‘ndrangheta e la trasparenza: in Consiglio non sono venute risposte proprie

Non abbiamo assistito alla discussione dell’interrogazione presentata da Coalizione  Civica (Carbonera) e queste prime note sono generiche, in base a quanto riferito. Diciamo subito che il Consiglio e Buccinasco non ci fanno una figura proprio cristallina, riguardo all’argomento sollevato, che riguarda una affermazione virgolettata dell’ex Sindaco Maurizio Carbonera, che è bene riportare, ricordare:

Amara la morale finale: “ho capito che gli interessi  attraversano in modo trasversale criminalità e politica: quando c’è da decidere su affari immobiliari, movimento terra e gestione rifiuti tutti siedono allo stesso tavolo”.

Viene riferito che il Sindaco ha consegnato la risposta scritta a Coalizione Civica (pubblicheremo appena possibile), non avrebbe dato spiegazioni  del senso alla frase sostenendo che queste è Carbonera che deve darle. Lui però è il sindaco oggi e la sua valutazione dovrebbe darla, avendo ricoperto per tutta la legislatura la carica di assessore. 

 La proposta di Coalizione Civica circa un aggiornamento dei dati sui movimenti di residenti sarebbe stata accettata (su base semestrale….). In questo contesto poi,   avrebbe esposto critiche a Città Ideale (senza nominarla); ventilato querele, e perfino esprimesso qualcosa di simile ad un avvertimento del tipo:

“io di questo signore conosco la dichiarazione dei redditi” o qualcosa del genere.

Il Sindaco!  Seduto sullo scranno proprio della sua funzione, che sta esercitando in via ufficiale e registrata!

Neppure a Carbonera, all’autore della frase  avrebbe dovuto esprimere questi intendimenti.   Città Ideale che la frase riporta, non fa che renderla nota perché il Sindaco oggi in carica ne venga a conoscenza e l’affronti nel merito. La risposta  e i relativi contenuti,  puntualmente valuteremo e se meritevoli commenteremo. Continueremo a commentare.

Resta il fatto che sulla riflessione del nostro ex Sindaco (con cui l’attuale ha lungamente amministrato collaborato) non sia venuta una riflessione una motivazione chiara (a quanto riferito). Il che non è proprio il comportamento  che ci sarebbe da aspettarsi: che il Sindaco di Buccinasco dovrebbe assumere riguardo al tema.

Proprio stasera  al riguardo un altro nostro ex Sindaco: Francesca Arnaboldi, sarà fra i presentatori e commentatori del libro di dalla Chiesa (VEDI). Libro che per la sua titolazione e la modalità di impiego di notizie ricevute da inquirenti o forze dell’ordine, continuo a credere mal posto, tale da essere fuorviante. Tuttavia chi scrive ci sarà e invito altri Cittadini di Buccinasco ad essere presenti.

Francesca Arnaboldi avrà senz’altro notizie e valutazioni da trasmetterci e si confronterà con gli altri relatori: non si tratta di un operatore antimafia a pieno servizio mentre è certamente serena e precisa nel valutare gli anni che hanno seguito la sua amministrazione. Forse da lei avremo più elementi di chiarezza e spiegazioni sulla frase qui esposta del suo successore (successore dopo un decennio).

Lo farà senza che sia necessario  esprimere più o meno velate minacce di querele o che altro…(cosa voglia poi dire la conoscenza della dichiarazione dei redditi di chi sta scrivendo, con evidente avvertimento: “posso renderla pubblica”…).   Diciamo che fra l’ex Sindaca Arnaboldi e l’attuale si nota una differenza di stile?   Possiamo solo augurare per il bene che vogliamo a Buccinasco che questa stagione duri il più breve tempo possibile…

Tag: , , ,

  1. #1 scritto da ex il 28 novembre 2012 13:20

    saccavini xché non pubblica sua dichiazione redditi e fedina penale? Non vuole farci sapere? Trasparenza trasparenz trasparenz

    RE Q
  2. #2 scritto da Saccavini il 28 novembre 2012 14:07

    I lettori di Città Ideale possono facilmente immaginare l’autore anonimo… sappiamo tutti chi può essere.

