Archivio per la categoria ‘Consiglio Comunale’

Palazzetto dello Sport: il comune fa l’imprenditore con le nostre tasse

Eppure nel Consiglio del primo Ottobre la faccenda è stata illustrata, esaltata. Una pensata della maggioranza, un punto del programma da realizzare che diventa concreto, ecc. Come fa a diventare concreto? Il sindaco ha il suo solito stile provocatore. Ne fa una questione di oggetto cult, che chiama Olimpia Buccinasco:

Chi vota contro questo, vota contro l’Olimpia Buccinasco, perché con questo metteremo le reti e i pali nuovi nelle palestre. Vota contro i Bionics Buccinasco, perché qua dentro c’è la tribuna ed il raddoppio. Vota contro le associazioni di questo Comune. Io non vi chiedo di votarla a favore, ognuno faccia come vuole, ma vota contro questa roba qua, non sta votando contro gli alberelli o contro altre stupidate che poi dopo andiamo a vedere. Sta votando contro l’associazionismo di Buccinasco. Quindi vi chiedo una riflessione su questo perché questo c’è scritto qua dentro, perché ogni posta ha una sua uscita e la sua uscita, siccome sta in piedi sia dal punto di vista conto capitale, che è già un miracolo, sia dal punto di vista spesa corrente, chi vota contro vuol dire che non vuole questa roba qui.. Sindaco pag 59.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Variazioni di bilancio: parola di sindaco in Consiglio con qualcosa da spiegare

Variazioni dei costi di preventivo in corso d’anno, nonostante il P.E.G. (piano esecutivo di gestione) che dovrebbe rendere quasi certe le spese di preventivo, tranne fattori imprevedibili o eccezionali. Fattori fra cui non può rientrare un programmato palazzetto dello sport dal costo di 3,5 milioni di euro, a noi sembrerebbe. Gli spostamenti fra un esercizio e l’altro possono esserci, ma cifre dovrebbero riguardare minuzie (questo è un altro discorso).

Ci sembra molto, molto più pertinente riguardo al Palazzetto dello Sport l’argomentare del Consigliere Iocca per Forza Italia: investimenti del genere è bene che il Comune li risolva col projet financing. Finanza di progetto di cui si fa carico il futuro gestore dell’impianto, finanziandone la realizzazione. La gestione Lanati con questa soluzione ha realizzato la piscina Azzurra. In genere si opera in questo modo:

  • il Comune evita investimenti;
  • chi realizza l’impianto è combinazione seria che punta alle entrate della gestione futura;
  • la Comunità beneficia della realizzazione a condizioni economiche predefinite e convenienti;

Che il Comune si metta a fare l’imprenditore di se stesso è questione al alto rischio di inefficienza (se non di dissesto futuro). Ne abbiamo esempi recenti nei comuni del milanese e lombardo, finiti male: ultimo Rozzano. Qui da noi sindaco e maggioranza tirano diritto; speriamo bene e vedremo il rapporto costi e benefici futuri. Ma c’è anche dell’altro da far notare; parole di sindaco a pagina 50 della trascrizione:

Aumento di 55 mila euro della previsione di spesa per lo smaltimento dei rifiuti.

Questo non vuol dire che è diminuita la raccolta differenziata, anzi è aumentata, ho i dati abbastanza recenti siamo al 62%.

Quello che è aumentato, anche qui bontà loro, è il costo degli impianti della Lombardia che sono più efficienti e molto più richiesti rispetto al resto d’Italia e quindi molte Regioni conferiscono i propri rifiuti in Lombardia.

Chiaramente questi impianti, avendo un surplus di richiesta aumentano inevitabilmente i costi e quindi ci dobbiamo mettere altre 55 mila euro.

Non sembra illogico? Il nostro fornitore incassa milioni per la gestione rifiuti. Siamo bravissimi e ricicliamo. Gli impianti AMSA A2A sono i più efficienti e altre regioni consegnano rifiuti per la gestione, la trasformazione in energia con i termovalorizzatori. Le altre regioni pagheranno al Gruppo A2A per questo, ovviamente. Ma forse faranno dei favori a “regioni amiche”? Perché l’operazione viene fatta in perdita ed allora AMSA A2A addebitano il maggior costo ai comuni lombardi!!! Per Buccinasco, ci informa il sindaco, versiamo 55mila euro in più.

Questo dice il sindaco, che con la sua amministrazione viene incontro e paga a piè di lista quanto richiesto. I casi sono due: o il sindaco si è espresso male dicendo le cose in modo impreciso, oppure siamo di fronte a una decisione che ha dell’assurdo, che deve esse contestata. Buccinasco deve rifiutare di pagare costi di gestione rifiuti che riguardano altre regioni.

