Archivio di aprile 2019

Europa, Banche tedesche e italiane: perché non se ne parla?

Già in altre occasioni abbiamo più volte ripetuto che in Europa il nostro interlocutore siamo noi e solo noi. Con tutti i diriti di stato fondatore. Partecipiamo alle decisioni (senza il nostro consenso l’Europa non può decidere). Che i governi italiani abbiano trascurato questa condizione, in pratica lasciando gli altri a farsi gli affari loro, quando fosse così, è solo colpa nostra, dell’Italia e dei nostri governanti pro tempore.

Un documentato e succoso contributo di Nicola Porro ci descrive la situazione in essere relativa al sistema banche in Europa, in particolare a quelle tedesche. Non possiamo che concordare con il titolo posto dal giornalista. I nostri media hanno coscienza della situazione e del compito essenziale che ha nella formazione della cultura Europa in Italia? Sembra proprio di no, mentre inzuppano ogni estemporanea affermazioni dei nostri governanti su ogni minuzia, perfino banale o ancora peggio. Invece precise e interessanti le descrizioni di Porro sul sistema Berlino.

VIETATO PARLARE DEL FLOP TEDESCO

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

6 Commenti


Un esempio civico di come integrare i sinti: ci viene da Torino

I sinti a Buccinasco: il nostro sindaco li vuole integrare e per farlo ha meso in piedi una serie di iniziative che costano milioni (non allo stato ma tasse di noi Cittadini che vanno al comune (oppure a Roma che poi li ritorna al comune). Assistenza alla scolarizzazione, formazione per trovare loro un lavoro, sostegni e supporti economici diversi a singoi e famiglie, ecc. Per finire con il rifacimento integrale del campo sinti (che in comune si incaponiscono a chiamare Terradeo), sempre a nostre spese.

Pappa fatta e gratis, come è sempre stato, con gli aiuti diversi come sostegno al reddito, manutenzioni e rifacimenti di servizi, ecc. Le intenzioni dichiarate sono buone: far accettare le regole e il vivere civile a un’etnia nomade, cui a Buccinasco abbiamo regalato la residenza (come sia compatibile il nomadismo e la residenza stabile, non ce l’hanno ancora spiegato). In trent’anni la montagna di nostri soldi spesi in questa iniziativa che risultati ha dato? Neanche ce lo spiegano!

Presentiamo oggi al nostro esimio sindaco che si appresta a regalare 500mila euro per dare gratis la casetta ai sinti, un piano pluriennale che propone la città di Torino, come viene descritto su lastampa. Censimento, regole, controllo sui dati, sui redditi e la loro provenienza. Il patrimonio, ecc. Una base logica su coinvolgere e far ragionare l’etnia nomade che si compone di nostri concittadini. Chissà che magari si decida a cambiare strada…

Torino, scatta rivolta dei rom: “I soldi? Sono fatti nostri…”

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

1 Commento


Il Consiglio Comunale di Buccinasco: sta diventando momento di verità

I riepiloghi colloquiali di Alberto Schiavone stanno nel tempo diventando ua raccolta che fotografa comportamenti, modi di dire, schemi e reazioni che si vorrebbero “politiche” e sono solo utilitaristiche. Nell’insieme tratteggiano persone nostri rappresentanti nella loro umanità semplice, più schietta, lineare.

Tolta la bardatura del mestiere, si rivela la modesta sostanza di quanto il Consiglio dovrebbe trattare, come pure i tic stilistici e le visibilità personalistiche più ricorrenti del tizio o caio che viene desritto. Gli argomenti insiti nei temi sono ben altra cosa  e dovrebbero meritare ben altra serietà e impegno. Ma sembra proprio che questo la maggioranza non voglia: la sintesi personalistica di Alberto Schiavone lo dimostra. Ai lettori la nomina del personaggio più “caratteristico” (non sarà facile, perchè i concorrenti sono troppi)

PERLE DEL CONSIGLIO COMUNALE 24 aprile 2019
(da leggere, ridere e condividere)

