Articoli marcati con tag ‘banchette’

Stato, democrazia e libertà: pro e contro

in URSS,mentre imperava la dittatura del proletariato (sedicente), le due o tre generazioni che si sono succedute, hanno  assorbito e fatto proprio  un comportamento gregario, nel senso di gregge composto da pecore eguali, che nulla di diverso dovevano avere o pensare di raggiungere. Placidamente addormentati nel tran tran di una vita monotona, nella quale il comportamento che si distingueva era visto con attenzione sospetta.

Questo modo di vivere privo di aspettative, che poneva in fondo al proprio sacco le capacità individuali perché “distinguenti”, quindi potenziale incrinatura dell’uniformità, ha avuto una funzione da bambagia; una rilassante pozione di camomilla quotidiana. Assenza di problemi, assenza di aspettative e variabili, quasi tutti in uniforme; tutti con le stesse cose, le stesse quantità, le scarpe una volta l’anno. Dava sonnolenta sicurezza. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Fuori la politica dalle banche locali!

Quando emergono anomalie di mercato, l’interesse di chi segue l’economia e per conseguenza al mercato presta attenzione, l’interesse di ciò che sta succedendo nel nostro statalismo partitocratico che piglia tutto, emerge con forza. Succede ad Andrea  e non solo; efficace e lo ringraziamo.

La cosa semplice, nel caso di “banchette” (banche di respiro locale), la logica vorrebbe che si lasciassero andare al loro destino, senza cessioni a terzi (come sta succedendo a favore delle grandi banche). Investitori privati che sono intenzionati e conoscono il territorio, partiranno da capo, riassumendo chi è valido e riorganizzando, partendo da zero, senza condizionamenti.

Ciò che si sta facendo è coprire con i nostri soldi gli errori di hi ha sbagliato, salvando tutti. Il dirigismo economico della politica crea danni e salva gli incapaci: davvero non l’abbiamo ancora capito? Lo sanno, quelli col sale nella zucca; ce n’è anche in politica, ma lasciare che i cavalli corrano e far uso leggero della briglia per i politici significa perdere potere. Non ci stanno, e noi paghiamo… Un mondo da rigenerare, una democrazia da rifondare.

BANCA MIA PER PICCINA CHE TU SIA …. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

18 Commenti



SetPageWidth