Archivio di febbraio 2016

Unioni civili e convivenze: cosa dice il testo approvato al Senato

Ormai siamo a una condizione del testo prossima alla sua stesura definitiva. Non dovrebbero esservi sorprese, salvo una forse.  Il passaggio alla Presidenza della Repubblica per l’analisi del profilo di costituzionalità. Cosa che non è proprio banale nel caso in esame e, dall’articolo se ne comprenderanno le ragioni (per la legge, allo stato attuale VEDI dal sito del Senato).

I proponenti della legge: sono pressoché totalmente del PD, in tutto su 74, di cui uno IDV e due SVP. Fra i nomi più noti (oltre Cirinnà): Puppato, Manconi, Gotor, Ichino, Idem, Mineo, Mucchetti, Orellana (ex M5S). Nessuno degli altri gruppi di Camera o Senato è tra i proponenti. Non è curioso? Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento


Bilancio 2016 e rendiconti: adesso abbiamo la situazione mensa

L’interrogazione del Consigliere Domenico De Palo di Coalizione Civica,  che chiede la situazione degli insoluti del sistema mensa, è stata occasione per dimostrare come dovrebbe rendicontarsi un bilancio che si meriti questa definizione: le poste attive e passive, come si muovono;  le dinamiche  dei fenomeni economici, le prospettive e le scelte di chi amministra, motivate dai numeri e da quanto ci si ripromette.

Un’analisi ben fatta e quasi esaustiva (VEDI). Nel merito va intanto osservato l’elemento positivo che viene dalla scelta di cortocircuitare il rapporto fornitore/utente, eliminando la funzione di passamano svolta dal Comune (che paga il fornitore della mensa per poi andare a raccogliere il prezzo dagli utenti). Nel 2016,  e in seguito,  gli impagati che deve gestire il Comune saranno vicini allo zero, sul presupposto di un servizio mensa che sia efficiente e funzioni. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento


Imprenditore in Italia: l’esempio Caprotti è vergogna per il paese

Città Ideale ne parlò nel 2012 (VEDI), quando per diffamazione il tribunale condannò il libro del fondatore di Esselunga (Falce e Carrello),  nel quale racconta il suo fare impresa nel nostro sistema statalista. Non stiamo a ripetere la motivazione addotta, perché i fatti descritti sono sostanziali e non smentiti. I lettori interessati possono leggersi l’articolo di quattro anni addietro, oppure comprarsi il libro tuttora in vendita nel grande magazzino.

Perché ne parliamo adesso? Veniamo incidentalmente a sapere che il 10 Febbraio 2016 il PM chiede la condanna di Caprotti per diffamazione di un dirigente Coop (sempre diffamazione, al di là del merito). Attendiamo la decisione del tribunale, ma la faccenda va raccontata. A Esselunga perviene una offerta di registrazioni telefoniche imbarazzanti circa  comportamenti anticoncorrenza del dirigente coop. Queste registrazioni arrivano ai giornali (Ilgiornale e Libero), che le pubblicano.

Il merito della situazione raccontata è  da evitare da parte di un’impresa, tanto più se questa è un gruppo cooperativo.  Il giudizio viene promosso da Coop Lombardia che chiede danni a Caprotti per la diffusione del contenuto. Si badi: non per il contenuto, ma per la diffusione: la “campagna diffamatoria contro la concorrente Coop Lombardia” pubblicata dai giornali: Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

2 Commenti


Legalità a corrente alternata: proteggendo i sinti

Il nostro Sindaco viene sovente citato nelle sue frasi “storiche” nei comunicati dell’ufficio stampa pubblicati sul sito del Comune. Fra l’altro i lettori ricordano per caso,  una volta, di aver mai letto il pensiero di un rappresentante della minoranza? della società civile? Non esiste neppure in ipotesi entro questa concezione sovietica della gestione politica: democrazia trasformata in dittatura dei PD, dei “progressisti”, moderna interpretazione della leninista dittatura del proletariato.

Veniamo a cose più lievi, ma non dimentichiamo, cari lettori, la concezione dittatoriale di questa amministrazione, che si avvale della legge maggioritaria (con il supporto del Consigliere UDC, bene ricordarglielo). I quote (le dichiarazioni virgolettate) del sindaco sono frequentemente approssimative in modo interessato, come ad esempio la frottola delle tre croci, di cui ci siamo occupati qualche giorno fa: Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Architetto Gregoria Stano: un (altro) riconoscimento. Grazie e un arrivederci

Questa amministrazione che si sta avviando all’ultimo anno, non sarà ricordata per le cose fatte, per le iniziative e strutture messe in campo, i regolamenti, l’organizzazione del personale. Neppure per i suoi rappresentanti che, sia detto senza animosità, non si sollevano dalla mediocrità. Non resterà nulla, se non un Comune messo peggio di come trovato, con buona pace delle aspirazioni individuali.

Sarà un’altra persona che certamente, senza sua volontà o partecipazione, senza protagonismi;  si può dire suo malgrado,  è destinata a segnare questo periodo:   l’Architetto Gregoria Stano. Fosse vissuta alcuni secoli addietro, poteva finire al rogo come strega, come usava allora. Chissà quante donne dotate di personalità, in un mondo di analfabeti hanno percorso questo tragitto: l’intelligenza accompagnata dalla logica ha sempre fatto paura. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

16 Commenti


Europa degli interessi nazionali: ne vale davvero la pena ?

Il 2015 è stato un anno chiave per l’Europa. L’evento madre che ha fatto emergere la situazione vera, concreta dell’assetto attuale dei Sei Paesi Fondatori, poi i Diciannove della Zona Euro, poi i Ventotto a formare gli Statu Uniti d’Europa, più i cinque candidati ad entrarvi. Quest’elenco è l’Europa in fieri, ma per ora siamo a una rappresentazione.

Sceneggiata per il futuro; nel 2010 a Lisbona la Commissione Europea ha deliberato il progetto degli Stati Uniti d’Europa per il 2020, basato sui seguenti capisaldi obiettivo:

  1. Occupazione: innalzamento al 75% del tasso di occupazione per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni;
  2. Ricerca e sviluppo: aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al 3% del PIL dell’UE
  3. Cambiamenti climatici e sostenibilità energetica: riduzione delle emissioni di gas serra del 20% rispetto al 1990, 20% del fabbisogno di energia ricavato da finti rinnovabili, aumento del 20% dell’efficienza energetica (obiettivo ricordato come 20-20-20);
  4. Istruzione: riduzione dei tassi di abbandono scolastico  precoce al di sotto del 10%, aumento al 40% della fascia di età 30-34 anni con un’istruzione universitaria;
  5. Lotta alla povertà e all’emarginazione: almeno 20 milioni di persone a rischio o in situazione di povertà ed emarginazione in meno. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

7 Commenti


INPS: un Titanic che sta andando contro l’iceberg

Miserabile di Montecristo, stimolato dalla riflessione di Città Ideale, ha composto una sua analisi che aiuta a dare il quadro drammatico in cui si trova oggi il nostro sistema pensionistico. La lettura potrà forse sembrare eccessiva? Consiglieremmo i lettori a non farsi fuorviare: la situazione è davvero critica.

Tanto più che avremo davanti anni, forse decenni, ove il lavoro che genera reddito, che consente accantonamenti per pagare pensioni, sarà dura mantenerlo sui livelli d’oggi. Più probabile che tenda a calare. Così come saranno ridotte le pensioni calcolate su un sistema contributivo (quello che si sarebbe dovuto fare fin da subito). Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Arboit, Cerberus, Arch. Stano: disinformazione e fatti

Che l’Assessore alla Cultura abbia bisogno di parlar d’altro nella speranza di accantonare il suo conflitto d’interessi, che egualmente si debba mettere ombra alle condizioni di qualche imbarazzo in cui si trova l’Assessore al Bilancio; che la promozione a dirigente di Ministero dell’Arch. Gregoria Stano debba essere sminuita ventilando suoi comportamenti  astiosi nei confronti dell’”eroe Carbonera”. Ci sta tutto: umanamente comprensibile, cristianamente richiama la misericordia.

Ma qui siamo a personaggi che sono Pubblici Amministratori, cui l’obiettività e l’onestà sono, o dovrebbero essere, un obbligo, una direttiva assoluta. Pur con tutta la comprensione che viene dalle difficoltà personali e di gruppo, diventa obbligo, nostro di Città Ideale, mettere in chiaro le descrizioni artefatte del Pubblico Amministratore di cui sopra. Leggi il resto di questo articolo »

6 Commenti


Parroco e Cittadino: a cosa serve il prete nella vita civile. Un esempio

Città Ideale è mossa da questa riflessione da una carenza che avverte da tempo, nel vivere e vedere la realtà civile di una categoria che nei media, nel sentire diffuso, viene avvertita come altra, quasi estranea come se rispondendo alla fede, a ciò che è visto come la chiamata del Padre, rappresenti un mettersi fuori, lasciando la società civile: ciò che ancora nel Manzoni veniva definito “il Mondo”.

Siamo invece convinti che la componente “laica” dell’attività pastorale meriti riflessioni che oggi mancano, che non ci sono. Prendiamo l’esempio da Don Savino Gaudio. Un parroco a Corsico che in tre anni lascia un segno tale da vedere la chiesa piena oltre ogni limite, 60 e oltre i sacerdoti concelebranti, anche più di un vescovo per l’ultimo saluto. Ci soffermiamo però sui Cittadini: la piazza piena una folla mai vista, silente. Un clima compreso, religioso nel modo e nel clima: una partecipazione religiosa certo, ma indubitabilmente civile. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Le pensioni di reversibilità e i problemi che dobbiamo aspettarci.

Un discorso articolato richiederebbe un libro. Saremo più concisi, essenziali ma sperando di essere compresi. Bisogna partire da due fattori che spesso sono dimenticati, anzi tre. Negli anni settanta la riforma Brodolini stabilì che i fondi pensione accumulati potevano essere distribuiti, incrementando il valore erogato, perché i nuovi versamenti avrebbero coperto il pagamento delle pensioni (allora si pensava così…).

Uno spreco enorme, fatto di pensioni baby soprattutto nel pubblico impiego. Gli scivolamenti (anni virtuali di contributi), hanno spazzato via i fondi delle pensioni private accumulate dai versamenti. Agevolato qualche milione di pensionati che hanno percepito pensione per trenta o quarant’anni, consumando il fieno in cascina. Il secondo buco è dato dal caricare sui versamenti al fondo pensione le cosiddette pensioni sociali. Il minimo vitale assegnato a chi non ha versato contributi sufficienti. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

1 Commento


La destra a Buccinasco: dove sta? Non si vede

Naturalmente non è vero che a Buccinasco non ci siano i rappresentanti locali dei partiti che su scala nazionale si collocano nell’area a destra del governo nazionale.  Ci sono Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega Nord, ci sono. Hanno tre rappresentanti in Consiglio, che avrebbero potuto essere quattro se Lega Nord avesse voluto far valere la ripartizione dei resti. Cose note.

Perché ne parliamo. Veniamo chiamati a parlarne perché più di qualcuno ci accusa di partigianeria, di una critica tutta rivolta a chi sta a sinistra, mentre con la destra sembra non esserci motivo di confronto. Naturalmente così non è, ma qualche spiegazione è dovuta, lo facciamo volentieri. Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti


Pista ciclabile Gudo Gambaredo. La verità dell’imprenditore

Nella sua asciutta descrizione dei fatti, questo documento Città Ideale lo ritiene degno di interesse particolare. Non capita frequentemente che l’imprenditore descriva così, con chiarezza che diventa inconsueta, un rapporto con l’amministrazione pubblica, in genere col comune. Quasi una confessione, un mettere le carte in tavola.

