Articoli marcati con tag ‘antiriciclaggio’

‘ndrangheta e contrasto all’antistato. Ne parliamo sul serio?

Il tema di gran lunga più importante in materia è l’antiriciclaggio. Ogni giorno se ne sente parlare in modo crescente. La coscienza del tema si è generata e rafforzata, more solito, negli Stati Uniti, per poi allargarsi alle isitituzioni finanziarie globali. Man mano le metodiche si stanon affinando: globalizzazione comporta un flusso di denari più consistente. Inevitabile la ricaduta per rendere leciti  i capitali cosruiti illegalmente.

L’Italia arriva buona ultima, fra le economie mature; ultima e con ritardo, costretta dalle norme europee a emanare disposizioni operative, che entrano come lato nuovo che contrasta la penetrazione dell’antistato nell’economia reale. Da qui buon’ultima la disposizione dell’anno scorso che, con le altre precedenti, risalenti agli anni Novanta, sono state in fretta e furia adottate dalla giunta per Buccinasco.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Contrasto al riciclaggio: i nostri amministratori ci sono ? Battano un colpo!

Una decisione improvvisa della giunta, avvenuta senza preavviso, tanto improvvisa da apparire retrodatata al giorno 20 Aprile. Approvata in giunta il giorno 24, ma pubblicata la sera del 27 Aprile (giorno di Consiglio). Guarda caso il 21 è stato letto alla commissione interparlamentare antimafia un esposto su Buccinasco e le sue vicende. Il 21 Aprile 2016 è una data crinale, che divide un prima e un dopo, nei comportamenti della nostra amministrazione.

Una delibera fatta mentre era in essere la commissione speciale sull’adozione  del Protocollo della Legalità, che non è stata in alcun modo coinvolta(!?). Commissione che tratta la materia. Delibera che doveva essere adottata già da vent’anni prima! Una toppa fatta di corsa, per tamponare conseguenze (VEDI in data 28 Aprile). Nessun chiarimento ai Cittadini; solo l’illustrazione della “novità” sul giornalino, ove il ritardo ventennale diventa un titolo di merito.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Antiriciclaggio: cosa dice Bankitalia U.I.F. al nostro Municipio

L’articolo riproduce quanto pubblicato il 12 Agosto. Agosto, siamo in ferie ma l’argomento è così importante per la nostra Comunità, che vale la pena ripeterlo (e forse ripeterlo ancora). Nel nostro comune è operante una “cosa” definita commissione speciale, con il compito di rendere operante il Protocollo della Legalità. Le ferie fanno passare il tempo; in attesa di tempi più efficaci per vantare legalità o forse si sta sperando che arrivi l’oblio, la dimenticanza. Questo articolo ricorda di che stanno trattando (anzi dimenticandosene) i nostri amministratori. Sulla legalità vera, operante, autentica, si scrive il futuro di Buccinasco. Buona lettura allora.

Altro argomento stranamente assente dai media, dal dibattito politico, dai teatrini pre referendum. Non ne parla proprio nessuno; un pochino più avanti è la maggioranza Maiorano che ha proposto almeno un indirizzo in materia. Finto, che non serve a niente se non a far dire che se ne sono interessati a parole. Eppure se si va a leggere il rapporto annuale Bankitalia/U.I.F., la questione è molto seria… quasi drammatica.

Sulle metodiche del contrasto all’antiriciclaggio di capitali illeciti c’è non solo scarsa attenzione ma, ed è inevitabile, un’ignoranza diffusa, non solo fra i comuni Cittadini se manca esperienza operativa nel mondo della finanza, ma anche e, possiamo dire, nella totalità dei nostri amministratori locali, come del Consiglio. Non è una colpa; siamo tutti ignoranti sulle cose che ci mancano d’esperienza e conoscenza dagli studi. Questa una ragione importante per parlarne, per insistere su questo tema.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

2 Commenti


Buccinasco non era in regola sull’antiriciclaggio! Ci hanno messo una pezza

Le coincidenze sono uno degli aspetti speculativi che caratterizzano Città Ideale.  Non sono una certezza, bisogna ammetterlo ed anzi, ove non meditate adeguatamente, usate con cautela, possono essere causa di cantonate clamorose. Se ne vede anche in vicende giudiziarie.  Per chi ha dimestichezza con le attività investigative, una delle regole fondamentali è la cautela ma soprattutto: non accantonare nulla, non escludere nulla.

