Non vendete il futuro dei vostri figli per un tozzo di pane oggi.

Mensa e la gestione pubblica in chiave statalista: la libertà e il rispetto dei Cittadini viene dopo

La questione della mensa a Buccinasco è una delle diverse cose mai compiute: generano questioni  che anno dopo anno portano problemi. Genitori e famiglie che si lamentano. Una cosa che ci sembra  maturata in particolare con la gestione Maiorano,  diventando sistemica.

Eppure la gestione Maiorano ha introdotto una gestione economica più efficiente, trasferendo in capo al gestore delle mense il rapporto economico fra famiglie e gestore. Si è così ottenuta una sensibile riduzione amministrativa (non informatizzata) ma soprattutto tutto l’apparato contabile negli incassi. Basti pensare al problema che ha avuto Errante  a Corsico che si è trovato con crediti più o meno piccoli che superavano il milione di euro (una benevolenza da neosocialismo umanitario acchiappa voti).

Leggi il resto di questo articolo »

3 Commenti


Max Khemara relaziona su decisioni e comportamenti migliorabili del Consiglio TRE

3° FATTO: LA MAGGIORANZA SALTA LA CONCERTAZIONE CON I SINDACATI, AIUTO IL CSX NON E’ PIU’ A DIFESA DEI LAVORATORI?

Saltiamo al punto 5. dell’OdG “APPROVAZIONE CRITERI GENERALI PER L’ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI” e tutto fila quasi liscio perché la maggioranza ci aveva spiegato che è un atto dovuto per legge e che i cambiamenti erano poco significativi come quello del Sindaco o dei Dirigenti di funzione di potersi dotare di uno staff in aggiunta al personale già in forza al Comune.

Interviene il consigliere d’opposizione A.Schiavone (5stelle) per leggere una comunicazione ricevuta da una rappresentanza sindacale che chiede si rimandare l’approvazione di questo punto ad un prossimo Consiglio, dato che i sindacati stessi non sono stati coinvolti in questi “criteri generali” che riguardano il personale.

Schiavone chiede a tutto il Consiglio di rimandare il punto all’OdG perché non si può venir meno ad una richiesta del genere e la consigliere C.Romanello appoggia in pieno la richiesta del consigliere A.Schiavone. Il Consiglio per voce del Segretario Carlino respinge la richiesta, giustificando il fatto perché non è un passaggio dovuto per legge.

Si scatena una discussione sull’opportunità di approvare questo punto all’OdG ed alla fine il Consiglio approva con i voti della maggioranza. Per dovere di cronaca la comunicazione dei sindacati era arrivata anche a Sindaco, Segretario e Presidente che avranno evidentemente valutato la richiesta e deciso di tirare dritto.  Difficile dire se hanno fatto bene o male: ma cosa costava rimandare di 1 seduta l’approvazione di questi criteri generali? C’era veramente tutta questa urgenza?

Entrando nel merito non mi pare una grande idea prevedere l’aggiunta di uno staff al Sindaco ed ai dirigenti giustificandolo come già esistente al tempo della giunta di cdx Cereda: peccato che il commissario Iacontini l’avesse poi eliminato giudicandolo non dovuto per un’amministrazione come la nostra, se lo ha detto un Commissario prefettizio un motivo ci sarà…….. Ai posteri l’ardua sentenza.

E con questo è tutto: come al solito ci sentiamo sugli stessi canali al prossimo Consiglio o Commissione. Max

Tag:

Lascia un Commento


Max Khemara relaziona su decisioni e comportamenti migliorabili del Consiglio DUE

2° FATTO: AIUTO, LA MAGGIORANZA VUOLE METTERE MANO AL NS. DIZIONARIO DELLA LINGUA ITALIANA E CAMBIARE IL SIGNIFICATO DELLA PAROLA

PERDITA!!!!

Si passa al punto 2. Dell’OdG “APPROVAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO 2016” ed il consigliere Caterina Romanello dell’opposizione, spiega durante la sua intenzione di voto, che non può approvare un Bilancio 2016 che si chiude con una perdita d’esercizio di -1,4 milioni di Euro.

S.Parmesani della maggioranza (PD) chiede al Presidente di chiamare in causa il Rag.Capo F.De Maio a spiegare per l’ennesima volta che “IL RISULTATO D’ESERCIZIO NON E’ UNA PERDITA” ed il Presidente M.Villa rifiuta tale richiesta (con mia grossa sorpresa ed un plauso personale a Martina).

