Archivio del 9 giugno 2017

Candidato sindaco della sinistra, una cronistoria del mandato passato – parte V

(Andrea Dalseno 06 Giugno 17) Eccoci giunti alla quinta e ultima puntata della nostra cronistoria. Non che non ci sia altro da dire, ce ne sarebbe abbastanza da scrivere un libro, ma ormai le elezioni sono alle porte e credo che i lettori abbiano avuto informazioni più che sufficienti per farsi un’idea.

Oggi ci occuperemo di Scuola di Musica, progetti originali (o dovrei dire strampalati?), ronde e sicurezza. Cenni telegrafici, ma chi fosse interessato ad approfondire potrà seguire i link e leggersi gli articoli.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

Nessun Commento


Il voto: le possibilità d’errore, ma anche gli effetti di come si vota

La questione che viene dibattuta riguarda soprattutto il voto disgiunto. Di che si tratta? La possibilità per l’elettore di votare per un candidato sindaco e porre preferenze di candidati di altre liste. Rimane valida l’intenzione dell’elettore, sia  per l’indicazione del Sindaco, sia per le preferenze assegnate. Meno si parla degli effetti di questo comportamento; crediamo possa essere utile qualche riflessione. Parliamone.

Il voto al Sindaco, la X sul simbolo, va a cumularsi nella conta dei voti da cui emerge il sindaco. Voto determinante: UNO nel primo turno porta al ballottaggio o esclude dalla competizione il sindaco. DUE: la vittoria al ballottaggio assegna al sindaco (“Alla lista o al gruppo di liste collegate al candidato sindaco eletto sono attribuiti almeno il 60% dei seggi”) tre quinti dei Consiglieri, nel nostro caso 10 Consiglieri. I sei rimanenti vanno divisi fra le minoranze (quelle che superano il minimo di un rappresentante). Quindi il voto al candidato sindaco, quando eletto,  porta con sé  10 Consiglieri su sedici!

Leggi il resto di questo articolo »

3 Commenti



SetPageWidth