Articoli marcati con tag ‘‘ndrangheta’

Premialità antimafia con bonus sull’edificabilità… lo farà anche Buccinasco?

Antimafia  a Buccinasco: la gestione Pruiti si può dire che è nata all’insegna di Buccinasco platì del Nord. L’immagine di un paese controllato dall’anti-stato, che può tutto e decide tutto o quasi.  Un termine sbadierato senza criterio, per ribadirlo ancora dopo il 2007.

Terminata “Buccinasco più” sostenere un radicamento pervasivo della ‘ndrangheta richiede due alternative condizioni: ignoranza assoluta dei fatti oppure strumentale agitazione di un condizione per assegnarsi un ruolo rispettabile, avendo poco o nulla da proporre, nessun progetto per Buccinasco che non sia lo statu quo. Cominciamo col conoscerla la realtà di Platì (wikipedia):

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento


Gestione beni sequestrati alla ‘ndrangheta: l’efficienza è un dovere primario

Il titolo dice già tutto. Se al comune, al termine di una fin troppo lunga procedura  giudiziale, si vede assegnare dalle istituzioni centrali un bene confiscato alla mafia, che ha la responsabilità di gestire entro criteri stabiliti dalla legge, questa responsabilità deve essere assunta con ponderazione assoluta.

Ai Cittadini torna sicuramente positivo che questi beni siano gestiti con efficienza, abbiano un loro ritorno concreto e funzionale. L’efficacia del ritorno all’economia legale dei beni conquistati all’anti-stato è fattore di premio alla legalità, esemplifica il vantaggio del vivere entro le regole (per contro dimostra e rende nota l’esclusione dalla Comunità del vivere fuori dalle regole).

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

1 Commento


Linee generali di programma: “Buccinasco contro le mafie”

Sul tema il sindaco si è sprecato: ha fatto della ‘ndrangheta il distinguo fra lui, la sua maggioranza (legalità e anti mafia) e il competitor con cui si è confrontato Nicolò Licata: si è affermato 49 a 51… una manciata di voti. Il tema che ha scelto per differenziarsi lo ha sparato in una paginata di intervista sul Corriere della Sera, qui fino troppo conosciuto per la sua parzialità. Il giornalista non ci ha fatto una bella figura. L’argomento quindi non poteva mancare nelle linee generali di programma: lo abbiamo letto con particolare attenzione e adesso ne parliamo.

Intanto il giornalista, l’autore del colpaccio (l’accusa a Licata e i suoi di aver ricevuto i voti della ‘ndrangheta”):  si è dilungato su una concezione attuale di Buccinasco Plati del Nord, senza scusarsi con gli accusati messi sul giornale con un’ombra così pesante senza la minima precisazione. Ha promesso che ne avrebbe discusso con noi. Lo abbiamo invitato qui, ma finora non si fa vivo.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Ci tocca: il giornalista risponde e noi pubblichiamo

Crediamo che sia evidente l’imbarazzo, del resto non poteva essere diversamente. Rifare la storia di Buccinasco ogni volta che viene chiamata Platì del Nord fa emergere Bucci+ e il processo Cerberus (che non ha ancora la sentenza definitiva, fermo a Milano dopo il secondo rinvio della Cassazione). Pubblichiamo ma non c’entra nulla con la faccenda che abbiamo posta: un’intervista ove la minoranza è accusata di raccogliere i voti della ‘ndrangheta.

Abbiamo posto il problema, concretissimo, di come agisce la ‘ndrangheta a Buccinasco e quali sono i temi su cui ci si deve impegnare. Abbiamo elencato la carenza, la disattenzione (chiamiamola così) verso corruzione, conflitto d’interessi e riciclaggio. questi i temi su cui agisce oggi la ‘ndrangheta. Ecco il perché, non di nome ma di obiettivo vero contro l’antistato, riguarda Buccinasco Piazza Affari della ‘ndrangheta al Nord. Lasciare il nome offensivo che riguarda la città intera non ci sta bene, lo rimandiamo ai mittenti.

