Archivio Autore

Riforme all’italiana: siamo allergici alla trasparenza

Un articolo de ilsole24ore ci informa che a Buccinasco sono registrati 12.646 veicoli; di questi  il 12,79% non risultano assicurati, qualcosa come 1647 fra auto e moto.  Siamo nella media perfetta del paese, secondo l’elaborazione del quotidiano di Confindustria. Come ci si può aspettare, nel Sud si arriva anche a comuni con il 50% di non assicurati, nel Nord siamo al 10%.

Come spiega l’articolo (VEDI) fra auto immatricolate e assicurazioni possono sussistere distanze dovute a auto non circolanti, o altri meccanismi e possibili ritardi di aggiornamenti fra le diverse banche dati. Le immatricolazioni vengono gestite dalla Motorizzazione, mentre le auto assicurate risultano dall’ANIA, l’associazione delle assicurazioni.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento


Il bilancio del comune: come dovrebbe essere, come procedere

Il bilancio è sempre materia arida: numeri in dare e avere, definizioni spesso ragionieristiche, che però rispondono a precise disposizioni di legge. Se poi andiamo a vedere il bilancio delle pubbliche amministrazioni, in particolare di un ente locale come ad esempio Buccinasco, sembra fatto apposta per tenere distanti i Cittadini, composto in maniera perché non sia capito.

Eppure i Cittadini sono gli azionisti, sono quelli cui chi gestisce deve rispondere. Sono soldi loro:  individualmente devono comprendere e condividere le spese compiute, la loro congruità, la logica, l’utilità. Sono loro che, prima dei Consiglieri (che li rappresentano) i destinatari dei documenti che compongono il bilancio.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento


Sicurezza a Buccinasco: facciamo il punto di quanto sta succedendo?

Da alcuni mesi si sta diffondendo a Buccinasco una “novità operativa” di una malavita che non può più chiamarsi “piccola”. I privati e le famiglie vengono “visitate” in casa come in passato con la variante che le intrusioni non sono più a casa chiusa e vuota, ma con le persone in casa! Prevalentemente di notte, o comunque in condizioni di scarsa visibilità.

Si hanno diverse notizie di interventi di questo genere (che non sono più furto, bensì rapina, con minacce e violenza). Le persone non si muovo sole, bensì in numero di due, tre o più, in genere quando la visibilità è ridotta o la notte. Adottano mascherature del viso (per non farsi riconoscere da eventuali telecamere o dalle vittime di questa “professione”. Sono dotati collegamento esterno con cellulare; anche con un basista in auto per andarsene.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Spese fuori controllo a ridosso di fine mandato: fino all’ultimo respiro

La situazione procede imperterrita quasi giorno per giorno, con determianzioni di spese al di fuori di ogni logica di gestione. La giunta ha approvato il 26 Aprile (il 25 ricordiamo la Liberazione da fatti tragici di 70anni fa, ma la festa non può liberarci da questo odierno modo di amministrare, che riteniamo indecente).

Questa volta siamo all’affidamento del sistema di illuminazione a un fornitore monopolista per la durata di nove anni (NOVE ANNI), con un importo di spesa che raggiunge i 3,6 milioni. Il contratto inizia il primo Giugno 2017 e finisce il 31 Maggio 2026!! Deliberano questa spesa pochi giorni prima di lasciare! C’è di che rimanere esterrefatti.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

1 Commento


Programma elettorale dei pro tempore che chiedono voti per rimanere

Non se ne sapeva fino a ieri. Non risulta finora pubblicato uno straccio di elenco delle cose da fare a Buccinasco. del come impiegare i prossimi 135 milioni che mettiamo a disposizione in corso di mandato. Fino a ieri dal PD non è spuntato nulla di significativo mentre Maiorano ancora recentemente ha ricordato che la coalizione che mette Pruiti quale candidato sindaco  dovrà concordare un programma che sia la prosecuzione di quello appena finito.