Qualcosa si può capire da un articolo de ilfattoquotidiano di un anno fa (15 10 17: VEDI). In pratica Campania e Lazio non hanno inceneritori e vendono a noi i rifiuti. Occupano la capacità di assorbimento e i gestori aumentano i prezzi…. a comuni e imprese lombarde?? Sembra  una barzelletta.

Nel totale dell’elenco questa descrizione di mediocre perizia gestionale è passata, inosservata dal Consiglio, che sul merito non sembra aver espresso  osservazioni. Testo alla mano, lo facciamo noi ora, perché si sappia. Perché domani di fronte a pretese del genere la nostra amministrazione sia più avveduta (come ad altre analoghe del duo ATM Comune di Milano, subiamo sui mezzi pubblici).

Tag:

Nessun Commento


Revisori dei Conti nominati al comune di Buccinasco. Unico strumento indipendente di controllo

Sempre il primo Ottobre, il Consiglio viene informato dal sindaco dell’avvenuta nomina del nuovo Collegio dei Revisori. Nella presentazione parla di una presa d’atto del Consiglio. Cosa che invece non è perché la legge chiede la nomina formale da parte del Consiglio il quale soprattutto è chiamato a far emergere eventuali non compatibilità o possibili conflitti di interesse.

Intanto la nomina come avviene. La Prefettura dispone di un elenco di professionisti che chiedono l’iscrizione, su scala regionale. Perché regionale? Evidentemente si vuole evitare l’emergere di conoscenze o conflitti ove l’area di scelta fosse più ristretta. Sull’area regionale si effettua un’estrazione che viene proposta al comune. Se il comune (e il Consiglio che poi approva) non ravvisano contrarietà, i primi tre estratti sono nominati.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


L’industria del sociale che alimenta la precarietà, e i ritorni per le coop

Il sistema coop in Italia si è sviluppato molto e rappresenta oggi una delle realtà funzionali che ci caratterizzano, ma non solo in Italia. Nel mondo felice della crescita la cooperazione ha contribuito e occupato spazi importanti. Soprattutto in agricoltura e nella trasformazione dei suoi prodotti; nella distribuzione, nelle banche locali.

Nel decennio di crisi in Italia il sistema coop ha trovato adattamenti diversi soprattutto nel sociale: sanitario; supporto alle fasce deboli e alle categorie svantaggiate. Sviluppo che ha retto e si è sostenuto con risorse pubbliche che finanziano. Che cresce ancora oggi con meccanismi diversi di adattamento nelle forme cooperative e nel supporto che avviene in varie forme, che si adattano a situazioni particolari.

Leggi il resto di questo articolo »

1 Commento


Buccinasco e la comunità: una delegittimazione continua o un confronto sulle cose, nel rispetto delle regole?

Si è da poco chiuso l’ennesimo Consiglio nel quale non vi è Cittadino che possa ritenersi soddisfatto, che abbia capito qualcosa, che abbia spiegato ai Cittadini le cose da discutere e approvare, rimandare o annullare. L’elemento comune che prevale è, detta alla romana, la caciara. Con un crescendo di sberleffi, offese, insomma con l’obiettivo di delegittimare l’”altro”.

In questo esrcizio si distingue la maggioranza, primeggiano quegli esponenti che direttamente del Consiglio non fanno parte (assessori, Sindaco), che si aggiungono alla già numerosa schiera di Consiglieri che la maggioranza si vede assegnati, per la legge, maggioritaria appunto. L’essere in questa condizione amplifica l’effetto e genera la responsabilità primaria sul diffondersi di un agire sempre meno civile, che riduce il Consiglio in un ring di periferia, dai contenuti degradanti, per tutti.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Notizie da un Consiglio Comunale di ordinario politichese che allontana i Cittadini

Riceviamo dal capogruppo Alberto Schiavone (M5S), una sintetica e ilare descrizione del Consiglio che aveva argomenti di interesse. A noi ha colpito in particolare la pasticciata operazione (che dicono corrispondente alle norme) che trasforma una perdita di oltre un milione in un utile di un milione e mezzo, facendo uso di una rivalutazione di azioni CAP HOLDING. Società pubblica, azioni che non hanno mercato. Sarà legale ma i costi sostenuti hanno superato le entrate per 1 milione.

