Archivio per la categoria ‘BUCCINASCO SCRIVE’

Loris Cereda: un racconto per Buccinasco

Riceviamo e siamo lieti di pubblicare. Ho scritto un raccontino per un piccolo editore che sta facendo un antologia dal titolo: racconti di Fede, Speranza e Carità. Te lo giro, magari ti piace, se non altro è breve.

Loris Cereda è nato a Milano il 28 febbraio del 1962. Poi si è messo a fare molte cose, apparentemente nessuna collegata con l’altra, alcune strane. Le riepiloghiamo qui, tralasciandone qualcuna per ragioni di spazio e senza un preciso ordine cronologico, lasciando al lettore il compito di trovare un filo rosso.

Ha cominciato a scrivere giovanissimo, circa a tre anni, poi ha fatto di tutto con la scrittura, ma mai lo scrittore, cose che capitano. Laurea in Scienze Politiche, Master in Business Administration, Direttore di un’azienda farmaceutica, Docente universitario, Sindaco di un comune di 30.000 abitanti con incarichi a livello governativo, giocatore e allenatore della nazionale italiana di Football Americano, giocatore di scacchi di livello magistrale, pittore con mostre e opere battute in primarie case d’asta internazionali. Sposato con due figlie di 21 e 9 anni, ha due cani, una cavalla, svariati amici, qualche nemico. Aveva anche un criceto: è morto, peccato, era simpatico. Alla fine ha scritto qualche libro, forse per mettere ordine in tutte queste cose, o forse per complicarle ancora di più. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

5 Commenti


Buccinasco: tanti i Cittadini che vale la pena di far conoscere

Si tratta di una riflessione su di sé. Le volte che, sarà capitato a tutti, per una qualche ragione che non capisci bene, che un po’ ti sfugge, viene da pensare a ieri. Ad adesso, alla vita e alle cose che ami e  quelle che hai perso. O che ti sono rimaste dentro rispetto alle innumeri altre che no. Ricevo ed è un sentirsi in sintonia, un capirsi che sa di confessione ma è soprattutto condividere qualcosa con coloro che ritieni di capire e che pensi ti capiscano.

Sensazioni e sentimenti che Città Ideale ritiene di far conoscere, perché sono cose di tutta la Comunità, le appartengono. Un ringraziamento all’autore (non citato, di Buccinasco). Un caro lettore e credo di poterlo dire anche se non l’ho mai chiesto: un amico.

QUANDO

Quando ti torna la voglia di scrivere,

Quando il tuo sangue diventa colore e ti senti di fare il dripping. E poi stai guidando,

Quando gli alberi in alto si congiungono e ti sembra di essere in galleria, e magari ti sei alzato di cattivo umore

Quando poi capisci che è solo perché hai il torcicollo e allora sei contento.

Quando certe volte non riesci a pensare e quando, invece, ti sembra tutto facile, tutto già risolto.

Quando senti un odore che ti fa tornare indietro di vent’anni,

Quando sai già che quello che dovranno dirti non ti piace.

Quando scendi le scale e ti arriva un sms e allora ti metti a leggere e inciampi e cadi e capisci che il ginocchio è andato e vai a bere tre grappe per far passare il dolore.

Quando sei a una festa e vuoi andare via.

Quando ti aprono la nuova cassa davanti proprio mentre stavi per metterti in coda. E la volta che da bambino ti hanno regalato il completo da agente segreto ma la penna che sparava era finta.

Quando tuo nonno ti ha portato a vedere il Giro d’Italia.
Quando fuori c’è poca luce e lei guarda dalla finestra e i suoi occhi sono accesi. Poi accendi la tele vuoi vedere un film e dopo ti accorgi che l’hai già visto. E pensi a

Quando ti hanno preso nella tua casa e ti hanno portato via e tu hai avuto l’istinto di portarti dietro il libro di Bolano.

Quando sai che sta morendo,

Quando sai che non torni più indietro,

Quando è tutto inutile,

Quando il meglio ormai è passato e le giornate sono corte.
Quando ti accorgi di quanto ti piacciono i pinguini di Madagascar.

E se ci fosse una soluzione.
Quando hai letto una cosa che avresti voluto scrivere tu, e allora pensi che non l’avresti scritta così bene,

Quando leggi Montale, senti i Led Zeppelin e guardi un quadro di Rothko nella sala della Tate.