Quindi il programma è ancora da scrivere? Sembrerebbe. Anche se una coalizione che fa le primarie per candidare un sindaco, ci arriva perché il programma elettorale è condiviso e già definito. Dovrebbe essere così, o no? Sembra che a fare da collante sia l’aver partecipato alla coalizione uscente. Si sono dimenticati di stendere un programma condiviso, prima. Adesso cosa tireranno fuori dal cilindro?

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

2 Commenti


Caterina Romanello. Si presenta il sindaco candidato da BucciRinasco

Concreta: Come sono portate a agire le nostre donne, le mamme soprattutto, che devono badare all’azienda casa da amministrare, anche far quadrare nei conti. Così appare il Candidato sindaco di BucciRinasco Caterina Romanello: che   trasmette l’esigenza d’essere conosciuta nel modo più ampio dai Cittadini.

“Sto chiedendo agli elettori un incarico che mette nella mia responsabilità 135milioni delle loro tasse. Sento l’obbligo di farmi conoscere dai Cittadini:  chi sono davvero, le qualità, i difetti, i limiti. Sento il dover, giusto che parli di me:  che mi confessi, che susciti interrogativi, che risponda loro con sincerità, a tutto campo”

Ha 49 anni l’ingegnere Caterina Romanello. La famiglia è originaria di Venezia; nasce a Firenze  perché in quel periodo il padre Giampaolo, ingegnere elettrotecnico alla  B.Boveri,  dirigente, per il suo lavoro si trova nella città Toscana. Giampaolo è dinamico e instancabile: negli anni Ottanta dà vita a un’azienda in proprio, specializzata in ascensori  dalle caratteristiche e dimensioni fuori standard, con sede a Montodine/CR.

Ancora oggi, è impegnato  e gira il mondo, Giampaolo.La sua competenza riguarda l’estero:  in particolare Medio Oriente, Cina, Singapore, fino all’Australia. Caterina,  che sognava un futuro da veterinario, dopo la maturità scientifica al Leonardo (60/60) viene indirizzata al Politecnico. Appena ingegnere si trova in azienda; lì resta fino al al 2003, con la nascita del secondo figlio.

Il matrimonio nel 1998 è un giorno memorabile, ovviamente: celebrato in San Marco, chiesa nella quale la madre (Maria Grazia, per tutti Mariella), canta come soprano corista della chiesa. Qui Caterina s’incontra come Buccinasco trovando casa nell’area Milago, ove abita tuttora. Famiglia cresciuta, arricchita da tre figli maschi: Tommaso al liceo scientifico Vittorini; Pietro alle medie in Fagnana; mentre Francesco alle elementari in Robbiolo.

Il marito (Enrico, da cui il diminutivo Chicco), conduce col padre un’agenzia di distribuzione specializzata in imballaggi industriali di grosse dimensioni, in tutto il Centro Nord. La famiglia assorbe molto, ma Caterina non si ferma.  Trova un impiego al Municipio di Buccinasco ove opera per sette anni. Le viene affidata la gestione (complessa nei singoli casi) delle proprietà di abitazioni legate alle agevolazioni della legge 167.

Nel periodo ha portato al Comune entrate per circa 13 Milioni, garantendo risultati molto buoni, sia rispetto al prima.. che nel periodo successivo al termine del lavoro (2015). Sempre impegnata: il candidato sindaco ha interessi e impegni sempre assorbiti dalla cura dei figli, ma anche la casa. Lavora tuttavia, è impegnata nello sviluppo del risparmio energetico dedicato alle aziende grandi consumatori, cosiddette energivore.

C’è posto poi per interessi liberi, l’hobby. Maggior tempo in passato per sport come sci, alpinismo, immersioni e perfino paracadutismo. Le vacanze spesso all’estero; in Grecia alle Cicladi, “conosciamo tutte le isole” dice. Non può mancare l’hobby della lettura: ama in particolare Cammilleri; frequenta la biblioteca da cui preleva narrativa per lo più d’evasione, ma non proprio leggera. L’ultimo letto è La ragazza del treno di Paula Hawkins.

