Archivio per la categoria ‘Amministrazione comune’

L’acqua a Milano; Cap Holding riduce le tariffe? Sarà da vedere…

Com’è risaputo da molti, una delle iniziative del Contratto di Governo è relativa alla proprietà pubblica della gestione dell’acqua come prevista dal referendum del 2011: uno dei punti che sostiene M5S, o forse la sua ala più statalista. Fatto sta che ci stanno lavorando, e dobbiamo attenderci novità.  Viene lamentato un eccesso di utili che restano nelle società mentre si dovrebbero ridurre le bollette. Si dovrebbero smontare le società municipalizzate facendole diventare direttamente attività comunali (o regionali)?

Ora la gestione degli acquedotti in Italia, salvo una minoranza dei casi, fa parte delle proprietà pubbliche attraverso società municipalizzate, ovvero società di capitale apparentemente private (S.p.A. o S.r.l.) ma dal controllo pubblico totale (100%), o pressoché tale. Spiegare agli statalisti M5S che un controllo di questo genere non cambia in nulla la proprietà, non dovrebbe essere difficile (VEDI comunicato M5S). sarebbe bene invece che si preoccupasse dell’infrazione dell’Europa,sullo stato dei nostri sistemi di distribuzione e fognari, per i quali paghiamo multe salate).

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


La legge va applicata in uno stato di diritto: in modo civile però…

Il nostro sindaco ha comunicato a suo tempo che, col cambio degli apparati di rilevazione dei veicoli a Buccinasco, si sarebbe modificata l’elasticità sulla velocità rilevata, consentendo il solo “abbuono” di 5 km previsto dalle norme a favore del conducente.

Va rilevato che, in particolare in via della Costituzione, l’apparato operante da oltre dieci anni, era tarato a oltre 60km, sulla base di un criterio di comune e sano buon senso: “sforare di dieci km in un rettilineo senza residenze con accesso immediato su strada, non è corretto ma non così grave. Senza dirlo, stabiliamo un margine maggiore, oltre il quale nessuno potrà avere da dire”.

Ecco quanto abbiamo ricevuto da un Cittadino il quale si trova con due multe per uno sforo di 6km teorici, 1 km formale. Cittadino che vive e risiede a Buccinasco da almeno 25 anni se non di più.

Lo Confesso

Leggi il resto di questo articolo »

1 Commento


ANCI lo propone. Buccinasco non vuole che si riporti nelle scuole l’ora di educazione civica?

Quasi casualmente, poiché l’operazione la compiamo raramente, troviamo su un settimanale comunale dell’hinterland di Milano un invito del sindaco ai suoi Cittadini perché si rechino a firmare la proposta di legge d’iniziativa popolare allo scopo di ripristinare l’ora di educazione civica (VEDI). un discorso pacato dal chiaro intento civico e civile.

Andiamo allora a verificare il sito dell’ANAC (associazione nazionale comuni italiani): (VEDI). Un’iniziativa partita quattro mesi addietro, promossa da una marea di capoluoghi e città, paesi d’ogni dove e tipo, che coinvolge tutta Italia. Il senso di vivere un progressivo degrado nelle scuole, nei luoghi pubblici, nei mezzi locali e nei treni, sulle strade, è percepito da tutti, quasi ogni giorno.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


M4, Buccinasco e l’ospedale: uno-che-sa, ce ne parla, con poca fiducia

Il fare politica di questi tempi è cosa che spesso ci delude, per i comportamenti, le alleanze (tutte di convenienza),  il sovrapporsi di spinte e controspinte che non hanno altra motivazione deducibile che gli “interessi che stanno dietro”. L’amara valutazione del nostro amico Uno-Che-Sa ne è la dimostrazione.

Eppure, eppure… dietro l’amarezza si legge anche un rimpianto, un modo do vedere il mondo fatto di cose serie, di un agire per la pubblica amministrazione fatto di incarico d’onore e impegno per i Cittadini. La faccenda di cui si sta parlando è davvero triste, fino al paradossale, con due luoghi (nonostante le sicurezze di Uno-Che-Sa, noi restiamo in una condizione dubbia sul risultato finale), dimensioni insufficienti al Ronchetto, ecc.

Non manca poi la questione Buccinasco. la fermata che si vuole chiamare Buccinasco pur trovandosi nel comune di Milano. Insomma, questioni da dipanare, nel silenzio tombale della maggioranza (un tombale star zitti che è durato ben 4 anni con la maggioranza precedente, sulla faccenda Buccinasco più). Bene fa Uno-Che-Sa  ricordare e affiancare queste vicende di ieri e di oggi.

BUCCINASCO CON LE SOLITE STORIE DI QUESTE MAGGIORANZE

( Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento


Rifiuti, sempre il costo dei rifiuti: questa volta è la piattaforma ecologica

Contratto anche qui di cinque anni. La durata abnorme di questi  contratti dovrebbe essere sorretta da una motivazione stringente. Ricordiamo l’assurdo contratto di nove anni (NOVE) per la gestione dell’illuminazione pubblica. Un contratto di questa natura si porta dietro una serie di rischi: in nove anni l’appaltatore può cambire di gestione, di proprietà, può fondersi o cedere parte del proprio business, ecc.

Non ci è mai capitato di leggere una motivazione che motivi e descriva l’opportunità della durata. A lume di logica maggiore è la durata, minore dovrebbe essere il costo unitario del servizio.  Ma questo aspetto dovrebbe essere quantificato da chi il servizio offre, non prima, a spanna, da chi se ne serve. In questi casi la durata dovrebbe essere una variabile proposta dall’appaltatore: un anno di contratto a 100, tre anni a 80, ecc. In questo modo l’appaltante avrebbe la possibilità di arbitrare in modo aperto e logico la scelta valutando la convenienza e le componenti di rischio.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Pubblica Amministrazione, tempo è efficienza… quanto ci costa in inefficienza!

Di questi giorni la notizia che gira sui media: sono già approvati e stanziati, messi a bilancio nazionale 150 miliardi di investimenti, circa 10 l’anno. Quindi soldi da spendere subito, immediatamente, che non sforano il bilancio perché sono già compresi. Non si usano e si ritarda, anzi si giustifica la non partenza dei lavori con problemi di procedura, di competenze stato-regioni-comuni-enti-contratto degli appalti: tutto lunghissimo e complicato, ecc.

Dietro questo aspetto ciò che viene alla mente è il “sistema romano” che quando si trova a fronteggiare norme che limitano “affari romani” genera meccanismi applicativi che rendono le norme insostenibili, allungando i tempi, complicando, chiedendo quesiti  alle singole istituzioni, rallentando nel decidere. Obiettivo arrivare al superamento degli “intoppi”, a semplificare per arrivare agli “affari romani”. Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Fatti e comportamenti a Buccinasco: colpa delle minoranze?

L’ormai ricorrente riepilogo del Consigliere Schiavone ci perviene e volentieri pubblichiamo. Il tono non è serioso, vuol essere leggero. Anche perché l’elenco è lungo, e potrebbe esserlo di più. I singoli temi sono seri, farne l’elenco motivato sarebbe una sorta di epitaffio non facile da digerire. Oltretutto sono per la totalità affrontati uno per uno da Città Ideale e da BucciRinasco. Qui il letore potrà trovare gli approfondimenti.

Il riepilogo che ce ne presenta il Capogruppo del M5S Albero Schiavone ci aiuta a non dimenticare. Chiediamo che non ci si fermi solo alla piacevole lettura, che si ricordi l’insieme di questi infortuni, la criticità che ne viene, pesante, per Buccinasco. A tempo debito verrà l’occasione per dare la valutazione diquesto amministrare, di questo spendere nostre tasse (350milioni in cinqe anni). Buona lettura.

Antologia delle dichiarazioni estive di chi amministra la nostra città
(da leggere ,divertirsi e condividere)

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Buccinasco, case popolari e ALER: aggiorniamo la situazione?

Lo spunto viene da una notizia che riguarda l’immobile ALER di via due Giugno 4 (VEDI). Una situazione indecorosa per il vivere civile e in particolare per Buccinasco, ci si rimane male a leggere. Non sono questi i luoghi residenziali tipici di Buccinasco, si pensa che non ce ne sia. La prima domanda che viene è: si può fare qualcosa?

Il sindaco nella sua dichiarazione confessa una condizione di impotenza. Non ci si può far nulla, tranne le sollecitazioni (che lasciano le cose come stanno). Non solo ma dal 2018, ci dice il sindaco, le graduatorie per l’assegnazione degli alloggi diventa esclusiva dell’ALER “in quanto proprietaria degli immobili”. Quindi le assegnazioni le graduatorie sono fatte da ALER. Ma ALER che cos’è?

Azienda Lombarda Edilizia Residenziale, questa l’estensione dell’acronimo ALER che, in passato si ricorderà come IACP (Istituto Autono case Popolari). Fondata nel 1908 come struttura comunale. Una storia infinita di crisi, commissariamenti, quantità industriali di affitti non pagati, o occupati abusivamente. Controllo sempre pubblico, sempre gestito da gestioni vicine ai partiti, con graduatorie e assegnazioni, anche illecite, in cui la motivazione elettorale sembra evidente.

ALER è oggi una struttura che fa capo alla Regione, quindi di gestione strettamente politica. Reduce da un cambiamento organizzativo importante, riguardo alle assegnazioni, entrato i nvigore nel 2018. In pratica la precedente gestione centralizzata unica, con assegnazioni e graduatorie definite in sede locale/comunale, si è passati a una gestione unica (tutta ALER) ma distribuita da uffici sul territorio (UOC unità operative gestionali).

200.000 gli inquilini. 70.000 unita abitative, non si capisce bene come 200mila inquilini stiano in 70mila unità immobiliari. Quanto a Buccinasco la situazione risulta la seguente:

Immobile via Bologna 10A           Immobile via Bologna 10B           Immobile via Don Minzoni 4
Immobile via Solferino 2              Immobile via Solferino 4             Immobile via Solferino 6

Il totale delle unità immobiliari viene indicato in 141 oltre a 53 Box/posti auto.  Quanti siano gli appartamenti non viene rintracciato sul sito ALER. L’ufficio unico (UOC) che gestisce gli immobili di Buccinasco si trova a Rozzano/MI via Garofani 11/13. Tutto quanto riguarda domande o questioni di interesse fa riferimento, dal 2018, a questo ufficio e non diversamente. Ufficio che gestisce anche le graduatorie, a detta del sindaco.

Il cambiamento organizzativo sarebbe per lo meno dubbio, in condizioni normali. Il Municipio del luogo dovrebbe essere la struttura del territorio, più informata e efficiente per gestire graduatorie e controlli su occupazioni più o meno abusive. Evidente che così non deve essere, se la volontà di finirla con le occupazioni abusive ha fatto decidere per questo cambiamento. Non è conosciuta la situazione per Buccinasco (appartamenti liberi, occupazioni irregolari, inquilini morosi, ecc.

Non si sa nulla e non si informa. L’unica questione che muove l’interesse sembra quella delle criticità che diventano insostenibili come quella di cui all’articolo citato, in via Due Giugno. Ripeto, che l’ente locale sia estromsso da ogni aspetto della gestione non ci sembra logico. Si tratta comunque, con tutta evidenza, di una gestione che appare fortemente condizionata da scelte politiche. Che siano di qui o di là, sono scelte di convenienza, meccanismi di consenso.

Dispiaciuti per le condizioni più che precarie in cui si trovano i nostri concittadini di via Due Giugno, speriamo di aver fornito una descrizione che consente di comprendere un poco meglio la situazione. Resta il fatto che situazioni di precarietà così estreme richiedono un pronto e deciso intervento  riparatore e messa a norma. Una vergogna per tutta Buccinasco, su cui ci si deve muovere.

Tag:

Nessun Commento


Rifiuti urbani e gestione di Buccinasco: parte la gara e noi paghiamo

Sappiamo che questa partita del nostro municipio è coperta per intero, per legge, da una tassa di pari importo che comprende tutta la materia: Si chiama TARI. Per chi amministra si tratta in buona sostanza una partita di giro. Se la raccolta rifiuti costa 100, si applica la TARI al valore 100, che i Cittadini pro quota pagano, e si fa  pari e patta.

Insomma, a differenza dialtri costi e spese, chi amministra non è preoccupato dal problema, almeno sul piano delle entrate. In effetti finisce sempre così… a Buccinasco saranno forse dieci anni che la tassa rifiuti, comprese tutte le varie poste, gira sui tre milioni l’anno. In pratica non c’è interesse specifico sulla materia. Eppure entro il termine rifiuti vi sono partite degne di attenzione, a cominciare dalla raccolta differenziata che dovrebbe generare ritorni, riducendo il costo complessivo.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Il sindaco in difficoltà su via Di Vittorio, con la Giunta spara denunce a salve

Prevedibile il nostro sindaco, quasi automatico. Ogni questione che riguarda la nostra Buccinasco, se viene affrontata dai Cittadini in termini critici, lo disturba. Non si cura del contenuto, non da ascolto a proposte di riflessione, di soluzioni alternative. Butta tutto nel cestino.

Poi le critiche montano; e questo lo disturba. Vorrebbe zittirle e cerca di farlo in ogni modo, sui social network e con interventi diversi.  Se poi appena trova un appiglio, ecco che a spese del comune spara denunce sembra senza osservare con attenzione i contenuti e le logiche di un’iniziativa che dovrebbe essere seria. In questo caso coinvolgendo tutta la Giunta che unanime vota per la spesa.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

1 Commento


Sicurezza a Buccinasco? assunzioni e contratti a go go. I Risultati?

