compito della nostra istituzione è, partendo dalla criticità da tutti segnalata, come e cosa fare perché cresca il senso del vivere civile, il rispetto delle cose pubbliche, l’ordinato vivere di Comunità.

L’elencazione dei comportamenti poco civili rendendoli sanzionabili è un passo che può andare in questa direzione. Da solo non basta, ovviamente. Come proseguire? Facciamo un elenco delle cose fattibili da parte della comunità:

  • Un piano serio e concreto che sistemi le aree pubbliche: ottima manutenzione dei marciapiedi , delle aree giochi, di panchine e quanto altro. Una città ordinata fa crescere il senso di pulizia, di rispetto; intervenire tempestivamente per sistemare danni o guasti. Tenere puliti dai ciuffi d’erba i marciapiedi…
  • Esporre l’elenco in questione in ogni luogo pubblico: municipio e in ogni ufficio,  nelle scuole, negli spazi pubblici dedicati a eventi;
  • Definire nel piano di lavoro della Polizia Locale un tempo minimo indispensabile dedicato alla vivibilità nelle strade e nei luoghi degli agenti; pedonale, non solo auto;
  • Sanzionare in modo palese chi sporca o non rispetta le norme (che serva da esempio)
  • Integrare con presenze scolastiche di funzionari che intrattengono sul tema, sul rispetto del civiso, sull’appartenza a tutti delle cose comuni

Non sembra che amministratori (e Consiglio) siano arrivati preparati nel merito. Invece di auto approvarsi… Si dovrebbero portare avere le idee chiare. Le poche cose, eseguite in modo ordinato e coordinato, perché le preoccupazioni di inutilità vengano meno. La Comunità civile cresce e si integra con un percorso ordinato e sistematico. Il civismo si afferma. Con la soddisfazione di tutti, con un senso di appartenenza che cresce.

Tag:

2 Commenti


Sicurezza a Buccinasco: il nulla facendo, impera la piccola delinquenza

La faccenda è seria: sembra quasi organizzata tanto sta crescendo.  Sembra quasi che in Municipio vi sia chi è contento per  il diffuso ripetersi di episodi singolarmente pesantissimi anche se il risultato per i lestofanti è spesso mediocre o nullo. La violazione del proprio domicilio è devastante, soprattutto per persone sole, anziane o deboli, ma anche per famiglie e piccoli; il risultato economico è meno importante.

Il ripetersi di questi eventi fa crescere la Sorveglianza di Quartiere che spesso interviene in tempo utile e quanto meno riduce il danno. Più si estende, maggiore è l’attenzione, migliora il senso di Comunità, ci si sente più uniti, si sta all’erta e si avvertono vicini, conoscenti e 112. Un fatto positivo, molto positivo, che alla lunga avrà ragione di queste squadre organizzate. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

Nessun Commento


Buccinasco: controllo del territorio e Comunità

“SENZA COORDINAMENTO TRA LA POLIZIA LOCALE DEI COMUNI METROPOLITANI MANCA IL PRESIDIO DI SICUREZZA”

“LA SUCCESSIONE DI RAPINE CULMINATE CON LO SCASSINAMENTO DELLA FARMACIA COMUNALE METTE IN LUCE IL SOTTODIMENSIONAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE DI BUCCINASCO COME RISULTATO DI UNA GRAVE MIOPIA DELL’AMMINISTRAZIONE LOCALE DAL PUNTO DI VISTA DELLA PROGRAMMAZIONE NELL’ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE.

SI EVIDENZIA UNA VOLTA DI PIU’ LA NECESSITA’ DI UN RACCORDO SISTEMATICO E STRINGENTE TRA LE FORZE DELLA POLIZIA LOCALE DEI COMUNI METROPOLITANI CON UN SISTEMA DI TURNAZIONE CHE GARANTISCA UNA COPERTURA NOTTURNA DEL TERRITORIO.
QUESTA E’ UNA  PROPOSTA CHE LA COALIZIONE CIVICA HA AVANZATO RIPETUTAMENTE.
E’ ORA CHE LE LOGICHE DI CAMPANILE LASCINO IL CAMPO ALLA RESPONSABILITA’.”

Sul comunicato di Coalizione Civica riteniamo utile una riflessione che allarghi il tema nei suoi aspetti generali e sociali come Città Ideale sta cercando di fare, non solo da ora. La sensazione diffusa nella Comunità è un senso di impotenza verso questi insistiti avvenimenti; avvertimenti di un degrado incipiente. Città Ideale ritiene si debba parlarne. Qui il silenzio e la riservatezza del nostro Sindaco è ancor più dannosa e colpevole.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

16 Commenti


Buccinasco: microcriminalità, Polizia Locale e Comunità

 

Qualche giorno fa abbiamo esaminato il bilancio della nostra polizia locale, formulando alcune osservazioni sulle cifre (è un bilancio) ponendo le domande al riguardo ritenute opportune (VEDI). La descrizione che ne fa un cittadino preoccupato”  non sembra affatto enfatica. Nella asciutta elencazione dei fatti: la questione appare piuttosto seria. Potremmo aggiungere, sempre di questi tempi senza che sia necessario andare indietro di molto:

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

27 Commenti


Buccinasco: Polizia Locale e vandalismi

Apprendiamo da un chiaro ed efficace articolo di Francesca Santolini di una vicenda che certo non può far piacere ad alcuno. (VEDI)  La solidarietà ai nostri funzionari da parte di Città Ideale è convinta, fuori discussione.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

4 Commenti



SetPageWidth