Con questa vita lo stress non manca, anche se non lo si nota. Si rapporta con le persone in modo aperto, sorridente e disponibile.  Riesce sempre ad entrare in sintonia; “mi trovo meglio più spesso col mondo femminile, anche se  gli uomini sono la mia famiglia, la mia vita”. Precisa e organizzata sul lavoro.

Difetti si fa fatica a trovarne: le capita di perdere le staffe, fino ad essere impulsiva quando si trova con interlocutori di cui non ha chiaro un agire lineare. Chi la conosce afferma che sul lavoro non molla il punto; è esigente. Pretende chiarezza; un comportamento che diventa fermo entro l’indole dell’usuale amichevolezza e apertura.

Sindaca o Sindaco? “Al femminile sembra ambiguo: un modo sottile di svalutare il ruolo”.  Con l’incarico sta affrontando una condizione nuova; lo fa con la sicurezza usuale. Quasi si altera se le si sottolinea il fattore “donna” dando a ciò un significato concessivo, del tipo pari opportunità.

“Noi donne abbiamo  le stesse qualità e capacità degli uomini: e le sappiamo sfruttare meglio. Non è neanche il caso di parlarne: le qualità e la pienezza che richiede la funzione materna è elemento che senz’altro aiuta nell’affrontare i problemi, anche impegnativi come certamente comporta il ruolo di Sindaco.
Mi sento di garantire i Cittadini che, con me, il municipio sarà in buone mani. Il mio impegno non riguarderà l’ordinaria amministrazione: questo è ovvio. Compirò ogni sforzo per rinnovare, innovare, migliorare e far crescere la nostra Buccinasco. Mi impegnerò  a contenere le tasse, a realizzare efficienza. BucciRinasco è una garanzia: ne sono convinta e farò di tutto per darne dimostrazione”

Tag:

Nessun Commento


Pruiti candidato sindaco PD: qualche considerazione che sembra sfuggire

Pruiti è stato promotore di “Per Buccinasco”, lista civica che ha promosso con l’ex sindaco Carbonera (PD) nel 2012, che gli ha consentito di ottenere 278 preferenze e la posizione di vicesindaco in coalizione con il PD di Maiorano.  Con l’ex sindaco la combinazione si è sciolta di fatto, senza nessuna dichiarazione, nessun comunicato (il che nei riti della politica lascia pensare, quasi sempre non bene).

L’attuale candidato sindaco PD, sempre dichiaratosi estraneo ai partiti, ma sempre con loro, nelle elezioni del 2002, si era presentato con la lista Verdi  ottenendo una (1) preferenza e ciononostante imbarcato come Assessore nella gestione Carbonera; quella famosa di bucci più e discarica a cielo aperto.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

2 Commenti


BucciRInasco: SIoNO intervista a Caterina Romanello

(SIoNO 26 Aprile 2017) Anche la lista civica BucciRinasco ha scelto il proprio candidato in vista delle elezioni amministrative che avranno luogo l’11 giugno a Buccinasco. In nome in questione è quello di Caterina Romanello: donna, mamma, moglie, ingegnere, da anni impegnata nell’attività politica insieme alla lista civica e con le idee molto chiare per il futuro della città.

Si aspettava che BucciRinasco la scegliesse come candidato? Si sente pronta ad assumersi questa responsabilità? Sono prontissima, da donna e da tecnico competente, ho contribuito alla nascita di BucciRinasco come Lista civica, partito dei cittadini. È mia intenzione arrivare al traguardo elettorale grazie ai cittadini di Buccinasco e a tutti i rappresentanti di Lista, donne e uomini.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

5 Commenti


M5S nazionale e Buccinasco, affinità e discrasie

Le elezioni locali sono un’occasione per analisi e confronti. Tutti abbiamo bisogno di crescere, quando  ci si deve confrontare su un progetto di comunità. Il discorso nel caso dei cosiddetti “grillini” (termine che non ci piace perché ha un sapore sminuente) riguarda ciò che a noi sembra un eccesso di  affinità fra le scelte nazionali e locali. Comprensibile una ricerca di identità per una forza politica nuova, che ancora non ha cinque anni.

