Archivio di novembre 2016

Marciapiedi, alberature e polemiche elettorali

La questione riguarda una delibera relativa  alla sistemazione di alcuni marciapiedi. In cinque anni non è stata fatta alcuna manutenzione, probabilmente neppure nei mandati precedenti, per conseguenza la situazione è quella che ci troviamo oggi: parecchi sono sconnessi, il manto di copertura è presente a macchia di leopardo, con buche più o meno serie, rischi di inciampi e cadute, ecc.

Siamo sotto elezioni e al termine del mandato qualcosa la nostra amministrazione deve far vedere che fa. Quindi a inverno ormai pieno, si comincia. Nessun comunicato, nessuna indicazione delle strade interessate, niente circa entità e durata dei lavori per i vicini; via all’appalto lavori e si va. Non è il massimo per un rapporto con i Cittadini, ma sappiamo che questa amministrazione agisce così.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Italia, debito pubblico e finanza internazionale: proviamo a capire per decidere

Stiamo a ridosso di un referendum che avrà un esito, il quale dal giorno dopo non dovrebbe avere effetti sulla nostra situazione, quale che sia il risultato. Così in genere si pensa, e sembrerebbe una affermazione di buon senso. Invece non lo è. Nelle condizioni in cui siamo messi è inevitabile che vi siano riflessi internazionali, tanto più pressanti quanto maggiore è il nostro debito collocato all’estero.

Il nostro debito pubblico è conservato parecchio in Italia, in prevalenza presso banche e altre istituzioni pubbliche; un 10% circa presso privati. Solo in Europa siamo sui 3/ 400 miliardi fra banche europee e BCE. Poi ci sono i fondi sovrani più o meno arabo/petroliferi, i mercati orientali e USA. Una robusta rappresentanza dell’economia mondiale che sull’Italia ha scommesso.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

14 Commenti


Basta, basta, basta! così il paese resta fermo

Qual è la goccia che fa traboccare il vaso? Con un tempismo che peggio non poteva capitare, su un appello della Regione Veneto, la Corte Costituzionale ha deciso su tre commi di una legge del Governo. Stabilendo che non basta la semplice asserzione, con la Regione occorre un’intesa.  Fin qui si potrebbe dire che si tratta di contrasti fisiologici fra Stato centrale e Regione, main pratica è un diritto di veto.

Delle polemiche, di Renzi, degli schieramenti per il SI o per il NO spesso sgangherati , non c’importa nulla. Ci interessa invece come si intende ridurre il nostro debito pubblico, le nostre tasse, per far ripartire il Paese.  Lasciate le polemiche andiamo a vedere il contenuto della decisione della Cassazione. Troviamo qualcosa che ci orienta, sullo specifico, su ilsole24ore (VEDI):

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

36 Commenti


Referendum: le ragioni del Si e del NO. Una stesura analitica

Caro Luigi, e cari aderenti a Sosteniamo Buccinasco, Giorgio Galli, docente di Storia delle dottrine politiche presso l’Università degli Studi di Milano, è uno dei maggiori politologi italiani. E’ inoltre Direttore dell’ Istituto Lombardo per gli Studi Filosofici e Giuridici, che ha realizzato per conto della Società Umanitaria, la ben nota istituzione milanese: il numero speciale della sua Rivista Civica dedicato al referendum.

Di particolare interesse tutta la parte delle ragioni del SI e del NO, trattate in modo veloce ed incisivo.

Completano l’opera documenti tra cui il testo confrontato della costituzione attuale e riformata, il documento dei giuristi per il no, ecc.  Può essere uno strumento utile per i lettori di Città Ideale. Se condividi potresti metterlo sul sito.Adriano Carena 24 Novembre 2016

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

10 Commenti


Buccinasco, elezioni vicine: iniziativa a spanna e cattiva comunicazione

Basta il titolo a dimostrare: il nostro titolo si giustifica dal titolo di un comunicato dell’ufficio stampa: “un contributo economico contro la povertà”. Dichiarazione fasulla e non rispondente alla legge, tanto più che il comunicato è carente e oscuro. Poi qualcosa si riesce a capire da un allegato, ma il comunicato non può dar luogo ad affermazioni  sbagliate.

