La politica vocale e bisbigliata: qualche esempio aiuta a capire

Abbiamo trattato del far politica vocale a Buccinasco (VEDI) di come è stata percepita, di come si cerca tuttora di applicare: criteri da Comunità contadina, precedente alla scrittura come strumento di conoscenza e comunicazione. Che si rivela funzionale se la politica diventa casta tendenzialmente chiusa, creando tre o più livelli e situazioni.

Politica che in tal modo si separa dai Cittadini: diventa una sorta di “cosa nostra” entro cui solo gli interni trasmetto e ricevono. Solo chi, esterno ma parte del gioco (degli scambi, degli affari), può raggiungere e confrontarsi sulle cose vere, quelle che decidono la spesa, l’impiego delle risorse comunale: l’uso delle tasse versate dai Cittadini. Tenuti fuori, all’oscuro.

Naturale che in tal modo le questioni vere di contrasto politico non escono mai: non diventano pubbliche. Sono tenute sotto traccia, facendo intendere che si possono utilizzare e vengono gestite come presupposti che vincolano entrambi. Come se si dicessero: “io non forzo la situazione su questo fatto sul quale potrei farti male. Tu però su questioni che mi interessano poi lascerai fare o addirittura mi vieni incontro Domani quando toccherà a te il rovescio, saremo noi a darti la mano”.

Coalizione  Civica rompe questo “equilibrio”. Parliamo allora di una questioncella che ha Città Ideale è parsa una enormità, uno scandalo procedurale. Non faremo nomi perché autorizzazione non c’è ma il fatto è reale. Fiorello Cortiana nel Febbraio scorso viene invitato ad un colloquio con un primario rappresentante della coalizione di Buccinasco poi risultata vincente ed un funzionario “di apparato”, a Milano.

Argomento: “perché vuoi venire nel nostro bacino a rompere gli equilibri che abbiamo. Lascia stare e stai fuori.  Tu hai già avuto dalla politica i tuoi ruoli, i tuoi risultati.  Lascia a noi Buccinasco e ritirati. Magari poi potremo trovarti in futuro delle opportunità anche migliori”. La politica come affare… se questa non ne è la dimostrazione della partitocrazia!  Per contorno, per una ventina di giorni sono state fatte girare notizie “vocali”, anche entro Coalizione  Civica, che  Fiorello si sarebbe ritirato.

Ci hanno provato con Fiorello Cortiana in campagna elettorale a condizionarlo: poi si sono fermati per la reazione decisa dell’interessato. Non siamo riusciti a costituire la rinnovata gestione pubblica per Buccinasco ma ci siamo arrivati vicini, molto vicini. Eletti due consiglieri; Coalizione  Civica, che non adotta la politica come scambio di favori. Non è condizionabile; non ha scheletri nell’armadio. In Consiglio agisce come gruppo che fra ciò che scrive e ciò che dice non ha differenze. Che propone, solleva problemi, che critica, fa interrogazioni, senza remore.

Un esempio classico l’interrogazione sulla “Legalità” ove la maggioranza ha dato segni di una indebita invasione del “loro” campo. Non hanno ancora capito. Cercano di andare avanti così, adottando i medesimi schemi. Anche su cose minori, quando possono esercitare il potere.

 Questo discorso è preordinato: ha uno scopo,  perché Città Ideale ne è pure colpita. L’agire, il parlar chiaro non facendo sconti, senza squalificare gli interlocutori, criticando ciò che non va bene, continuando a chiedere trasparenza, fare proposte (che danno fastidio perché chi sta su è abituato a gestire decidere tutto senza interferenze), non viene sopportato.

Ecco allora che non manca occasione perché, ad ogni presentarsi di qualcosa su cui parlare in comune, se viene da Coalizione  Civica o amico di qualcuno di loro: che sia un Cittadino, una associazione. O un imprenditore che ha rapporti con il Comune, ecco i “suggerimenti”. “Fate smettere Città Ideale se volete aver rapporti tranquilli, decidere questa cosa tocca a noi. Magari la richiesta può poi andare incontro a difficoltà ”.

Ci hanno provato anche con Fiorello Cortiana o Filippo Errante: anche (“se volete fare politica insieme a noi buttate fuori Città Ideale”). Per carità di patria non stiamo qui a descrivere nomi e  casi, che ormai sono diversi. Nonostante si continui a ripeterlo perseverano in questo comportamento da vecchia politica in uso quando i Cittadini erano per lo più analfabeti e potevi farli su con due chiacchiere.

Sugli articoli di Città Ideale non rispondono nel merito, non argomentano, non spiegano, non precisano, non contestano le posizioni. Ne sparlano però (la comunicazione a parole), oppure offendono e squalificano. Invitano a non scrivere commenti (difatti arrivano telefonate). Possibile che non si rendano conto di agire in modo sbagliato e superato? Città Ideale, come Coalizione  Civica  non ha interessi da spartire con nessuno. Sostiene ciò che ritiene giusto per la propria Buccinasco.

