Archivio del 21 marzo 2015

Globalizzazione: auspica i miglioramenti e aspettati il peggio

La riflessione sulla inadeguatezza dell’umanità rispetto al correre della globalizzazione. Il rimanere indietro, con un fossato che tende a allargarsi fra i movimenti trasversali di culture e lingue dalle quali si è meno isolati, più conviventi. Qui su Città Ideale abbiamo cercato di mettere a fuoco la distanza culturale fra le urgenze del mondo che cambia e comportamenti, fedi, usi e costumi preservabili, ma soggetti al  confronto con gli altri, i “diversi”.

La reazione di difesa e chiusura rispetto al “contagio” o l’aggressione verso l’altro per prevalere. Pure il mondo non potrà non percorrere questo processo. Non sarà una cosa semplice ne facile: sarà anzi una crisi evolutiva di lungo periodo. Ce lo ricorda Andrea con un contributo importante: vero. sono le criticità con le quali confrontarsi comunque. Il richiamo di Città Ideale vuole descrivere il processo in essere e quanto distanti siamo ancora oggi nell’adeguarsi. Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti



SetPageWidth