    Quanto al contenuto lascio sempre ai lettori valutare…

    La pubblicazione sarebbe inutile ma a Buccinasco non lo è: diventa importante rendere pubblici questi “avvertimenti” : è ancora troppo diffusa la politica espressa verbalmente, il chiacchiericcio che per cerchi successivi si diffonde… vedi:

    http://buccinasco.cittaideale.cerca.com/8705/la-politica-vocale-e-bisbigliata-qualche-esempio-aiuta-a-capire/

    Un segnale di tranquillità: non intimoriscono nessuno e proprio non si capisce come possano pensarlo.

    Questi signori non hanno argomenti e su qualcosa devono arrampicarsi allo scopo di condizionare coloro che vedono come un avversario politico (come purtroppo il nostro Sindaco ieri in Consiglio) e non come Cittadini che vivono e partecipano alla vita della Comunità.

    Ciò detto, invitiamo tutti a lasciar perdere, a non dare importanza a queste miserie,….

    Pensiamo a lavorare perché questo modo di amministrare Buccinasco cambi…

    RE Q
  3. #3 scritto da Giambattista Maiorano il 28 novembre 2012 14:37

    Non intendo minimamente polemizzare. Saccavini, prenda atto della soddisfazuione espressa da Fiorello Cortiana circa la mia risposta all’interpellanza presentata. Non semplicemente consegnata, ma letta ed argomentata.

    Riporti cortesemente le espressioni pronunciate non quelle che vorrebbe che fossero state pronunciate tanto per tirare inutilmente l’acqua al suo mulino. Ho detto e ripeto (in ogni caso può sempre richiedere la registrazione: conosco il mio passato, meno quello di questo signore (Saccavini) di cui non è nota né la sua dichiarazione dei redditi e non ha mai fornito dati in ordine ai costi della sua campagna elettorale. Ho anche aggiunto che il giudizio il signore in questione l’ha già avuto dagli elettori: è riuscito a prendere più firme per la presentazione della sua lista che voti.

    Inoltre, proprio riferendomi ad uno dei suoi ultimi articoli, rilevavo che, neanche velatamente, si adombra lo zampino della malavita sull’impostazione e gestione del PGT.
    Soltanto il dubbio mi fa rabbrividire!

    Posso capire la sua naturale avversione, però c’è un limite a tutto!

    E comunque se Lei ha informazioni del genere, sappia che la Procura della Repubblica è ancora in c.so di Porta Vittoria.

    La prima norma della trasparenza è la correttezza!

    Da quando sono stato eletto è la prima volta che mi rivolgo a Lei dal suo blog.
    Posso assicurarla che è anche l’ultima!

    RE Q
  4. #4 scritto da Saccavini il 28 novembre 2012 15:26

    Il sindaco non polemizza ma dice ciò che dice.

    E conferma, a suo modo.
    Naturalmente appena disponibile in formato digitale la risposta scritta sarà pubblicata, come saranno riprese le trascrizioni delle frasi dette, che al riguardo ha voluto esprimere.

    Sono portato a considerare quanto riferitomi, per la serietà indiscutibile di chi ha assistito all’intervento, sia pure in streaming.

    Non possono non rilevare e considerare disdicevole (diciamo così) che leggendo questo sito il Sindaco attribuisca al sito medesimo, espressioni e valutaazioni che non sono del sito ma espressione letterare di quanto riportato da un giornale tutt’altro che scandalistico, e riprese ancora in questo articolo.
    Non altro e nulla di diverso: all’autorevole autore della frase deve rivolgersi.

    A Città Ideale rimane ben poco comprensibile che di fronte ad una dichiarazione così inequivocabile, il Sindaco non ritenga di tutelare Buccinasco, i suoi amministratori e non ultimo se medesimo.

    I lettori e i Cittadini sapranno valutare, anche riguardo alla correttezza e trasparenza di un Sindaco che, ad un richiesta di chiarimenti che viene da quella uscita di un suo predecessore non ha altro da dire che:

    “se Lei ha informazioni del genere, sappia che la Procura della Repubblica è ancora in c.so di Porta Vittoria.”

    Trasparenza,…. Correttezza….. appunto.

    Non si deve pentire di scrivere su Città Ideale, Sindaco.
    Come vede troverà tutto l ospazio che vuole, il rispetti e il civismo dovuti, in totale trasparenza e correttezza.

    RE Q
  5. #5 scritto da Alessandro il 28 novembre 2012 15:57

    Non capisco una cosa e me ne scuso: ma per conoscere una persona bisogna che sia nota la sua dichiarazione dei redditi e i dati in ordine ai costi della sua campagna elettorale?

    Tra l’altro, dal sito del Comune noto che non tutti i Consiglieri Comunali hanno la dichiarazione dei redditi online.
    Vuol dire che non si conoscono?

    Il giudizio sull’operato delle persone elette o non elette, lo si può dare 365 giorni all’anno e non solo al momento del voto ogni 5 anni.
    Aver preso solo 16 voti in meno del capogruppo del partito di maggioranza non è da buttar via.

    Personalmente, su questo blog ho trovato libertà di espressione e parola.
    Su altri meno.

    RE Q
  6. #6 scritto da Fabiola il 28 novembre 2012 16:23

    Per curiosità sono andata a spulciare il sito del comune di Buccinasco.

    A proposito di dichiarazioni di redditi non noti.
    Non ho trovato nessuna dichiarazioni dei redditi, di nessun componente la Giunta!
    Neanche del Sindaco Maiorano! Non ho visto io o non sono pubbliche? E’ per caso vietata la pubblicazione?
    Come mai?

    RE Q
  7. #7 scritto da Saccavini il 28 novembre 2012 16:31

    Caro Alessandro, credo che si debba decodificare il messaggio.

    Uno: se il problema fosse formale come appare, il Sindaco (o chi altri della amministrazione) avrebbe solo da inviare due righe ricordando a Coalizione civica l’adempimento delle spese elettorali da pubblicare.
    Non vi è naturalmente acuna contrarietà, la assicuro per me e per le liste di Coalizione Civica, di aver tutto registrato e regolarmente ivato, secondo legge (ma questo possono saperlo anche loro).
    magari la pubblicazione della coalizione del Sindaco dovrebbe spiegare come è riuscita a far uso di una decina di pagine di SIoNO, senza registrare alcuna spesa….
    Lo statuto (non operante da ormai 6 anni) prevede la pubblicazione, che è logica e dovuta per chi vince, naturalmente; le liste non vincenti non è che siano così interessanti sul piano puramente informativo: non hanno vinto.
    Quanto alla dichiarazione dei redditi vale il medesimo principio e solo un eletto è tenuto a pubblicare.

    Due: ricordarlo dal Sindaco, alla coalizione che fa una interrogazione scritta su una affermazione dell’ex Sindaco che genera un clima di sospetti e dubbi, non ha alcun senso, se non quello di un avvertimento: “io non ho detto nulla fino ad ora, ma stai attento che posso prenderti in castagna, se voglio”.Se il messaggio è centrato e l’interlocutore teme pubblicazioni o fuoruscite di documenti strani, allora chi ha lanciato il sasso ottiene gli effetti voluti e si arriva ad un reciproco condizionamento.
    Non nostro caso così non è: quindi il messaggio lanciato cade nel vuoto e..

    Tre: perché il Sindaco tira fuori un escamotages del genere quando è lui che deve chiarire un suo agire, che deve spiegarsi ?
    Non vi è una risposta logica tranne, forse, il tentativo di cambiare discorso, di confondere le acque….

    tutto qui. Il teatrino della politica è fatto così.