Che il Comune di Buccinasco fino a ieri non avesse adottato i principi di legge (che sono operanti, anche nella P.A., da 25 anni) riguardo al contrasto al riciclo del danaro, è una novità straordinaria, una disattenzione clamorosa. Che forse avrà qualche responsabile. Non unica, sia chiaro: perché il responsabile nazionale di UIF (Unità d’Informazione Finanziaria) presso Bankitalia Claudio Clemente dice  quanto segue:

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Buccinasco, lavanderie di danaro e corruzione. COSA FARE

Perché i danari di provenienza oscura (originata da reati vari) se immessi nell’economia reale non vanno bene? Domanda che ritorna a livelli pratici, in una condizione perdurante di stagnazione se non recessione, nella quale i capitali scarseggiano. Se arrivano soldi a far girare l’economia che siano i benvenuti, comunque.

Non  e così facile, né semplice. Gli effetti sarebbero devastanti. L’economia vera non si può costruire su capitali accumulati con il commercio internazionale di cocaina, sugli appalti a sconto tombandovi rifiuti industriali; sul mercato nero del lavoro fatto di clandestini, ecc. Il modo più efficace è non consentire a questo danaro di entrare a far parte del mercato legale: che riduce l’acqua al pesce dell’antistato: ne mette a rischio affari e futuro.  Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento


Antimafia nel terzo millennio: lotta al riciclaggio

In questo periodo l’argomento è un mantra, in Città Ideale. Vediamo di motivarne la ragione, che ha assunto carattere generale sia pure sorta da una vicenda locale. Lo Stato, la società civile basata sul rispetto delle regole, ha alcune debolezze rispetto all’antistato (il quale dalla violazione del diritto, di principi superiori, trae le sue convenienze, la ragion d’essere).

Ove l’antistato ha potere, il diritto non esiste: conta la volontà del “capo”, dei “capi” della “famiglia”. Cui è tutto concesso, riconosciuto da una società che è molto meno civile perché subordinata, soggetta alle pretese dei “capi”. Usurpatori del potere statale, il diritto è loro, come fossero regnanti: stabiliscono modi e comportamenti di vita, soprattutto arraffano in tutti i modi possibili. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento


Buccinasco: i pro tempore ascoltino Francesco con i fatti, non a parole

“C’è il martirio del sangue per i cristiani ma anche il martirio di tutti i giorni, il martirio dell’onestà in questo mondo che si può chiamare paradiso delle tangenti

“oggi manca il coraggio di buttare in faccia i soldi sporchi. È un mondo dove tanti genitori danno da mangiare ai figli il pane sporcato delle tangenti”.

oggi è comune lavorare in nero. Un contratto senza ferie e assistenza sanitaria. Questo si chiama lavoro schiavo e la maggioranza di noi viviamo in questo sistema di lavoro schiavo”

“I profughi fuggono da guerra e sfruttamento. La guerra è l’affare che in questo momento rende più soldi. Ci sono difficoltà anche per fare arrivare aiuti umanitari, ma le armi, invece, arrivano sempre. Non c’è dogana che le fermi. È l’affare che rende di più”.

ha chiesto con forza, anche agli ecclesiastici, di non essere adoratori della “dea tangente, mettendo in guardia dalla “doppia di vita di coloro che donano alla Chiesa ma rubano allo Stato.”

“Agli esattori delle tasse – ha sottolineato il Papa all’inizio del Giubileo straordinario della misericordia – Gesù dice di non esigere nulla di più della somma dovuta. Cosa significa? Non fare tangenti!”

“La società corrotta puzza e un cristiano che fa entrare dentro di sé la corruzione non è cristiano, puzza”

“La sensibilità ecclesiale comporta anche di non essere timidi o irrilevanti nello sconfessare e nello sconfiggere una diffusa mentalità di corruzione pubblica e privata che è riuscita a impoverire, senza alcuna vergogna, famiglie, pensionati, onesti lavoratori, comunità cristiane,

“Io penso ad alcuni benefattori della Chiesa che vengono con l’offerta: ‘Prenda per la Chiesa questa offerta’. È frutto del sangue di tanta gente sfruttata, maltrattata, schiavizzata con il lavoro malpagato! Io dirò a questa gente: ‘Per favore, portati indietro il tuo assegno, brucialo’. Il popolo di Dio, cioè la Chiesa, non ha bisogno di soldi sporchi, ha bisogno di cuori aperti alla misericordia di Dio. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , , ,

Nessun Commento


Buccinasco anticorruzione e antiriciclaggio: quali sono i problemi?