Ci importa inoltre una proposta di coinvolgimento dei Cittadini e dei Consiglieri nel caso di abbattimento di alberi (che sono della Comunità, dei Cittadini), il cui esito diamo per scontato, secondo il costume totalitario della democrazia di questa maggioranza. Poi c’è dell’altro, anche con un livello lessicale da facebook che ci obbliga all’uso di sinonimi… ma tant’è. Grazie a Alberto.

Perle del Consiglio comunale di Buccinasco da leggere , ridere e condividere

Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti


Come si interpretano leggi e regolamenti a Buccinasco: è così la Democrazia?

Noi restiamo affezionati agli atti scritti, all’asettica ma indiscutibile realtà che un testo scritto registra, in modo assoluto. Priva dei toni, espressioni e cadenze che  emergono dalla registrazione vocale e visiva. Hanno un loro contenuto di verità, ma si portano dietro l’interpretazione degli aspetti di contorno. Lo scritto di un verbale, è lì e quello resta, indiscutibile.

Ci riferiamo all’ultimo Consiglio Comunale, quello del 26 Luglio, nel quale, su proposta del sindaco, si è discusso delle mdofiche al Regolamento (ne abbiamo già parlato: VEDI). Dopo due mesi abbondanti ai Consiglieri è stato reso disponibile il verbale trascritto… due mesi. Il periodo feriale non può giustificare un ritardo simile.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Consiglio Buccinasco: un rendiconto di chi c’è stato

Riceviamo da Schiavone e volentieri pubblichiamo il rendiconto dei temi affrontati nella serata. I lettori apprezzeranno i contenuti senz’altro. Riguardo alla chiave ironica magari le opinioni possono essere diverse, ma noi le riteniamo comunque simpatiche e leggere, non grevi.

Alcuni dei temi qui sfiorati da Schiavone li riprenderemo a suo tempo. Ad esempio il campo Sinti (il quartiere Terradeo è stato derubricato?), e la politica di un’amministrazione che trasforma il municipio in un ente assistenziale, sono di una gravità che merita riflessione.

PERLE DEL CONSIGLIO COMUNALE  26 Luglio 2018
(da leggere, riderne e condividere,,,)

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

2 Commenti


Consiglio di fine Luglio: complotto alla democrazia partecipata

Bisogna che se ne parli e che sul tema si ricorra in più tempi. Ciò che si è consumato in questa vicenda non riguarda il Consiglio Comunale, l’organismo composto di sedici Consiglieri eletti. Organismo autonomo e gestito appunto in autonomia, che infatti elegge il proprio Presidente del Consiglio Comunale, quale funzione di rappresentanza nei confronti delle altre cariche e autorità locali.

L’art. 37 del T.U.E.L. (testo unico enti locali) distingue gli organi di governo del comune (attribuendone quindi la rispettiva autonomia funzionale):

1. Sono organi di governo del comune il consiglio, la giunta, il sindaco.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

1 Commento


Democrazia e Regolamenti: nel 2018, non siamo più alla dittatura del proletariato

La reazione che ha avuto l’articolo di Città Ideale (VEDI), ha suscitato le legittime reazioni dei gruppi di minoranza, la sopresa imbarazzata e perplessa di Cittadini e perfino simpatizzanti dell’area progressista, oggi mutevole e variegata. Tutti a domandarsi la logica di una modifica pre cucinata in casa, non si sa da chi confezionata, senza una firma, una data una motivazione, senza alcun confronto sui temi con le minoranze.

Poi alle reazioni numerose venute dai social si è cominciato a capire qualcosa. Oppure chi ha pianificato l’operazione (a noi viene in mente il Presidente del Consiglio Comunale, ma sarebbe uno scandalo, vista la sua figura istituzionale, quindi escludiamolo.  Staremo a vedere dove si andrà a finire circa la genesi, gli autori e soprattutto le motivazioni.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Sindaco furioso del Consiglio ove la minoranza lo mette in crisi, intende prevaricare

Domani  19 Luglio vi è una seduta di Commissione Statuto, che ha all’odg la modifica del Regolamento del Consiglio Comunale. La traccia dei cambiamenti fa intuire chi li abbia proposti (sconosciuto). La convocazione, datata 13 Luglio, firmata dal presidente della Commissione Statuto Cesare Di Lieto,  non lo dice. Visto il contenuto  (VEDI) è da ritenere che la mano del sindaco sia stata prevalente.

