Archivio per la categoria ‘Lavoro’

Caporalato nel meridione d’Italia: per cambiare bisogna fare la rivoluzione

Riteniamo indispensabile conoscere la storia, quando si devono affrontare problemi secolari del nostro paese, come l’anti-stato  o il caporalato. Per capire come funziona nei fatti bisogna esserci, averci lavorato, individuato le false maglie della catena che permettono di nuotare nel mercato del lavoro, controllando tutti i passaggi. Agire perché le regole siano disattese, inapplicate, salvo qualche straccio che ogni tanto bisogna far volare, giusto per la scena.

Caporalato: cos’è? Una mediazione fra impresa agricola e le stagioni di lavoro, che sono molto intnse e durano qualche settimana l’anno. Quand’è la stagione del raccolto l’impresa ha necessità d iavere centinaia di lavoranti che all’alba si rovino sul campo (distante anche km dagli abitati), che arrivino di sicuro, affidabili, che abbiano un costo certo.

Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti


Lavoro e voucher: in Italia siamo bravissimi a guardarci l’ombellico

Sui voucher qui ne abbiamo parlato da tempo, la posizione di Città Ideale è positiva. Lo è stata in passato e lo resterà sempre. La legge alla fine passata ha poi subito modifiche che ne hanno esteso l’utiizzo in strutture ove non dovrebbe esserci usualmente necessità. Poi in Italia i Centri per l’Impiego (CPL) sono struture dal contenuto d’inefficienza quasi insuperabile.  Vediamo dove manca la dignità?

Non fanno controlli o si muovono solo su denunce i CPL. Chi controlla l’applicazione della legge di fatto non c’è,  non c’è mai stato, in modo efficiente. Vivono e prosperano in modo vergognoso finte coop (che dovrebbero per legge controllarsi da sole, attraverso le associazioni di categoria) e le denunce arrivano sempre a buoi scappati e stalla vuota. Dipendenti non pagati, mancati versamenti previdenziali, lavoro nero camuffato.

Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti


Il governo che cambia, i concetti di lavoro e impresa siano chiari o si torna indietro

Città Ideale è abituata a non far sconti; a nessuno. Consideriamo l’attuale Ministro del lavoro un apprendista (come del resto tutti i precedenti, soprattutto DS ma non solo, di provenienza sindacale: quindi esperti nell’aggredire chi il lavoro lo genera, nel creargli difficoltà). È radicata “cultura” nel nostro paese che il Lavoro sia un diritto, con tutto ciò che segue (VEDI l’intervista su ilsole24ore)

Nel pubblico come nel privato, il dipendente una volta assunto stabilmente è titolare di un diritto sostanziale al “posto”. Ogni volta che questo viene toccato, anche solo sfiorato,  interviene la magistratura (saranno decine dimigliaia l’anno le cause per il solo demansionamento).  Fare impresa in queste condizioni è una scommessa che si deve affrontare ogni giorno.

Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti


LAVORO e reddito di cittadinanza… in Italia c’è già

Ricordiamo nei primi anni duemila una normativa che nell’intento di ridurre i costi della cassa integrazione, aveva bonificato per 12 o 18 mesi i costi contributivi, favorendo così l’assunzione dei cassintegrati. Offrendo lavoro alle aziende, c’era ovviamente grande interesse nella ricerca di cassintegrati da assumere. Centinaia di migliaia erano, ma non se ne trovava.

La ricerca degli elenchi era impedita perché gli Uffici di Collocamento quasi sempre rifiutavano di mettere a disposizione gli elenchi, ma solo un nominativo alla volta. Avutili,  in qualche raro caso, cominciammo a inoltrare proposte di lavoro agli scritti cassintegrati. Risultato prossimo allo zero. Non se ne trovava disonibili al lavoro.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Lavoro nero. Fatta la legge se ne fa pubblicità. Poi tutto procede come prima

Questa faccenda torna curiosa a Buccinasco Città Ideale, perché a sollevare la questione  siamo stati  noi  a metà Novembre (VEDI). un mese dopo veniva approvata in commissione una proposta giacente in parlamento  da anni, diventata legge sotto elezioni. Però, le norme applicative sono subordinate a un’intesa fra i soggetti  (sindacati,  Confindustria, banche e poste) sulle procedure da attuare.

Finora non se n’è fatto nulla e chissà ancora quanto tempo trascorrerà. Il sistema romano è fatto  così: organizzato perché le leggi scomode all’uno o l’altro dei  soggetti partitici , si fa in modo che non entrino in funzione.  Ce ne informa un articolo puntuale e ben descritto  (VEDI) che riteniamo opportuno riprendere. Terremo sotto controllo l’evoluzione e ne informeremo i lettori.