    RE Q
  8. #8 scritto da Andrea D. il 28 novembre 2012 17:33

    Giusto per portare la discussione su un binario costruttivo, senza le solite mistificazioni o le pompose affermazioni propagandistiche e auto-celebrative, vorrei ricordare che Cereda aveva messo on-line la propria dichiarazione dei redditi qualche giorno prima di essere arrestato.

    Se la memoria non vacilla, non ricordo nessuno dei candidati del PD cha abbia preso più voti di quelli che servono a presentare la lista (175), sbaglio?

    Città Ideale è partita tardi, come formazione assolutamente nuova, senza materiali o sostegni: ho fatto praticamente tutta la campagna elettorale distribuendo il materiale della Coalizione o di altre liste.

    Se noi altri candidati avessimo preso gli stessi voti di Saccavini, probabilmente la Coalizione Civica sarebbe arrivata al ballottaggio.

    Non sono certo un esperto di movimenti politici o di analisi del voto, ma direi, guardando i numeri, che una parte importante di voto “libero” moderato (che c’era!) ha preferito altre formazioni, più radicate e, probabilmente, ritenute più affidabili.

    Questo non modifica di una virgola quello che io e gli altri di Città Ideale sostenevamo e continuiamo a sostenere.

    Lo facciamo perché crediamo in quello che diciamo, non perché ci porta voti: in questo senso non siamo per nulla dei politici.

    Le nostre posizioni sono minoritarie?
    E se anche fosse, perderemmo per questo il diritto di esprimerle?

    Certo che no! Quindi lo facciamo e continueremo a farlo: se qualcuno poi vorrà riflettere su quello che proponiamo, noi siamo sempre disponibili a ragionare e visto che non assumiamo posizioni di comodo, saremo sempre disponibili a farlo con trasparenza e con la massima apertura.

    Ne prenda atto il Sindaco e riconosca che l’approvazione del Registro delle Unioni Civili è stato un atto partito su proposta della Coalizione Civica sul quale tutta la nostra coalizione, Città Ideale compresa, ha ragionato nel merito senza preclusioni ideologiche.

    Ci auguravamo tutti che questa onestà intellettuale, che risponde a bisogni concreti e reali e non si inventa nulla, trovasse maggior condivisione in Consiglio.

    Riconosca il Sindaco che quando Buccinasco è stata sottoposta all’ennesimo, e a nostro avviso ingiustificato, attacco mediatico noi abbiamo chiesto che prendesse posizione a difesa della nostra città!

    Quando l’ha fatto, noi lo abbiamo sostenuto e non con posizioni di comodo che da una parte lo appoggiano e dall’altra invitano a Buccinasco chi gli sta sparando (mediaticamente) addosso!

    Se poi non siamo d’accordo con certe scelte rivendichiamo il pieno diritto di manifestare il nostro dissenso, ma senza polemiche gratuite: motivandolo e offrendo soluzioni alternative.

    RE Q
  9. #9 scritto da Saccavini il 28 novembre 2012 17:42

    Ecco la risposta scritta del Sindaco che su pdf è stata archiviata in libreria media e può leggersi.

    http://buccinasco.cittaideale.cerca.com/wp-content/uploads/2012/11/28-11-12-risposta-sindaco-su-Carbonera.pdf

    Il lettore farà le sue riflessioni.
    Per quanto riguarda Città Ideale forse il Sindaco doveva fare qualche sforzo ulteriore:

    “pur convenendo con lui (Carbonera ndr) in linea di principio sulla trasversalità della commistione criminalità/politica…”,

    se conviene, non ha finora, né in passato né in questo periodo avuto sentori circa il concreto manifestarsi della “trasversalità della commistione”… ?

    Senza far nomi o descrivere situazioni precise possono però illustrarsi modalità o approcci ai temi citati dal Sindaco Carbonera: immobili e terreni, movimenti terra, rifiuti, …. Sui quali puntare l’attenzione.

