Archivio per la categoria ‘Varie’

Bilancio rifiuti e raccolta differenziata: riciclaggio zero

Il filo rosso che lega in modo indissolubile le ormai dieci puntate di analisi di questo bilancio è… il nulla. Non fare nulla, subire gli eventi, pagare. Se qualche modifica si arriva a fare, è l’invenzione di qualche nuova spesa per eventi. Spese piccole ma mica sempre. Ad esempio la scuola civica di musica: l’ultima gara per oltre 100mila euro in tre anni contro lo zero (ZERO) che si spendeva prima.

L’argomento dei rifiuti parte da un assunto, da una prerogativa assoluta: la raccolta differenziata non deve in alcun modo generare un ritorno per i Cittadini di Buccinasco. VIETATO GUADAGNARE! Brave le famiglie a differenziare, a far crescere nella raccolta che genera ritorni di materiali che hanno valore, tutto per un omaggio disinteressato all’AMSA.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Bilancio e spese illogiche con finta sussidiarietà: ginnastica dolce

A Buccinasco la storia della ginnastica dolce merita una riflessione di sistema (esercizi dedicati a persone in età, di importanza massima per il mantenimento di una vita sana, controllando tono muscolare e mobilità: si veda in rete cercando “sarcopenia”). Come questo elemento rientri nell’interesse di un’analisi di bilancio, andremo a vederlo subito.

Fino al 2014 a Buccinasco il municipio ha prestato attenzione alla ginnastica dolce promuovendo accordi con operatori privati che garantissero una quota economica ragionevolmente sostenibile. L’accordo promosso dal Municipio ha avuto l’effetto di contenere il costo diffondendo un’abitudine salutare cresciuta nel tempo.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Bilancio. Il verde, nuovo appalto vecchi metodi

Il verde è un tasto delicato e doloroso per quest’amministrazione. Che ha visto il vicesindaco in prima fila, quale responsabile.  Ricorderemo solo l’inserimento di una clausola strana che si proponeva con tutta evidenza l’esclusione di candidature non gradite. Il cambiamento  in corso di gara entro la commissione con l’effetto di modificare radicalmente le valutazioni a favore di chi ha poi vinto.

Una gestione dell’appaltatore che, definirla approssimativa vuol dire andare col guanto di velluto. Alla richiesta di documentare i lavori da parte di Consiglieri, è venuta con decine di giorni di ritardo una ricostruzione palesemente ex post, improbabile. Non è il caso di descrivere il non fatto, i probabili danni, a strutture, alberi, impianti di irrigazione.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

1 Commento


Monte Paschi Siena: partitocrazia, comunicazione

Ci viene inviata una lettera, inoltrata ai giornali, che riguardo al problema MPS, che è comprensibile   ed ha la sua logica, perfino ferrea in uno stato di diritto parastatale (come è ancora oggi il mondo bancario, e non solo, in Italia). Denuncia i limiti perché i soggetti formalmente responsabili (i dirigenti di banca) non sono i decisori effettivi. Piuttosto gli esecutori d’ordini.

HO MANDATO QUESTA LETTERINA AI GIORNALI

Leggi il resto di questo articolo »

3 Commenti


Buccinasco Statuto: una clausola scritta in lingua incomprensibile

Bisogna andarsela a leggere questa deliberazione criptica. Ci siamo impegnati a decodificare in chiave logica, poiché sul piano letterale non riusciamo a comprendere. L’articolo inserito nello statuto, ci sembra di capire, si propone di mettere un divieto di nomina nella qualità di Assessore  a persone che abbiano carattere di dipendenza funzionale con imprese che hanno avuto rapporti di lavoro o d’affari con la P.A.