False buste paga, da luglio stop agli stipendi in contanti

Lo stipendio arriverà solo attraverso le banche, per avere tracciabilità dei flussi. Manca però la convenzione, che doveva esser scritta entro la fine di marzo, tra governo, banche, Confindustria e sindacati per pubblicizzare la normativa

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Welfare e Workfare: in Italia le idee non sono chiare. Per niente

Il termine abbinato viene da una tendenza crescente nell’Occidente sviluppato a spostare le risorse dal classico welfar state (di natura puramente assistenziale, come il reddito di cittadinanza) alle politiche work fare state, alternativo all’assistenza, finalizzato ad evitare gli effetti disincentivanti sull’offerta di lavoro che il welfare ha prodotto. In pratica collega il trattamento welfare allo svolgimento di un lavoro.

L’attenzione dal welfare state al workfare si propone di ottimizzare le risorse destinate alle fasce marginali che rifiutano o tendono a rifiutare il lavoro, spostando l’investimento pubblico verso un’attività lavorativa. Paesi in cui l’offerta di lavoro c’è ma fatica a trovare personale, paesi insomma che sono a un livello di disoccupazione residuale, alla piena occupazione  quasi. L’Italia ha il problema, perché fasce di popolazione vivono di attività assistenziale, incoraggiate anche da proposte politiche rivolte al futuro ed oggi sostanzialmente non praticabili.

Leggi il resto di questo articolo »

1 Commento


#Retelavoro e Sportello Lavoro del Municipio: incompatibilità?

L’iniziativa #Retelavoro promossa da Alberto Schiavone non ha avuto una buona accoglienza dalla maggioranza quando l’estate scorsa si sono svolte le elezioni comunali. Estranea  alla gestione Maiorano Pruiti, allora si pensava: fastidi di natura elettorale; cercare di mettere fumo su un’iniziativa di impatto sociale e comunicativo, che portava via voti.  La sinistra è da sempre gelosa delle iniziative “sociali”, convinti come sono che queste possono essere solo loro, sul lavoro poi…

L’iniziativa #Retelavoro è proseguita anche nel dopo elezioni: Pruiti vince, ma c’è questa proposta #Retelavoro che non è loro, che prosegue,  esterna alla maggioranza (Schiavone direbbe dell’opposizione). Il solo fatto che prosegue un’iniziativa che riguarda il lavoro, fuori da coloro che sono i depositari del lavoro, disturba. Disturba parecchio.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Lavoro, economia, elezioni: niente trucchi, guardiamo alla realtà

Le notizie che riguardano il lavoro in questo mese pre elettorale segnalano qualche aspetto non negativo: aumentano gli occupati e si riduce in modo significativo la disoccupazione dei giovani. Andiamo meglio di prima, da ormai tre anni… lentamente, marginamente, ma il lavoro non diminuisce. Restiamo comunque il paese europeo che ha la minor occupazione, che cresce meno. Quindi?

Facciamo parte dell’Europa anche sul piano economico. Se l’Europa cresce ne abbiamo i riflessi. Andiamo al traino dato che nei dieci anni siamo il paese che è meno cresciuto. Il nostro paese investe meno, molto meno: nel pubblico perché buttiamo quasi tutto nelle spese correnti; nel privato a causa di un’esagerata tassazione. Questo il limite sul piano economico, della nostra crescita.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

2 Commenti


Elezioni e problemi del paese. Il silenzio tombale sul fare impresa

Fare impresa è attività nobile. Vale per l’intendimento in sé di assumersi l’impegno di essere autore e responsabile della sua attività. Con l’obiettivo del successo, col suo impego e a suo rischio. In democrazia l’imprenditore è un Cittadino come gli altri, con un carico e una responsabilità maggiore.

Il suo successo genera benessere per la società oltre che per se medesimo. I benefici che ne trae, sono ulteriori e marginali rispetto al rischio. Affermazione che dovrebbe essere ovvia ma che fatica a passare, a far parte del sentire comune nella nostra società. Anche di questi tempi, quando più che mai lo stato e la società dovrebbe compiere ogni sforzo perché le attività benemerite del fare impresa dovrebbero essere riconosciute.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

11 Commenti


Il Lavoro, lo Sportello, la Rete e tutto il resto

I Cittadini di Buccinasco spendono uno sproposito (oltre 100mila euro l’anno) per avere in comune l’equivalente di una filiale interinale, senza però la rete e le professionalità che in quelle aziende sono presenti.

Le imprese interinali compiono ricerche e selezioni a centinaia, ogni giorno, da anni, conoscendo ed essendo riconosciuti da un mare d’aziende, avendo un patrimonio di curricula classificati in modo professionale  per catogorie  professionali, età, residenza e altre caratteristiche specifiche.

Leggi il resto di questo articolo »

1 Commento


Buccinasco e “lavoro nero”: una buona azione, ma poi?

L’iniziativa delle forze dell’ordine è stata coordinata e ben gestita. Non si sono avute fughe di notizie (cosa che ogni tanto capita, sia per errori di qualcuno ma anche perché c’è chi trova il modo di far sapere, a chi può essere interessato). In questo caso non c’entrava la ‘ndrangheta, ma l’insediamento irregolare era grosso (VEDI).

Almeno 55. semi schiavi in un’azienda di “marketing” che svolgeva consegne di volantini pubblicitari. Oltre a ciò dentro la struttura era operante  anche un deposito smistamento di merci per minimarket, gestito da due pakistani. Presumibilmente prodotti destinati a piccolo commercio etnico nordafricano e mediorientale.

Leggi il resto di questo articolo »

3 Commenti


Buccinasco: dopo sei anni la sinistra scopre l’impresa

È successo ieri sera a Buccinasco. Un Consiglio a suo modo storico. Che a Buccinasco l’amministrazione di sinistra finalmente si accorge che esitono le imprese, i commerci, gli artigiani. Che la crisi ha pesantemente fatto pagare la loro sopravvivenza.  Ci si accorge che da noi  si è visto fin troppe volte un passaggio di gestione verso personaggi dal facile e misterioso arricchimento.

Tutto questo nell’indifferenza, nel lasciar fare alle cose come andavano, probabilmente non mancando l’interna muta soddisfazione per le difficoltà, le chiusure, i capannoni vuoti: fare impresa vista come nemico del quale godere se è in difficoltà… Tutto questo, se è stato, da ieri ha visto un cambiamento di attenzione. Anziché aumentare la platea degli assistiti senzalavoro distribuendo elemosine (che feriscono la dignità), ecco che la tendenza s’inverte.

Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti


Un bando di gara per dare lavoro a due sinti: durerà nove anni… ci costerà una cifra

La sopresa ce la comunica una determina tecnica che fa seguito a una delibera di Giunta del 04 Ottobre (VEDI). Il problema che ci si trova di fronte è: cosa si può fare della ciclofficina costataci 100mila euro (della Regione), immobile completato nel 2013 e finora chiuso, inutilizzato?

L’idea di questi manager della politica “sociale” ma privi di competenze gestionali, era allora di trovare un artigiano ciclista che assumesse 3 sinti (poi ridotti a due) per farne una ciclofficina. Scelta presa così, d’intuito. Che abbiano fatto due conti preventivi, quanto costano, quanto ci si può aspettare in termini di incassi in modo che si potessero coprire le spese, ecc. Non è stato fatto…

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

3 Commenti


Pagamento degli stipendi al Sud: M5S si scontra con l’economia del Sud

Un candidato alle regionali siciliane per il M5S, non eletto, un imprenditore alberghiero dell’agrigentino, è stato arretato per estorsione. Estorsione: sostanziata da una busta paga ove sta scritto 100, ma il dipendente percepisce 80… La differenza se la intasca la proprietà… se la intasca in nero.

Tutta la stampa fa uso del termine “estorsione” (VEDI ad esempio lastampa), ma quasi nessuno descrive la sostanza come viene riportata da ilfattoquotidiano (VEDI):

Secondo il procuratore Luigi Patronaggio, che coordina l’inchiesta con il pm Carlo Cinque, i due fratelli minacciavano i due dipendenti di licenziamento nel caso non avessero accettato uno stipendio inferiore a quello che risultava in busta paga. “I dipendenti, parti offese del reato”, ha dichiarato Patronaggio, “hanno offerto riscontri documentali ed audio alle loro dichiarazioni accusatorie nei confronti degli indagati. Il fenomeno delle ‘false buste paga’ è particolarmente diffuso nell’agrigentino e oggetto di particolare attenzione investigativa da parte dell’Ispettorato del Lavoro oltre che delle forze di polizia. Nei prossimi giorni ci sarà l’interrogatorio di garanzia da parte del gip Stefano Zammuto”.

Leggi il resto di questo articolo »

1 Commento


Elemosine (o regali elettorali?): lo chiamano Bando Crisi Economica

Martedì si è tenuta la Commissione Servizi alla Persona, nella quale è stato presentato un piano di contributi personali a chi è in difficoltà cui erogare somme (nostre tasse)  fino a un massimo di 2.000 anno. La somma totale destinata a questo impiego è di 110mila euro.  Già in altre occasioni abbiamo definito questa una elemosina indecorosa. Dovremo precisare al riguardo.

Intanto i dati descritti: nella presentazione vi è stata una sorta di rendicontazione. Il “Bando Crisi Economica” (VEDI la bozza) è iniziativa del 2013 (mandato Maiorano); le cifre sono aumentate man mano fino all’attuale. Nel 2016 si sono avute 199 domande di cui 162 accolte, con una media 500 euro l’anno cadauno. Il massimo individuale previsto arriva a 2.000 euro in funzione della graduatoria.

Leggi il resto di questo articolo »

3 Commenti



SetPageWidth