Archivio del 1 gennaio 2013

Duemilatrecidi: da Città Ideale un augurio per tutti

L’anno che se ne è andato ha avuto come sempre alti e bassi. Cose buone ed altre meno. Fare un elenco per Città Ideale è facile ma anche difficile. Sono successe molte cose e scegliere fra queste rischia dimenticanze.

Poi ci sono gli auguri: quanto mai caldi quest’anno, perché ce n’è bisogno. Ci aspetta un anno difficile, con scelte importanti per il Paese. Un Paese fatto da noi. Ciascuno di noi intesi come Cittadini, non come popolo. Soggetti individuali di diritto non massa di manovra.

L’anno passato: cosa ricordare? La prima vicenda che propone Città Ideale è triste, riguarda imprenditori e dipendenti che hanno messo fine ai loro giorni per l’azienda chiusa, per il posto di lavoro perso senza avere prospettive. Se ne parla poco, ma si tratta di circa un centinaio di imprenditori ed alcune decine di dipendenti: quelli di cui si ha notizia, almeno.

Oggi è giorno di festa e può sembrare improprio ricordare artigiani, aziendine, tanti Cittadini con alle spalle una vita di lavoro fatta di tante ore senza contarle, pensando giorno e notte a fare impresa,. Non reggono alla vergogna di un progetto che finisce e li riguarda in prima persona; crolla il mondo.

Dipendenti ridotti sul lastrico dal lavoro perso, dalla difficoltà di avere un lavoro mentre vi sono mutui da saldare, la casa che si perde. La famiglia in crisi, il figlio che non si può più  sostenere agli studi. Sono la punta di un iceberg perché molti di più sono coloro che la crisi la vivono sulla loro pelle e cercano di tirarla avanti.

La punta di un iceberg che mette a nudo e ci fa anche oggi vedere decine, centinaia di migliaia di nostri concittadini, in difficoltà simili. Quest’anno siamo chiamati a individuare come uscire dalla crisi scegliendo il percorso, faticoso, che gradualmente ci porti fuori. Pensiamo a chi ci sta intorno, al futuro dei nostri figli… perché le nostre decisioni, di questo 2013, possono dare l’indirizzo giusto.

Il duemilatredici: facciamoci reciprocamente gli auguri, sinceri, ne abbiamo bisogno, sereni e consapevoli.

AUGURI DI CITTÀ IDEALE A TUTTI QUINDI

 

A CHI HA PROBLEMI, DI SALUTE O ALTRO

ALLA NOSTRA BUCCINASCO

ALLE NOSTRE DONNE

AI GIOVANI AGLI STUDENTI AI BAMBINI

ALLE IMPRESE E A CHI LAVORA

 

AUGURI VERI AL NOSTRO PAESE

 ALL’ITALIA E AL SUO DOMANI

 

TANTA FELICITA’ E SERENITA’ PER TUTTI

21 Commenti



SetPageWidth