Continuerà a farlo. Un caldo invito rivolgiamo loro: lascino perdere i consigli di non parlare della amministrazione, di moderare i toni (che sono sempre del tutto civili e garbati, propositivi), di non parlare sempre della amministrazione (di che dovrebbe trattare un sito che si chiama buccinascocittaideale?). Non abbiamo nemici e non vogliamo averne.

Facciano uno sforzo di riflessione e approfondimento sui temi da noi trattati quando  non concordano. Lascino perdere la politica fatta di parole in libertà perché vengano poi riferite a noi. Se vogliono posso rispondere e lasceremo come sempre tutto lo spazio che meritano le loro risposte e i loro contributi. Oppure scrivano su altri blog,  facciano politica.

Tag: , ,

  1. #1 scritto da Saccavini il 18 novembre 2012 22:15

    Pensierino della sera,

    si tratta in questo e nel precedente articolo della politica verbale e per circoli chiusi, di questione primaria per la vita democratica nella nostra Comunità.

    Silenzio: un silenzio che non è disinteresse perché questi articoli stanno avebdo una lettura molto alta.
    Eppure non vi è chi dica qualcosa, neppure sui social network… resta un argomento tabù d icui non parlare…

    Eppure, oltre a comunicati pompieristici sui successi di aver ottenuto da Enel ciò che per contratto questo deve fare, magari ogni tanto, una riflessione sui temi e sui problemi che attraversano la nostra maggioranza, sarebbe utile.
    Farebbe anche risalire lo standing.

    Se poi della Trasparenza, della politica partecipata dai Cittadini, delle regole, finalmente si dicesse qualcosa…
    Sarebbe ancora più positivo per i nostri amministratori.

    Rifletta allora il lettore:

    RE Q
  2. #2 scritto da Loris Cereda il 18 novembre 2012 22:39

    Un bell’approfondimento del tema è oggi su Inserto Lettura del Corriere.

    RE Q
  3. #3 scritto da Saccavini il 19 novembre 2012 08:43

    Vedrò di recuperarlo perché sia esposto e letto…. ne abbiamo bisogno (non solo a Buccinasco).

    RE Q
  4. #4 scritto da Buccinasco anonima il 5 dicembre 2012 21:53

    Saccavini buonasera,

    leggo a pag.12 del Buccinasco Informazioni di Dicembre una lettera spedita al Sindaco da un cittadino di BUCCI + e la successiva risposta .

    E’ significativa anche la risposta del nostro Sindaco. Secondo mè è materia per un bel POST NATALIZIO…..

    Il Sindaco pubblica lettere di suoi elettori o presunti tali….

    Mi sembra un film di Totò….promesse elettorali non ancora mantenute….( hanno preso una valangata di voti a Bucci + )….. lamentele e basta, senza proposte valide, da parte del Cittadino che invita i Vigili a girare alla larga dal “quartiere dimenticato” e fare le multe in altri luoghi….,

    il Sindaco che giustifica i Vigili perché uno è in ferie, l’altro in malattia, qualcuno in ufficio all’interno del Comune e gli altri….chissà???

    Ma assumere degli Ausiliari del traffico come vorrebbe fare il Vicesindaco solo dopo che anche da me è stato sollecitato più volte mettendolo davanti a fatti gravissimi e sinistri in Buccinasco con feriti no???
    Perché no….. ??

    Infine il cittadino che chiede di “”non rispondere “faremo” perché lo ho già letto e sentito troppe volte”” ed il Sindaco che risponde che per il problema delle luci: “posso dirle che ho trasmesso la sua comunicazione a chi di dovere” ,

    poi lo ringrazia e lo invita a “non stancarsi segnalando liberamente senza esitazioni e falso rispetto nei miei confronti”…..
    gli dà del “bugiardo” in pratica….

    Una incredibile ma realistica “commedia all’italiana”… !!

    Saluti.

    RE Q
  5. #5 scritto da Saccavini il 5 dicembre 2012 22:07

    Non la ho ancora letta e mi sembra un po’ prevenuta, ma andremo a vedere…
    buona serata

    RE Q
  6. #6 scritto da Saccavini il 6 dicembre 2012 10:54

    Visto il giornalino di Dicembre: sarò tranchant.
    Informazioni di utilità residua, con qualcosa di utile per far conoscere il mndo associativo.
    Per il resto, dalla prima all’ultima pagina uno strumento pubblicitario per la maggioranza ed i suoi esponenti.

    L’impressione di una spesa a carico della Comunità, quasi totalmente inutile per come è strutturato, coincide alla valutazione che ne ha fatto il Commissario Prefettizio Iacontini, che infatti lo ha interrotto.
    La lettera in questione si inserisce in questo menabò comunicativo, con qualche teatrino di troppo, senza infamie.

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth