Archivio del 11 gennaio 2016

Riciclo e del contratto AMSA sui rifiuti: molto da cambiare

Questo è il primo di uno dei non desueti temi sull’argomento. Premessa indispensabile è la scadenza prossima del triennio della convenzione sottoscritta con AMSA, che in sintesi ricapitoliamo. UNO La pulizia delle strade (con raccolta di quanto disperso); DUE la raccolta dei rifiuti e lo smaltimento; TRE il trasporto dei rifiuti dalla piattaforma ecologica allo smaltimento. Non sono ricompresi nel canone e rimangono, pertanto, a carico del Comune i costi di recupero/smaltimento dei seguenti rifiuti:

- frazione secca non recuperabile (indifferenziata);

- frazione organica (umido);

- scarti vegetali;

- RAEE;

- Pile e accumulatori.

Per contro, tutte le frazioni recuperabili, che hanno quindi valore eonomico, sia raccolte già separate presso il domicilio o presso la piattaforma ecologica, divengono di proprietà dell’AMSA. L’aspetto nel capitolato è così rilevante che il comune, nella gara, lo cita in forma sottolineata: Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento



SetPageWidth