L’uniformità in questa fase, nelle intenzioni,  vorrebbe lasciare un senso di robustezza. Tuttavia porta con sé un senso di dirigismo, del tipo che ben abbiamo conosciuto nel dopoguerra, allora chiamato “centralismo democratico”. Di democratico ha avuto ben poco: la linea la dava il “migliore”, Palmiro Togliatti. Se da li ti discostavi, attentavi la forza del partito e venivi tranquillamente emarginato. Spesso anche con processi mediatici e accuse di personalismo, spirito borghese che rifiuta l’identità con il Partito (chiaramente tutt’uno con il “migliore”).

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

2 Commenti


Liberazione – Quarantacinque di Pier Paolo Pasolini

Quaranta cinque

Trascinando i piedi nella polvere  -   ciechi di stanchezza,

vanno via i Tedeschi,                     -   pecore nella nebbia.

Vanno tra le macerie                      -   tra le acacie bagnate,

Trascinando i fucili nel fango,          -   per le strade più nascoste.

Sul borgo una campana               -   batte il Mattutino,

E i giorni ritornano                 -   com’era prima.

Sui borghi le campane       -   suonano a festa,

Per le corti ben spazzate,     -   per la fresca campagna,

Dove sciami di bambine,       -   con la treccia che gli luce,

Per gallerie di venchi,     -   vanno allegre alla messa.

E dietro i ragazzetti,       -   appena confessati,

Coi calzettoni bianchi,     -   e i biondi capi ben tosati.

Lunedì, Lunedì di Pasqua  !   -   quando corrono ridendo

I più bei giovincelli         -   sul ponte del Tagliamento,

Con le loro biciclette       -   e le magliette bianche,

Sotto i blusoni inglesi,     -   che sanno di arance!

Un poco ubriachi cantano,     -   alla mattina presto,

E sulle loro sciarpette       –   gli gela il fiato la bora,

Giù per Codroipo, Casale     -   per le praterie

Piene di posteggi         -   e di compagnie,

Di gente che gioca, grida,     -   tutt’intorno alla pianale,

Dentro i fiammanti spacci   -   del primo ballo dell’anno.

Il Signore ci ha vestiti     -   di allegria e di pietà,

una corona di amore       -   ha messo sul nostro capo.

Il Signore ha voluto       -   abbassare rupi e monti,

Colmare le vallate,         -   fare eguale tutto il mondo,

Perché il suo popolo       -   contento cammini

Per la quieta terra,     -   del suo quieto destino.

Il Signore lo sapeva       -   che nel nostro cuore,

Dietro il nostro scuro,                        -   c’era il Suo splendore.

VIVA LA LIBERAZIONE

VIVA L’ITALIA

nb: la visione distorta della Liberazione ci fa ritenere obbligato, cosa dovuta, riproporre questa poesia di Pier Paolo Pasolini. Nel 1945, con il fratello Guido da poco ucciso dai partigiani “rossi”. Illustra il senso di pieno recupero per tutti, perfino per i vinti tedeschi che se ne vanno, della vita civile e libera: parla di Liberazione, non di Resistenza….

Tag: , ,

18 Commenti


Sindaco, Municipio e Cittadini: distacco o PARTECIPAZIONE ?

Il tema della partecipazione è stato sollevato nelle elezioni del 2012. Ricordiamo tutti i manifesti del PD e di per Buccinasco (Pruiti Carbonera) oggi separati in casa (tema che fecero proprio lo slogan PARTECIPAZIONE, prendendolo dalle liste civiche). Poi l’argomento è sparito, dopo che nel mandato in chiusura non hanno combinato nulla. Anzi no: all’ultimo momento è stato approvato il Regolamento che “valorizza la partecipazione attiva dei Cittadini”.