Poi devi smettere per un po’ di scrivere perché tua figlia vuole che fai l’ammalato che lei fa la dottoressa.

….. E devi assolutamente lavare le scarpe da tennis.

Che ti chiedi se mai verrai capito.

Nessun Commento


Buccinasco: il verde e il seme calabrese

Buccinasco è un paese diventato grande presto. Forse troppo presto: questa la riflessione di Oreste mentre ad estate ormai avanzata, verso l’ora di cena, tornava al suo negozio, che era poi la sua casa. Il negozio fino a qualche anno addietro era una osteria che i genitori e i nonni avevano sempre gestito, vicino alla chiesetta della parrocchia.

Leggi il resto di questo articolo »

3 Commenti


Buccinasco racconta: ecco dieci minuti di intenso piacere

  

Buccinasco è una bella cittadina, con al suo interno persone che hanno piccoli tesori da custodire, da far conoscere. Nella piccola collana di racconti di questo blog oggi se ne aggiunge uno. Ben scritto, piacevole, che ci lascia contenti.

Il nostro lettore è abituato alla lettura e i racconti vengono letti. Bisognerebbe, ed io li invito, che ogni tanto andassero a consultare la Categoria: BUCCINASCO SCRIVE.  Lo riteniamo un piccolo tesoro e una testimonianza  che nel tempo crescerà e darà di Buccinasco l’immagine che più si merita: più vicina alla realtà di quanto le nostre vicende politiche si incaricano ahimé di indicarci. Buona lettura. Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Patenasco: un Natale felice per el Ninètt

Per Melantone era un periodo no. 

Sembrava agli amici e alla sua congrega che tutto andasse bene: un uomo di successo a Patenasco, paesetto dell’alta Brianza sulle rive del “vago Eupili mio”, settecentesca, indimenticata definizione del lago di Pusiano.

La quarantina passata da poco, l’aspetto fisico sano ed una capigliatura folta e liscia, quasi nera, i capelli bianchi difficili da trovare. Tutto contribuiva a farne un giovane nella non folta schiera dei paesani che, pagando tasse superiori a  100 lire l’anno, potevano far valere la capacità elettorale passiva (così si chiamava allora e si dice anche oggi la possibilità di essere eletti). Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , , , , ,

Nessun Commento


Patenasco: un Natale felice per el Ninètt – seguito

La scuola vedeva aumentare i costi e il servizio era totalmente franco, gratuito per i frequentanti. Una scuola di poveri per i poveri: non poteva essere diversamente. I libri erano per lo più di devozione: vite di santi, qualche consunto abbecedario forse risalente alla dotazione di un secolo precedente. La carta per scrivere da tempo immemore ricavata dalla Premiata Stamperia Vinciani di Erba che metteva da parte gli sfridi e i fogli di scarto che avessero il verso bianco. Leggi il resto di questo articolo »

12 Commenti


IL GIORNO CHE LA TERRA PRESE UN ALTRO GIRO

Il nostro Cittadino che scrive racconti ed ha ritegno nel mostrarsi, fa avere a Città Ideale un racconto che ha ricevuto premi in un contesto che può definirsi “nazionale”.  Città Ideale è grata e gratificata della scelta, orgogliosa di mostrare la Buccinasco fatta di persone che illustrano la Comunità. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , , , ,

2 Commenti


Buccinasco: una bella sorpresa da un fine spirito di casa nostra

Che bella sorpresa ci viene da un Cittadino di Buccinasco. Questo è uno dei due racconti che questo Cittadino, conosciuto ai più se non a tutti, ci chiede di non rendere noto. Se ne è spossessato per aiutare qualcuno che si trovava in una condizione di bisogno. Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

2 Commenti


Un racconto di Natale a Buccinasco

 

La 352, l’autobus che arriva a Buccinasco, era abbastanza pieno. Non certo come le sardine, roba da linea due della metro alle otto di mattina per andare al lavoro. Posti a sedere ce n’è ancora qualcuno;  un pieno per modo di dire quindi.  Germano, che deve scendere al quartiere dei musicisti, in via Vivaldi, ne resta sorpreso quasi con piacere. L’autobus quasi sempre con poche persone gli fa tristezza.

 Torna con i Leggi il resto di questo articolo »

Tag: , ,

2 Commenti



SetPageWidth