Archivio per la categoria ‘Varie’

Governo del Cambiamento e globalizzazione

I cambiamenti  di natura, diciamo così ideologica, nel Governo del Cambiamento sembrano secondari rispetto alle urgenze elettorali del momento. Non se ne parla, mentre si affrontano le questioni più o meno contingenti. Uno degli elementi fra questi è la globalizzazione. Il processo divenuto impetuoso negli ultimi trent’anni, ha portato:

velocità delle comunicazioni e della circolazione di informazioni, l’opportunità di crescita economica per nazioni a lungo rimaste ai margini dello sviluppo economico mondiale, la riduzione dei costi per l’utente finale grazie all’incremento della concorrenza su scala planetaria

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Fare impresa: il valore nobile, in cui l’Italia primeggia, che può fare di più

Fare impresa, far conoscere il mondo e la vita di chi si assume l’onere di badare a se stesso, di farlo con le proprie forze.
Un mondo quasi sconosciuto, in un paese che ha almeno il 12% dei suoi cittadini che vivono in proprio.

Sul quale le istituzioni e la scuola nulla dicono e ancor meno fanno.
Su cui lo stato è interessato solo dal lato delle tasse, come fonte di risorse che spende… come vediamo.
Un mondo ove spesso, quasi sempre, delle imprese si parla come attività di dubbia serietà, ove regna l’evasione delle tasse, fatta di furbi che sfruttano e danneggiano gli altri e il paese.

Invece nel fare impresa, e solo con l’impresa  c’è la ricchezza autentica che ogni anno noi produciamo in Italia. Qui trovano modo di ricevere lo stipendio mensile vero, conseguenza di valore aggiunto prodotto. Quello che ancora oggi ci consente di essere il settimo paese più produttivo del pianeta.

Una realtà che è importante conoscere e far conoscere, da studenti e da giovani, da chi cerca la strada per la propria vita futura. Da chi ha magari intelligenza e doti per riuscire bene, addirittura per primeggiare….
che non lo sa perché è tenuto nella nebbia della non conoscenza, dell’ignoranza.

Proprio in questo momento di grave criticità, quanto bisogno abbiamo che
il nostro Paese come la nostra Buccinasco,
faccia crescere e emergere germogli di impresa: quanto meglio e quanto più ricchi (non solo all’esterno ma dentro di noi) saremmo tutti.

COME INDIVIDUI, COMUNITA’,  COME PAESE

Nessun Commento


Democrazia a Buccinasco come a Roma… siamo all’epilogo

Ieri abbiamo ritenuto di sottolineare e mettere a nudo un far politica del “nuovo”, che dovrebbe rappresentare il “cambiamento”. Abbiamo descritto l’agire, il susseguirsi di proclami cercando di dare un senso  che si fatica a comprendere. Evidente che far politica, oggi più che mai, è lavorare per il consenso, far di tutto per accrescerlo ai danni del competitor.

Le conseguenze per i Cittadini e il Paese di proclami e frasi slogan proprio non considerano. Anzi, appare addirittura preminente disinteressarsi di quanto sua utile per il Paese ciò che si sostiene; conta il consenso che si raccoglie. Il consenso è il programma di fondo, la spina dorsale del far politica.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


M4 a Buccinasco? magari si, ma anche no. Intanto circolano notizie di impegni che preoccupano

Ne abbiamo parlato, riguardo all’argomento M4, visto come comunicazione che illustra i meriti dell’attuale Primo Cittadino; con cui conta di ottenere consensi perché… sarebbe lui che trasforma il deposito in costruzione in una stazione d’arrivo. Qui ogni cosa che tocchi, muovi milionate come fossero cerini. Su tutto ,ci vuole una decisione documentale che attesti l’equilibrio dei  costi. Se no, non si farà nulla.

Ne abbiamo già parlato ma dobbiamo tornarci perché, fra le altre cose emergono gli effeti collaterali del deposito M4. Sembra che il piano del traffico locale, con l’avvio di M4, generi  nel territorio di Buccinasco la realizzazione di un deposito di bus TPL (i mezzi della provincia che collegano con Milano).  Non solo ma sembra che, si stia pensando a un parcheggio per 1000 auto.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Quando si dice parlar chiaro del Sindaco: dal verbale trascritto

Le parole scritte hanno un peso e un senso neutro: manca il tono, la gestualità, il muoversi del capo, lo sguardo. Per non parlare delle pause, quasi mai trascritte. Nonostante ciò il discorso trascritto mantiene un suo fascino, per così dire neutrale.

Le parole scritte in questo modo diventano stabili, neutre, a formare un senso letterale e preciso degli intenti dell’oratore. Non si tratta più di un suono che transita, parola dopo parola, e passa, lasciando nella memoria un’incisione per così dire “debole”, che poi perde smalto, gradualmente impallidisce. Ecco perché abbiamo atteso il testo trascritto del Consiglio Straordinario sulla mozione di sfiducia del sindaco.

Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti


I Cittadini possono essere un’utile supporto al vivere civile?

La questione è nota: a Buccinasco viene fondata un’iniziativa di Cittadini (inizialmente non targabili da nessuna parte) che, utilizzando WhatsApp , danno vita a un tam tam in tempo reale su comportamenti e vicende che sul territorio hanno a che fare con la sicurezza. Siamo al Luglio 2016 chiamandola Controllo del Vicinato (CdV).

L’ipotesi di lavoro trova adesioni iniziali numerose e cresce, mentre viene vista con preoccupazione (giustificabile nella fase inziale) dalle forze dell’ordine. La crescita dell’attenzione nella Comunità da un lato fa emergere una vicinanza a M5S, dall’altro la conseguente contrarietà del duo Maiorano Pruiti.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Il futuro di Buccinasco: siamo negli anni sessanta o nel terzo millennio?

Gli anni sessanta di Buccinasco è riconoscibile per le aree allora vicine a sant’Adele, chiamate “corea”, termine usato in Lombardia per le nuove costruzioni caotiche prima che nascesse la pianificazione generale obbligatoria. Un’altra area di questo periodo è la parte più prossima a Corsico di via Isonzo e delle laterali via Gorizia, via del Gelsi, il lato più a Nord di via Isonzo.

Casette autocostruite, o certificate da un geometra ex post. La crescita di Buccinasco negli anni del boom è venuta da lì, il lato Sud da Romano Banco capannoni e depositi. La situazione è cambiata dopo, con l’intervento di immobiliaristi di peso: Persichetti e Cabassi. Soprattutto il primo ha sviluppato un’ipotesi innovativa, che qualificava un territorio ancora vergine dandogli un percorso di residenza qualificata, da ceto medio insomma.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Europa: lavorare per il suo sviluppo, contro il deperimento

Un’interessante conversazione sul Corriere d’oggi, che invitiamo i lettori a leggere, vede a confronto un docente di Milano per scienze politiche (Maurizio Ferrera) con un docente a Berlino di sociologia politica (Claus Offe). Il tema è la riforma per uscire dalle criticità in cui si trova l’Europa.

Premessa: non capiamo le ragioni per cui fra la totalità o quasi dei tedeschi convinti del rispetto degli obblighi (pacta sunt servanda), se ne vada a prendere uno che esprime dubbi e invita a guardare in modo diverso la situazione che è venuta a crearsi. Per farla breve sostiene che i paesi “vincitori” (dell’euro), che a suo giudizio beneficiano di questa situazione, devono cambiare metodo: “per evitare rotture, in certi casi è opportuno piegare o sospendere temporaneamente le regole”.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento


Imprese e Lavoro: il governo del cambiamento… cicca la prima

Non siamo certo pregiudiziali verso il nuovo che fa prove di governo, convinti che il vecchio fermo e spendaccione, incapace del minimo cambiamento, abbia terminato da tempo il suo ciclo e potrebbe solo far male. Scontiamo una quota di incompetenza, da aprendisti stregoni, per il nuovo assetto, già complicato da una combinazione non proprio omogenea, tenuta insieme da un  “Contratto di Governo”, termine che puzza di compromesso.

La nostra critica non è scontata, vorremo davvero che la gstione effettuale, quella concreta, fosse meno condizionata dai programmi elettoali che economicamente sono insostenibili. I nuovi governanti devono fare un maggiore sforzo di realpolitik e percorrere strade nuove che portino l’Italia verso un percorso di uscita dalla grave situazione in cui è stata trovata.

Leggi il resto di questo articolo »

4 Commenti


Buccinasco: il Consiglio Comunale decide dei Diritti dell’Uomo

Succede, può succedere a Buccinasco. Due Consiglieri, uno dei quali Presidente del Consiglio, l’altro non riconoscibile dalla firma scarabocchiata e non indicata in altro modo, presentano al sindaco e al medesimo Presidente del Consiglio un odg (VEDI) perché il Consiglio voti che:

    Tutti i Consiglieri si dissocino dalle dichiarazioni dei ministri Salvini e Fontana

Leggi il resto di questo articolo »

4 Commenti


Lavoro in Italia: indeterminato obbligato o prendere quello che arriva?

