Archivio per la categoria ‘Consiglio Comunale’

Regolamento di Polizia Urbana: qualcosa di nuovo (che si deve fare)

Non è ancora posto nel sito istituzionale del comune (ove si trova il testo precedente del 2001), tuttavia già pubblicato e approvato all’unanimità dal Consiglio del 6 Marzo, pubblicato il 15 in Albo Pretorio  Un documento da tenere sottomano e leggere con attenzione, perché ci può riguardare tutti, nei comportamenti usuali di Cittadini.

Un Regolamento di Polizia Urbana espone gli aspetti essenziali che riportano alle leggi, dal codice della strada a ogni altro aspetto che riguarda la vita della Comunità all’esterno di casa propria (VEDI: in particolare art. 16). Rispetto al precedente i cambiamenti  apportati che hanno colpito la Commissione  prima, il Consiglio poi, vengono da una elencazione minuta dei singoli comportamenti che non rispettano quanto è pubblico. Dal buttare a terra carte o altro, imbrattare muri o arredo urbano, un elenco minuzioso, quasi pedante.

Tanto che qualcuno dei Consiglieri su questa elencazione analitica si è dichiarato non convinto (pur votandola). Implicitamente sostiene che non servono le elencazioni perché non perseguibili concretamente; il civismo va insegnato dalla scuola. Sulla scuola soprattutto, sulla famiglia, si sono espressi un poco tutti, raccontando ciascuno esempi di vita ove la maleducazione dei giovani, i comportamenti non civici, è patente. Da leggere le pagine (dalla 23 alla 41: VEDI) della trascrizione. Riportiamo le considerazioni di Benedetti:

Cioè all’interno di questo regolamento c’è tutta una serie di norme che sono francamente inapplicabili, cioè danno, almeno questo è un mio parere, nel senso che rientrano in un civismo sociale, ma che diventano inapplicabili quando la gente decide comunque di comportarsi in termini non civili. Nel senso che non è pensabile che si possano assumere mille Vigili Urbani che controllino ogni pezzettino del nostro territorio, quindi reprimere sul nascere queste forme di inciviltà che sono magari contenute all’interno di questo regolamento…… Chiaramente rientrano in un civismo da parte delle persone che deve essere una cosa inculcata fin dalle più teneri età, anche se è un termine un po’ così, però è reale

Pensieri, come dire, di comune buon senso. Invece ci si potrebbe aspettare, sarebbe dovuta, una maggiore capacità di approfondimento. L’inutilità dell’elencazione di piccoli comportamenti quotidiani entro la Comunità: dal rispetto delle cose, la pulizia delle strade, è derivata da un comune sentire di scarso civismo; in primis, sociologicamente, da chi lo sostiene.  Soprattutto rivestendo un compito di indirizzo operativo.

L’ovvia attenzione sul versante del sistema formativo delle scuole, per come è  presentato dal Consiglio,  ha il sapore di cosa che non li riguardi: la ripetizione di un luogo comune. Il compito della nostra istituzione è, partendo dalla criticità da tutti segnalata, come e cosa fare perché cresca il senso del vivere civile, il rispetto delle cose pubbliche, l’ordinato vivere di Comunità.

L’elencazione dei comportamenti poco civili rendendoli sanzionabili è un passo che può andare in questa direzione. Da solo non basta, ovviamente. Come proseguire? Facciamo un elenco delle cose fattibili da parte della comunità:

  • Un piano serio e concreto che sistemi le aree pubbliche: ottima manutenzione dei marciapiedi , delle aree giochi, di panchine e quanto altro. Una città ordinata fa crescere il senso di pulizia, di rispetto; intervenire tempestivamente per sistemare danni o guasti. Tenere puliti dai ciuffi d’erba i marciapiedi…
  • Esporre l’elenco in questione in ogni luogo pubblico: municipio e in ogni ufficio,  nelle scuole, negli spazi pubblici dedicati a eventi;
  • Definire nel piano di lavoro della Polizia Locale un tempo minimo indispensabile dedicato alla vivibilità nelle strade e nei luoghi degli agenti; pedonale, non solo auto;
  • Sanzionare in modo palese chi sporca o non rispetta le norme (che serva da esempio)
  • Integrare con presenze scolastiche di funzionari che intrattengono sul tema, sul rispetto del civiso, sull’appartenza a tutti delle cose comuni

Non sembra che amministratori (e Consiglio) siano arrivati preparati nel merito. Invece di auto approvarsi… Si dovrebbero portare avere le idee chiare. Le poche cose, eseguite in modo ordinato e coordinato, perché le preoccupazioni di inutilità vengano meno. La Comunità civile cresce e si integra con un percorso ordinato e sistematico. Il civismo si afferma. Con la soddisfazione di tutti, con un senso di appartenenza che cresce.