UNO: non si tratta di un contributo del Municipio, ma di un finanziamento europeo, Legge da Aprile 2016. Il comune ne prende atto con modalità incompleta, comunque non chiara rispetto alle normative. DUE: i costi per il comune, per noi, sono salati: costruire una serie di attività di supporto in formazione e avviamento al lavoro. Costi che toccano a noi (ma questo il comunicato non lo dice).

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

2 Commenti


Le ragioni del NO e le criticità del Paese. Gli effetti possibili

La questione legata al referendum (obbligatorio applicando la costituzione, perchè la maggioranza che lo ha approvato in parlamento è inferiore a 2/3) assume un carattere straordinario per gli effetti che avrà sul nostro paese. Il clima da ultima spiaggia con cui si sta proseguendo nel dibattito non ci entusiasma, preferiamo tenercene fuori.

Lo abbiamo considerato nel caso di Domenica 27 perché ci è parso utile far rilevare un’attenzione all’impegno civile dell’Ecclesia locale, non usuale e considerato positivamente. Le nostre valutazioni, che non sono di schieramento politico (chi ci legge conosce bene la nostra ripulsa del sistema odierno dei partiti).

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

4 Commenti


Scuola Materna Romano Banco: gli iscritti aumentano? Il sindaco riduce i contributi

Sulla cervellotica struttura della convenzione imposta dalla giunta abbiamo già avuto modo di parlare quando è stato approvato il rinnovo (VEDI). Cominciamo a scusarci per il titolo, perché oggi l’istituzione che ha sede nella Parrocchia è, a tutto titolo SCUOLA D’INFANZIA PUBBLICA PARIFICATA: Pubblica, a tutti gli effetti. Svolge un servizio sociale primario, fondamentale, che il sindaco non è in grado di offrire.

Una scuola parificata, gestita al di fuori dello Stato, che si pone liberamente a confronto con le analoghe strutture, che assume a proprio carico il rischio della gestione, che deve richiedere ben di più in rette ai genitori. Ciononostante  rappresenta una condizione inaccettabile: genera  un raffronto che tutta la struttura pubblica non accetta. Non deve vedersi  l’inefficienza: questo è lo scandalo.

Leggi il resto di questo articolo »

7 Commenti


Cattolici e Referendum: a Buccinasco la parrocchia come centro di cultura civile e sociale

A metà novembre la parrocchia Maria Madre della Chiesa di via Marzabotto ha accolto un dibattito sul referendum che ha visto tempi rigorosamente ripartiti. Domenica 27 alle 21.00 si terrà una seconda serata presso la Scuola Materna Parrocchiale Don Stefano Bianchi, in via Fratelli Di Dio. Crediamo sia legittimo, Città Ideale valuta positivamente la sua presenza, su una questione imporante che riguarda il paese (VEDI).

Ricordiamo che il referendum si fa perché lo richiede la costituzione, in quanto in palramento non si è raggiunta la maggioranza dei due terzi.  Il relatore Lorenza Violini è docente di diritto costituzionale presso l’Univesità Statale di Milano, senz’altro preparata in materia, che certamente aiuterà a comprendere.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

18 Commenti


Sicurezza: i dati aggiornati dal Ministero: conferme ma anche pericoli

Sarebbe normale ma da noi è straordinario che si possano avere e documentare i dati italiani, divisi per categoria, per Città Metropolitana, in un decorso di dieci anni; mentre a Buccinasco  questi dati, più volte sollecitati, non sono conosciuti. Avranno troppo da fare i nostri della Polizia Locale, non hanno un PC, oppure non c’è nessuno che sappia compilare un foglio excel aggiornandolo.  Questi i reati per numero nei principali capoluoghi

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


La giunta compera 2.373 pali della luce da ENEL Sole. Un affare?

La delibera di giunta n.194 del 16 11 2016 non riporta il numero di pali rilevati da ENEL Sole S.p.A.  Indica solo l’importo complessivo: 129mila euro. Ma torniamo indietro e chiariamo: dal documento del PRIC (Piano Regolatore Illuminazione Comunale) approvato il Febbraio 2014, 140 pagine, risulta che i pali in proprietà ENEL Sole S.p.A. sono 2.373.

Su questi pali, dice sempre il documento PRIC su questi pali ENEL Sole S.p.A., paghiamo, da una vita,  un noleggio cadauno di 30 euro l’anno. Fanno 71.190 euro di noleggio.  Il valore di riscatto, periziato da un ingenere di Roma, porta a 129mila euro, che riguarda pali e corpo illuminante. Ma… I corpi illuminanti sarebbero da cambiare con altri più efficienti (minor consumo).