La notizia è di quelle che la stampa racconta copiano pezzi di una disposizione dell’ispettorato del lavoro, senza spiegare la sostanza della situazione. VEDI ilgiornale, VEDI Repubblica. Amazon ha impiegato più interinali di quelli previsti dal contratto di categoria (commercio). Proviamo a spiegare noi, in base all’esperienza.

In Italia esistono qualcosa come 1600 contratti di lavoro diversi, per categoria. Ciascuno raggruppa situazioni fra loro molto diverse: nel caso specificio ad esempio, il lattaio a gestione familiare, Esselunga, Amazon, Unes; non Lega coop, perché questa è una coop e ha condizioni contrattuali diverse (il socio cooperatore può essere lasciato a casa quando non c’è lavoro, senza retribuzione).

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

5 Commenti


Pubblica Aministrazione: esempi di ordinario spreco di risorse

L’esempio viene dall’applicazione in forma associata di Buccinasco, Assago, Cesano Boscone, Corsico, Cusago e Trezzano, dei servizi che si riassumono in servizi verso le criticità sociali: prestazioni economiche o di supporto verso soggetti in difficoltà; gestione di strutture residenziali e emergenza abitativa; sevizi di prima infanzia; insomma servizi sociali alle persone.

Attività  che fino a pochi anni orsono ciascun comune svolgeva e risolveva in casa propria, con proprie procedure e metodi. Senz’altro più rispondendi ai bisogni locali, di più immediata reazione, ma pure su numeri che in un comune sono piccoli, in cui la razionalizzazione delle procedure, metodi, concorsi, accessi, ecc. lascia  a desiderare e costa di più.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Pubblica Amministrazione: è pubblica (pagata da noi) ma non amministra

Informarsi, pensare, riflettere, valutare, per cercare di capire come funziona qulla cosa che si chiama Municipio, che assorbe trenta milioni ogni anno delle nostre tasse. Ogni tanto, anziché fermarsi sul caso singolo, specifico, è bene cercare di farsene una visione più ampia. Consente di trarne una valutazione di sistema.

La struttura del nostro Municipio fatta di Cittadini alcuni da noi eletti, altri funzionari, diventa soggetto di analisi, un di cui dell’insieme che costa i benedetti trenta milioni. Tutti svolgono un ruolo, bene o male. In termini organizzativi quali sono le regole che definiscono il loro agire? Chi sono i responsabili superiori cui devono rispondere?

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Amazon a Buccinasco: le questioni che ci interessano

La notizia è su tutti i giornali e stamattina anche su ilsole24ore. È una buona notizia? Senz’altro.  Senza trionfalismi, cercando di capire la situazione e i suoi sviluppi. Da parte della nostra amministrazione ci deve essere una grande attenzione sulle esigenze e conseguenze di breve e medio termine, perché la scelta abbia il massimo di ritorni, il minimo di impatti problematici.

Le dichiarazioni soddisfatte ai giornali del sindaco e dell’Assessore (VEDI e VEDI) non tratteggiano gli aspetti nel loro complessso, almeno finora; si avverte per ora la tendenza di attribuirsene il merito. Che non c’è: il deposito è privato e già strutturato per la funzione che va a svolgere. Facciamo un poco di storia, allora. Il magazzino in cui Amazon si insedia riguarda un vecchio insediamento/deposito privato,  della Coca Cola. Qualcuno se ne ricorderà.

Leggi il resto di questo articolo »

9 Commenti


Buccinasco: il comune viene amministrato così. Un caso esemplare (parole di sindaco)

Chi ha il compito di amministrare ha dei doveri, l’onere di agire in tutti i modi perché le irregolarità presenti vengano tempestivamente sanate. Non sempre e non in tutti i casi le opere di adeguamento alle leggi sono a carico dell’amministrazione. Ve ne sono anche a carico dei singoli Cittadini  o proprietari (come ad esempio per l’amianto. Non farle eseguire significa far vivere i Cittadini in condizioni di rischio salute molto serio).

Viene riproposto adesso un caso da terzo mondo: vi sono abitazioni a Buccinasco che sono prive di allacciamento fognario e scaricano in fossa biologica (operazione che da decenni non è più consentita dalla legge). Chi amministra, avendo conclamata conoscenza di questa situazione deve intervenire. Se non agisce e adotta la pratica de vivi e lascia vivere non fa bene il suo mestiere, anzi  lo fa male, molto male.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento



SetPageWidth