Buccinasco: l’amministrazione stringe i tempi: nuovo Consiglio il 27

Ecco una seconda seduta a Settembre del Consiglio Comunale, di cui Città Ideale pubblica l’ordine del giorno, ancora non apparso nel sito del comune (VEDI). Verrà senz’altro pubblicato a breve; intanto illustriamo con un breve commento i punti in discussione perchè chi fosse interessato si prepari e assista.

I primi punti all’odg riguardano ipotesi di alienazioni immobiliari. Il Comune ha bisogno di “fare cassa….” si vedrà nel concreto in base ai documenti che saranno fatti pervenire per capire del cosa si tratta e la definizione dei criteri di valorizzazione.  Una osservazione di massima deve farsi: UNO non è metodo di gestione ordinaria cedere patrimonio per far fronte alle spese. Così il Comune si impoverisce. DUE non è questo il momento migliore per cedere immobili o terreni; il rischio di svendere è consistente.

Il punto 3 riguarda la cessione in proprietà di terreni su cui insistono capannoni artigianali e industriali. Anche qui il Comune, assillato dal problema delle spese e dello sbilancio affronta la questione con la scelta di un impoverimento patrimoniale. Da questa cessione di aree si conta un introito che supera i 2 milioni di euro.

L’Imposta Municipale Propria dei punti seguenti 5 e 6 non è una nuova tassa. Si tratta dell’IMU. Evidenti le urgenze per definire modalità e importi che il Comune dovrà introitare per girare poi allo Stato le quote di pertinenza statale. Interessante sarà avere le delucidazioni sui contenuti pratici. Qualche comune a noi vicino ha per esempio effettuato rettifiche in aumento su alcuni tipi di cespiti.  Anche qui stiamo parlando di entrate urgenti: in questo caso però senza vendere patrimonio della Casa Comune.

Bilancio e variazioni, ricognizioni. Punti 7 e 8. Si tratta di punti enunciati in termini veramente essenziali. Ci può star dentro di tutto. Sarà stata la fretta, ma una indicazione così asciutta è veramente poco indicativa. Ai Cittadini non dice nulla, si intuisce che forse i conti non quadrano (punto 8) e che bisognerà prendere disposizioni ad hoc. Può anche essere, perfino,  che per via dell’IMU prevista su basi inferiori a consuntivo si generi una variazione positiva con maggiori entrate. E’ sperabile che almeno i consiglieri siano forniti in seguito della documentazione appropriata.

Adesione al Centro studi PIM (programmazione Intercomunale Metropolitana) è un ente volontario cui aderiscono le province di Milano e Monza e 62 comuni (sui 170 della provincia). Costa 2 milioni all’anno versati dai comuni che partecipano. Una struttura tecnica del genere ha  un consiglio direttivo di 14 (quattordici)  membri nominati dai comuni associati (VEDI) Speriamo che non costino troppo. Occupa 19 dipendenti.. ( che speriamo tutti impegnati al massimo). Buccinasco viene indicato come socio..  Si deciderà di uscire?

Un consiglio ricco di spunti e questioni di interesse, a cominciare dall’IMU…. Speriamo bene. Continuiamo a sperare.   Si ricorda  ai lettori che il Consiglio è trasmesso in streaming e si ascolta e vede bene: forse si potrebbe migliorare l’audio consigliando tutti di parlare con la voce vicina al microfono.

Infine la comunicazione. Questo è un esempio di comunicazione partecipata che si propone di destare l’interesse, l’attenzione die Cittadini. Dobbiamo la notizia alla cortesia di un Consigliere di Coalizione Civica cui la convocazione è stata consegnata ieri sera. Grazie a lui, la funzione di illustrare e rendere partecipata la gestione alla vita del Comune cerca di svolgerla in forma vicaria Città Ideale.

Tag: , ,

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth