Archivio di febbraio 2018

Alberto Ziccardi: il nostro concittadino si racconta: leggerlo è bello e istruttivo


Il nome a non pochi dei residenti dirà qualcosa: Alberto, familiarmente lo chiameremo così: per noi basta. Risiede a Buccinasco dal 1982, sono quindi oltre 35 anni. Soprattutto a Buccinasco si è occupato e ha diretto la locale Croce Rossa operandovi per ben ventotto anni.  Tutti da volontario, superfluo indicarlo, ma di questi tempi, è precisazione opportuna. Fosse solo per questo, è un nostro concittadino di cui andare fieri.

Come ogni Cittadino per bene, viene da dire onorabile (da non confondere con onorevole); è persona che non fa sfoggio e non ama che di sé se ne parli. Non saranno pochi coloro che scopriranno ora questa sua benemerita lunga permanenza nel volontariato da questo articolo. Non ama apparire anche se il suo agire è cordiale e disponibile. Insomma una bella persona.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

2 Commenti


Buccinasco e Buccinasco più: sul piano penale la questione è finita?

Non siamo giuristi e, francamente, non siamo invogliati a verificare norme e leggi in materia di inquinamento. Sembrerebbe che, ed è convinzione diffusa, i reati di inquinamento non si prescrivono mai, fino  al ripristino dello stato ex quo ante. Dovrebbe ora non essere così, come ci informa Pocketnews (VEDI). i reati penali sono venuti meno per decesso o per prescrizione, dice una sentenza di cul l’articolo ci informa.

Articolo che è interessante e vale la pena di leggere. Invitiamo i lettori a farlo. Vi sono, nella ricostruzione, alcuni aspetti che ci paiono distorsivi e che al riguardo  intendiamo richiamare, convinti. L’articolo certifica un procedere ingiusto che lascia l’amaro in bocca. Ecco gl iaspetti da precisare della ricostruzione che ne fa l’articolo:

  • Il progetto di Buccinasco più è del sindaco Lanati, vero. Il nome è rimasto invariato con la gestione Carbonera, ma il progetto è stato stravolto. Oltre il 30% di costruito in più, ma soprattutto il riempimento a piano campagna del terreno, che Lanati non ha nel progetto, che Carbonera ha introdotto: presupposto per il “riempimento”.
  • Riempimento che è avvenuto tutto durante il mandato Carbonera. Cereda si è trovato il pasticcio già compiuto, gli appartamenti venduti in buona parte. Il problema di dover rilasciare l’abitabilità (senza la quale non è possibile fare il mutuo).
  • Cereda ha compiuto irregolarità, dice la sentenza, ma non ha realizzato il riempimento.
  • Adesso sul piano penale è tutto “sanato”, grazie alla prescrizione.
  • SUL PIANO CIVILE, la sistemazione non è chiarita e risolta. La responsabilità penale assegnata al direttore lavori ora prescritto (Pintus); Sul piano civile dovrebbe riguardare i padroni del complesso, che non sono solo i Pecchia. La nomina è gli è stata assegnata dal consorzio di cooperative che sono le proprietarie del complesso essendo Finman il realizzatore dell’opera su loro mandato.

    Quindi la responsabilità civile è di tutti gli immobiliaristi (14 cooperative o S.r.l., oltre Finman) che lo hanno nominato; sotto il loro mandato ha agito il direttore lavori..  Purtroppo responsabilità civile si è poi trasferita ai singoli acquirenti (come risulterebbe da diversi atti di vendita).

    Un pasticcio inenarrabile la cui responsabilità politica ha nome e cognome, in modo chiaro e non eludibile. La magistratura di questa situazione, sul piano penale non se n’è accorta, o non ha dato peso a questi aspetti non rilevando fattispecie penali. …. Incredibile, ma questo è!

    Quindi la sistemazione non è che con questa sentenza diventa onere esclusivo del comune: hanno più volte tentato di farlo con la gestione Maiorano, perfino infilando in modo un poco furbesco una modifica alla relazione che approva il bilancio nella quale la piazza (su cui insiste la parte maggiore del terreno inquinato) veniva “regalata” al comune con tutto da sistemare, che sarebbe diventato un costo enorme per noi Cittadini.

    11 Commenti


    Buccinasco RIFIUTI: AMSA, A2A ambiente: affari in famiglia e i Cittadini pagano

    Come i lettori abituali di Buccinasco Cittàideale  sanno, la gestione del settore rifiuti a Buccinasco è ancorato su una società che copre, con quasi 3 milioni ogni anno, la raccolta dei rifiuti: differenziata nelle sue diverse componenti e la frazione secca.  Oltre a questi costi vi è poi la piattaforma ecologica e altro di cui adesso parliamo.

    Come venga gestito il trasporto della frazione differenziata (se sia o meno a carico del comune, al momento non sappiamo). Quanto a noi vi sia di ritorno dalla frazione differenziata, pure non conosciamo. Quel che è certo al riguardo, della fine economica della frazione differenziata il comune non fornisce frequenti dati pubblici.

    Leggi il resto di questo articolo »

    Tag: ,

    Nessun Commento


    STALKING E VIOLENZA IN FAMIGLIA: informarsi, apprendere per superare

    L’incontro previsto il prossimo 27 Febbraio è occasione da non perdere. Cittaideale ha avuto modo di assistere a una serata di analoga, di informazione e confronto, svoltasi nella biblioteca di Cesano Boscone. Supportata dal comune, che ha contribuito anche con gli usuali mezzi di informazione, si è registrata una presenza numerosa e attenta, sviluppando un confronto che ha chiarito e informato sulle situazioni che si posono presentare.

    Il tema è di grande importanza; la conduzione è svolta da un docente in materia di assoluta competenza, in più occasioni invitato a informare e dibattere anche sulle tv nazionali (ricordiamo almeno un paio di queste sul primo canale RAI). Un evento senz’altro utile, probabilmente prezioso di indirizzi comportamentali e informazioni per affrontare le criticità potenziali prima che si sviluppino superando i limiti del vivere civile.

    Queste ragioni ci portano a riportare la comunicazione presentata in Consiglio Comunale dall’Ingegner Caterina Romanello. L’invito a partecipare, a non lasciar cadere questa utile opportunità, è senz’altro da cogliere e far proprio da ogni famiglia di Buccinasco.

    Da Dove Nasce la Violenza. Stalking, una relazione da ri-conoscere

    Consiglio Comunale – Dichiarazione Consiglio 20 Febbraio 2018

    Leggi il resto di questo articolo »

    Tag: ,

    Nessun Commento


    Berlusconi e il suo programma: qualche riflessione di fondo

    Abbiamo compiuto una descrizione e analisi sui contenuti economici dei programmi di PD e M5S. Riteniamo opportuno,  ci sentiamo quasi obbligati, a esprimere ora analoghe considerazioni sul programma dell’area centro destra, che dovrebbe rappresentare i moderati. Capofila dei quali non può che essere Berlusconi. Per la sua storia personale e il suo peso, la funzione e la responsabilità che gli deriva dal ricoprire la punta di diamante di quelli che, nel Regno Unito, avrebbero il nome di Conservatori.

    Siamo andati a cercare documenti approfonditi dal carattere sistematico, non trovandoli; un nostro limite forse.  Mancando di questa proposta complessa e articolata abbiamo qui riuniti articoli da quotidiani di spessore economico (VEDI ilsole24ore,VEDI Italiaoggi, VEDI money.it). Il contenuto trovato ha il carattere, efficace e accattivante, che mette in risalto un cambiamento di passo nell’economia. Che guarda al futuro, che crea aspettative, speranze, ottimismo. E di ottimismo sappiamo quanto bisogno abbiamo.

    Leggi il resto di questo articolo »

    Tag: , ,

    2 Commenti


    ‘ndrangheta a sproposito quando i problemi sono altri

    Nella seduta del Consiglio ultima, si è verificato un intervento del sindaco su un argomento estratto dal cappello a cilindro (non previsto nell’odg). Cosa ci ha raccontato il sindaco, lo riepiloga il medesimo in un comunicato stampa (VEDI). La ‘ndrangheta di cui parla il sindaco, proprio non c’entra.

    Un Cittadino residente a Buccinasco (perché tale è oggi il signore in questione) ha una legittima abitazione in luogo intestato alla famiglia. Ritiene di aver diritto degli spazi comuni di una villetta, per il resto oggetto di sequestro antimafia. È aperta una vertenza al riguardo, che vede quale interlocutore l’amministrazione comunale, assegnataria del bene sequestrato.

    Leggi il resto di questo articolo »

    1 Commento


    I favori fra amministrazioni entro il PD, che il tempo rende poco decorose. Indecenti

    Fra le decisioni assunte dall’amministrazione Maiorano-Pruiti, ve ne fu una che a suo modo fece scandalo. Ne parlammo qui in Cittaideale (VEDI, un articolo del 19 Marzo 2015): un funzionario di San Giuliano Milanese, più che chiacchierato, indagato. Messo in un angolo nel suo municipio, fa domanda di venire a Buccinasco.

    Il sindaco accoglie prontamente, nonostante abbia uno stipendio da dirigente (!), dovendo rimborsare uno sproposito per il trasferimento giornaliero in auto da san Giuliano a Buccinasco. Si vada a vedere l’articolo di tre anni fa… con 30 commenti molto interessanti.  Rimane a Buccinasco per tre anni, poi ritorna nel suo comune, a svolgere i suoi compiti.

    Leggi il resto di questo articolo »

    Tag:

    2 Commenti


    Trasporti e sevizi pubblici a Buccinasco: si attesta il fallimento

    I trasporti come sistema entro il comune di Buccinasco non sembrano seguiti  nel loro insieme. Insomma il tema mobilità non viene affrontato come sistema. Non solo, ma ciascuno dei singoli aspetti viene preso in a se stante, un pezzetto alla volta. Proviamo a dare un’occhiata ai diversi aspetti che compongono il sistema mobilità.

    Cominciamo con il più semplice: lo spostamento a piedi dei Cittadini. Richiederebbe un’analisi delle modalità con cui vederne l’applicazione; aree dedicate in modo esclusivo (poche) altre miste avendo cura alla sicurezza, la continuità dei percorsi. L’esigenza crescente di considerare anche modalità di spostamento che agevolano le forme, crescenti, di spostamenti assistiti. Destinate a crescere fatalmente con l’allungarsi della vita.

    Leggi il resto di questo articolo »

    2 Commenti


    Elezioni, confusione, scelte masochiste; oppure usuale politica ?

    Riceviamo un notizia di cui sentiamo il dovere di parlarne ai nostri lettori. Ci si riferisce alle manovre che, una sull’altra, comprendono tutti gli schieramenti, con particolare riguardo a piccole liste e movimenti<,  quasi promossi da una persona sola. Hanno il problema di come mettersi: con chi e in qual modo, per “arrivare”.

    Ci troviamo in una condizione particolare questa volta, con la nuova legge elettorale gli schieramenti sono ondivaghi, dal colore cangiante. Non perché cambiano le recite; soprattutto il cambiamento possibile ha affetto  personaggi che aspirano comunque a restare in sella. Uno degli effetti di questa legge elettorale.

    Leggi il resto di questo articolo »

    Tag: , ,

    Nessun Commento


    Fascismo e Antifascismo in Italia: insieme a stupidaggini (interessate)

    Cominciamo con un poco di storia. Uno Stato debole, una classe politica altrettanto tale, portò alla confusa gestione del  primo dopoguerra: un radicalizzarsi degli schieramenti. La domanda di ordine e giustizia si rafforzò e venne espressa da Mussolini e dal fascismo. Una quota maggioritaria dei votanti (solo maschi), in assenza di alternative, portò Mussolini al governo.

    Espressioni di condivisione vennero in questo primo periodo da personalità di peso come Benedetto Croce e perfino Don Sturzo, che in preve presero poi le distanze dal Partito Fascista. In un contesto dalle criticità diverse cui la classe politica del tempo non riusciva a dare una credibile prospettiva di soluzione, fu così che un partito prima inesistente arrivò ad essere il primo.

    Leggi il resto di questo articolo »

    Nessun Commento


    Ndrangheta e le professioni: un nervo scoperto, ma anche altro

    La Commissione parlamentare antimafia, quella presieduta da Rosy Bindi, qui a Cittaideale è stata citata per un episodio semiserio a Corsico (la Sagra dello Stocco), divenuto notizia nazionale con tanto di convocazione del sindaco Errante in una seduta tenutasi a Milano, per chiedergli spiegazioni.  Come molte commissioni e organismi partitici non la riteniamo il massimo della credibilità ed equilibrio.

    Il 21 Febbraio (sotto elezioni, ma è una coincidenza) uscirà la relazione annuale della Commissione, di cui circolano già riepiloghi e anticipazioni. Un aspetto di grande importanza riguarda la presa di coscienza del diffuso coinvolgimento della ndrangheta dai colletti bianchi, di cui si può leggere un interessante articolo dell’ottimo Roberto Galullo su ilsole24ore già il 13 Febbraio (VEDI). Anche un’altra descrizione che ne fa pocketnews focalizzata sulla Lombardia  (VEDI).