Come si può vedere dal prospetto allegato alla comunicazione, le modifiche proposte al Regolamento del Consiglio riguardano gli interventi su mozioni, interpellanze, discussione dei punti odg, e materie affini. Lo scopo delle modifiche lo esamineremo dopo aver riflettuto sulla funzione del Consiglio  e dei suoi organismi.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

5 Commenti


Il sindaco rimane sotto i riflettori, dopo un Consiglio pasticciato

Ne abbiamo parlato subito: un Consiglio Straordinario che ha un unico punto all’odg, è stato stravolto inserendo prima, durante e dopo, elementi diversi per cui non si è dibattuto sull’argomento: l’accusa di SCIACALLI a tutta la minoranza. Con l’aggiunta di una massiva clacque aggressiva. Il Consigliere di M5S Schiavone ci inoltra una sequenza di elementi che hanno caratterizato la serata.

La chiave che utilizza, come suo solito è il paradosso, l’enfasi. Non corrisponde al nostro modo con cui valutare il far politica locale, che riteniamo meriti analisi puntuali e stringenti. Tuttavia la lettura, nei suoi componenti singolarmente sovra o sotto analizzati, rende evidente in modo macroscopico che così non si può andare avanti.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Buccinasco: esemplare lezione di democrazia strumentale, che fa a pezzi la Democrazia

Ieri sera il Consiglio chiamato a deliberare su una mozione di sfiducia nei confronti del sindaco, motivata da un fatto specifico:

MOZIONE DI SFIDUCIA NEI CONFRONTI DEL SINDACO RINO PRUITI in risposta alle gravi esternazioni  pubblicate tramite social durante una seduta di Consiglio

Un Consiglio straordinario, dalla convocazione specifica su questo punto, che questo punto deve trattare e non altro. La congrega (non ci viene termine migliore) che ci amministra, ha pianificato il tutto perché di questo non si parlasse. La Democrazia strumentalizzata in modo aggressivo allo scopo, di ridurre, di sminuire, di evitare, il tema in discussione.

Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti


Consiglio di Buccinasco: palazzetto sport e comportamento paradossale

Nel Consiglio di Buccinasco del 14 Giugno si è rappresentata la penosa, grave, sceneggiata organizzata a livello istituzionale (Presidente del Consiglio Comunale, il vicesindaco Arboit e, non poteva mancare, il nostro sindaco), per un attacco a due ministri della Repubblica.  Per questa sceneggiata la minoranza unita, ha presentato la mozione di sfiducia: rivolta al sindaco ma da considerare relativa all’intera maggioranza PD e lista civica del sindaco.

Questa vicenda, con la sua discussione anticipata, ha messo in secondo piano un altro argomento, oggetto di due distinte iniziative: quella del Consigliere Imberti per la Lega, cui si è data replica l’altra sul tema  palasport  del Consigliere Mercuri. Cosa è intervenuto i pochi che hanno proseguito a seguire lo streaming, oltre ai presenti, lo ricorderanno. La lettura che possiamo adesso compiere con calma e più distacco, è parimenti esemplare di un metodo, francamente intollerabile, poco civile e altrettanto poco democratico.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Mozione di sfiducia al sindaco: una dichiarazione dalla maggioranza e le considerazioni che seguono

Un Consigliere di maggioranza, Cesare Di Lieto, nel comunicare via facebook  l’assenza nella votazione del Consiglio prevista per il 2 Luglio, esprime sue valutazioni che, anche con i loro limiti, contengono pure indirizzi e proposte di un percorso diverso, che auspica. Eccone l’estratto:

Auguro ai consiglieri di maggioranza di mantenere la calma durante il prossimo consiglio e non farsi coinvolgere in strumentali discussioni inutili, sull’aria fritta, come purtroppo spesso accade in Consiglio.
Ricordo che i cittadini ci valutano su quello che facciamo per loro in termini pratici sul territorio (sicurezza, manutenzione, investimenti, servizi, assistenza, etc) dimostrando di rappresentarli TUTTI senza distinzione andando incontro ai relativi interessi/bisogni e non per gli hastag o battibecchi sui social.
Ritengo tale Mozione di sfiducia inutile perché non basata su questioni reali come possono essere il PGT, il bilancio, il DUP, un bando, un presunto conflitto d’interessi, etc. Queste ultime sarebbero questioni legittime per una mozione di sfiducia come legittime sono le interrogazioni o mozioni fatte negli scorsi Consigli Comunali dall’opposizione. Queste sono le “armi” (insieme alla partecipazione ai lavori delle Commissioni) che una buona opposizione ha per indirizzare, suggerire e controllare l’azione del governo cittadino. Come maggioranza siamo disponibili a confrontarci su questi temi.
In tale Mozione non ho trovato i suddetti principi o motivazioni mentre riscontro che l’opposizione ci fa spendere soldi pubblici per un Consiglio non necessario.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

1 Commento



SetPageWidth