Vi  sono aspetti al riguardo che è giusto prevedere: per esempio (estremizzando), non è “elegante” che il sindaco nomini Assessore ai lavori pubblici il direttore generale (o ex, o suoi congiunti) dell’impresa Alfa (che ha svolto e svolge rapporti con il Comune). Se l’intento è questo, credo che siamo tutti d’accordo, in linea di principio, con la riserva che poi la situazione concreta debba essere esaminata caso per caso. Ecco, invece, come è stato approvato e inserito l’articolo:

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Alla scoperta di un far politica che non ci appartiene, che deve essere conosciuto

Proprio non riusciremo a digerire, a subire questo modo del “far politica” locale, che fa uso di tutti i possibili sotterfugi per gestire i denari dei Cittadini, le nostre tasse. Lo scopo immediato di questo agire può anche non essere quello di metterseli direttamente in tasca, i nostri soldi. Non è necessario che si arrivi alla mala gestio; l’obiettivo primo è il consenso, la conferma del consenso, la diffusione di aggregazioni di area con lo stesso scopo.

Ci riferiamo al progetto Caffè dell’Oca che abbiamo trattato in questi giorni. Documenti alla mano, cifre di nostri soldi in ballo, bando di quest’amministrazione dalle clausole poco logiche se non sospette. I lettori che volessero rinfrescarsi in dettaglio: VEDI. Tutto confermato, del resto non si è fatto altro che descrivere contenuti pubblici.

Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti


Antiricilaggio a Buccinasco: siamo alla preistoria

L’argomento è di quelli tosti: rappresenta l’affare economico prevalente dell’antistato (‘ndrangheta) soprattutto nelle realtà del Nord Italia, meno assoggettabili all’antipotere che condiziona Cittadini e li sottomette. Questione di prevalenza, perché Cittadini più isolati, più timorosi, più deboli ve ne sono ovunque. Qui da noi però l’economia gira di più: quindi maggiori le possibilità di mettere in circolo danaro illegale (quello che l’antistato raccoglie).

L’argomento a Buccinasco è stato scoperto con una delibera improvvisa a metà Aprile, assunta dalla Giunta senza  neppure avvertire la costituita Commissione Speciale perché renda operante il Protocollo della Legalità. Dopo vent’anni di dimenticanza. Lavori fermi, per quanto è dato sapere, che la maggioranza cerca di compensare con un paio d’iniziative nell’ultimo Consiglio del 13 Luglio.

Leggi il resto di questo articolo »

1 Commento


Riduzione di oneri di urbanizzazione: come far male una decisione utile

Che fra le attività di un comune vi sia la possibilità di agire sulla tassazione locale quale sistema che aiuti le imprese, quindi il lavoro e l’occupazione, dovrebbe essere pacifico. Città Ideale lo ha sostenut oe lo sostiene da sempre. In particolar modo, subentrata al crisi del 2008 con conseguente stasi e decrescita, che in particolare ha colpito l’edilizia.

Una decisione in questa direzione viene proposta nel Consiglio comunale del 13 Luglio e noi, appresa la notizia, siamo stati in particolare gratificati per una scelta che, per una volta, viene incontro alle imprese a Buccinasco, dopo un PGT infelice, che si è dimostrato purtroppo un fallimento che  per tutta la durata del suo mandato fermo, ha tenuto il settore. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

7 Commenti


L’INIZIATIVA DEI CITTADINI E I NOSTRI AMMINISTRATORI

Ne abbiamo già parlato; la situazione descritta trova puntuale conferma anche da questa sottostante dichiarazione di Alberto Schiavone, che volentieri pubblichiamo. Anche qui una testarda aprioristica proprietà della gestione pubblica.

Una sorta di proprietà personale, seguita e con la presenza di amici e parenti di questi amministratori (o di ex), che fondano associazioni e prendono gestioni. Gestioni che generano soldi, ma tuttavia, si tratta di associazioni che non hanno scopo di lucro…. Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti


Sicurezza di Quartiere:il PD di Trezzano e quello di Buccinasco

A Buccinasco hanno buttato alle ortiche un’occasione d’oro per accogliere e rendere istituzionale la nascita dal basso del CdV (Controllo del Vicinato), contrastandolo perché la promozione era di Cittadini liberi fra i quali parecchi M5S. Sarebbeno arrivati a diffidare (il vicesindaco)  CdV  nazionale dal dare riconoscimento all’organizzazione nascente di Buccinasco. Obbligando così i Cittadini a dare caratterizzazione propria all’iniziativa: SdQ (Sorveglianza di Quartiere).