Tag:

2 Commenti


Sui 140mila euro buttati qualcosa si muove a Buccinasco

Il nostro articolo appello del 3 Gennaio (VEDI) registra conseguenze in Consiglio: fra le altre presumibili, viene inoltrata da Coalizione Civica (consiglieri Cortiana e De Palo) datata 10 Gennaio, il giorno 11  la interpellanza sull’operazione nella quale si chiede la revoca dell’atto.

L’interpellanza appare precisa e sottolinea, riferendosi ai documenti, l’illogica deliberazione del funzionario. Responsabile Tecnico che ha sottoscritto e pubblicato questa delibera (e altre), il 30 Dicembre, al termine del suo lavoro in trasferta a tempo pieno a Buccinasco (in burocratese si chiama “comando”).

Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti


Edilizia convenzionata e riscatto: il comune si disinteressa con danni per tutti

Edilizia convenzionata cos’è?  in parole semplici si contiene il costo della costruzione lasciando il terreno in proprietà del Comune che rimane intestatario, con due formalità diverse: diritto di superficie, o diritto di proprietà; dall’effetto analogo. Nella vendita dell’immobile capita che l’agenzia non informi, ma entro il rogito comunque la condizione è descritta.

Chi acquista l’immobile di edilizia convenzionata non è totalmente proprietario del bene, tanto che questo se dovesse venderlo, può farlo solo a un prezzo calmierato stabilito dal comune, perdendoci. Non solo; l’immobile così comperato, non può essere comunque riscattato se non dopo un congruo numero di anni (a Buccinasco ora è 20 anni).

Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti


Duecento metri di strada: in 5 anni non risolto e lasciato a metà

Parliamo della famosa congiunzione Meucci – Lomellina che, secondo il sindaco è opera “strategica” per agevolare la circolazione e viabilità di Buccinasco, quindi in cima ai suoi pensieri (e di tutta la giunta) per la sua realizzazione. L’ultimo Consiglio ha trattato la materia, per l’ultima volta in questo mandato, nella quale è stato proposto (e approvato all’unanimità VEDI delibera consiglio 63  del 19 12 2016 pubblicata il 04 01 2017) l’esproprio di una porzione di terreno.

La delibera lo chiama completamento, mentre poi in Consiglio è venuto fuori che si tratta di una parte consistente (forse la maggiore o comunque …. circa il 50% o il 30% dice il sindaco) che però era già pacifica acquisizione, per l’affermazione indicata nella stessa delibera. Manca la parte rimanente del terreno per la quale sono in corso trattative con l’architetto della proprietà. Ne abbiamo già parlato (VEDI).

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Buccinasco: il non fatto, il mal speso diventa colpa dei dipendenti

Le dichiarazioni dei nostri amministratori, approssimandosi le elezioni sono disseminate di intenti da campagna elettorale. Fra le righe si possono leggere i temi e le giustificazioni (per il non fatto). Se ne trova un camione già nel verbale trascritto che riguarda la seduta del 12 Dicembre, che aveva per tema una serie di disposizioni, che chiameremmo attuative, riguardo al Protocollo della Legalità.

Richiamiamo ancora lo svarione sulla procedura di controllo nelle decisioni assunte dal Municipio. La legge attribuisce una funzione collaterale al Segretario Generale, al quale è assegnato il compito di controllo di legittimità (la legge, non la efficacia e opportunità, il rispetto delle buone pratiche, quelle che non sono esplicitamente inserite nei regolamenti).

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Protocollo della Legalità: operazione incompiuta, migliorabile

Ci siamo letti con attenzione…. non il Protocollo della Legalità (che conosciamo a memoria), ma la declinazione che ne è stata data in Consiglio il 12 Dicembre. Cominciamo a descrivere ciò che il Segretario ha descritto come novità introdotte nel Regolamento (comunque da dover rifare, in applicazione della nuova legge sugli appalti del Giugno scorso).

D’accordo, già abbiamo parlato della modifica di Statuto, introdotta e senza opposizione approvata in Consiglio. Incomprensibile stesura che riteniamo più che probabile debba essere soggetta a rifacimento; ad essere comprensivi uno strafalcione lessicale di cui nessuno in corso di iter si è (o sembra essersene) accorto.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Buccinasco Statuto: una clausola scritta in lingua incomprensibile

Bisogna andarsela a leggere questa deliberazione criptica. Ci siamo impegnati a decodificare in chiave logica, poiché sul piano letterale non riusciamo a comprendere. L’articolo inserito nello statuto, ci sembra di capire, si propone di mettere un divieto di nomina nella qualità di Assessore  a persone che abbiano carattere di dipendenza funzionale con imprese che hanno avuto rapporti di lavoro o d’affari con la P.A.

Vi  sono aspetti al riguardo che è giusto prevedere: per esempio (estremizzando), non è “elegante” che il sindaco nomini Assessore ai lavori pubblici il direttore generale (o ex, o suoi congiunti) dell’impresa Alfa (che ha svolto e svolge rapporti con il Comune). Se l’intento è questo, credo che siamo tutti d’accordo, in linea di principio, con la riserva che poi la situazione concreta debba essere esaminata caso per caso. Ecco, invece, come è stato approvato e inserito l’articolo:

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Contrasto al riciclaggio: i nostri amministratori ci sono ? Battano un colpo!

Una decisione improvvisa della giunta, avvenuta senza preavviso, tanto improvvisa da apparire retrodatata al giorno 20 Aprile. Approvata in giunta il giorno 24, ma pubblicata la sera del 27 Aprile (giorno di Consiglio). Guarda caso il 21 è stato letto alla commissione interparlamentare antimafia un esposto su Buccinasco e le sue vicende. Il 21 Aprile 2016 è una data crinale, che divide un prima e un dopo, nei comportamenti della nostra amministrazione.

Una delibera fatta mentre era in essere la commissione speciale sull’adozione  del Protocollo della Legalità, che non è stata in alcun modo coinvolta(!?). Commissione che tratta la materia. Delibera che doveva essere adottata già da vent’anni prima! Una toppa fatta di corsa, per tamponare conseguenze (VEDI in data 28 Aprile). Nessun chiarimento ai Cittadini; solo l’illustrazione della “novità” sul giornalino, ove il ritardo ventennale diventa un titolo di merito.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Maiorano eroe vilipeso inutilmente dalla giustizia?

Pubblicato il 17 luglio, dopo il Consiglio nel quale non spiegava nulla. Trascorsi due mesi, potrebbe pubblicare le motivazioni della chiusura indagini (per lui positiva). Invece replica, pesantemente, facendo uso personale del periodico Buccinasco Informazioni (che non è suo ma della Comunità, che lo paga). Le motivazioni non ci sono ancora? ecco, allora poteva attendere. Nel riprendere quanto qui scritto, aggiungiamo che:

> tre anni di indagini non nascono sul nulla; situazioni nelle quali mettere occhi e approfondire ve ne sono state senz’altro. Che il GIP non rilevi fatti penalmente responsabili, non è un’assoluzione per il suo operato di amministratore. Se lo metta bene in testa: lui e i suoi sodali di partito.

> i Cittadini di Buccinasco non sono così fessi, e non si lasciano incantare da sprechi di soldi in eventi che possono essere in se anche gradevoli ma che sottraggono risorse per la manutenzione ordinaria dei beni, dell’ambiente, della città.  Ai lettori il contenuto di due mesi addietro, che interamente confermiamo.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

7 Commenti


Buccinasco: unioni civili e matrimonio. La Presidente del Consiglio vorrebbe obbligarci

Come l’ex Consigliere Errante (ora sindaco di Corsico) Città Ideale ha sostenuto e indirizzato Coalizione Civica perché la proposta di Fiorello Cortiana marcasse la differenza fra matrimonio e unione civile. Sono due cose diverse e questo abbiamo sostenuto. Il matrimonio, dice la Costituzione (art. 29):

«La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. Il matrimonio è ordinato sull’eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell’unità familiare».

Come ha sostenuto qualche politico, un giorno in cui, quando si è alzato, ha dimenticato il comprendonio nel comodino: la Costituzione non specifica  il sesso dei coniugi. Viene da ridere tanto è puerile, ma sembra che il parlamento abbia considerato questa mancata specifica (del 1948)per far passare la parificazione costituzionale fra unioni civili e matrimonio. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Ciclabile di Gudo: Andrea Dalseno ce ne presenta l’analisi

La classe non è acqua. Una frase fatta che però calza bene, nel leggere questo contributo di Andrea. Ciò che emerge dalla analisi crediamo sia importante da ribadire: il perito ha l’incarico di individuare i vizi lamentati e stabilire il costo di ripristino. Punto molto rilevante ai fini della responsabilità sull’esito, visto che l’opera è stata eseguita, approvata, ne è stato corrisposto il dovuto.

