Archivio del 23 giugno 2019

Buccinasco più: dalla sentenza di cassazione trapela “come fra lor andata è la faccenda”

Ci son voluti 12 anni per arrivare a sentenza. A una ricostruzione veridica della Buccinasco di Cerberus. Riepiloghiamo le origini perché dato il tempo trascorso, ai lettori qualche dettaglio sarà sfuggito, dimenticato. Il perno delle attività riguarda l’epoca in cui fu sindaco Carbonera (2002-2007). Il periodo fu caratterizzato da una vera e propria inondazione di rifiuti e discariche distribuite nel nostro territorio dalla ‘ndrangheta: Barbaro Papalia con impresa artigiana nel movimenti terra .

Terreni comunali (e non solo) in cui venivano sversate macerie industriali e non. Il comune recintava, ma entravano egualmente e continuavano. Segnalazioni di Cittadini e denunce mai hanno avuto esito pratico. Ce le portiamo dietro ancora adesso di queste aree, che naturalmente abbiamo bonificato a nostre spese (ma il comune avrà fatto proprio tutto il possibile perché chi doveva intervenisse?  Avrà fornito gli elementi per poter risalire a chi organizzava e agli autori?).

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Italexit segue Brexit? aiuta gli inglesi. L’Europa piccola è un danno gravissimo!

Italexit e Cambiamento. Più ci si riflette, più la questione affascina, la si sente quasi come un percorso studiato. L’Italia è paese fondatore dell’Europa: nel suo interesse dovrebbe agire perché l’Europa compia alacremente il suo percorso verso la normalizzazione di leggi e regole, per la maggiore efficienza e sviluppo.  Quali sono stati i contributi dell’Italia alla costruzione dell’Europa? Proposte, progetti, sollecitazioni, percorsi per la normalizzazione europea,  unificare e agevolare la vita europea? Non ne sappiamo nulla. Probabilmente: nulla è la verità.

Non che degli altri paesi vi sia qualcuno che spicchi per l’animus europeo, la spinta a innovare, migliorare, completare. Una possibile ragione, la più probabile, è la difesa della condizione attuale di precario equilibrio fra interesse del singolo paese rispetto agli altri e all’Europa. Introdurre cambiamenti, anche modesti, genera modifiche che in qualche modo limitano la capacità d’agire in chiave nazionale, favorendo, aumentando la funzione Europa. La capacità d’agire in chiave centrale tende a diventare potere sovrastante. Meglio stare fermi, avranno pensato? Nella sostanza è così.

Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti



SetPageWidth