Archivio del 6 dicembre 2015

Gestione e Consiglio Comunale: cosa non funziona?

Il Consiglio del 30 Novembre a Città Ideale proprio non è piaciuto; i lettori già l’avranno capito. Argomenti tutti con aspetti carenti, in base ai quali i Consiglieri non sono posti in grado di deliberare con coscienza. In questi giorni ne abbiamo parlato.  Andando indietro di qualche giorno  i lettori che fossero interessati avranno la possibilità di verificare, concordare o anche farsi idee diverse (riteniamo difficile).

Per concludere questa tornata, dobbiamo  parlare dell’approvazione delle aliquote ex IMU ora con nome modificato in IUC (da Imposta Municipale Unica a Imposta Unica Comunale: che fantasia i parlamentari). Come sappiamo sulla prima casa l’imposta viene meno. Non staremo a ripetere l’illogicità di questa scelta, che produce un passo indietro nella autonomia impositiva del Comune, aumentando il potere di condizionamento del governo, che deve integrare le risorse al Comune.

Non staremo neppure a fare paragoni rispetto ad altri comuni, che renderebbero il discorso più complesso e pedante. Intendiamo limitarci alla proposta che l’assessore al bilancio presenta al Consiglio (VEDI). Prima osservazione, subito evidente. Mancano gli allegati, manca l’importo atteso relativo al totale dell’imposta IUC e la sua ripartizione per le categorie di immobili (seconda casa, affittate, sfitte, e altri immobili). Quindi i Consiglieri sono chiamati a decidere senza avere nozione di quanti siano gli effetti in termini economici. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

2 Commenti



SetPageWidth