Ancora di più: il tecnico, giustamente, fa rilevare che la continuità stradale dovrabbe prevedere  la stessa capacità di carico nel fondo stradale (2.000kg/mq) anziché i previsti 250kg/mq. Dalla abolizione della separazione fisica fra ciclabile e strada carrozzabile, viene il disastro che ne è seguito. Qui sta l’origine dell’errore, qui bisogna scavare. Cominciando dall’Assessore alla partita….

Grazie a Città Ideale i Cittadini di Buccinasco sono ora in grado di conoscere la relazione completa; con le riflessioni puntuali: leggiamo il bel contributo che ce ne da Andrea. Per i Cittadini interessati, Città Ideale rende disponibile il testo integrale della relazione (VEDI). (Titolo della redazione, ndr)

LIMITI E CONTENUTI DELLA PERIZIA DEL CTU

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

2 Commenti


Ciclabile Gudo: vicesindaco il responsabile; soccorso dall’assessore alla…Cultura (?)

Il difensore d’ufficio non lo nomineremo: conosciuto dai lettori per dichiarazioni in Consiglio più volte distorte o non corrispondenti al vero, per giunta interessate. Questo Cittadino gestisce ora un assessorato dal nome pomposo. Cultura pubblica ha un significato nobile. Implica l’autocritica, il controllo delle dichiarazioni, il confronto , l’onesta intellettuale nell’esporre le tesi.

Tutte cose che mancano in un intervento a difesa del vicesindaco, primo  responsabile quale massima autorità, della boiata pazzesca  che è la ciclabile Gudo. Il sindaco, l’Assessore di competenza, la giunta hanno

un dovere solo:

PUBBLICARE LA RELAZIONE INTEGRALE DEL CTU

pagata dalla Comunità. Danari nostri!  Nostri!

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

9 Commenti


Il sindaco ha dichiarazioni da fare: sempre utile rileggerle

Sui quattro argomenti trattati dal sindaco, due già commentati da Città Ideale (l’archiviazione delle indagini che hanno riguardato lui e il vicesindaco, e la faccenda della ciclabile di Gudo Gambaredo) con le loro caratteristiche di scarsa o parziale corrispondenza con la realtà. Ve ne sono altre due, una delle quali trattremo oggi, l’altra non mancherà nei prossimi giorni.

In effetti anche questa di stasera è stata descritta: il ritiro dall’odg del punto 6 (riduzione degli oneri di urbanizzazione), che il sindaco stabilisce quando forse dovrebbe solo proporlo, perché se lui è parte del Consiglio, non ne è il gestore. Spetterebbe al Presidente del Consiglio, per regolamento, ma tant’è a Buccinasco il Consiglio funziona così: i componenti che ne fanno parte sono pratici, non si formalizzano. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Maiorano accusa a vanvera le Liste Civiche: il gruppo consiliare Coalizione Civica applaude

Sulla chiusura delle indagini a Sindaco e Vicesindaco attenderemo con interesse le motivazioni che risponderanno ai fatti, alle prove, alle testimonianze: e conosceremo le ragioni del GIP che l’hanno portato a determinare l’estraneità o la non corrispondenza con i dettami del codice penale.  Di ciò che il sindaco ha dichiarato abbiamo già parlato.

Dobbiamo riportarlo di nuovo. Per comprendere di che si parla, per farlo comprendere ai consiglieri di Coalizione Civica, che forse non sono stati attenti o non hanno colto la illogicità e la gravità delle affermazioni. Rimandiamo all’articolo precedente (VEDI). In sostanza il sindaco ha lanciato accuse inesistenti ai blog in generale ma da altro contesto si riferiva a noi. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

8 Commenti


Assessore, conflitto d’interesse: la saga continua; la legalità rallenta

La vicenda per i suoi trascorsi è nota; è stata in più occasioni illustrata, anche più di quanto avremmo voluto, a causa di dichiarazioni dell’Assessore in Consiglio, che si sono in più occasioni rivelate per lo meno improbabili, oltre che controproducenti. Dobbiamo tornarci perché la situazione ha i suoi sviluppi, che ci sembrano d’interesse per la Comunità (e per tutti).

Tutto è partito a Gennaio a seguito di un permesso a costruire rilasciato a Pasin Maria Cristina quale amministratore unico della società Green Park S.r.l. Questa lottizzazione ha usufruito di una condizione favorevole, confermatale nonostante l’indirizzo generale del PGT approvato. Le condizioni di potenziale conflitto d’interesse per l’allora Consigliere, è stata ipotizzata da Città Ideale. Posizione negata dall’interessato che ha dato una propria illustrazione della vicenda. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

4 Commenti



SetPageWidth