Cosa mai può combinare il pregiudizio ideologico: “o siamo noi a condurre la danza, con nostri Cittadini da noi nominati, o niente”. Il risultato lo vediamo: i Cittadini sono cresciuti, hanno fatto esprienza e lasciano il segno. Man mano i comuni della provincia (e non solo) stanno adottando il medesimo procedere di SdQ, con un’attenzione prevalente del mondo di M5S, naturalmente. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , , ,

4 Commenti


Rapporti nella rete globale: inizia una fase di riflessione

(Massimliano Khemara, 15 Giugno 2016) Addio FB anzi arrivederci. Lascio FB per un po’: mi prendo il classico anno sabbatico. Quando in una bella mattina soleggiata di Maggio esci dall’asilo, dove hai appena accompagnato tuo figlio, e la 1a cosa che fai e’ prendere in mano il cell per controllare le notifiche di FB anziché guardare il cielo per ammirare la radiosa giornata che si presenta, vuol dire che c’è qualcosa che non va…..

Dopo 4 anni nel famoso mondo virtuale ho bisogno di tornare a cose più concrete, più reali, sfogliare le pagine di un libro che non leggo più da 3 anni, fumare una sigaretta senza avere sempre il pensiero al 5o arto che tutti noi ormai abbiamo, dedicare il poco tempo libero (che con 4 figli è sempre poco) ad altro che non sia leggere i social, cose semplici e banali, ma più concrete. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

1 Commento


Lavoro a Buccinasco: farlo crescere aiutando a fare impresa

I nostri amministratori pro tempore, come tutti, vengono da una memoria storica, che traccia i loro comportamenti  secondo uno schema consolidato: amministrare l’ente locale per loro significa intervenire sul sociale, supportare le criticità fisiche, dell’età, sostenere l’infanzia, ecc.

Per ciò che riguarda il lavoro  sostegno a cooperative sociali e poco altro. Con il duemila si è cominciato a individuare forme alternative di supporto, con sportelli del lavoro e cose del genere. Il lavoro doveva venire di suo, dalla società… l’ente locale ha visto (e tuttora è così) il suo intervento nell’aiutare le criticità: con piccoli contributi o cose del genere. Da un anno si sono impiegati i voucher per assegnare piccoli lavori. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Assessore alla cultura in Consiglio e Materna Pubblica parificata

“dice quello che gli pare e non paga mai pegno”

La trasparenza (assente) di questa amministrazione va sottolineata: esempio di oscurità. Il Consiglio del 27 Aprile è stato trascritto e tenuto nel cassetto per un mese. Trascrizione consegnata ai Consiglieri il 25 Maggio, un mese dopo. Trascorso un mese, passati i commenti presi al volo, il testo vero, il vangelo del Consiglio, pensano che perda di attualità e non interessi più a nessuno. Quello che ha detto davvero il pubblico amministratore resta a futura memoria, nelle carte, senza una disanima ben fatta.

Questo modo strumentale di applicare le regole, in modo che servano il meno possibile ai Cittadini, non solo nella pubblicità degli atti, ogni volta ci offende:  per la presa in giro, per la spocchia con cui questi signori ci considerano. Per questo è utile sottolineare la strumentalità dei comportamenti.  Prendiamo allora lo scritto, letto in Consiglio dall’Assessore all’istruzione, sul tema della Scuola d’infanzia Pubblica Parificata:

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

4 Commenti


Autodifesa di Arboit: un autogol dopo l’assist di Coalizione Civica

Come da copione, potremmo dire. Di fatto l’Assessore ha svolto la funzione di avvocato difensore di se stesso facendo uso di argomenti di natura  speculativa come fosse in tribunale. Non aveva conigli nel cappello e ha ripetuto la cronistoria della lottizzazione Pasin, con un iter giunto a convenzione nel 2007. Definita “valida e immutabile” per 10 anni; ora spostata  a 13 anni. Il PGT non poteva modificare la convenzione.

Neppure ha sfiorato il tema: esiste la condizione di conflitto d’interesse? Sfiorato dandola per scontata ma, dice lui: non vi sono stati favoritismi. Peccato che a stabilire questa condizione il T.U.E.L. lascia decidere agli altri componenti mentre lui non può partecipare, non deve votare. Questa è la legge: punto che nessuna delle argomentzioni addotte da Arboit può scalfire. Condizione che è lì, granitica.