I lettori faranno caso al silenzio di questa maggioranza, intervenuto sul tema della “legalità 100%” dopo il Marzo scorso. Perfino lo scorso 23 Maggio (Falcone e la sua scorta) è passato sotto silenzio. Tutto cominciato quando Città Ideale ha posto con forza il tema sulla questione principale che riguarda oggi l’antistato anche a Buccinasco: il riciclaggi. Parlare della legalità 100% sta diventando un tabù?

Fatto sta che sul tema prosegue il silenzio, la non informazione sulle sedute della Commissione speciale (che il sindaco continua a chiamare “gruppo di lavoro”) sembra di avvertire prudenza o cautela. Sono stati costretti a indicare la non compatibilità della permanenza nel ruolo di pubblici rappresentanti ma solo nel caso specifico di un qualche legame fra l’incarico pubblico e attività precedenti o successive a questo. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento


Protocollo della Legalità e antiriciclaggio… le questioni da affrontare

Città Ideale è in paziente e interessata attesa su quanto e come il Protocollo della Legalità troverà adottati i principi entro regolamenti e procedure del comune. Quanto finora emerso dai verbali è per lo meno abborracciato, qualcosina qui, dell’altro di cui non si parla. Il segretario che funziona da esperto in materia e nell’applicazione delle leggi (mentre non è proprio consulente autonomo poiché, nominato dal sindaco,  al sindaco risponde).

Non sappiamo cosa avessero in mente il sindaco e i componenti della maggioranza quando hanno raccolto la proposta della Commissione d’indagine sul Protocollo della Legalità istituendo una Commissione speciale con tutti i capigruppo, ecc. Forse avranno in precedenza tracciato un percorso in contatti con la minoranza, o che altro. Hanno da subito escluso alcuni aspetti, fra questi l’argomento del conflitto d’interesse, le normative che obbligano l’amministrazione a verificare in modo stringente gli interlocutori persone fisiche e aziende. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Commissione speciale e Protocollo della Legalità: con un mese di ritardo ci fanno sapere

Il giorno 11 Maggio ci perviene il verbale della Commissione tenutasi il 13 Aprile! Più veloci della luce, più trasparenti di una pellicola nella camera oscura. Chissà perché un ritardo del genere… tanto più che proprio il giorno 11 il verbale stabilisce la seduta successiva. Se vien da pensare che la Commissione non vuole che i Cittadini dicano la loro in tempo utile, i nostri lettori cosa diranno?

A giustificare questa ipotesi potremmo pensare a qualche cambiamento intervenuto nel frattempo. Solo quindici giorni prima il sindaco ha voluto in Commissione sostenere che da suoi controlli presso l’ANCI, nessun comune ha adottato un Protocollo della Legalità.  Si passa dalla estrema difficoltà di un controllo sulle condizioni di conflitto d’interessi, sostenuta dal Segretario, a un ammorbidimento e tentativi di ipotesi soft. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento


Buccinasco non era in regola sull’antiriciclaggio! Ci hanno messo una pezza

Le coincidenze sono uno degli aspetti speculativi che caratterizzano Città Ideale.  Non sono una certezza, bisogna ammetterlo ed anzi, ove non meditate adeguatamente, usate con cautela, possono essere causa di cantonate clamorose. Se ne vede anche in vicende giudiziarie.  Per chi ha dimestichezza con le attività investigative, una delle regole fondamentali è la cautela ma soprattutto: non accantonare nulla, non escludere nulla.

Che il Comune di Buccinasco fino a ieri non avesse adottato i principi di legge (che sono operanti, anche nella P.A., da 25 anni) riguardo al contrasto al riciclo del danaro, è una novità straordinaria, una disattenzione clamorosa. Che forse avrà qualche responsabile. Non unica, sia chiaro: perché il responsabile nazionale di UIF (Unità d’Informazione Finanziaria) presso Bankitalia Claudio Clemente dice, di questi tempi,  quanto segue: Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento



SetPageWidth