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Festa della Liberazione: un esempio da ciò che siamo usciti

Una guerra civile. Come altre numerose che ci sono state, come quella americana, o quella messicana… ecc. In Italia la guerra civile è durata relativamente poco (8 Settembre  1943- 25 Aprile 1945, fanno  594 giorni) ma come tutte ha lacerato il paese, i Cittadini, i protagonisti dell’una dell’altra parte, costretti in una realtà propria di una guerra civile: trovarsi in guerra con un nemico che parla la stessa lingua, con cui si condividono ambiente,  storia, conoscenze, amicizie, relazioni. Sentimenti al massacro.

Città Ideale ha da sempre sostenuto che il termine Liberazione ha un solo possibile significato utile: chiudere la pagina del libro per aprirne una nuova, nella quale siano tutti a identificarsi, come protagonisti legittimi tutti, a parità di diritti, per realizzare e condividere un paese nuovo, figlio di quell’esperienza, che però è parte di un libro chiuso. Questa volta raccontiamo una microvicenda, raccolta da Sergio Tau, entrata a far parte di un libro di memorie. Ci sembra proprio esemplare per descrivere da quale realtà si sia usciti; tutti si sia usciti.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

8 Commenti


Ucraina e la democrazia del Novecento. Cosa c’è che non va?

Bella domanda. Vi sono nella storia avvenimenti che segnano una cesura, un punto di non ritorno fra un periodo, una fase storia, un’epoca, e ciò che viene dopo. È da credere che con l’elezione plebiscitaria di un personaggio nuovo, manifestamente esterno al mondo che in senso lato potremmo definire politico. Un personaggio che avrà certo qualità comunicative efficaci, che non ha un partito o movimento che lo sostenga; neppure un deputato che a lui si richiami questo punto di non ritorno sia stato raggiunto. Tre su quattro  degli ucraini andati a votare, al ballottaggio.

Volodymyr Zelensky. Persona tutta da scoprire, dalle relazioni discutibili con magnati ex URSS, ecc. ecc. Tutte queste cosette sono secondarie rispetto al fatto, che è uno solo: il sistema precedente dei partiti è fallito e i cittadini hanno scelto il “nuovo”, persona di spettacolo ma nessuna esperienza politica. L’unica qualità “l’inesperienza politica” che ha fatto la differenza con quasi il 75% di preferenze.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

1 Commento


Buccinasco: il PGT che si modifica e i massimi sistemi (posticci)

La città è il luogo dissipativo per eccellenza: dove si produce l’inquinamento, il principale luogo di trasformazione energetica, dove si concentra la massima artificialità, il prodotto storico del processo di trasformazione dell’ambiente. I sistemi urbani agiscono normalmente indipendentemente l’uno dagli altri, vanificando qualsiasi obiettivo d’aumento dell’efficienza della macchina urbana. (Linee guida – Indirizzi politici, pag 1, non firmato).

Documento (VEDI)ufficiale, che non reca l’autore. Ma l’abbiamo trovato in un uno scritto di nove anni fa del gruppo consiliare Uniti per Buccinasco – Verdi e Italia dei  valori (VEDI). Principi di economia globale dedicati all’architettura in chiave di equilibrio biologico  Ciò che vuol dirci l’autore: il vivere in città è uno spreco, disorganizzato, che consuma l’ambiente (in un rapporto d’area 10 volte più grande della città stessa): un insieme descritto come illogico, drammaticamente inefficiente.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Buccinasco di domani: vogliamo un futuro degno dei Cittadini. Quello che si propone non lo è

I documenti del progetto di aggiornamento di un PGT le cui origini risalgono a Carbonera sindaco (2007): dodici anni fa) riteniamo si possano sintetizzare nei seguenti: (Linee Guida: VEDI, e Indirizzi politici VEDI). Il primo dato richiamato: l’origine del piano, divenuto operante nel 2013, dimostra l’inadeguatezza della scelta. Questo  il primo di altri diversi contributi sul tema.