Nei commenti, al primo posto riteniamo doveroso riportare la replica di Simone Bicocchi, chiamato in causa senza ragione (non si capisce a qual fine, se non creare una cortina di fumo).  Invitiamo a leggerlo, il commento. Vediamo riportate le solite apocalissi che rendono a Buccinasco immanente e pervasiva la ‘ndrangheta nella vita quotidiana, gonfiore che giustifica un tema politico che invece è organizzativo e di metodo, di perseveranza, di rettitudine nell’affrontare le questioni d’oggi riguardo al tema. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

12 Commenti


Il sindaco in uscita scrive a Socrate Lusacca….

Si tratta della medesima persona che ha qualificato BucciRinasco “associazione di mascalzoni”. In pubblico, nel contesto di un incontro con la comunità sinti, non più tardi di Sabato scorso (20 Maggio), associando a questa definizione lo scrivente e altri componenti.  Evidentemente le riflessioni dell’articolo di ieri sulla storia e sulla situazione che riguarda Buccinasco quale Piazza Affari della ‘Ndrangheta, qualche peso e efficacia devono averlo se lo portano a  scriverci per spiegare (e accusare, noi! di cattiva creanza e altro).

Senza trovare modo di scusarsi o precisare, permettendosi di contattare il nostro candidato sindaco (dall’”associazione di mascalzoni”), come nulla fosse.  Poi qui scrive e ci propone una “lezione di civismo e legalità”: a noi!  La comunicazione che ci invia,  di un pubblico ufficiale che straparla nella foga elettorale, nell’esercizio delle sue funzioni, non meriterebbe accoglienza

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

10 Commenti


I sindaci del Sud Ovest Milano danno vita a un evento che non ha precedenti

Dall’improvvida (possiamo dirlo) iniziativa di LIBERA che puntava a rompere la cittadinanza su un tema come il contrasto alla ‘ndrangheta, le sollecitazioni all’unità sono per reazione venute e diventate prevalenti.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

Nessun Commento


LIBERA contro la ‘ndragheta per dividere?

Che LIBERA sia vista da parte dei Cittadini come struttura collaterale dell’area che gira intorno al PD non è cosa di adesso. Inizialmente si poteva sostenere di giudizi malevoli, magari dell’area contigua alla malavita organizzata.  Nel tempo però si sono incrementate occasioni di poco felice comportamento, alcune sono recentemente ripresa in un libro di Antonio Amorosi sul sistema Coop in Italia.

Adesso a Corsico stiamo assistendo a una vicenda prossima all’assurdo, nata da una leggerezza impedonabile che ha visto il sindaco Filippo Errante accordare il patrocinio a una Sagra dello stocco di Mammola, che si è presentata con un nome improponibile. Ai primi avvisi, il sindaco ha sospeso la manifestazione e tutto dovrebbe essere chiuso qui.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

13 Commenti


Corisco, il Sindaco e la sagra dello stocco

Nel titolo manca il termine ‘ndrangheta; abbiamo evitato perché sul piano giuridico il patrocinio a un’iniziativa del genere non dovrebbe riguardare l’antistato.  Il problema è un altro: il patrocinio, concesso (o per lo meno stampato come già concesso e finora non negato) a un organizzatore che per i precedenti personali e questioni di contorno, non può essere riconosciuto.

Il comune lo ha concesso e questo è un errore: si deve intervenire nel merito, individuare le carenze procedurali che  lo hanno causato (consideriamo il sindaco tuttora  estraneo a vicinanze o favori verso la malavita organizzata. Quindi intervenire al riguardo, prontamente e generare normative che non provochino il ripetersi  di un evento del genere.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

Nessun Commento


Corsico, la ‘ndrangheta: un errore e molte stupidaggini

La vicenda sarà nota a tutti i lettori, ma riteniamo parlarne poiché a sinistra, se ne sta facendo un mantra contro la ‘ndrangheta, dalle minoranze di Corsico: sinistra e pseudo civiche. In questo avendo anche il supporto  dei media nazionali quando bisogna sparare contro una giunta non PD, non sinistra, l’articolo del corriere ne è un esempio (VEDI a firma Cesare Giuzzi, specializzato in malavita organizzata).

Infatti questa descrizione è accuratissima circa il gestore locale del Festival dello Stocco di Mammola. Un panettiere che occupa un locale nel quale negli anni ottanta si sarebbero gestiti sequestri di persona; coniugato con una figlia di famiglia importante di Platì, ecc. Insomma una persona sicuramente “attenzionata” dalle forze dell’ordine e dall’antimafia. Dietro sullo stesso taglio, anche se più generico, ilgiorno (VEDI).

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

4 Commenti


Bar Ritual: si rivede l’anima di coniglio a Buccinasco?

I lettori ricorderanno la nostra ipotesi da amministratori tremebondi a seguito del rifiuto di aderire all’evento “cento comuni contro le mafie” promosso da ANCI. I nostri amministratori si opposero e non aderirono con un paio di comunicazioni interviste (VEDI). Ce ne volle perché, dopo un paio di mesi dal rifiuto e di totale silenzio, a sorpresa, mettessero in sala consiliare il cartello “aggiustato” che poteva leggersi come una cosa superata, non attuale.

Ne abbiamo ora un secondo esempio, da assimiliare al precedente. Ricostruiamo la questione con l’aiuto (non voluto) del succedersi di dichiarazioni ufficiali (VEDI), e altre su facebook dall’ufficio stampa, avendo avuto tempo e modo di risalire alle norme, agli obblighi dell’amministrazione, di cui sembra si siano dimenticati.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento


Buccinasco, lavanderie di danaro e corruzione. COSA FARE

Perché i danari di provenienza oscura (originata da reati vari) se immessi nell’economia reale non vanno bene? Domanda che ritorna a livelli pratici, in una condizione perdurante di stagnazione se non recessione, nella quale i capitali scarseggiano. Se arrivano soldi a far girare l’economia che siano i benvenuti, comunque.

Non  e così facile, né semplice. Gli effetti sarebbero devastanti. L’economia vera non si può costruire su capitali accumulati con il commercio internazionale di cocaina, sugli appalti a sconto tombandovi rifiuti industriali; sul mercato nero del lavoro fatto di clandestini, ecc. Il modo più efficace è non consentire a questo danaro di entrare a far parte del mercato legale: che riduce l’acqua al pesce dell’antistato: ne mette a rischio affari e futuro.  Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento


Buccinasco e Ndrangheta: dopo un mese soluzione minimale. Lo sconcio resta

Avremo il testo di una dichiarazione del sindaco in Consiglio, che pubblicheremo dalla trascrizione (una sconcezza che i Cittadini devono conoscere).     Quanto scriviamo ora è relativo a note e impressioni dalla visione in streaming. Il metodo ci consiglia di ricapitolare: nel caso in esame è d’obbligo.      La notizia che il sindaco di Buccinasco respinge e non attua la iniziativa ANCI: CENTO COMUNI CONTRO LE MAFIE, viene da ilcorriere on-line il 07 Settembre, ore 17.58:

A Buccinasco non è piaciuto lo slogan della campagna lanciata dall’Anci su un’idea del massmediologo Klaus Davi. L’Associazione nazionale dei Comuni ha proposto al Comune alle porte di Milano, noto per la storica presenza delle cosche calabresi, il posizionamento di alcuni cartelli all’ingresso della città per ribadire il proprio «no» alle ‘ndrine. Da Buccinasco, però, è arrivato parere negativo. Colpa dello slogan giudicato «improprio», secondo il sindaco Giambattista Maiorano,… Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

4 Commenti


Maiorano & Co vs. ndrangheta: assenza e silenzio che continua

Il 7 Settembre Maiorano si  legge in una intervista del corriere ove sostiene che lui è contro la mafia ma contrario alla iniziativa ANCI  “100 COMUNI CONTRO LE MAFIE” per il contenuto del cartello da porre all’ingresso del comune:  Buccinasco comune contro la ndrangheta non va bene.  Lui è contro tutte le mafie.

Sempre datato 7 ma il giorno 8 esce su Fb (non sul sito istituzionale) un comunicato dell’ufficio stampa che riporta dichiarazioni di Maiorano.