Infatti il tema qui non è il rapporto con il legale del comune, che per il Cittadino è un signor nessuno. Il suo interlocutore è l’ente e l’ente ha il dovere di adempiere alla richiesta legittima di un qualsiasi Cittadino. Qui non interessa altro: la genesi di una azione giudiziale artificiosa, una denuncia che allega le carte utili a sostenerla, nascondendone altre che toglierebbero logica a ciò che si sostiene e via di seguito. Leggiamoci il racconto di Simone Bicocchi, che ringraziamo.

STORIA DELLA PISTA CICLABILE REALIZZATA  DALLA MIA AZIENDA

Non è mia consuetudine scrivere su questo blog, ma essendomi sentito tirato in causa inevitabilmente devo commentare. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

13 Commenti


Azzerato il PGT : sindaco fino al 30 Aprile riceve e approva cambiamenti (?)

Già dal titolo questa situazione si presenta per lo meno illogica. Che il PGT si doveva cambiare Città Ideale lo ha appreso il 6 Febbraio dalle dichiarazioni del vicesindaco, che ha dichiarato essere passaggio indispensabile per liberare l’area entro la quale realizzare la caserma, che si farà perché la Regione mette a disposizione 2/3 della cifra necessaria di 2 milioni.

Ha detto il vicesindaco in commissione (non saremo smentiti, anche se a 10 giorni dalla riunione non è ancora disponibile il verbale chiesto dal commissario De Palo): visto che si mette mano al PGT tanto vale farne una variante diffusa (noi abbiamo scritto sotto dettatura “generale”, ma si sarà trattato di un lapsus), per far partire l’edilizia privata. Leggi il resto di questo articolo »

6 Commenti


Municipio e amministrazione a Buccinasco: siamo mal messi… c’erano dubbi?

Premessa necessaria: la vicenda del percorso ciclabile Castello- Gudo e la sua penosa situazione cui si assiste dopo un anno dal completamento. Ne abbiamo già parlato (VEDI) e tutto dobbiamo confermare. Alla vicenda che andiamo a raccontare assistiamo in diretta, perché accompagniamo un Cittadino per accesso agli atti e … assistiamo.

Per accedere ha dovuto richiede le documentazioni di suo interesse e il contenuto: tutte le documentazioni relative all’appalto dell’opera, finanziata dalla Regione in un contesto che comprende altri comuni confinanti. La richiesta è motivata da una denuncia presentata dal Comune verso il suo  Responsabile di settore pro tempore e l’impresa realizzatrice, considerando come responsabili queste due funzioni, evidentemente. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

3 Commenti


Istruzione e economia a Buccinasco: devono parlarsi

Fra economia e istruzione a Buccinasco è scavato un abisso. Non solo a Buccinasco è vero; ma questo è il nostro mondo cui siamo interessati, il piccolo mondo di un’area che non è suburbana, non lo è più. Certo, i ritardi del sistema d’istruzione italiano sono molti. Se si confrontano i ritardi  per le gravi conseguenza che recano, forse l’assenza dell’economia nelle scuole dell’obbligo può non essere vista come la maggiore, ma non è detto.

Stiamo però arrivando ad una condizione che genera conseguenze anche serie per i nostri Cittadini di domani, ma anche per quelli d’oggi, adulti e magari della terza età. Viviamo un mondo nel quale non conoscere le forme di commercio (acquisti e vendite on line, ma non solo), alle forme contrattuali diverse, con clausole che non si capiscono, per cui si finisce per crede a quanto dice chi propone. Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti



SetPageWidth