Archivio di settembre 2015

Buccinasco e Ndrangheta: dopo un mese soluzione minimale. Lo sconcio resta

Avremo il testo di una dichiarazione del sindaco in Consiglio, che pubblicheremo dalla trascrizione (una sconcezza che i Cittadini devono conoscere).     Quanto scriviamo ora è relativo a note e impressioni dalla visione in streaming. Il metodo ci consiglia di ricapitolare: nel caso in esame è d’obbligo.      La notizia che il sindaco di Buccinasco respinge e non attua la iniziativa ANCI: CENTO COMUNI CONTRO LE MAFIE, viene da ilcorriere on-line il 07 Settembre, ore 17.58:

A Buccinasco non è piaciuto lo slogan della campagna lanciata dall’Anci su un’idea del massmediologo Klaus Davi. L’Associazione nazionale dei Comuni ha proposto al Comune alle porte di Milano, noto per la storica presenza delle cosche calabresi, il posizionamento di alcuni cartelli all’ingresso della città per ribadire il proprio «no» alle ‘ndrine. Da Buccinasco, però, è arrivato parere negativo. Colpa dello slogan giudicato «improprio», secondo il sindaco Giambattista Maiorano,… Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

4 Commenti


Il collegio dei revisori cambia: sono obbligati dalla legge

Fare il revisore ai bilanci del comune, per cinquant’anni è stata una pacchia. Bastava seguire la volontà del sindaco: aumentavano le occasioni dei medesimi incarichi in altri comuni con la medesima area di maggioranza, più si era corrivi, effcienti nel coprire le magagne, più crescevano ruoli e incarichi.

La scelta del collegio da parte del Consiglio comunale è stato conflitto di interessi potenziale (come i parlamentari che fanno leggi sulle loro medesime condizioni economiche). Situazione diventata insostenibile dopo la maggioranza automatica di consiglieri assegnata al sindaco.

Logica per un aspetto di semplificazione decisionale, deteriore se mancano contrappesi come ad esempio la nomina delle istituzioni di garanzia e controllo. Negli anni cosa è successo? In ogni città o regione si sono man mano realizzati dei “Sottordini professionali”. Ciascun partito ha costruito una lista di propri professionisti di fiducia cui ricorrere quando si amministra un comune, un ente, una società a controllo pubblico. Sono così nati, per specializzazione, professionisti ad uso pubblico. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

2 Commenti


PD Buccinasco: Arboit iscrive i papi al PD per condannare l’economia di mercato

Capita (non solo a sinistra): succede che non si è in grado di esprimere spiegazioni plausibili con l’economia politica, visti i risultati pessimi conseguiti negli ultimi cinquant’anni. Frustrate dalle applicazioni pratiche le ideologie sinistre e sottoderivati più o meno statalisti; fallimento reso evidente dai fatti  il loro effetto deleterio .

Ecco allora la ricerca di qualche escamotage che esca dall’analisi dei fatti:  individuare un supporto ideale forte, andando a prendersela con l’interlocutore che fa comodo. Si vuol ricreare la barriera ideale, che salva il “socialismo statalista” e condanna il capitalismo “affamatore di popoli”. Arboit (assessore alla cultura, all’insaputa di questa) se ne esce con una riflessione straordinaria (sul sito fb del PD Buccinasco). Il titolo è già un programma:

PAPA FRANCESCO NON PIACE AI CRISTIANI DI CENTRODESTRA?

La domanda è retorica ovviamente, supportata da un articolo su ilgiornale a firma Vittorio Feltri. Questi considera l’intervento del papa improprio perché gli attribuisce, sbagliando, una valenza politica. Ma i papi non hanno uno gestione pubblica reale,  non si misurano sulle concrete realtà dei singoli stati. Forniscono indicazioni a ciascuno e a tutti, esprimendo auspici, non giudizi politici. Arboit non lo sa (?) e ne approfitta. Ecco le sue perle: Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

1 Commento


Commissione di indagine su Buccinasco e ndrangheta

Il Consiglio discuterà domani gli esiti della commissione d’indagine, di cui solo ora possiamo pubblicare gli allegati. Il lavoro in positivo della Commissione, con l’indicazione di procedure e regole che tengano sotto stretto controllo decisioni che in passato sono state evidentemente critiche, è senz’altro per noi valido e copre una carenza trascinatasi per anni. Complimenti alla commissione (VEDI il terzo documento dell’allegato).

Ciò stabilito, la commissione ha proposto una osservazione tecnica che può anche esprimersi sul piano formale (documenti firmati da un funzionario e non dalla giunta) ma condita con espressioni di mansalva verso gli amministratori pro tempore che non possono considerarsi.   Valutazioni che Città Ideale giudica non presentabili in questi termini.     Così non può andare: sarebbe uno stravolgere quanto indicato dalla Commissione parlamentare bicamerale, che denuncia l’ambiente confermato dai documenti.     Riportiamo la parte proposta dai commissari: Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

17 Commenti


Sicurezza, Sorveglianza di Quartiere. Una storia di Buccinasco

Atto I – Proibito ridere! La questione è seria, serissima. Maiorano con il vicesindaco da tempo immemore sostengono che la sicurezza non è un problema, che la microcriminalità si riduce. Questo dopo che il vicesindaco si era inventato le ronde cittadine, finite dopo qualche giorno. Su iniziativa del M5S un centinaio di Cittadini organizano una sfilata per la sicurezza fino al municipio. Che viene ridicolizzata e si cerca di sminuirla.

Atto II – Il tema diventa un mantra sui social network finché si arriva ad organizzare un Controllo del Vicinato, sempre promosso da Cittadini, su iniziativa che concretizza M5S. Iniziativa ridicolizzata anche questa dai nostri amministratori, che in breve prende piede e, miracolo, funziona! Ha un successo  imprevisto,  travolgente. In breve aderiscono 600 Cittadini suddivisi in quattro gruppi territoriali. Velocemente superate le criticità di impianto, i risultati arrivano subito. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

2 Commenti


Amministrazione nullafacente su mafie e ndrangheta

Da fuori, via da Buccinasco,  si può scrivere sempre e pubblicare il quotidiano articoletto da 500 parole.     Gli argomenti d’uso sono conosciuti dai lettori e, sempre grazie a  internet, siamo in grado di essere aggiornati di ciò che succede, della decisione migliorabile di casa nostra, pressocché giornaliera.     Argomenti non mancano quindi.

Ciò che cambia però è la visione: da fuori si vivono realtà e situazioni diverse, con riflessioni e momenti conosciuti o meno; riconosciuti dalle letture (o da documentari, da vicende di film, o da romanzi, anche da autori).      Dalla Sicilia meridionale viene alla mente l’inevitabile Cammilleri, per cui quando ad Enna passando su via Roma si trova un’epigrafe ove è citato un Vescovo che ha nome Catarella, la curiosa coincidenza fa sorridere.      La coincidenza ricorda l’ambiente: da quei luoghi viene il cognome.

Poi capitano coincidenze che fanno ricordare il paese di casa. Una trattoria consigliata vivamente dall’albergatore: “cucina ennese di prima qualità”.    Entriamo e la famiglia che la gestisce, di cinque persone, è seduta a tavola, mentre altri clienti come noi, da poco seduti, stanno aspettando.    Sul tavolo il menu con una copertina che, nell’attesa, attira l’attenzione: una serie di proverbi siciliani simpatici e curiosi.     Fra la ventina dei proverbi, uno  in particolare: Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento


David Arboit: sarebbe il nuovo sindaco PD? Promette male

Crediamo sia fra le cose meno probabili che al mandato Maiorano ne segua un altro dal medesimo colore.    I Cittadini non ne possono più degli errori, della disorganizzazione, delle scelte sbagliate che si susseguono, in un crescendo rossiniano che troviamo difficoltà a seguire su tutto.    Voci ripetute indicano l’Assessore alla Cultura attuale David Arboit quale nuovo sindaco da proporre nell’area PD.    Vero o meno che sia, queste voci espongono il personaggio .

I suoi comportamenti assumono la lettura del candidato in pectore e dovrebbe, come dire, stare accorto quando prende posizioni personali sia pure sul sito fb del PD, ma mettendoci la propria firma.    Se dice cose che dividono, che prestano il fianco a critiche o sono errate, la sua immagine ne perde (anche entro casa sua; dovrebbe saperlo).    Di che si tratta?

Il dente cariato di questa maggioranza è la sicurezza.    Una sequela di decisioni e comportamenti ostativi verso le iniziative dei Cittadini che fin dall’inizio hanno voluto marchiare come M5S allo scopo di squalificarle, con un segnale di divisione anziché di accoglimento.     Ne abbiamo parlato ieri, ma l’intervento di Arboit ci obbliga a tornarci sopra. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

15 Commenti


Gudo Gambaredo. Disorganizzati e poco capaci, sbagliano. Che almeno stian zitti

Amministrare significa gestire le questioni che sopraggiungono in modo preordinato e pianificato.    Se si va a spanna e burocraticamente, succedono problemi.    Abbiamo una amministrazione che ha sfasciato l’organizzazione preesistente e posto in posizioni di responsabilità funzionari anche dotati di esperienza nel ramo ma all’improvviso, senza neppure un passaggio di consegne, senza un affiancamento, senza una formazione organizzativa.    Basando le scelte su altri “valori”, purtroppo.

Le conseguenze sono quotidiane: non capita giorno senza che succedano scompensi, perfino banali (come il cancello che consente l’accesso al parco di Corsico); cose semplici che ci vuole un niente a sistemarle, si trascinano per mesi. Adesso dobbiamo parlare della festa di Gudo Gambaredo che da sempre si svolge l’ultima Domenica di Settembre.    Una settimana prima senza alcun preavviso arriva un impresa, blocca la strada su cui la festa si svolge: nessuno ne sa nulla, i Cittadini vanno in comune a chiedere spiegazioni. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

8 Commenti


Germania liberalismo imperante? o statalismo sprecone in Italia

L’articolo è stato scritto il giorno precedente al capitombolo VW, ancora da elaborare in molti dei suoi effetti economici e geopolitici. Lo vedremo nei giorni seguenti, tuttavia la vicenda, quali che siano gli sviluppi,  vedranno il paese risalire la china e tornare a primeggiare; solo questione di tempo. Riteniamo conservi tutta la sua validità l’analisi di Mingardi, con la sua lettura del modello economico ambivalente (stato-mercato)  e pure efficace.

Un’altra breve lezione di economia che Città Ideale propone ritenendola di aiuto ai lettori per cercare di comprendere un po’ meglio la situazione economica contingente che vive il nostro paese. Alberto Mingardi in questo caso prende in esame la situazione della Germania esaminandone la struttura economica e politica, paragonata a quella italiana. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento


Buccinasco: qualcuno degli amministratori a fare il coniglio non ci sta?

La notizia non è ancora ufficiale, ma viene da fonte così affidabile da poterla dare certa (o quasi). Da poche ore entro l’entourage del PD giravano voci legate alla non apprezzata posizione imbelle del sindaco sull’iniziativa dell’ANCI : “cento comuni contro le mafie”. L’imbarazzo a Milano (e non solo) è palpabile: d’accordo che i media sono asserviti e nessuno ne parla, ma la voce gira e i blog insistono.

Città Ideale è quasi l’unica voce di Buccinasco che tratta l’argomento, finite le improvvide interviste del giorno dopo fatte da Maiorano e Rosa Palone. Tuttavia la faccenda pesa: l’argomento è uno di quelli, dei pochi rimasti, che sono sventolati come valori indiscutibili: l’antimafia. Il PD di Buccinasco se ne infischia: nessuno della maggioranza neppure si permette di esprimere una posizione personale, che sia amministratore, consigliere o che altro. Leggi il resto di questo articolo »

26 Commenti


Danno erariale: per ora in Italia… Quando a Buccinasco?

DANNO ERARIALE PER 3 MILIARDI IN SEI MESI

Un caldo invito ai lettori: andate a leggere l’articolo (VEDI ilcorriere). Non siamo riusciti a rintracciare l’originale del rapporto semestrale sui danni erariali causato dai dipendenti pubblici, fonte del pezzo firmato da Fiorenza Sarzanini. Impressionante per diffusione (oltre 4mila funzionari), caratteristiche (un po’ in tutti i luoghi e uffici) e dimensioni (oltre tre miliardi di danni).

Fa riflettere poi l’ambito, limitato ai dipendenti, con esclusione quindi delle responsabilità politiche che, è da ritenere, non mancheranno. Interessati a questa lettura saranno quindi anche coloro che, dipendenti pubblici, assumono comportamenti e decisioni su “consiglio” del politico pro tempore. In qualche modo costretti dal quieto vivere, da ventilate opportunità di crescita nel ruolo, nella considerazione, ecc. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


il nostro debito pubblico è diminuito a Luglio! a fine anno saranno 75miliardi in più!

Nei giorni scorsi un comunicato della Banca d’Italia è passato sui media con la prima metà del titolo che abbiamo messo sopra. Tutti i giornali e tutti i media sono andati a titolare così. Proprio tutti i mezzi busti hanno ripetuto la bella notizia. Tutti tutti ! Noi di Città Ideale abbiamo messo su il contatore del debito pubblico che invece continua a salire.

Non possiamo neppure pensare che la Banca d’Italia dichiari il falso, quindi è Città Ideale e l’IBL l’Istituto Bruno Leoni da cui abbiamo ripreso il contatore: a SBAGLIARE SIAMO NOI.  Forse abbiamo ragione tutti e due; può essere? Può essere, rientra nelle possibilità. Se un mese aumenta la contabilizzazione delle entrate perché successivo alle scadenze delle tasse, in quel mese le entrate hanno superato le uscite. IL DEBITO INTANTO CRESCE.

Allora la notizia qual è ? Quella che hanno passato i media ? Ma in che cavolo di sistema viviamo noi in Italia?  che libertà di stampa è mai questa se tutti devono ripetere a papera lo stesso verso dando una comunicazione sballata? Questa non è più libertà, è monopolio della comunicazione, detenuto da chi governa (VEDI ilcorriere). Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti


Buccinasco e il basket: Dan Peterson e Maiorano serata a sorpresa

Buccinasco con il basket ha una storia trentennale, cresciuta negli anni e consolidatasi grazie a Cittadini che si impegnano sui loro obiettivi, badando ai risultati. Senza aver mai chiesto sponde politiche di alcun tipo (il che va a loro merito), contribuendo a dare di Buccinasco immagine positiva, per i risultati. Non cercare padrini politici, con l’aria che tira, non solo a Buccinasco, significa poi disattenzione e non avere spazi di comunicazione, il che non aiuta. Ma è così.

Vi sono realtà associative a Buccinasco che assorbono (ricevono) risorse dei Cittadini (versate con le tasse, distribuite da chi amministra), anche parecchie. Non sempre dai risultati adeguati. Che ottengono paginate di informazione e pubblicizzazione su social network, su Buccinasco Informazioni. La pallacanestro poco o nulla. Del resto, con la mentalità che domina, o c’è ritorno in consenso o non ci si mette una lira.

Buccinasco pallacanestro ha un sito movimentato e attivo, di cui abbiamo il piacere di parlare (Città Ideale fino a ieri non ne era a conoscenza. Una nostra dimenticanza, lo riconosciamo). Cerchiamo di farla conoscere un po’ di più, chiedendo ai lettori sensibilità al riguardo, andandosi anche a vedere il sito (VEDI) . Una bella storia che merita di essere conosciuta, con i complimenti e ringraziamenti della Comunità. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , , , ,

Nessun Commento


Maiorano & Co. e antistato: ecco il giudizio pertinente

Nando Dalla  Chiesa pubblica sul suo blog la seguente considerazione, che sposa esattamente, con precisione chirurgica, quanto espresso al riguardo da Città Ideale.  Allora, all’uscita del libro,  noi osservammo la discrasia evidente fra i fatti raccontati e la situazione dell’oggi: ci sembrava errata una parificazione fra gli eventi trascorsi e la Buccinasco di oggi.

Ne siamo convinti tuttora: i nostri amministratori mancano di spina dorsale, hanno paura di fantasmi che immaginano fermi a trent’anni fa. Oggi l’antistato non cura minuzie di questo genere. Non ci sembra  permeato nella realtà civile di Buccinasco, ma soprattutto  nell’immaginario di personaggi cui manca la lucidità d’analisi  e/o il coraggio per agire in modo conseguente alle giaculatorie ogni di proclamate.

L’analisi del figlio del generale che dall’antistato, lasciato solo, quasi un agnello sacrificale posto sull’ara per i sacerdoti dell’antimafia (con la quale in qualche modo patteggiano), è puntuale e precisa sull’oggi, sull’insulsa non decisione di tremebondi, quanto inadatti al ruolo che hanno la ventura di ricoprire. Che il PD se ne stia zitto, sarà forse convenienza, ma diventa ogni giorno meno sostenibile (o forse più chiaro).

Cosa ci vorrebbe ad esempio, prendere in parola Maiorano e “invitarlo” (senza se e senza ma, e di corsa)  a mettere l’insegna con i contenuti che lui ritiene più appropriati?  Perché non lo fa lui, perché non viene invitato dai suoi sodali a compiere questo passo riparatore?   Così stando le cose, Nando ha ragione da vendere.   Indiscutibile (ma anche i salmodianti antimafia di via Volturno non è che ci facciano una figura molto migliore). VEDI il sito da cui viene presa la nota (titolo della redazione, ndr):                                                                                                                            

MANCA IL CORAGGIO PER VIETARE L’ANTISTATO

(Nando Dalla Chiesa – 14 Settembre 2015)   ……. Prendete Buccinasco, per esempio, alle porte di Milano. Su Buccinasco ho scritto per Einaudi un libro con Martina Panzarasa nel 2012 (“Buccinasco, la ‘ndrangheta al nord”). Quando il libro uscì, venne crocifisso sul sito del Comune, a guida centrosinistra, che mai aveva messo nominativamente all’indice i clan calabresi locali.

Venne accusato di dare dei mafiosi a tutti i calabresi; partì una campagna telematica aggressiva, insultante, anche da parte di elementi della giunta. Buccinasco, si diceva, è alla testa della lotta alla mafia. E poi: guardate che cosa stiamo facendo, guardate le nostre biciclettate antimafia che cosa graziosa che sono.

Il fatto è che poi la storia fa chiarezza quando uno meno se l’aspetta. Succede perciò che l’Associazione nazionale dei comuni italiani (Anci) promuova la campagna “cento comuni contro la mafia”, invitando i partecipanti a installare pubblici cartelli con scritto “Comune vietato alla ‘ndrangheta”.

Ecco, Buccinasco, come Locri, non c’è stata. Il sindaco ha detto che la questione sul piano “semantico” è delicata. La presidente del consiglio comunale, giunta a quel posto come esponente e con i voti di Libera (per fortuna ora non ne fa più parte…), ha dichiarato a Rai News che non si può perché a Buccinasco gli ‘ndranghetisti ci sono e che il cartello si potrà mettere quando una legge vieterà loro la residenza.

Il divieto, come ognuno capisce, vale per i rapporti con l’amministrazione comunale, vale per la compatibilità dei valori.    Ma Buccinasco “in lotta contro la mafia” ha pensato che fosse troppo. Incredibile.

Tag: ,

4 Commenti


Economia e paese: tornare alle origini per la crescita di lavoro e benessere

In mezzo agli infiniti articoli e talk show nei quali si incolpa di tutto la libera iniziativa chiedendo che sia ridotta, contratta, condizionata, diventa essenziale tornare alle origini. L’Italia riguardo all’economia è popolo di ignoranti che si distingue in Europa. In tutti i paesi cresce l’esigenza e lo spazio dedicato all’insegnamento dell’economia; noi siamo ancora praticamente a zero mentre lo stato partitocratico fa il padrone.

Diventa utile, quasi indispensabile riprendere qualche poco frequente riflessione sul tema della nostra situazione, lo stringato scorrere di cosa siamo e da dove siamo venuti . La liberà dell’ottocento è certamente realtiva al pensiero, alla sua manifestazione privata e pubblica, alla dignità dell’Uomo. La prima dignità però è stata la possibilità del Cittadino di lasciare la terra, cambiare padrone,  accumulare risorse, diventare protagonista della sua fortuna ostruendo in tal modo la strepitosa ricchezza di tutti, di interi popoli.

Ricordarcelo, capire quanto sia fondamentale incentivare l’intrapresa individuale, l’iniziativa libera con la quale ci si mettere in gioco, si rischia ogni giorno e ogni giorno si trova una soluzione. Oppure se può andar male si paga in proprio e si chiude. Aver ben presente quanto dobbiamo tutti agli infiniti impegi e sacrifici di chi, senza chiedere una lira pubblica ha rischiato ed è riuscito: questo il motore del lavoro e della crescita ininterrotta. Questa la chiave per poter recuperare e pagare l’immenso debito che ci stanno lasciando i partiti assurti a padroni delle nostre fortune. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

2 Commenti



SetPageWidth