Lo stesso 8 mattino il vicesindaco ospita un comunicato di Rosa Palone che “motiva” diversamente da Maiorano il parere negativo all’iniziativa ANCI, attribuita a Klaus Davi ridimensionato a uomo da spettacolo.

Il giorno 9 avviene la reazione dell’ex sindaco Carbonera. non pubblica ma rivolta a tutti i consiglieri, in difesa di Maiorano e vicesindaco, parlando di 2gioco sporco di chi costruisce pezzo per pezzo ciò che non è mai avvenuto, ma comportamenti scorretti di chi altera eventi e notizie”. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

7 Commenti


Carbonera “condizionato dall’ambiente”, si spende per Maiorano

Ecco il parere dell’ex sindaco Carbonera inoltrato a tutti i membri del Consiglio comunale e altri di area maggioranza.    Intanto pubblichiamo gli scambi intervenuti, perché i lettori siano informati e si facciano la loro valutazione, visto che l’innominato è Città Ideale (fa così paura anche solo citarla).    Siamo tenuti a informare di che siamo giudicati (senza scrivere in questo blog).

Vergogna!     Gioco sporco, di chi costruisce pezzo per pezzo quello che non è mai avvenuto, comportamenti scorretti di chi altera gli eventi, le notizie. Sono amareggiato che continuino ad esserci comportamenti lesivi non della credibilità di Maiorano e Pruiti ma della stessa politica. Quando saremo stati in grado di distruggere la fiducia dei cittadini cosa costruiremo sulle macerie. Ho alcune cosa da criticare nei riguardi a questa Amministrazione ma ho solo certezze rispetto alla correttezza ed alla trasparenza dei loro comportamenti. Mi chiedo chi si renderà disponibile a farsi offendere, dileggiare, maltrattare, screditare candidandosi alle prossime Amministrative tra due anni. Purtroppo continuano ad esserci su questi blog i simboli di gruppi politici che siedono in Consiglio Comunale. Cordiali saluti,  Maurizio Carbonera Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , , ,

32 Commenti


La mama di stupid l’è semper prègna. Anche a Buccinasco

Arrampicarsi sugli specchi è notoriamente operazione che riesce bene alle mosche e pochi altri.   Se qualcuno degli umani ci prova, compie gesti imbarazzanti,  e finisce male, esponendosi al riso di tutti gli astanti.    Stiamo parlando di un pompiere che, arditamente, corre in soccorso al sindaco che di suo da una spiegazione terminologica del rifiuto (qui siamo ad un passaggio di sesto grado superiore, in libera, sulla parete Nord del Badile).    Il pompiere forse si rende conto che le motivazioni del sindaco sono debolissime, quasi un’autoaccusa.    Ecco che sulla lastra di vetro scivolosa si sforza,  ricerca un altro “argomento”.

Dell’alzata d’ingegno del sindaco di Buccinasco ne parlano i media; c’è da faticare nel seguirli tutti.    Prevedibilissimo l’impatto negativo per Buccinasco: il sindaco ne sarà stato certamente cosciente nel momento in cui ha espresso il suo “non possumus” papale all’ANCI e a noi Cittadini.     Il dilemma che possiamo presumere sta nell’alternativa: accordare l’adesione ad esporre il cartello come il confinante sindaco di Trezzano, vantandosi della decisione antimafia, ecc. ma deve scontentare (o supporlo) qualcuno isolato a Buccinasco (che lui deve ben conoscere, dato il ruolo e 43 anni di residenza),  non vuole mal disporlo nei suoi confronti.

Per paura o per convenienza ha scelto il rovescio, motivandolo così: il termine ‘ndrangheta non gli piace, preferisce il più generico “mafia”. Adesso veniamo al pompiere:  parliamo di un consigliere che presiede e rappresenta tutto il Consiglio, che deve tutelare l’istituzione (che comprende maggioranza e minoranza, tutti i 16 consiglieri). Funzione che richiede equilibrio e profilo basso trattandosi di compito di garanzia. Fa finta di non saperlo e, alé, via con l’intervista sparata alla RAI (VEDI). Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , , ,

14 Commenti



SetPageWidth