Archivio del 30 marzo 2015

Lavori Socialmente Utili: una presa in giro che adesso riguarda anche Buccinasco

In tutta Europa esiste una controprestazione alle erogazioni per persone in difficoltà occupazionali secondo le quali, sono previste forme di lavoro,  in qualche modo compensativo del l’erogazione che viene dallo Stato (dalle tasse pagate dai Cittadini). Non è solo questo, naturalmente: i paesi del centro Europa intendono salvaguardare le casse pubbliche; evitare occasioni di lavoro irregolare, il cosiddetto lavoro nero.

Insomma, chiunque può capire che se eroghi risorse a una persona in età da lavoro, che resta a casa senza una occupazione, in buona salute, se lo lasci a casa a cercarsi un lavoro, cosa può succedere è inevitabile: lo sviluppo di un accordo fra il cassintegrato e l’impresa disponibile perché il lavoro avvenga, pagato in nero, perché così entrambi hanno utilità. L’impresa paga meno il lavoro e fa concorrenza sleale a chi è corretto. Il cassintegrato che lavora in nero guadagna di più portando via il lavoro a chi è disoccupato reale. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

2 Commenti



SetPageWidth