Dal 2007, si può dire il giorno dopo, è successo un terremoto che ha cambiato l’economia e l’edilizia in particolare. Immaginiamo un PGT pensato allora che si “aggiorna” adesso, mantenendo le sue fondamenta in un periodo storico che sicuramente non tornerà. L’operazione si presenta quindi come una mano di vernice in un impianto vecchio e superato. Lo dicono perfino le linee guida messe giù negli indirizzi politici, che anzi aggiungono quali pecche all’origine “i vincoli ideologici e filosofici”… Se lo dicono loro…

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Buccinasco contro le mafie. A parole. E i fatti?

Una notizia di cronaca giunge oggi, quasi in contemporanea, a rompere le uova nel paniere sul programma di manifestazioni allargate che pubblicizzano l’impegno di questa amministrazione “contro le mafie”. Quanto ad eventi  Buccinasco non vuol essere seconda a nessuno; spende i nostri fondi (costituiti dalle tasse che versiamo).

Spese condivisibili quelle che  contrastano l’anti-stato. Importante però che queste risorse vengano impiegate in modo efficace e funzionale. Insomma che, come in ogni altra attività dell’amministrazione, i soldi siano spesi bene davvero, che diano il loro ritorno in risultati.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

1 Commento


Ricchi, ceto medio e flat tax: spieghiamo di che si tratta al Governo del Cambiamento

Chissà se qualcuno avrà spiegato a Di Maio cosa s’intente per flat tax (ma senz’altro si). Si tratta di una tassa fissa sul reddito annuale prodotto. Reddito che può essere molto alto o magari nullo in un determinato  anno.  Il termine “ricchi”, invece, non è strettamente economico: definisce una situazione patrimoniale fatta di beni diversi, mobili o immobili, che può essere anche dal valore molto alto. Non necessariamente genera reddito (con flat tax ha relazione potenziale, ma anche nulla) .

Un esempio classico è un immobile destinato a luogo di culto: valore a volte perfino inestimabile, ma redditi generati pochissimi o zero addirittura. Nel termine “ricchi”, tanto apprezzato da Di Maio che lo ripete a colazione e a pranzo, comprende chi fa impresa, magari con migliaia di dipendenti e con reddito conseguente. Se tasso oltremisura questo reddito posso generare un danno non tanto all’impresa e ai suoi azionisti, provoco la riduzione della capacità di rinnovamento e investimento, cala la possibilità di crescere, competere, assumere, generare ricchezza.

Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti


Buccinasco e riqualificazione: PGT o ci limitiamo al recupero giardini degradati?

Lo stesso giorno la maggioranza che governa Buccinasco, su un tema appena deciso da far conoscere, sul quale viene convocata un’assemblea pubblica per discuterlo con la cittadinanza, esce con due comunicati, dal sapore non proprio identico, anzi diverso.

Il primo che troviamo è un rticolo de ilgiorno nel quale il sindaco si fa fotografare (lui non manca mai) con la Presidente del Consiglio Comunale (numero due della lista del sindaco), con l’Assessore all’urbanistica Guastamacchia (VEDI).

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Debito pubblico: come si possono ridurre gli effetti?

La situazione del nostro debito è drammatica. Da almeno dieci anni i governi del paese dovevano affrontarla. Vi fu la forzatura Monti, fortemente voluta dai tedeschi. Mandato a casa dai Cittadini e dal sistema dei partiti; l’operazione Monti venne fermata a metà dalle elezioni. Da allora il debito è ripreso a salire fin li attuali 2.378miliardi (2017).