    Leggi il resto di questo articolo »

    Tag: ,

    1 Commento


    Elezioni regionali candidatura di una professionista: Rita Amabile

    Non è usuale trovare personaggi di spicco entro la P.A. che si fanno notare per la caratura nello svolgere ruoli di peso, che decidono lasciando il segno, che non sono disponibili a scambi di favori, che tirano dritto. Quando ci sono, succede raramente, ecco che diventano dei pezzi da novanta , tanto da divenire il punto di riferimento che superano le potestà del sindaco intelligente.

    Perché qui, quando si arriva a incarichi politici di peso, succede qualcos’altro nella politica usuale della nostra politica di potere. Spesso, troppo spesso, il far politica è questione estranea all’amministrare, al gestire. In politica si impara a decidere in funzione del potere, soprattutto personale, o di partito. Ciò che conta è la fortuna personale, la scalata del potere. Il resto, l’esito della scelta, i suoi effetti sulla gestione di un ente o una società, vengono dopo, non interessano.

    Leggi il resto di questo articolo »

    Tag:

    Nessun Commento


    PD e il debito pubblico: cosa dobbiamo aspettarci

    Un’intervista che riguarda il debito pubblico fatta da ilsole24ore ai segretari dei partiti in corsa l’abbiamo trovata relativa a Renzi, pubblicata il giorno 10. Ci piacerebbe avere altrettanto dagli altri; che finora non l’hanno affrontata come argomento specifico. Vedremo di compiere, con tutti i nostri limiti, un’analisi di quanto ci sia da aspettarsi da un eventuale governo PD.

    L’intervista ha un respiro non localistico (VEDI), affronta temi come la gestione dell’Europa, ma anche quello che lui definisce “austerità”, termine evocativo di sacrifici, che viene bene archiviare prima delle elezioni. Lasciamo le terminologie che sanno di strumentale e demagogico e veniamo alla questione che più interessa e coinvolge. Anche noi ma soprattutto l’Italia: il debito pubblico.

    Leggi il resto di questo articolo »

    Tag: ,

    2 Commenti


    #Retelavoro e Sportello Lavoro del Municipio: incompatibilità?

    L’iniziativa #Retelavoro promossa da Alberto Schiavone non ha avuto una buona accoglienza dalla maggioranza quando l’estate scorsa si sono svolte le elezioni comunali. Estranea  alla gestione Maiorano Pruiti, allora si pensava: fastidi di natura elettorale; cercare di mettere fumo su un’iniziativa di impatto sociale e comunicativo, che portava via voti.  La sinistra è da sempre gelosa delle iniziative “sociali”, convinti come sono che queste possono essere solo loro, sul lavoro poi…

    L’iniziativa #Retelavoro è proseguita anche nel dopo elezioni: Pruiti vince, ma c’è questa proposta #Retelavoro che non è loro, che prosegue,  esterna alla maggioranza (Schiavone direbbe dell’opposizione). Il solo fatto che prosegue un’iniziativa che riguarda il lavoro, fuori da coloro che sono i depositari del lavoro, disturba. Disturba parecchio.

    Leggi il resto di questo articolo »

    Tag:

    Nessun Commento


    Movimento Cinque Stelle: il programma e la sfida da cogliere

    Riceviamo osservazioni da un lettore, e amico, carissimo. Ci sottopone aspetti del programma M5S. “Qualche spunto (e non mi sembra necessario aggiungere altro)”. Si tratta degli aspetti che, per chi ce li sottopone, sono visti come problematici. In parte la stesura sarà anche forzata da esigenze di sintesi; dobbiamo per onestà verso noi stessi e i nostri lettori presentarli e coglierne i limiti; ciò che consideriamo errori. Anche seri.

    Non che siano solo questi gli aspetti su cui verrebbe da discutere; praticamente su tutto ci sarebbe da limare, puntualizzare e precisare. Correggere o espungere (mettere fuori). Questi tuttavia bastano per una prima analisi, che non ha intento elettorale, a favore o contro. Ci muove ciò che riteniamo l’interesse del Paese.

    Leggi il resto di questo articolo »

    Tag:

    6 Commenti



    SetPageWidth