    Indicare qualei sono le debolezze potenziali della amministrazione, che possono aver generato in passato, che possono oggi verificarsi oggi o in futuro, su cui si consiglia e si richiede di intervenire.

    Invece di sentirsi accusato, e quindi chiamarsi fuori, da buon amministratore crediamo fosse dovuto un contributo concreto, che a noi è sembrato mancare.

    Fin da quando l’articolo è stato conosciuto, la amministrazione ha cercato di non affrontarne il contenuto.

    Ripetiamo non sul piano giudiziario: “se Carbonera sa cose, sa dove rivolgersi e comunque illustri lui”, ma sul piano politico e sociale.

    Cioè, ripetiamo: quali le fattispecie che si possono essere verificate, tali da far esprimere queste considerazioni a Carbonera,
    come affrontarle, come contrastarle,
    come agire perché se ne riduca la possibilità futura che si ripetano.

    Qui la risposta è mancata e qui ritiene Città Ideale inadeguata la risposta del Sindaco.

    RE Q
  10. #10 scritto da Saccavini il 28 novembre 2012 17:52

    Bravo Andrea D., ben espresso e motivato.

    Città Ideale ha davanti tanta strada da percorrere, ma siamo coesi e abbiamo idee chiare, trasparenti, condivise.

    Soprattutto mi piace sottolineare l’impegno e la volontà di tutti a confrontarsi con la realtà a discutere, imparare e migliorarsi.
    Sono convinto che andremo lontano, Andrea.

    RE Q
  11. #11 scritto da Saccavini il 3 dicembre 2012 12:06

    Il Sindaco chiede che Saccavini riporti le espressioni da lui pronunciate nel suo intervento in modo corretto.
    Lo chiede perché Città Ideale ha riferito l’ascolto da parte di Cittadino che ha ssistito in streaming il quale riferisce “io di questo signore conosco la dichiarazione dei redditi”.
    Frase riferita e riportata come tale.

    Il Sindaco precisa e dice altra cosa: “conosco il mio passato, meno di quello di questo signore, di cui non è nota la dichiarazione dei redditi,..” come si può leggere qui sopra al #3.

    Seguito l’invito del Sindaco, ecco quanto dal verbale audio risulta (ore 23,59 a seguire):

    Questo signore…. “paventa una situazione di condizionamento della malavita sul PGR che si sta facendo. La pazienza ha un limite e quel signore stia attento…. conosco il mio passato e conosco moolto bene il suo a cominciare dalla dichiarazione dei redditi, …”

    Parole testuali del Sindaco, delle quali crediamo non possa andar fiero.

    Sia perché quanto addebita è falso, poiché ciò che lui asserisce si può derivare semmai dalla frase testuale dell’ex Sindaco Carbonera (di cui egli è stato assessore): Città Ideale ha svolto e svolge opera di doverosa informazione e critica.

    Sia anche perché il Cittadino (prima ancora che “signore”) e crediamo la Cittadinanza, resta sconcertato da tale modo di agire, oltreché offeso.

    Si accettano le scuse eventuali, che riteniamo doverose e dovute.

    RE Q
  12. #12 scritto da Saccavini il 3 dicembre 2012 15:40

    Guarda guarda che tipo di imitatori ha il nostro Sindaco, riguardo agli avvertimenti:

    L’ex Ministro dell’Interno e capo del Copasir nel 2006 ha minacciato gli ex fedelissimi: “Per gli incarichi istituzionali che rivestivo conosco i vostri segreti, anche se non li ho mai usati”. ….
    (notizia da ilfattoquotidiano).

    A parte il fatto che Città Ideale non ha “fedelissimi” in area Maiorano, la somiglianza con le dichiarazioni del Sindaco in Consiglio credo si noti, se non altro come metodo del far politica da bizantini al tramonto.
    Indovinate chi sarebbe l’imitatore di Maiorano?
    Niente po’ po’ di meno che Scaiola…..

