Archivio per la categoria ‘Amministrazione comune’

‘ndrangheta: a Buccinasco chi ci comanda? Tutti stanno zitti

Un argomento che sembra diventato “delicato” per questa amministrazione, dopo che il sindaco ha ricevuto una lettera dal “boss”.  Ne abbiamo già parlato (VEDI). Con un tempismo sorprendente: il nostro articolo messo l’11, con evasione programmata il 15, è stato anticipato il 12 da un’uscita in Cronaca di Milano, del Corriere per dire…. ( VEDI andate a vedere, che adesso commentiamo).

Letto? Allora riepiloghiamo i fatti. Nel 2016 apprendiamo dal sindaco Maiorano, in Consiglio,  che il ministero ha in via definitiva assegnato l’immobile di via Nearco alla gestione del Comune alla fine di un procedimento lungo e tortuoso. Nella stessa occasione ci informa che l’immobile dovrà essere risistemato e che a ciò provvederà l’associazione Libera. Cosa che avviene. Sempre in quel torno di tempo il sindaco Maiorano stipula una convenzione che assegna la gestione dell’immobile alla Coop sociale Villa Amantea come luogo abitativo e formativo di sei siriani minori non accompagnati.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

9 Commenti


Autonomia regionale. Votiamo una dichiarazione d’intenti, ma è importante

Il sito istituzionale del nostro comune ne esce con un comunicato che descrive le condizioni in cui si svolgerà. Un comunicato ben fatto, istruttivo, che riporta il quesito (tutt’altro che criptico rispetto ad altri). in particolare si sofferma sulle modalità di votazione elettronica, riportando i termini di legge.

Utile il comunicato, a ormai 15 giorni dal voto (VEDI). Sarebbe utile conoscere qualche ulteriore aspetto sui seggi, le caratteristiche del voto, il numero delle postazioni previste. Un aspetto non secondario di questa elezione riteniamo sia infatti il voto elettronico. Che la Lombardia se ne sia dotata (pagandosela!) è cosa utile perché attiva un meccanismo che avvicina i Cittadini alle istituzioni.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Buccinasco: una vicenda che stasera sarà interessante seguire

Il Consiglio Comunale di stasera ha fra gli argomenti una proposta di delibera che riguarda i principi generali  per “l’ordinamento di Uffici e Servizi”. Terminologia burocratica entro cui si tratta dei rapporti col personale, la sua organizzazione, i poteri di intervento dell’amministrazione. Si tratta di una parte, solo i principi generali. Le altre enne pagine non hanno modifiche.

La prima cosa che suscita interesse è quindi: si cambiano i principi generali e non tutto quello che viene dopo relativo ai rapporti col personale? Che logica c’è? cambio i princi cui si uniforma l’intera materia, e tutto resta come prima? Ovvio che non è così, allora bisogna chiarire. Chiarimento che dalla Commissione non è venuto, materia trattata come banale aggiornamento senza modifiche di sostanza.

Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti


Buccinasco: qualcosa si sta muovendo per generare allarme. C’entra l’anti-stato?

Il mandato Pruiti è iniziato, appena eletto,  con un’infelice intervista a tutta pagina su ilcorrieredellasera, che dal titolo afferma Buccinasco Platì del Nord, e via sproloquiando, fino a lasciare intendere che i voti della ‘ndrangheta erano stati raccolti dalla coalizione del  suo competitor al ballottaggio Nicolò Licata (con tutto i lcentro destra e BucciRinasco insieme.

Fino al giorno prima sul territorio della ‘ndrangheta non c’erano eventi a essa riconducibili. Solo i rituali eventi messi in atto dalla gestione Maiorano, che nulla possono arrecare in danno all’anti-stato, anzi forse qualche beneficio sì, perché ne fanno una descrizione di strapotere. Però, ci si dimenticava dell’evento inventato, in campagna elettorale, con il parroco don Maurizio sospettato di “inchino” nei confronti d’ un boss.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

3 Commenti


Stipendi comunali: produttività a pioggia e pretese sindacali

Mentre a Buccinasco è in programma una delibera che modifica la gestione del personale comunale che attribuisce alla Giunta di poter fare ciò che vuole, ma di questone parleranno in Consiglio fra poco, nel vicino comune di Trezzano (sempre targato PD) sembra avviata una vertenza sindacale sulla questione del  “fondo di produttività”: quella cosa che nella pubblica amministrazione è distribuita secondo criteri discrezionali ripartendole in funzione delle categorie, un poco a tutti (VEDI).

L’articolo è chiaro e descrive passaggi diversi, grazie alla lettera del sindaco. In pratica il Comune ha assunto 11 nuovi dipendenti (che sono una fonte di consenso nuovo, di voti). Naturale che così  la “produttività” (probabilmente misurata in base alla pianta organica, che forse risale a quando non c’erano ancora i PC), si riduce; la base spalmabile diventa minore.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


PD e ‘ndrangheta: proprio non ci siamo

Questo mese d’Agosto ha visto il sindaco più volte messo in mezzo su questioni legate alla ‘ndrangheta. Ne abbiamo più volte parlato, argomentando limiti, ma anche veri e propri errori, del suo agire. In particolare continuiamo a porre in mezzo il problema attuale della ‘ndrangheta di questo periodo: la gestione finanziaria.

Con una immagine forse efficace ma non proprio centrata, sui media viene definita la “mafia dei colletti bianchi”: non più la brutale e diretta raccolta delle risorse intimorendo e dominando i Cittadini. Queste cose non si fanno più, soprattutto al Nord. Qui l’economia non è quella di Platì… qui vi è l’esigenza di trasformare danaro raccolto in modo illecito, rendendolo pulito.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Il DASPO Urbano esiste: basta farlo funzionare.

Il decreto legge è operante dal Febbraio di quest’anno. Il sindaco ha la possibilità di avvalersene ogni volta che il decreto ha individuato un comportamento inurbano.  DASPO, qualche lettore lo ricorderà, significa Divieto di Accedere alle manifestazioni SPOrtive. Per queste fattispecie la legge oepra dal 1989… il decreto la rende operante anche per i sindaci (ordinanza) di fronte a comportamenti che per vari motivi esulano dal vivere civile.

Riportiamo un comunicato ANSA che illustra le fattispecie. In diversi casi sindaci sono già intervenuti ed è bene che questo nuovo potere sia applicato dal sindaco, quando il caso non è più spordico ma tende a diventare potenziale degrado. Esempi ne potremmo fare diversi. Leggiamoci il comunicato ANSA

Daspo urbano e norme contro ‘movida selvaggia’: ecco le misure

Dl Minniti: chi sporca le città le ripulisca. Multe per accattonaggio

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


La ‘ndrangheta scrive al Sindaco: qualche riflessione

La notizia non è ordinaria: che un noto personaggio ancora oggi inquadrabile in ciò che noi, qui, definiamo anti-stato, faccia scrivere al sindaco dai suoi legali è cosa che non accade tutti i giorni. Forse non ha precedenti, almeno di quelli noti.  Non conosciamo il testo, che il sindaco cita solo con un paio di frasi; lo ha esaminato per noi e ci da la sua valutazione. Non è trasparenza, anche se nel caso potrebbe accampare esigenze di riservatezza (che vengono dopo, in casi come questo).

Una lettera di un legale al Comune, quindi a tutti i Cittadini, sia pure intestata al sindaco quale rappresentante, sarebbe bene  fosse resa pubblica. Averne parlato è senza dubbio cosa positiva; fosse rimasta nel cassetto sarebbe stato grave (VEDI il comunicato sul sito).  In mancanza di elementi non possiamo che rifarci sui fatti conosciuti.

Leggi il resto di questo articolo »

3 Commenti


Premialità antimafia con bonus sull’edificabilità… lo farà anche Buccinasco?

Antimafia  a Buccinasco: la gestione Pruiti si può dire che è nata all’insegna di Buccinasco platì del Nord. L’immagine di un paese controllato dall’anti-stato, che può tutto e decide tutto o quasi.  Un termine sbadierato senza criterio, per ribadirlo ancora dopo il 2007.

Terminata “Buccinasco più” sostenere un radicamento pervasivo della ‘ndrangheta richiede due alternative condizioni: ignoranza assoluta dei fatti oppure strumentale agitazione di un condizione per assegnarsi un ruolo rispettabile, avendo poco o nulla da proporre, nessun progetto per Buccinasco che non sia lo statu quo. Cominciamo col conoscerla la realtà di Platì (wikipedia):

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento


Economia lineare o economia circolare? A Buccinasco si deve cominciare

Il  tema dell’economia circolare riceve sempre più attenzione fra economisti, sociologi e politici (questi ultimi molto meno, su scala internazionale). Riteniamo la questione inevitabile, portato (conseguenza) della globalizzazione: l’economia globale, sviluppata finora su basi lineari rende evidenti una serie di questioni globali che mettono in discussione il futuro delle generazioni, i rischi per il pianeta, ecc.

Cos’è l’economia lineare? Si può definire il fare economia da sempre, da quando homo sapiens è diventato stanziale, coltivando e allevando. Generati gli scambi, i valori fra le cose determinati dal rispondere alla domanda di beni a un prezzo più conveniente. La globalizzazione ci sta mettendo di fronte al problema dell’equilibrio globale nell’uso e nel consumo.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento


Migranti integrazione e ONLUS di mestiere

Ne abbiamo parlato qui (VEDI ad esempio) commentando le dichiarazioni del sindaco in Consiglio, il quale cerca di spostare l’attenzione dei Cittadini dall’allarme che genera la richiesta della Prefettura di inglobare 74 Cittadini. Lui non ha firmato, afferma. Dice: si deve valutare il come ma non si po’ dire di no allo Stato (dopo aver illustrato in interviste e comunicati qualcosa di diverso).

Il nostro articolo cita la condizione dei sei minori non accompagnati gestiti entro un progetto di Trezzano che ha affidato alla coop villa Amantea la gestione, spendendo in un anno 350mila euro (VEDI) in buona parte venuti dal ministero. Citazione che si propone da esempio di un modo con cui non si deve portare avanti la proposta della Prefettura, del Ministero.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Gestione beni sequestrati alla ‘ndrangheta: l’efficienza è un dovere primario

Il titolo dice già tutto. Se al comune, al termine di una fin troppo lunga procedura  giudiziale, si vede assegnare dalle istituzioni centrali un bene confiscato alla mafia, che ha la responsabilità di gestire entro criteri stabiliti dalla legge, questa responsabilità deve essere assunta con ponderazione assoluta.

Ai Cittadini torna sicuramente positivo che questi beni siano gestiti con efficienza, abbiano un loro ritorno concreto e funzionale. L’efficacia del ritorno all’economia legale dei beni conquistati all’anti-stato è fattore di premio alla legalità, esemplifica il vantaggio del vivere entro le regole (per contro dimostra e rende nota l’esclusione dalla Comunità del vivere fuori dalle regole).

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

1 Commento


Biblioteca e le sue spese: quanto ci costa

La questione sta diventando un problema da approfondire. Da un lato i sistemi dei big data (insieme di dati che riguardano un tema specifico) consentirebbero l’abbattimento e la semplificazione di quella che una volta era la funzione perno della gestione di una biblioteca: archiviazione e schedatura. Viene alla mente il romanzo di Eco: Il nome della rosa, con la torre e leripartizioni dei diversi temi su ciascun reparto, a sua volta diviso per autori.

Oggi mantenere e gestire la schedatura, aggiornarla, è un gioco da ragazzi, così come la gestione dei prestiti. Un terminale e tutto è a posto. La possibilità di acquistare un libro richiesto da un Cittadino, può farsi sempre on line. La crescita lenta dei lettori ebook (leggibili anche su smartphone) prosegue e agevola fortemente la fruibilità.

Leggi il resto di questo articolo »

2 Commenti


Mandato Pruiti: comincia la gestione allegra? Presto per dirlo, ma…

Gestione allegra è locuzione che porta alla mente comportamenti spenderecci, senza troppo badare ai conti. Il termine usato nel titolo è un po’’ sopra le righe, quindi. Siamo ancora alle prime settimane di mandato, e tempo ce ne sarà per conferme o modifica nella valutazione. Una decisione di spesa, fra le prime del nostro sindaco riguarda l’incarico a una figura nuova, prima inesistente.

PORTAVOCE DEL SINDACO: questo è il termine. Figura che non risulterebbe avere precedenti a Buccinasco. Nella sostanza si tratta di una funzione per i rapporti di comunicazione verso i media; svolta fino a ieri con un addetto all’ufficio stampa. Qui si pone già un interrogativo.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

13 Commenti


Linee generali del programma: l’urbanistica

Questo aspetto è di gran lunga il più significativo del programma che il sindaco ha presentato: senza averne mai parlato neppure in campagna elettorale ci risulta, il sindaco dice che Buccinasco sta bene così com’è. Non si deve costruire in assoluto. La popolazione non deve aumentare: Introduce il parametro del saldo naturale (nati/morti). Buccinasco butta fuori, non vuole nuovi cittadini. Respinge la domanda di chi è intenzionato a venirci, a trasferirsi.

In modo deciso dice no alla ristrutturazione urbana: no al consumo di nuovo suolo diventa no al consumo di nuovi spazi. Significa che se sostituisci un capannone di cubatura 1000, non puoi costruirvi una villetta di 1200mc! Sono parole sue. (VEDERE pag. 3). Qui  trasuda odio per il fare impresa, penalizza tutta la città, tutti i Cittadini. Crediamo che così espresso vi siano perfino dubbi di legittimità e costituzionalità.

Leggi il resto di questo articolo »

Nessun Commento



SetPageWidth