Non sta a noi sostituirci ai giudici che, loro sì, hanno compito e ruolo per stabilire se il conflitto d’interesse c’è e la norma T.U.E.L. è stata violata. Non certo il consiglio, ancor meno l’autodifesa personale con argomenti privi di pregio e logica. Si capisce che in Consiglio l’argomento conflitto d’interesse è un nervo delicato, che c’è timore, un certo ritegno a prendere atto che il conflitto d’interesse può comportare conseguenze serie. Bisogna che se ne facciano un’idea chiara, che così non si può più fare.

Quanto all’argomento principe (come detto inadatto, perché non è quello il punto) dell’immodificabilità da parte di un PGT su lottizzazioni con convenzione approvata e operante: quanto espone Arboit non corrisponde alla prassi amministrativa. È anzi il contrario; da una veloce ricerca riteniamo basti citare, fra le tante,  una recente sentenza:

E’ sempre possibile, per l’amministrazione, rivedere le proprie scelte in materia urbanistica, essendo solo obbligata a rendere una motivazione rinforzata e comparativa, tra interesse pubblico e privato, quando le nuove valutazioni incidono su aspettative dei privati particolarmente qualificate, come, ad esempio, quelle sorte da impegni già assunti dalla stessa amministrazione mediante approvazione di piani attuativi o stipula di convenzioni (TAR Marche, sentenza 20.08.2015 n. 623 – link a www.giustizia-amministrativa.it).

Ma c’è di peggio, nella “prolusione” dell’Assessore a sua difesa. Città Ideale ha citato un estratto di una informativa del Comandante GDF in cui sono descritti comportamenti favorevoli all’Assessore di Maiorano e Bellagamba. Citazione che dimostra la conoscenza precisa della condizione del conflitto d’interesse da parte delle persone coinvolte.

Arboit ha sostenuto che sulla questione (del conflitto d’interesse) dal Tribunale c’è stata assoluzione, minacciando querele (lo invitiamo a procedere), e qualt’altro su cui si sorvola.  Per sostenere ciò che ha detto: ha stravolto il processo (penale, per violenza al funzionario), da cui sono stati assolti gli accusati Maiorano e altri, non Arboit. La parte processuale conclusa riguarda la violenza al funzionario; assolutamente non Arboit, non la sua condizione di conflitto d’interesse (che infatti prosegue).

Basta questo, e avanza perché maturi nel Consiglio, nelle assemblee elettive, un giudizio su un comportamento così irregolare e capzioso tenuto da un loro collega nella sede propria del Consiglio. Sta a loro decidere se questo comportamento a Buccinasco  è compatibile con l’etica e il comportamento che è tenuto a garantire un pubblico amministratore.

Città Ideale conferma la sua valutazione, che non è personale ma di metodo e di sistema. Non deve essere possibile che una persona che fa uso in questo modo delle sedi istituzionali possa continuare a farne parte. Assisteremo all’evoluzione, con interesse e partecipazione. Parleremo poi di altre questioni che Arboit ha descritto maldestramente, e quanto siano d’interesse anche in relazione alla attuazione del Protocollo della Legalità.

44 Commenti


Consiglio e conflitto d’interessi: il gruppo Coalizione Civica fa un assist a Sindaco e Arboit

Assist è termine calcistico: passare la palla al compagno meglio piazzato perché costui possa buttare in rete il pallone. Essendo Coalizione Civica (di cui siamo parte) minoranza in questo Consiglio, per restare in termini calcistici, questo sembra un autogol. Per giunta voluto fortemente, dopo che sul tema in Coalizione Civica ci si è confrontati.

Veniamo al fatto: riceviamo oggi a mezzogiorno la bozza di un’interrogazione (VEDI), priva di data, che riguarda il conflitto d’interesse dell’allora Consigliere e attuale Assessore riguardo al trattamento vantaggioso riservato a terreno di una società nella quale la moglie è socia. Questa condizione (che può essere motivata, giustificata, santificata come si vuole) è conflitto d’interesse e come tale normata dal T.U.E.L. circa il comportamento cui deve attenersi. Leggi il resto di questo articolo »

11 Commenti



SetPageWidth