    RE Q
  13. #13 scritto da Fabiola il 3 dicembre 2012 16:52

    Proprio Scajola? Quello della casa acquistata a sua insaputa?

    Beh, non male!!!

    Bisogna poi vedere se entrambi, comunque, dicono cose che conoscono o semplicemente millantano!

    Sai è facile dire: stai attento, conosco dei tuoi segreti e potrei usarli contro di te!!!

    Già l’affermazione è grave perchè fa nascere il dubbio: cos’avranno combinato nel passato questi qua?
    Cosa c’è di segreto da nascondere?

    E, nella dichiarazione dei redditi che mai ci sarà!!!

    RE Q
  14. #14 scritto da Saccavini il 3 dicembre 2012 17:00

    Gli “avvertimenti” funzionano se coloro che li ricevono hanno qualche scheletro nell’armadio.

    In politica l’“avvertimento” si può anche rischiare, non avendo niente in mano.
    Succede troppo spesso che qualcosa uno abbia da perdere e ciò può servire a ottenere una “convivenza reciprocamente condizionata”…

    Farne uso con i Cittadini è opera e mentalità da stato accentratore: di tipo est europeo, ad esempio.

    Se poi chi ne fa uso lo utilizza in risposta ad una interrogazione scritta in Consiglio, sembra evidente che reagisca perché timori ne ha (concreti o presunti che siano) e si propone di “pareggiare” la situazione…

    Spiegate le motivazioni, c’è anche bisogno di una valutazione?
    Mi sembra che venga da sola….

    RE Q
  15. #15 scritto da saccavini il 12 dicembre 2012 08:31

    Il Sindaco perde colpi e fa polemiche inventate in Consiglio.
    Al Consiglio sembra che vada bene così.
    Scrive a Città Ideale accusandola di falso volontario (# 3) e viene smentito dallo streaming (#9 ).
    La trascrizione effettuata per conto del Comune conferma l’audio (non poteva essere diverso, del resto) e riporta il testo come percepito ed ascoltato dai lettori.
    Il Sindaco che fa, allora?

    Sarà andato a chiedere spiegazioni a coloro che la trascrizione hanno effettuato; avrà chiesto che correggessero prendendo per buona la sua interpretazione.
    Che ciò abbia fatto, come probabile, o meno, resta il fatto che la trascrizione corrisponde all’audio e non viene modificata.

    Con logica da barone di Munchhausen autodefinisce un errore la trascrizione, non contesta chi ha trascritto ma Città ideale!

    Propone al Consiglio la sua interpretazione, accusa di volontaria falsità Città Ideale attaccando in Consiglio un Cittadino (che non ha possibilità di difendersi) e chiede la approvazione della sua rettifica.
    Il Consiglio approva, senza neppure chiedere l’ascolto della frase.

    In mancanza di argomenti costui continua e persevera per buttarla in polemica…. Merita solo un sorrisetto comprensivo, di quel tipo condiscendente che si adotta in casi del genere.
    Per il comportamento e per il ruolo che ahimé per Buccinasco, ricopre.

    Non è una bella pagina per l’assemblea consigliare; pessimo il comportamento del primo cittadino.

    Nb
    Città Ideale renderà quanto disponibile su Città Ideale il video con la frase (autentica) di costui. Questa non può pretendere di interpretarla a suo comodo.

    RE Q
  16. #16 scritto da Andrea D. il 12 dicembre 2012 10:07

    Effettivamente l’audio non è chiarissimo: l’impressione, anche e soprattutto per il contesto e l’enfasi, è che la parola incriminata sia “molto” e non “meno”, ma in questo caso il Sindaco saprà quello che ha detto e anche “meno” alla fine è compatibile.

    Certo il senso della frase, che mi è sembrata minacciosa e infelice in sé, cambia radicalmente.
    Obiettivamente con la versione ufficiale (del sindaco ndr: conosco molto meno …) permangono dei dubbi: che vuol dire, allora?

