Archivio per la categoria ‘FARE per FERMAREILDECLINO’

Movimento Cinque Stelle: cosa è buono (e cosa manca)

Vi sono immagini europee che segnano e devono far riflettere. Ci riferiamo ad una affermazione di Andrea D. che definisce M5S un fenomeno che ha  in comune la genesi con movimenti analoghi del Sud Europa come Syriza (in Grecia) e Podemos (in Spagna), dalla forte connotazione di sinistra.Aree tutte  autocostruite ed esterne ai movimenti politici che traggono ragion d’essere dalla inadeguatezza, incapacità di incidere dei partiti storici che rappresentano la sinistra (soprattutto), ma non solo.

Come ogni generalizzazione, c’è della semplificazione in questa immagine, ma un filo comune che unisce questi movimenti non può essere negato, pur  fra le diverse ragioni, anche nazionali e quindi proprie. Tuttavia, tuttavia M5S ha le sue peculiarità che lo distinguono e ne marcano in modo proprio la sua origine.  Il blog, la rete, un comunicatore come Grillo. M5S è una derivazione della comunicazione in rete con un progetto innovativo di Casaleggio, mutuato da teorici USA  nello sviluppo della rete per abbattere la delega politica e dare maggior peso ai Cittadini. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


I costi dei partiti e M5S: la vergogna della casta a nostre spese

Dobbiamo parlarne perché ogni tanto la storia viene fuori, suggerita con una strizzatina d’occhio. Il M5S e i suoi parlamentari dicono, dicono… ma come gli altri si prendono  gli emolumenti, non sono diversi. Predicano bene ma razzolano male.  La dichiarazione ufficiale dei redditi sta lì a dimostrarlo. Non solo:  partiti e giaguaro, con i media,  lasciano intendere sempre in un modo, come  da persone che sanno come gira il fumo, facendo l’occhiolino: con il blog ci fanno un sacco di soldi, che la politica di M5S è un falso scopo per i gonzi, per fare soldi con il blog.

Lasciando stare quest’ultima bufala mettere in piedi un movimento politico nazionale allo scopo di fare i soldi col blog è incredibile, tanto pedestre che meriterebbe la sonora vibrazione boccale dell’immortale Totò. Con la stampa che vive di finanziamenti dallo stato (con nostri soldi), condizionata e disposta a diffondere bufale, facendolo in modo corale per creare una realtà virtuale che si vorrebbe quasi ovvia. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

8 Commenti


Riforma della politica: taglio della spesa o delle mani?

L’Europa di Bruxelles, quella vituperata un giorno si e l’altro pure, vent’anni fa ha dato l’indirizzo agli stati  membri perchè venisse applicata l’autonomia amministrativa agli enti locali, per modo di decentrare tassazione e spese, spingere gli eletti ad essere virtuosi. Se infatti sono obbligati a emettere tasse per le spese che fanno,  avranno una spinta concreta all’efficienza, al risparmio.

In Italia abbiamo rischiato l’infrazione: essere multati per la mancata applicazione del principio (dopo averla messa in Costituzione su spinta della Lega Nord) Eppure è semplice eseguire. L’anno in cui si parte, lo stato centrale riduce le tasse di un quid; non versa più soldi agli enti locali e questi si incaricano di far pagare ai loro Cittadini le spese necessarie per erogare i servizi alla Comunità. Nessun aumento di tasse, anzi. Possibilità di mettere alla prova gli amministratori locali per ridurle migliorando i servizi.

Una cosa improponibile per la nostra partitocrazia, che ha fatto solo finta di applicarla. Anzi, ne ha approfittato per aumentare la tassazione, riducendo i trasferimenti ai comuni, senza ridurre le tasse centrali (lo hanno fatto tutti i governi dell’ultimo decennio). Nello stesso tempo impostando una girandola di tasse locali che qui è inutile ripetere. Accusandosi a vicenda di aumentare le tasse sulla prima casa, più una infinità di baggianate sul tema. Tutti i media a reggere la nappa come lacchè. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

9 Commenti


Trasparenza e pubblica amministrazione: Città Ideale trova conferme

Città Ideale,  fin dagli inizi ha posto il tema: da sempre considera la trasparenza un indispensabile fattore di democrazia. Siamo così insistenti che i nostri critici se ne lamentano come di una fissazione che non ha valore che, dicono, non si sa bene a cosa serva. Naturalmente non è così. Andare avanti con una amministrazione pubblica tendenzialmente chiusa è la base principale perché chi pro tempore gestisce si trovi in condizioni di arbitrio nelle decisioni. Base del sistema corruttivo che colpisce il paese.

Trasparenza. Cerchiamo di spiegarla in termini pratici: un’altra sigla tecnica, chiara per gli addetti ai lavori, ma oscura ai Cittadini è: open data, ancorata alle opportunità che internet da all’umanità intera nello sviluppo delle relazioni, ma anche della partecipazione alle decisioni. Base per questo sviluppo è data dalla conoscenza: più è ampia e diffusa, maggiore la democrazia diretta, obsoleta la democrazia delegata, quella  cui siamo stati abituati da due secoli.  Eccone qualche definizione:

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

Nessun Commento


Movimento Cinque Stelle e ritorno alla lira

Città Ideale riceve l’invito a firmare il referendum sulla lira, a firmare e invitare a firmare. Intanto ringraziamo per l’invito. La nascita e il progetto di democrazia diretta che sfrutta le risorse della rete, del web, per una democrazia ben più partecipata e consapevole che generi una crescita reale della democrazia come questa è possibile oggi, è affascinante. Va diritta verso il nostro futuro, il futuro dell’umanità.

Progetto possibile grazie al livello medio di cultura, di competenze e di conoscenze, che ogni giorno si accresce, tale da rendere  il “popolo” meno massa (incapace di sintetizzare volontà, per cui è richiesta partecipazione). Insieme di distinti Cittadini che interagiscono e costruiscono insieme l’unità di un sentire, di una volontà.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

1 Commento


Movimento Cinque Stelle: l’economia non è uno slogan

Città Ideale si pone con interesse particolare al laboratorio civico fondato da Grillo e Casaleggio, sostanziatosi nel Movimento Cinque Stelle che ha avuto uno spettacolare successo di adesioni e voti nelle elezioni del 2013. Siamo convinti sostenitori, non solo osservatori, del progetto di rivoluzione democratica ancorato sulla rete informatica: strumento destinato a marcare la democrazia di questo secolo.

Crediamo che tutti avvertano la vecchiezza, il superamento della democrazia delegata come si è formulata agli inizi del novecento. Il suffragio universale a un popolo poco o nulla istruito. Oggi sempre più simile ai “ludi cartacei” con cui Mussolini negli anni trenta bollava le “recite” dell’elezione. Facile già allora la dedenuncia dei limiti insisti nel sistema della delega che diventa appropriazione del potere, espropriato al “popolo sovrano”. Così chiamato, trattato dal sistema partiti come un insieme di beoti.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

1 Commento


Anticasta e democrazia diretta: c’è da fare ma il futuro diventa concreto

Riguardo alle forme della democrazia il mondo stiamo attraversando una fase evolutiva complessa. Un percorso di cui finora non si vede ancora un approdo definito.  Un filo rosso che viene da almeno un decennio, composto da internet e  dalla rete informatica. Strumento che dà possibilità nuove di interazione fra governanti e governati, fra Cittadini e rappresentanti: la delega può essere ridotta, fortemente ridotta.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

2 Commenti


Costituzione, autonomia amministrativa, Renzi e gattopardi

Dovendo tagliare le spese per non trovarsi con la troika (gli amministratori europei e FMI che ci amministrano) il governo Renzi ne ha pensata una giusta. Proprio giusta: ha applicato la costituzione nell’articolo che dal 1992 ha introdotto la autonomia amministrativa di Comuni, Province e Regioni. Sembra incredibile che dopo 22 anni arrivi dal governo una proposta del genere. Finalmente lo stato diventa leggero.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

43 Commenti


Renzi faccia i dieci punti di FARE PER FERMARE IL DECLINO

“Sono un Veneto che sa tirare la cinghia e anche la volata”

Parole di Flavio T., un lettore che riteniamo affezionato, libero del suo pensare ed agire come tutti i nostri frequentatori, sapendo di essere apprezzato e rispettato. Sarà per questo, anche lui ha eguale apprezzamento di Città Ideale, almeno così ci piace pensare. Con noi ha aderito fin dalle origini con Oscar Giannino a FARE per FERMARE IL DECLINO, con le vicissitudini seguite.