Ne parlano su ilsole24ore due articoli stringati e densi di dati non facilmente reperibili (Davide Colombo 14 Marzo: VEDI)  che, fatta un’analisi delle posizioni su estero dell’Italia, la bilancia commerciale, totalizza 463 miliardi di export. Mentre dobbiamo emettere nel 2019 600miliardi fra nuove emissioni e rinnovi. Davide Colombo in sostanza sostiene:

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

4 Commenti


Truffati (dalle banche): le parole che uccidono

L’insopportabile, ripetuto uso della parola truffati, ha fatto montare l’indignazione degl’italiani che hanno un minimo di base culturale in materia di diritto, di economia e di storia. Categoria di nostri connazionali non numerosa purtroppo; soprattutto quasi assente fra gli scribacchini che firmano articoli, abituati a ripetere a pappagallo gli slogan acchiappa voti dei politici di turno.

Abbiamo perso il conto, forse; non ricordiamo uno fra la decina dei giornali che vediamo, on line o cartacei, che non abbia fatto proprio, almeno una volta, il termine “truffati”. Ormai lo sanno anche i sassi che ogni slogan che viene dai politici ha fatto proprio il principio comunicativo di Lenin: lo slogan ripetuto e diffuso in modo sistematico che finisce per diventare realtà condivisa, carburante della rivoluzione.

Leggi il resto di questo articolo »

3 Commenti


Corsico: gli imbelli di Forza Italia adesso hanno quello che volevano?

Il sistema anti-mafia come metodo del far politica. L’uso della chiave anti-mafia per squalificare moralmente gli avversari. Obiettivo: legittimarsi per il potere, indossati i panni d’inquisitore:  nobile conduttore dell’ortodossia anti-mafia. Esterni a quest’uso politico sono solo le forze speciali che si dedicano al contrasto della mafia.

Bene precisare, perché nel mondo variegato degli inquisitori recitano da comprimari istituzioni, associazioni diverse e nobili personaggi, misti ad altri che del sistema fanno parte in modo conscio e ci lucrano. Il mondo PD è ridotto come tutti possiamo vedere, ma in modo indefesso continua a far uso di strumenti come il “sistema” anti-mafia avendo in qualche modo realizzato qualcosa di simile a una cinghia di trasmissione con istituzioni politiche e dello stato.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento


PD, nel silenzio pratico del sindaco, che fa senza spiegare, dopo un anno il PD dice la sua

La dichiarazione del PD di Buccinasco esce sul blog (VEDI)  senza indicazione dell’autore: una firma del collettivo: La redazione. Questa firma ha un significato: il PD di Buccinasco è tutto d’accordo sul contenuto.  Il che fa generare il dubbio che si voglia irregimentare una condizione nella quale  le voci che non concordano ci devono essere.

Cominciamo con la prima, appena meno recente, dell’ex  responsabile Morano, il quale, papale papale, dice  che azzerare il viale alberato era la cosa giusta da fare: sporcavano le macchine, toglievano la luce, ecc. Lui ci ha vissuto per vent’anni; convinto di ciò che afferma. Sembra di poter concludere che  Morano non faccia parte della “redazione”e che la “redazione” sia intervenuta per smentirlo.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


La Traviata a Buccinasco! un evento straordinario, passato inosservato o quasi

Imbarazzato per i limiti che ho nella materia, mi riprometto di far capire l’importanza di un avvenimento  che credo privo di precedenti, a Buccinasco. Mettere in scena un’opera lirica è operazione di una complessità unica, che richiede una presenza numerosa di capacità diverse: teatro, messa in scena, cast dei cantanti, coordinamento musicale e teatrale facendone un insieme unico e coordinato. Il trenta Marzo al Teatro Fagnana vi è stata la rappresentazione, gestita dalla compagnia teatrale Gli Adulti.

Le basi materiali entro cui realizzare l’evento non erano proprio consone:  mancava l’orchestra; la scenografia doveva essere essenziale; il tutto non poteva strutturarsi nel modo compiuto con recitativi, musiche di scena e quant’altro. Nonostante ciò messere insieme una vera rappresentazione è stata una sfida da far tremare i polsi ed è stata vinta. Complimenti alla regista Chiara Pozzoli e a tutta la Compagnia.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , , ,

Nessun Commento



SetPageWidth