Non vendete il futuro dei vostri figli per un tozzo di pane oggi.

Consiglio di fine Luglio: complotto alla democrazia partecipata

Bisogna che se ne parli e che sul tema si ricorra in più tempi. Ciò che si è consumato in questa vicenda non riguarda il Consiglio Comunale, l’organismo composto di sedici Consiglieri eletti. Organismo autonomo e gestito appunto in autonomia, che infatti elegge il proprio Presidente del Consiglio Comunale, quale funzione di rappresentanza nei confronti delle altre cariche e autorità locali.

L’art. 37 del T.U.E.L. (testo unico enti locali) distingue gli organi di governo del comune (attribuendone quindi la rispettiva autonomia funzionale):

1. Sono organi di governo del comune il consiglio, la giunta, il sindaco.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

1 Commento


CONSIP: un fallimento, e che fallimento! un errore che spaventa

L’idea e il progetto sembrerebbero validi; c’è (o si dovrebbe) star tranquilli su una legge efficace e ben composta, che si propone di blindare gli appalti della P.A. rispetto a infiltrazioni dell’anti-stato nelle sue diverse e multiformi espressioni nel territorio nazionale. Qui siamo in Liguria, terra nella quale la ‘ndrangheta ha fiorito e fiorisce tuttora e non solo d’inverno a Sanremo.

Siamo al 2016 e la CONSIP assegna una gara per la fornitura di ticket restaurant a enti della P.A. la vince una società “ics”, il nome lo spiegheremo poi. Assegnato l’appalto, una serie di P.A. acquistano ticket restaurant da questa società che ha un’introduzione tutto sommato discreta (ogni dipendente anno comporta una spesa per la P.A., e un’entrata per l’azienda fornitrice, di circa 1.440 euro, ma potrebbero essere anche di più, la nostra è una stima).

Leggi il resto di questo articolo »

Lascia un Commento


Un manager italiano che se ne va: vogliamo parlarne davvero?

In Italia (forse non solo da noi) c’è la stucchevole corsa agli aneddoti personali (più o meno) che magnificano una persona pubblica quando subisce conseguenze fisiche serie per la sua professione e poi magari passa a miglior vita. Tutto il buonismo che c’è in noi esplode; i giornali hanno da sempre una cartella, significativamente chiamata “coccodrillo”, nella quale sono pronti gli articoli al riguardo qualora succedesse un evento da giustificare i peana commemorativi.

Vengono alla mente uomini di spettacolo che ultimamente ci hanno lasciato; notizia buona per trasmissioni e articoli “coccodrillo” che durano settimane. Questo modo concorde e ostinato nel farne un indimenticabile personaggio, ecc. ecc., occasione per passerelle e ricordi non si sa quanto davvero personali e sentiti e quanto rivolti a un presentarsi per lasciare nel pubblico buona memoria di sé, per fare audience, sono quasi sempre insopportabili.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

3 Commenti


Democrazia e Regolamenti: nel 2018, non siamo più alla dittatura del proletariato

La reazione che ha avuto l’articolo di Città Ideale (VEDI), ha suscitato le legittime reazioni dei gruppi di minoranza, la sopresa imbarazzata e perplessa di Cittadini e perfino simpatizzanti dell’area progressista, oggi mutevole e variegata. Tutti a domandarsi la logica di una modifica pre cucinata in casa, non si sa da chi confezionata, senza una firma, una data una motivazione, senza alcun confronto sui temi con le minoranze.

Poi alle reazioni numerose venute dai social si è cominciato a capire qualcosa. Oppure chi ha pianificato l’operazione (a noi viene in mente il Presidente del Consiglio Comunale, ma sarebbe uno scandalo, vista la sua figura istituzionale, quindi escludiamolo.  Staremo a vedere dove si andrà a finire circa la genesi, gli autori e soprattutto le motivazioni.

Leggi il resto di questo articolo »

Lascia un Commento


Alitalia: ipotesi del governo nuovo che ripetono cose stravecchie

Non staremo a rifare la storia, scritta e sentita un’infinità di volte. Una montagna di miliardi di tasse per mantenere in vita una struttura saltata per aria da vent’anni, con tutta l’occupazione, strapagata quando ha dovuto ridurre gli occupati da 20mila agli attuali 11.600. Pesantemente condizionata  da un impasto romano di sindacati e politica; con scelte estranee in una corretta amministrazione.