Vi sono temi di spesa entro un comune che non sono misurabili, confrontabili nella spesa in rapporto all’utilità conseguita. Uno di questi è la sicurezza. Per avere più sicurezza cosa le scelte a disposizione sono molte. Sicurezza di una citta come Buccinasco riguarda molto, riguarda tutti gli aspetti che con la sicurezza possono impattare.

Vediamo di fare qualche nota: cominciamo con la situazione reale con la quale confrontarsi. Da qui dovrebbe partire un’amministrazione serie e competente. Prima cosa: raccogliere tutti i dati che possono impattare con la sicurezza. I furti in abitazione; le rapine (malviventi che entrano in casa mentre vi sono persone); le tipologie di effrazione, tipologia di abitazioni per condizioni di rischio; furti e danni alle automobili private.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Buccinasco: gli errori poi generano pasticci e i danni sono tutti nostri

Bisogna risalire al 2013, quando una “lettera anonima” segnala comportamenti impropri accusando Gregoria Stano (l’unico nome che faremo in questa ricostruzione poiché, adesso è fuori. Assunta dalla Ragioneria Generale dello Stato, non fa più parte del Municipio, ancora residente a Buccinasco). Questa lettera anonima avvenne poco dopo una contestazione che riguardava l’allora vicesindaco per modificazioni interne alla sua villetta.

Per questa faccenduola l’odierno sindaco venne condannato e se la cavò con una sanzione economica, la non iscrizione, ecc. (nessuna conseguenza pur trattandosi di persona con la carica di vicesindaco). Ma continuiamo nella storiella di cinque anni fa. Ai lettori che non ricorderanno, sembrerà incredibile ma, il Segretario Comunale pro tempore ritiene, in base alla lettera anonima (!) del tutto strumentale, di dare il via a una inchiesta interna che ha per indagato Gregoria Stano.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Il vuoto pneumatico del mandato Pruiti Arboit: prima della mozione si inventa lì per lì un nuovo PGT

Finora nulla di ufficiale, solo un comunicato pubblicato sul blog del comune Venerdì 29, che invitiamo i lettori a leggere, a firma dell’Assessore Guastamacchia (nell’occasione funge da foglia di fico del nulla programmato, del niente fatto, mentre Lunedì si discute la mozione di sfiducia che riguarda il sindaco, che rischia di mandare a casa questa amministrazione, ridando la palla ai Cittadini.

Un comunicato che riguarda Buccinasco e il suo futuro, spuntato dal nulla. Che scopiazza (male) il programma elettorale di BucciRinasco. Forse l’unico programma organico che è stato presentato nelle elezioni dell’anno scorso. L’integrale rigualificazione urbana (che per decenza il comunicat ochiama rigenerazione), la rigualificazione dei contesti industriali dismessi (mentre quelli ancora presenti rimangono, con rumore e ambiente prossimo a sempre più presenti abitazioni vicine.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Gestione del Municipio a Buccinasco: pasticcioni o collusi?

Il giorno dopo il Consiglio Comunale, tanto per evitare che della vicenda il Consiglio medesimo fosse coinvolto, l’equivalente del C.d.A. (consiglio di amministrazione) nel nostro Municipio (assente Palone), compie un atto conciliativo che reintegra un dipendente licenziato in tronco sei mesi fa, con i conseguenti costi, ma soprattutto, in questo caso, con lo smacco per i medesimi amministratori e per tutti i Cittadini.

Il giorno dopo… ma in fretta e furia prima che i costi che capitano addosso al Municipio siano ancora peggiori. Si tratta di una vicenda da repubblica delle banane. Comportamenti di stalking che risalgono al 2009, di cui precedenti amministrazioni non hanno assunto le decisioni responsabili. Il nostro sindaco (e il precedente) hanno più volte sostenuto l’impossibilità per la commissione di disciplina di assumere decisioni fino al compimento della procedura giudiziaria.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

2 Commenti


P.A. e impresa privata: le regole sono diverse

Ci è capitata una storiella di questo periodo, accaduta a Buccinasco. La storiella ha per tema il verde, le piante… in particolare le piante di alto fusto, magari di pregio e comunque piante dl carattere cittadino, ornamentale. I Cittadini interessati  all’ambiente, in particolare, sono attenti e notano quando questo tipo di piante viene  abbattuto.

La perdita è sentita come una ferita; un vulnus personale e collettivo. Normale che si sia risentiti di fatti che si sentono comuni, parte della Comunità.  Che ci si trova ad assisere senza alcna informazione. E’ giusto, bello, che queste reazioni si manifestino.  Interventi che testimoniano una società civile, attenta all’ambiente.

Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti



SetPageWidth