Ma quando si passa al punto 3. dell’OdG “RICOGNIZIONE STRAORDIANRIA DELLE PARTECIPAZIONI AZIONARIE DEL COMUNE” la maggioranza proprio non ce la fa, e fa una specie di aggiramento dell’ostacolo “Presidente”, che aveva rifiutato l’intervento di De Maio sulla perdita 2016, tramite uno stratagemma: viene chiamato F.De Maio a illustrare la situazione delle aziende partecipate del Comune (come ASB cioè la farmacia) e in quell’occasione il consigliere di maggioranza D.Arboit (PD) dice “e visto che abbiamo qui il ns. Rag.Capo possiamo chiedergli di fare chiarezza rispiegando per l’ennesima volta che la perdita 2016 è in realtà un ammortamento, visto che c’è ancora gente che fa confusione a leggere questi dati”.

Come dire: ci vuole ben altro che una giovane e tenace Presidente come la ns M.Villa per farla ad un vecchio volpone come Arboit, se lui vuole sentire dire una cosa in quell’aula la sentirà, non c’è nessuna regola o Presidente del Consiglio che potrà impedirglielo giusto per far capire chi comanda veramente in aula, in barba a qualunque principio democratico e così avviene.

Il povero Rag. F.De Maio per la terza volta in 2 mesi (stessa scena del Consiglio del 25.07.17 e della Commissione Bilancio del 21.09.17 a cui ero presente entrambe le volte) è chiamato a spiegare che IL RISULTATO DEL BILANCIO 2016 E’ UNA PERDITA D’ESERCIZIO DI -1,4 milioni di euro, rispedendo al mittente il terzo tentativo di far cambiare significato alla parola PERDITA: chissà se Arboit la prossima volta farà un’interrogazione parlamentare al ministro dell’istruzione Fedeli per cambiare il significato di questa parola nel dizionario della lingua italiana….

De Maio spiega altresì che la maggior incidenza di questo risultato negativo è dovuta agli ammortamenti, che sono un fatto straordinario, non un dato gestionale come già detto nei 2 precedenti interventi.

Ma una cosa è spiegare le cause che hanno generato una PERDITA ed una cosa è dare il nome corretto alle cose: UNA PERDITA D’ESERCIZIO RIMANE UNA PERDITA D’ESERCIZIO IN QUALUNQUE BILANCIO DEL GLOBO TERRESTRE (PUBBLICO E PRIVATO)……

Per inciso è giusto rilevare che gli ammortamenti spiegano solo parte la PERDITA D’ESERCIZIO DI -1,4 MIO EURO, dato che la differenza della voce ammortamenti fra il 2016 ed il 2015 è di soli 253mila euro (2,932 milioni nel 2016 contro 2,679 milioni nel 2015), come ben si legge dalla riga 14 “AMMORTAMENTI E SVALUTAZIONI” del Conto Economico del Bilancio 2016 del Comune che vi allego, giusto per far vedere che ho studiato ancora una volta (come sto andando Campese e Carbonera: ho raggiunto la sufficienza? Ci terrei tanto e dormirei sonni più tranquilli….. J).

Per chiudere questo punto vi riporto il dialogo avuto con Simone Mercuri della maggioranza (PD) in una pausa fuori dalla sala consiliare: con Simone ho sviluppato un’empatia umana durante la campagna elettorale, in particolare nella notte elettorale del ballottaggio, eravamo fianco a fianco nello spoglio delle schede elettorali del ns. seggio (lui per il PD ed io per la lista civica BUCCIRINASCO) e posso dirvi che mi è simpatico, è bene che ci siano dei giovani coinvolti in politica.

Anche se siamo su due parti diverse è uno dei pochi della maggioranza con cui riesco ad avere un dialogo sincero e dignitoso. Max: “Ma Simone com’è che siamo arrivati ancora una volta su questo punto della perdita di Bilancio 2016, che palle, non era già abbastanza chiaro? Simone: “Max è perché ogni volta lo tirate fuori voi e noi dobbiamo rispiegare la cosa, che non è una perdita”. Max: “Ma scusa è una PERDITA di Bilancio e su questo non ci piove, come ha spiegato De Maio per la 3a volta in pochi mesi; una cosa è spiegare perché è avvenuta una PERDITA (ammortamenti e varie altri voci) ed un’altra è chiamare le cose con il loro nome.

Una PERDITA è una PERDITA, perché avete così tanta paura di questa parola? Non è che PERDITA significa che stiamo chiudendo il Comune perché non ha più soldi, infatti De Maio ha spiegato per la 3a volta, che ci sono altri indicatori più importanti (come il RENDICONTO FINANZIARIO che invece ha un avanzo positivo) per indicare lo stato di salute dei conti del Comune. Ma detto questo una PERDITA rimane tale e non si può chiamare AMMORTAMENTO o con qualunque altro nome, poi dicono a noi di studiare….”

Simone: “per la strumentalizzazione che ne fate voi ogni volta che la citate: alla fine dopo tutte queste spiegazioni l’ho capito anche io che non ci capivo molto all’inizio….”. E finisce qui, con la domanda che sorge spontanea nella mia testa dopo l’ultima frase di Simone: “ma allora vuol dire che ogni volta che la citano i cittadini o l’opposizione, dobbiamo cambiargli il nome in AMMORTAMENTI perché altrimenti diventano nervosi e invece se la legge il rag.Capo De Maio o si legge sui documenti del Comune possiamo lasciarla così come è in realtà?” Bohhh, i misteri della lingua italiana in politica…… J

Tag:

1 Commento


Max Khemara relaziona su decisioni e comportamenti del Consiglio (migliorabili) UNO

AIUTO, VOGLIONO CAMBIARE IL DIZIONARIO DELLA LINGUA ITALIANA E TOGLIERCI I SINDACATI: PROVE DI REGIME STILE SOVIET?

Eccomi di nuovo al servizio dei miei concittadini, per commentare la 2a seduta del Consiglio di questa nuova giunta tenutasi Giovedì scorso: vi citerò i 3 fatti/aneddoti più rilevanti della serata, se no diventa un papiro e già cosi è abbastanza lunga.

1° FATTO: partiamo subito con la dichiarazione d’apertura del ns. Presidente del Consiglio M.Villa che comunica al Consiglio (anzi lo conferma, dato che già comunicato nel 1o Consiglio del 25.07.17) la sua decisione unilaterale di non permettere i commenti alle “COMUNICAZIONI INIZIALI DEL SINDACO NON PREVISTE IN ODG, GIUSTIFICANDO LA COSA COME ATTO NON NORMATO DAL REGOLAMENTO E QUINDI A SUO INSINDACABILE GIUDIZIO QUESTA E’ LA DECISIONE PRESA; NE PRENDIAMO ATTO E NON POSSIAMO CHE COMMENTARE COME UN ATTO ANTIDEMOCRATICO CHE VA CONTRO LO SPIRITO DEL REGOLAMENTO CHE ALL’ART.31 COMMA 1 RECITA:

“NELLA DISCUSSIONE DEGLI ARGOMENTI I CONSIGLIERI COMUNALI HANNO IL PIÙ AMPIO DIRITTO DI ESPRIMERE VALUTAZIONI CRITICHE, RILIEVI E CENSURE SU ARGOMENTI RELATIVI ALL’ATTIVITÀ POLITICO-AMMINISTRATIVA.”

Per dovere di cronaca, è giusto anche sottolineare che il Presidente stesso dichiara che chiederà di convocare una riunione dei capigruppo dei Consiglieri per discutere lo specifico argomento e vedere se sia il caso di migliorare il regolamento in merito: come dire “vi dimostro che in fondo sono democratica, dandovi la possibilità di discutere un cambiamento su questo specifico punto, ma per ora vi zittisco perché ne ho il potere”.

Va bene, il ns. Presidente M.Villa sfrutta le pieghe del regolamento per far partire una sorta di REGIME SOVIET, dove decide lei chi può parlare e chi meno, venendo meno al suo principale compito, che è quello di assicurare che “I CONSIGLIERI COMUNALI HANNO IL PIÙ AMPIO DIRITTO DI ESPRIMERE VALUTAZIONI CRITICHE, RILIEVI E CENSURE” (vedi art.31 sopra scritto).

Bene vediamo cosa succederà quando le “comunicazioni” di apertura non saranno del sindaco, ma di uno dei consiglieri e nello stesso modo nessuno le potrà commentare: ne vedremo delle belle!!  A beneficio dei professoroni della maggioranza che spesso ci ripetono che dobbiamo studiare, pubblico l’art.21 comma 1 del regolamento che cita quanto ho detto sopra.

Art. 21 – PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI DEL Consiglio Comunale 1. Dopo l’apertura della seduta gli argomenti saranno di norma trattati nel seguente ordine:

- appello;

- approvazione dei verbali della seduta precedente;

- eventuali comunicazioni del Presidente, del Sindaco, degli Assessori e dei Consiglieri;

- proposte di deliberazione;

- interrogazioni e interpellanze;

- proposte di mozione e di ordini del giorno

Tag:

4 Commenti


Familismo amorale cancro in tutto ciò che è pubblico: a scendere, ce n’è per tutti

Cominciamo con la pratica illegale e antidemocratica che adotta il Presidente del Consiglio con l’avallo incredibile del Segretario Generale: un principio generale, fondamentale, della Democrazia in ogni consesso pubblico è il diritto di parola senza limitazioni per gli eletti.  Non si è mai dato, non si è mai vista un’interpretazione che impedisca a un eletto il diritto di parola.

Lo ha ribadito il Presidente del Consiglio, organo che ha il dovere: il dovere! di essere super partes e tutelare i diritti di tutto il Consiglio. Ha compiuto questo inaudito scippo democratico nel Consiglio  precedente. Il Presidente del Consiglio invece di difendere e tutelare i diritti dei suoi pari: i Consiglieri tutti (di maggioranza e minoranza), ha sostenuto un diritto senza replica del sindaco. Lo ha ripetuto il 28 Settembre.

Leggi il resto di questo articolo »

7 Commenti


Farà crollare il paese, il familismo amorale diffuso che permea tutto l’apparato pubblico

Nei giorni scorsi i media si sono occupati di concorsi alle università, taroccati, com’è abitudine. Candidati vincenti predefiniti la cui “qualità” e l’appartenenza a una cordata baronal;  presidi che si spartiscono i posti. Inquisiti a decine… La cosa che non viene detta ma è da dare per scontata, è il ritorno.

Ognuno di costoro ha il suo orto, riconosciuto dal “sistema interno” per cui al conduttore dell’orto ci si rivolge per ottenere la nomina. Quale sia il corrispettivo, come si dice: l’utilità, possiamo solo immaginarla. Tuttavia è da dare per certo: diversamente, con un sistema nel quale è prevalente l’etica e il valore sociale della propria funzione, i meccanismi sarebbero meritocratici. Andrebbero a insegnare i migliori.

Leggi il resto di questo articolo »

Lascia un Commento


Municipio: il sindaco che dice e si contraddice

La questione dei “Criteri Generali di Organizzazione di Uffici e Servizi”, termine burocratico da far venire i brividi, che riguarda ciò che in azienda si chiama organzziazione del personale, va ripresa e spiegata. Ne siamo costretti da un sindaco che,con dire pacato e faccia priva di emozioni, infila una serie di incoerenze. Sia per per motivare la scelta che per escludere la condivisione nei contenuti delle variazioni introdotte.

Riguardo ai contenuti ne abbiamo parlato ieri, quasi in diretta. Vediamo adesso di riassumere cosa ha detto il sindaco. Quando sarà trascrittto, pubblicheremo il riscontro letterale. Il Presidente del Consiglio riesce a sorprendere:  come il sindaco, ha ricevuto una comunicazione sul punto in questione, di un sindacato provinciale, che chede il preventivo confronto con le organzizazioni sindacali, visto il contenuto.

Leggi il resto di questo articolo »

1 Commento


Buccinasco: una vicenda che stasera sarà interessante seguire

Il Consiglio Comunale di stasera ha fra gli argomenti una proposta di delibera che riguarda i principi generali  per “l’ordinamento di Uffici e Servizi”. Terminologia burocratica entro cui si tratta dei rapporti col personale, la sua organizzazione, i poteri di intervento dell’amministrazione. Si tratta di una parte, solo i principi generali. Le altre enne pagine non hanno modifiche.

La prima cosa che suscita interesse è quindi: si cambiano i principi generali e non tutto quello che viene dopo relativo ai rapporti col personale? Che logica c’è? cambio i princi cui si uniforma l’intera materia, e tutto resta come prima? Ovvio che non è così, allora bisogna chiarire. Chiarimento che dalla Commissione non è venuto, materia trattata come banale aggiornamento senza modifiche di sostanza.

Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti


Buccinasco: qualcosa si sta muovendo per generare allarme. C’entra l’anti-stato?

Il mandato Pruiti è iniziato, appena eletto,  con un’infelice intervista a tutta pagina su ilcorrieredellasera, che dal titolo afferma Buccinasco Platì del Nord, e via sproloquiando, fino a lasciare intendere che i voti della ‘ndrangheta erano stati raccolti dalla coalizione del  suo competitor al ballottaggio Nicolò Licata (con tutto i lcentro destra e BucciRinasco insieme.

Fino al giorno prima sul territorio della ‘ndrangheta non c’erano eventi a essa riconducibili. Solo i rituali eventi messi in atto dalla gestione Maiorano, che nulla possono arrecare in danno all’anti-stato, anzi forse qualche beneficio sì, perché ne fanno una descrizione di strapotere. Però, ci si dimenticava dell’evento inventato, in campagna elettorale, con il parroco don Maurizio sospettato di “inchino” nei confronti d’ un boss.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

3 Commenti


‘ndrangheta: colletti bianchi, politici, professionisti e reggimoccolo

Continueremo a parlarne, di questa attività della ‘ndrangheta al Nord che ci riguarda, a noi di Buccinasco, perché le manifestazioni dell’attività, dell’occupazione del potere dell’anti-stato sono del tipo che oggi vengono descritte puntualmente dall’ottimo Roberto Galullo su (VEDI e VEDI).

La vicenda riguarda Seregno, e continua una penetrazione sistematica nell’economia e nella politica locale partita qualche anno fa a Desio. Motore politico dell’inchiesta a Desio, ma adesso anche a Seregno, Lucrezia Ricchiuti. Già vicesindaco PD, ora trasferitasi a Articolo1/MPD. I coinvolti d’oggi sono dell’area centro destra ma, dai fatti si può pensare che i rapporti con politica e affari riguardano anche frange diverse.

Leggi il resto di questo articolo »

Lascia un Commento


Finalmente un primo passo con il mondo delle imprese a Buccinasco

Sempre con l’effetto sorpresa (compreso l’improvviso articoletto encomiastico su ilgiorno, senza neppure un preavviso proposta, un’anticipazione sul blog comunale),veniamo a sapere che l’Assessore al Commercio con Il rappresentante sul territorio di Confcommercio, incontra i commercianti di Buccinasco (VEDI).

Naturalmente con soddisfazione anche di BucciRinasco che, per quanto ci consta, unica, nel suo programma si propone sviluppo e sostegno per il mondo delle imprese (commercianti ma anche artigiani e imprese) per conoscerle, per le criticità che tutti i giorni afforntato le imprese, per individuare ogni percorso di supporto indispensabile alla crescita.

Leggi il resto di questo articolo »

Lascia un Commento


Come un invasore l’amministrazione procede distruggendo la storia

Domenica 24 settembre l’Associazione Orti ecologici propone la “Festa della concordia”.
L’associazione, da sempre attiva a Buccinasco in questi oltre vent’anni, ha generato opere di solidarietà di grande spessore culturale.
Dopo anni di tentate richieste di rinnovo della convenzione l’Amministrazione Pruiti ne decide il fermo legale. Tutti hanno ragione nessuno ha torto, ma il buon senso sembra non trovare una via d’uscita. Da fine settembre l’ambito bar e attività sociale, come gli spazi orti dedicati ai disabili chiude.
Ultima festa con raccolta firme “della concordia” con salamelle e musica. La festa c’è, a partire dalle 12,30 e non mancherà la tristezza di fondo da condividere.

L’Ufficio Tecnico ha dato il diniego. FESTA ANNULLATA

Il modo con cui opera questa amministrazione. Non ci viene il termine giusto che descriva l’impressione che suscita questa manchette presa da SIoNO. Vent’anni di storia che non ha creato mai problemi, che si è distinta per il ben fare. Ordine di chiusura dal 30 Settembre, così ci informa l’articoletto.

Non bastando il procedere che va verso l’esclusione e l’affido a gara senza badare all’esperienza, alla competenza, alla continuità come valore. Un evidente processo di estromissione, siamo facili profeti dell’esito. Ne abbiamo già parlato a Luglio (VEDI e VEDI)).

Naturale che i gestori sviluppino un’attività di difesa civica che prevede la raccolta di firme. Il periodico della zona ne da la notizia e informa della raccolta e di una festicciola che è un riunirsi per solidarietà e simpatia. Nulla di meno che civico e civile.