Oggi è commissariata (vive di nostri soldi), non ha un progetto di sopravvivenza serio. Unica soluzione seriamente prospettabile  per finire i costi e ripartire, è la vendita a strutture globali del sistema trasporti (Alitalia ha per quel treno da sempre e non può certo inventarsi il progetto adesso). Si salverebbe buona parte degli occupati, e potrebbe svilupparsi in chiave nuova e globale.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

6 Commenti


Sindaco furioso del Consiglio ove la minoranza lo mette in crisi, intende prevaricare

Domani  19 Luglio vi è una seduta di Commissione Statuto, che ha all’odg la modifica del Regolamento del Consiglio Comunale. La traccia dei cambiamenti fa intuire chi li abbia proposti (sconosciuto). La convocazione, datata 13 Luglio, firmata dal presidente della Commissione Statuto Cesare Di Lieto,  non lo dice. Visto il contenuto  (VEDI) è da ritenere che la mano del sindaco sia stata prevalente.

Come si può vedere dal prospetto allegato alla comunicazione, le modifiche proposte al Regolamento del Consiglio riguardano gli interventi su mozioni, interpellanze, discussione dei punti odg, e materie affini. Lo scopo delle modifiche lo esamineremo dopo aver riflettuto sulla funzione del Consiglio  e dei suoi organismi.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

5 Commenti


Lo SPRAR… a Buccinasco si realizza il programma… anche se non verranno soldi ?

Adesso è partita la gara per il programma di integrazione che riguarda migranti della cui natura non conosciamo nulla, almeno finora, con un progetto che si chiama SPRAR . La sigla ce la spiega dopo il Documento Unico di Programmazione allegato al bilancio preventivo triennale. Si tratta di un programma di spesa deciso dal Ministero Interni (precedente, Minniti), con il quale si finanziano i comuni perché questi “migranti ospiti” si integrino.

Il Ministero Interni si trova a gestire somme che vengono dai singoli stati europei che non rispettano le quote del tratato di Dublino. Questo trattato stabilisce che ogni stato europeo si obbliga a accogliere un numero definito. Se non lo fa, paga una sanzione, la quale va a finire al “paese di prima accoglienza”, che questi Cittadini è obbligata a tenerseli. Un compenso forfait per i costi che l’Italia è costretta a tenersi.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Lascia un Commento


Sicurezza a Buccinasco? assunzioni e contratti a go go. I Risultati?

Vi sono temi di spesa entro un comune che non sono misurabili, confrontabili nella spesa in rapporto all’utilità conseguita. Uno di questi è la sicurezza. Per avere più sicurezza cosa le scelte a disposizione sono molte. Sicurezza di una citta come Buccinasco riguarda molto, riguarda tutti gli aspetti che con la sicurezza possono impattare.

Vediamo di fare qualche nota: cominciamo con la situazione reale con la quale confrontarsi. Da qui dovrebbe partire un’amministrazione serie e competente. Prima cosa: raccogliere tutti i dati che possono impattare con la sicurezza. I furti in abitazione; le rapine (malviventi che entrano in casa mentre vi sono persone); le tipologie di effrazione, tipologia di abitazioni per condizioni di rischio; furti e danni alle automobili private.

Leggi il resto di questo articolo »

Lascia un Commento


Quando si dice parlar chiaro del Sindaco: dal verbale trascritto

Le parole scritte hanno un peso e un senso neutro: manca il tono, la gestualità, il muoversi del capo, lo sguardo. Per non parlare delle pause, quasi mai trascritte. Nonostante ciò il discorso trascritto mantiene un suo fascino, per così dire neutrale.

Le parole scritte in questo modo diventano stabili, neutre, a formare un senso letterale e preciso degli intenti dell’oratore. Non si tratta più di un suono che transita, parola dopo parola, e passa, lasciando nella memoria un’incisione per così dire “debole”, che poi perde smalto, gradualmente impallidisce. Ecco perché abbiamo atteso il testo trascritto del Consiglio Straordinario sulla mozione di sfiducia del sindaco.

Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti


Mercati globali: aperti o chiuderli? M5S rischia di commettere errori gravi

Che il “nuovo che avanza” nei politici manchi di spessore sul piano della macroeconomia e per analizzare le posizioni su cui assumere decisioni, è cosa pacifica. Il sistema Democratico del terzo millennio è quello del secolo scorso e il voto universale uguale per tutti, genera di questi risultati. Mettere mano  a un sistema di rappresenzanze meno ideologico, più razionale, fa parte dei compiti di questa fase. A meno che non si voglia semplificare drasticamente e tornare allo stato totalitario.

Gli eletti hanno oggi il compito di governare: non è in discussione. La ragione vorrebbe che coloro che sono alla guida del treno Italia senza essere macchinisti, chiedessero, s’informassero, magari studiassero e/o delegassero a persone competenti di propria fiducia. Se partono per la tangente e vanno all’infinito, succedono disastri.