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

2 Commenti


Acqua: sconto da 50 euro o più per chi si trova nel bisogno

Un esempio tipico, piccolo se si vuole, ma se sommato a centinaia d’altri in diverse sommette tolte ai Cittadini e alle imprese, poi somma l’insieme di tasse e prelievi che rende il Paese inefficiente, non competitivo. Parliamo di una regalia che, bontà sua, la società pubblica (nel senso che ha per azionisti comuni regioni e che altro), offre ai comuni della metropoli milanese, come sconto per i bisognosi.

Ricordiamo due principi di questa specie di imprese stataliste: agiscono in condizione monopolistica (di fatto non compatibile con le norme europe). Quindi danno per scontato che sono già al top di efficienza, venendo meno ogni parametro competitivo. Hanno bilanci tranquilli fra gli altri stipendiando amministratori, dirigenti e quanti altri che trovano posto “politico”. Il loro reddito è automatico e non sono pressati a migliorarsi.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

3 Commenti


Piste ciclabili a Buccinasco: storia infinita, spese a gogo

Città Ideale non ha le competenze da urbanista, ai lettori è quindi richiesta comprensione , se interessati a meglio comprendere,  la verifica puntuale degli elaborati pubblicati nella delibera di giunta 193 del 16 11 2016 (con le planimetrie allegate) . Nella delibera si descrive un piano ciclabile da Pieve Emanuele, Zibido San Giacomo, Basiglio, Assago fino a Buccinasco, con un costo complessivo per 1,3milioni.

Progetto denominato PIÙ BICI, che burocraticamente ha un titolo quasi incomprensibile:

“POR FERS 2014-2020 – ASSE IV – ATTUAZIONE DELL’AZIONE IV.4.E.1.1 SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE NECESSARIE ALL’UTILIZZO DEL MEZZO A BASSO IMPATTO AMBIENTALE ANCHE ATTRAVERSO INIZIATIVE DI CHARGING HUB – MISURA MOBILITÀ CICLISTICA – APPROVAZIONE IN LIN”.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Suffragio universale: può generare la democrazia reazionaria di massa

La democrazia come sviluppata dal 1900 si ancora su due pilastri: i Cittadini hanno tutti diritto di voto, analfabeti compresi. Hanno quindi il diritto di eleggere, di scegliere loro i  politici cui affidano la delega di rappresentare i loro interessi. L’onda progressista sulle ali dello sviluppo economico senza fine dava a questa immagine ampia fiducia sul prevalere della crescita culturale, sociale, economica di tutta la società.

Le osservazioni critiche a questa visione non mancarono fin d’allora: il prevalere nei risultati di un far politica di demagoghi,  la vincita facile basta su proposte basate su argomentazioni troppo semplici, le promesse spesso impossibili, l’incitare verso soluzioni guerresche incolpando gli stranieri (o gli ebrei). La delega troppo ampia giustificata dal basso o nullo livello d’istruzione, che assegna eccessivo potere a questi eletti.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

12 Commenti


La gestione del personale in Municipio: un problema serio

Ogni volta che riguardo all’area risorse umane questa infelice gestione Maiorano si muove suscita perplessità. Come minimo si rimane perplessi soprattutto se, riguardo alla gestione delle risorse umane, si parla con persone dotate di  esperienza e competenza.

Siamo nell’ambito della Pubblica Amministrazione e sappiamo quali incrostazioni stataliste e burocratiche si sono ingigantite negli anni, tuttavia a pagare il funzionamento  del Municipio siamo noi Cittadini. L’efficienza e la qualità di una gestione ben fatta avrebbe effetti consistenti. Il costo del personale e addentellati non è lontano dai 3,5milioni ogni anno. Sarebbe bene che questo impiego fosse ottimizzato.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Revisione della Costituzione: che almeno si consideri la storia recente

Senza andare molto indietro basta risalire all’atto che, dopo due mesi dalle elezioni, il 22 Aprile 2013, dopo che Napolitano è stato implorato da un corteo di segretari politici e istituzionali, di accettare l’incarico rinnovato a Presidente della Repubblica. Su questa campagna relativa al referendum sulla revisione della Costituzione.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

6 Commenti



SetPageWidth