Una cosa men che mediocre: nulla è cambiato. Per avere visione di un documento il Cittadino deve chiederlo  per iscritto e aspettare che lo avvertano quando potra venire a vederlo; non parliamo poi  di petizioni, proposte, referendum. Un intrico fra firme numerose da raccogliere, e altre amenità:

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

3 Commenti


Alitalia a assistenzialismo statalista: tutti a casa!

L’articolo uno della costituzione scrive che la Repubblica italiana è fondata sul lavoro. Definizione esaltante e ambigua, perché il lavoro non si trova sotto il cavolo, ma è frutto di impresa, pubblica o privata. Lavoro che si mantiene sul presupposto che l’impresa alla fine di ogni anno abbia più entrate che uscite; più ricavi che costi.

Ce lo spiega un articolo de ilsole24ore (VEDI) che fa un’analisi rassegnata e ciononostante lucida, oggettiva. Sono ormai vent’anni che Alitalia mangia soldi (nostre tasse o nostro nuovo debito), senza alcuna prospettiva minima di ripresa. Il mercato dei voli nel frattempo ha proseguito in cambiamenti che i manager non hanno potuto o voluto praticare.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

14 Commenti


25 Aprile: ci siamo liberati dalle tante Malga Bala

Una vicenda tragica, una delle tante vicende tragiche che hanno colpito il paese nei due anni di guerra civile mischiata alla guerra mondiale in corso. Si tratta di un evento passato sotto silenzio perché non può iscriversi nella storiografia gloriosa dei partigiani liberatori (in questo caso titini). Vittime sono stati dodici carabinieri oggetto di un’agguato di partigiani Jugoslavi volti a fare pulizia etnica.

Carabinieri che sono poi stati condotti a Malga Bala e lì finiti uno a uno in modo orrendo. Bestiale, come si può leggere da questa memoria, dovuta a un Carabiniere testardo fino al riconoscimento ottenuto dal Comando dell’Arma dei Carabinieri. Ci sono voluti 65 anni perché si arrivasse, il 14 Luglio 2009 a conferire a tutti e dodici le Medaglie d’oro al Merito “civile”. Alla memoria…. dopo 65 anni.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

Nessun Commento


Scuola di musica: esplode quella della Comunità, quella vera

I nostri lettori sono a conoscenza dell’antefatto: entro pochi mesi dall’insediamento degli attuali pro tempore in uscita, dal 2013, la autogestione precedente (Maestra Fiorenza Ronchi) è  stata sostituita da un gestione che definiremo più “di casa”, alla quale è passato il titolo di “civica”.

Per impedire che la gestione andasse alla conduttrice storica e suoi maestri consolidati, nessuna informazione è stata data per tempo circa le intenzioni. Personalmente il sindaco Maiorano, il giorno di chiusura dell’anno 2016, il 06 Giugno, ha informato di un bando appena emesso entro il quale chi voleva poteva partecipare. Scadenza entro il mese per presentare le domande.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag: ,

Nessun Commento


BucciRinasco: intervista al candidato sindaco

BucciRinasco è il nome della Lista Civica nata dall’impegno di alcuni amici; racchiude il progetto: “vogliamo far rinascere Buccinasco, dopo 10 anni di letargo”!  Queste le parole di Caterina Romanello, CANDIDATO SINDACO alle amministrative 2017 per il Comune di Buccinasco, sposata con tre figli, ingegnere elettronico, valido funzionario, dal 2008 al 2015, presso il Comune di Buccinasco.

Oggi Buccinasco ha l’immagine di una cittadina un tempo bella, adesso addormentata, ma non come nella favola. Sta perdendo pezzi e deperendo, colpita dalla crisi, senza reazioni, subendola. Noi non vogliamo subire, non ci rassegniamo; abbiamo la volontà di far ritornare Buccinasco ai vecchi splendori, per rilanciarla e ripartire. La crisi si affronta cogliendone le opportunità e Buccinasco ne potrebbe offrire molte.

Leggi il resto di questo articolo »

Tag:

7 Commenti



SetPageWidth