Con Flavio abbiamo apprezzato e tuttora siamo convinti dei dieci punti del programma. Costruiti dagli economisti italiani di qua e di là dell’Atlantico Punti che, con la forza della  logica confermano ogni giorno la validità. Riteniamo utile riproporne la lettura e la conoscenza (VEDI).  Le cose da fare restano queste. A gente come noi importa meno chi. Determinante però è FARE. Il  bla bla bla dello scout premier che sta pensando alle elezioni ci preoccupa. Ci indigna per la gravità del momento.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

9 Commenti


Libero mercato e “politica”

Sono un liberale e un liberista. In questo articolo cercherò di spiegare, semplificando al massimo l’analisi, perché credo nella libertà degli individui, nel libero mercato e perché, di conseguenza, la “politica” dovrebbe essere drasticamente ridimensionata e non, come sostengono le principali scuole di pensiero attuali, essere incrementata.

Partiamo da una prima banale osservazione: la teoria del libero mercato ci dice che il mercato funziona, si autoregola (nel lungo periodo), contribuisce, attraverso lo scambio tra individui liberi, alla formazione dei prezzi e, grazie al meccanismo dei profitti e delle perdite, premia gli imprenditori migliori e punisce, ed estromette dal mercato, quelli che fanno le scelte “sbagliate”. Si noti che i termini giusto e sbagliato non sono categorie filosofiche astratte riconducibili a concetti etici universali, ma vanno intesi nell’accezione pratica del giusto o dello sbagliato per i consumatori (liberi) in un determinato contesto e in un determinato momento.

Leggi il resto di questo articolo »

9 Commenti


Italia e elezioni: il fenomeno Renzi

Forse un primo riepilogo si può fare; proviamoci. Il primo ministro (di riflesso il suo partito) hanno avuto un plebiscito o poco meno. Tanti italiani hanno dato un segnale di incoraggiamento, una richiesta di aiuto e un aiuto a fare quanto indicato da lui nel programma e nella campagna elettorale. Difficile vederlo come consenso verso il PD: oggi tutti i partiti hanno credibilità molto scarsa.

Leggi il resto di questo articolo »

4 Commenti


Rinaldo Sorgenti: racconta Buccinasco di vent’anni fa

Ed ecco che grazie all’invito di Paolo Caimi l’amico Rinaldo Sorgenti mette a disposizione di Città Ideale e dei Cittadini il racconto della sua esperienza “politica” locale. Si può cogliere subito la distanza che Rinaldo rappresenta fra ciò che lui vede e rappresenta: il Cittadino che si impegna, anche con sacrificio personale, a ricoprire un mandato dei Cittadini rispondendo a loro, e il far politica come oggi viene generalmente intesa: non più un incarico ma appropriazione di ruolo e messa a disposizione di risorse per il partito, per le proprie fortune, ecc.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

81 Commenti


Movimento Cinque Stelle a Buccinasco: è nata una stella

Sabato mattina, nell’usuale spazio dedicato al mercatino nei pressi della chiesetta San Biagio, vi sono stati banchetti dei movimenti che si presentano alle elezioni. M5S ha in precedenza, alcuni mesi addietro, promosso una iniziativa tematica sul tema RIFIUTI ZERO, cui era presente anche Città Ideale, che sostiene il progetto, ormai adottato da centinaia di comuni. Bocciato da questa amministrazione che ha replicato l’appalto da una dozzina di milioni vinto dall’AMSA.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

7 Commenti


Politica, appalti ed affari: tutti a casa

Il verde di Buccinasco non c’entra (finora), anche se sono aperte denunce, sono venute ispezioni e non sappiamo quanti avvisi di garanzia siano stati inviati (viene dato per certo, ma senza nomi e fattispecie di reato, è bene tenere la notizia solo al livello di ipotesi). La questione di oggi è drammatica: EXPO 2015 (VEDI).

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

16 Commenti


Movimento Cinque Stelle: ciò che va completato

Le elezioni sono un aiuto per riflettere circa la condizione di movimenti e partiti che si presentano. Non è un mistero che Città Ideale vede con simpatia e condivisione l’impatto della proposta di M5S circa i principi e i valori. Decisamente alternativi al sistema partitocratrico. Fossero fatti propri, soprattutto messi in pratica,  da un qualsiasi partito per M5S si porrebbero problemi, avrebbe un concorrente, che fino ad ora non c’è.  Ecco principi e valori come indicati dal sito Lombardia (VEDI):

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento



SetPageWidth