Non va bene la festa, per la nostra amministrazione. Chissà che ragioni avrà accampato l’Ufficio Tecnico che, come dice l’inserto, ha dato il diniego. Che è responsabilità dell’Ufficio Tecnico competente, perché il sindaco, il suo vice, la Giunta e tutta la maggioranza proprio non c’entrano. Loro sono estranei…

Metteranno in opera ogni strumento per distruggerli, su un presupposto formalmente abborracciato, che ha il significato concreto della protervia: se non sei con me, sarai distrutto. Questo il messaggio che sta dando “l’Ufficio Tecnico”

Noi  diffondiamo la notizia e ci permettiamo di invitare tutti i Cittadini che vogliano esprimere la solidarietà alla gestione dell’Associazione Orti di recarsi in via degli Alpini presso la sede per leggere e, se d’accordo, sottoscrivere. La Festa della Concordia che l’Ufficio Tecnico ha proibito, ci sarà negli animi dei presenti, con la solidarietà e una stretta di mano calorosa. Grazie per i vent’anni di serenità dati a Buccinasco.

DA CITTADINI CIVILI E DEMOCRATICI
DIAMO LA NOSTRA SOLIDARIETA’ ALLA
ASSOCIAZIONE ORTI ECOLOGICI
FIRMIAMO LA NOSTRA SOLIDARIETA’
OGGI 24 SETTEMBRE IN VIA DEGLI ALPINI

2 Commenti


Stipendi comunali: produttività a pioggia e pretese sindacali

Mentre a Buccinasco è in programma una delibera che modifica la gestione del personale comunale che attribuisce alla Giunta di poter fare ciò che vuole, ma di questone parleranno in Consiglio fra poco, nel vicino comune di Trezzano (sempre targato PD) sembra avviata una vertenza sindacale sulla questione del  “fondo di produttività”: quella cosa che nella pubblica amministrazione è distribuita secondo criteri discrezionali ripartendole in funzione delle categorie, un poco a tutti (VEDI).

L’articolo è chiaro e descrive passaggi diversi, grazie alla lettera del sindaco. In pratica il Comune ha assunto 11 nuovi dipendenti (che sono una fonte di consenso nuovo, di voti). Naturale che così  la “produttività” (probabilmente misurata in base alla pianta organica, che forse risale a quando non c’erano ancora i PC), si riduce; la base spalmabile diventa minore.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Lascia un Commento


Loris Cereda: un nostro Cittadino da conoscere per la sua capacità di scrivere

Oltre agli scacchi, naturalmente, di cui è Maestro FIDE, qualifica che in altri sport potrebbe abbinarsi a professionisti, mentre nel nobile gioco della sfida all’analisi successiva dei pezzi, non prevede queste condizioni. Una cosa che lo distingue ulteriormente è lo scrivere. Che noi sinceramente apprezziamo (ma siamo solo lettori, non critici). Ci piace e crediamo di fare cosa utile farlo conoscere.

Riportiamo qui un breve racconto che abbiamo colto da una sua pubblicazione su facebook. Bella la costruzione come la descrizione di una partita di scacchi (naturalmente) quale paradigma del vivere e degli accadimenti che la vita ci può mettere di fronte. Anche con l’avvertenza implicita che ciò che capita dipende anche, e non poco, dalle nostre capacità di analisi e le scelte che ne seguono. Con i replicati complimenti a Loris Cereda

LA FINE DELLA SFIDA

Leggi il resto di questo articolo »

Lascia un Commento


Il giornalista che offende e non replica, ci da lezione di giornalismo?

Un cronista di cui non citeremo il nome, ci ha fatto la lezione sulla ‘ndrangheta a Buccinasco. Ne abbiamo parlato, abbiamo qui pubblicato i suoi “argomenti” da lui posti in modo poco leggibile su fb (VEDI, ma anche gli articoli correlati del periodo).  Cronista che ha dedicato una pagina del Corriere al neo sindaco, dal titolo  

Buccinasco è ancora la Platì del Nord. In giunta un’Assessore antimafia

A parte il pessimo servizio per la sua città fatto dal sindaco, questi ha anche indicato la coalizione Nicolò Licata come destinataria dei voti della ‘ndrangheta. Al cronista abbiamo contestato un comportamento non professionale, servizievole, nel suo riportare le affermazioni del sindaco senza la minima precisazione, senza il dovuto chiarimento ai lettori, riguardo alle gravi insinuazioni del sindaco.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

1 Commento



SetPageWidth