Leggi il resto di questo articolo »

Lascia un Commento


Italia: un paese dal diritto come un pongo: l’esempio della “rivolta migranti” lo dimostra

I mezzi della guardia costiera nel mediterraneo sono impediti dal raccogliere migranti che non siano in condizione di serio pericolo per la loro vita. Cosa è successo allora fra la Vos Thalassa (che significa mare vostro; vostro, non nostro!) e la guardia costiera che comanda la Diciotti? Nulla di preciso, con i media che stanno facendo di tutto per confodere le acque. Fumo, imprecisioni, ipotesi incerte a nascondere I FATTI.

I fatti: intanto la nave, di cui si dice la proprietà olandese (Vroon). Ma è registrata a Genova come si vede dallo scafo, portavoce della Vroon è: Cristiano Vattuone, come tutti i 12 marittimi. Tutti italiani. Chi sia il capitano che ha chiesto soccorso alla Diciotti non lo abbiamo trovato sui media. La nave non è una ong, ufficialmente; sarebbe un mezzo di supporto a una piattaforma petrolifera  francese TOTAL  (che però “spesso è stata chiamata a soccorrere migranti nelle acque libiche”(Repubblica: 10 Luglio).

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

3 Commenti


Abbiamo un sindaco che si ritiene podestà (con 80anni di ritardo) e ordina ciò che gli pare

Una questione banale, che più banale non si può: la via della Musica, stradina ciclopedonale attivata all’epoca di Carbonera  il quale aveva ottenuto la possibilità di averne in uso il tragitto (sito su area privata) per dieci anni. A cura e spese del comune. decennio terminato nel 2015 e non sistemato.

Il duo Maiorano Pruiti è specialista nel lasciar perdere queste opportuità civiche, salvo pretendere chissà che. Ricordiamo un percorso analogo, che riteniamo molto più interessante e fruibile, riguardante il lago Santa Maria, con l’intera circonferenza fruibile in ciclopedonale. Dotata anche di un “percorso vita”, ha consentito per tutto il periodo la libera fruizione ai Cittadini.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Lascia un Commento


I Cittadini possono essere un’utile supporto al vivere civile?

La questione è nota: a Buccinasco viene fondata un’iniziativa di Cittadini (inizialmente non targabili da nessuna parte) che, utilizzando WhatsApp , danno vita a un tam tam in tempo reale su comportamenti e vicende che sul territorio hanno a che fare con la sicurezza. Siamo al Luglio 2016 chiamandola Controllo del Vicinato (CdV).

L’ipotesi di lavoro trova adesioni iniziali numerose e cresce, mentre viene vista con preoccupazione (giustificabile nella fase inziale) dalle forze dell’ordine. La crescita dell’attenzione nella Comunità da un lato fa emergere una vicinanza a M5S, dall’altro la conseguente contrarietà del duo Maiorano Pruiti.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Lascia un Commento


Buccinasco: gli errori poi generano pasticci e i danni sono tutti nostri

Bisogna risalire al 2013, quando una “lettera anonima” segnala comportamenti impropri accusando Gregoria Stano (l’unico nome che faremo in questa ricostruzione poiché, adesso è fuori. Assunta dalla Ragioneria Generale dello Stato, non fa più parte del Municipio, ancora residente a Buccinasco). Questa lettera anonima avvenne poco dopo una contestazione che riguardava l’allora vicesindaco per modificazioni interne alla sua villetta.

Per questa faccenduola l’odierno sindaco venne condannato e se la cavò con una sanzione economica, la non iscrizione, ecc. (nessuna conseguenza pur trattandosi di persona con la carica di vicesindaco). Ma continuiamo nella storiella di cinque anni fa. Ai lettori che non ricorderanno, sembrerà incredibile ma, il Segretario Comunale pro tempore ritiene, in base alla lettera anonima (!) del tutto strumentale, di dare il via a una inchiesta interna che ha per indagato Gregoria Stano.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Lascia un Commento


Il futuro di Buccinasco: siamo negli anni sessanta o nel terzo millennio?

Gli anni sessanta di Buccinasco è riconoscibile per le aree allora vicine a sant’Adele, chiamate “corea”, termine usato in Lombardia per le nuove costruzioni caotiche prima che nascesse la pianificazione generale obbligatoria. Un’altra area di questo periodo è la parte più prossima a Corsico di via Isonzo e delle laterali via Gorizia, via del Gelsi, il lato più a Nord di via Isonzo.

Casette autocostruite, o certificate da un geometra ex post. La crescita di Buccinasco negli anni del boom è venuta da lì, il lato Sud da Romano Banco capannoni e depositi. La situazione è cambiata dopo, con l’intervento di immobiliaristi di peso: Persichetti e Cabassi. Soprattutto il primo ha sviluppato un’ipotesi innovativa, che qualificava un territorio ancora vergine dandogli un percorso di residenza qualificata, da ceto medio insomma.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Lascia un Commento



SetPageWidth