Archivio del 6 maggio 2018

Statalismo e monopolio in versione Buccinasco: adesso tocca alla musica

Lo confessiamo: sulla scuola civica di musica noi di Città Ideale abbiamo un chiodo fisso. Simbolo di spreco di risorse, nostre tasse mal destinate, affidate in gestione a una associazione (si fa per dire), di quelle vicine all’amministrazione. Un regalino da 40mila euro e passa ogni anno mentre la gestione diretta della scuola civica nei trent’anni precedenti non ci è costata nulla o quasi…

La scuola civica vera, quella “civica” perché davvero comunale, per trent’anni se la è cavata da sola: utilizzando strutture comunali. Cosa che succede anche ora, ma con un supporto di 40mila euro. Si potrebbe pensare che queste cifre servano perché i corsi vengono rivolti gratuitamente agli aspiranti musicisti e cantanti. Non è così, perché i corsi costano, e costano abbastanza (VEDI, dal sito comunale).

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento



SetPageWidth