    Per esprimere un’opinione un Cittadino deve essere conosciuto dal Sindaco?
    Il diritto di parola e di opinione è subordinato al fatto che il Sindaco conosca molto bene la storia e la dichiarazione dei redditi di chi parla?

    Non facciamone una tragedia: è stata, a mio modesto avviso, un’espressione infelice (comunque la si giri, “molto” o “meno” infelice) nel pieno di un discorso politico appassionato su un tema molto caldo che ha visto il Sindaco oggetto di critiche da parte un po’ di tutti e che probabilmente e anche comprensibilmente lo ha coinvolto emotivamente.

    L’impressione, vista la situazione generale, è che Città Ideale e Saccavini (che ha riportato, se vogliamo con enfasi e insistenza, frasi dette da altri, autorevoli cittadini di Buccinasco, e pubblicate, e mai smentite, sulla stampa) siano stati l’oggetto di uno sfogo che forse sarebbe stato meglio indirizzato altrove!

    Riprendendo le parole del Sindaco:

    Riporti cortesemente le espressioni pronunciate non quelle che vorrebbe che fossero state pronunciate tanto per tirare inutilmente l’acqua al suo mulino. Ho detto e ripeto (in ogni caso può sempre richiedere la registrazione[...]

    si prenda atto che sono state riportate, in buona fede (e non per tirare inutilmente acqua al proprio mulino), le parole che “sembravano” pronunciate (impressione che, evidentemente, ha avuto anche chi ha trascritto il testo, che fa quello di mestiere).

    E’ stato frutto di un audio imperfetto e chiudiamo questa polemica.
    Vorrei, però, che fosse chiara una cosa: la contrapposizione politica, anche aspra, ci sta tutta, ma, per quanto mi riguarda (e, per come li conosco, per quanto riguarda tutta Città Ideale, Saccavini compreso), non è una questione personale.

    RE Q
  17. #17 scritto da Saccavini il 12 dicembre 2012 11:05

    Certo, il comportamento del personaggio è molto inferiore al ruolo e non vale la pena infierire.

    Stiamo parlando però del primo cittadino, e questo rappresenta un problema: per la maggioranza, per il Consiglio, per la Comunità.

    Nessuna, proprio nessuna questione personale: qui siamo di fronte a un tizio che stravolge una frase udibile e univocamente logica, trascritta da professionisti (i quali concordano con Città Ideale) e lui, nella sua funzione istituzionale, anziché chiedere chiarimenti ai professionisti, se la prende con un Cittadino che non è in grado di replicare.

    Ed il Consiglio (forse distratto?) che conviene alla richiesta, senza porre chiarimenti o richiederne…

    Il Cittadino non solo è sereno, ma soddisfatto e pago della coerenza che la trascrizione attesta.
    Quanto agli altri (sindaco in testa) ….. facciano pure, ma ricordino che il loro operato viene pesato dai Cittadini.

    RE Q
  18. #18 scritto da Roberto De Micheli il 14 dicembre 2012 16:40

    Saccavini buonasera,
    ma non ha proprio nulla da dire su quanto avvenuto durante l’ultimo
    consiglio comunale ?

    RE Q
  19. #19 scritto da Saccavini il 14 dicembre 2012 16:47

    Buona sera a lei Roberto,

    Se come credo il suo riferimento ad un intervento del sindaco fuori dalle righe e dal presupposto rovesciato, il sindaco che incolpa il cittadino di ciò che lui ritiene un errore di trascrizione fatta da professionisti, ebbene novità ne vengono e sono in pentola.

    Eviteremo come sempre di far volare stracci da teatrino della politica.
    Baderemo al sodo, richiedendo il rispetto delle leggi nei modi appropriati: occorre comunque misura ed equilibrio.
    Il cannone per sparare ad una mosca è sbagliato…

    Se ciò è quello cui s iriferisce, basta aspettare… se c’è altro mi sia più preciso per cortesia.

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth