Archivio del 17 giugno 2015

Qualche pillola sulla conclusione delle elezioni

Intanto: consideriamole un episodio fra le tante tornate elettorali: come sempre portano qualche cambiamento, che poi dovrà trovare conferme per comprendere la tendenza. Primo aspetto, il più rilevante: le astensioni. Solo su questo si potrebbe scrivere parecchio. Ormai vota un elettore su due, fatto in genere considerato negativo, ma non è detto e non è automatico.

L’astensione che si sta diffondendo parecchio, è la macroscopica evidenza della malattia, grave, della democrazia basata sul  suffragio universale. Per come è delegata, troppo delegata e lontana la gestione pubblica (soprattutto locale)il senso del voto inutile è di tutta evidenza. Occorre pensare ad altro, come negli USA ad esempio: per votare bisogna iscriversi e solo se hai manifestato la volontà di votare poi eserciti il voto. Leggi il resto di questo articolo »

9 Commenti



SetPageWidth