Maiorano, Pruiti e co. Traditori del Parco Sud un mese dopo le promesse elettorali

Non so se si potesse dar di peggio e sono francamente dispiaciuto di questo articolo. Già ieri in un commento consideravo quanto accaduto così contrario ai principi solenni di Maiorano ed ancor più di Pruiti, da ritenerlo impossibile. Impossibile che il Comune di Buccinasco esprimesse un voto a favore di una cementificazione per 100.000 metri quadrati di terreno agricolo che una legge regionale vincola a Parco per la Grande Milano (VEDI; anche i commenti).

Ciò che era da ritenersi del tutto improbabile, addirittura impossibile, è accaduto. La assemblea dei sindaci del Parco Agricolo Sud Milano il 15 Giugno, con delibera n. 2 del 2012 ha espresso voto favorevole sul parere vincolante per la approvazione della proposta di variante parziale (chissà quali dimensioni deve avere una variate che non sia parziale, visto che questa riguarda, a  detta della associazione parco Sud 10 ettati! 100.000 mq di verde vincolato a parco), ecc. ecc.

Hanno votato favorevolmente tutti i comuni presenti alla delibera  che non hanno espresso voto contrario o si sono astenuti (VEDI il verbale della delibera). Per quanto riguarda Buccinasco risulta presente il Sindaco Maiorano. Circa i comuni a noi prossimi ecco quali risultano i comportamenti:

ASSENTI:  Corsico, Cusago, Cesano Boscone;

ASTENUTO: Zibido San Giacomo

VOTO FAVOREVOLE: Assago, Buccinasco, Gaggiano, Rozzano

Ciò è quanto può derivarsi chiaramente dal verbale. Ha dell’incredibile che Buccinasco, con il Vice Sindaco Rino Pruiti che del verde e del non consumo del territorio ha fatto la sua ragion d’essere politica, abbia potuto esprimere un voto favorevole. Si ricorda che il parere dei sindaci aveva carattere vincolante. Se la maggioranza dei sindaci presenti non avesse approvato, la “variante parziale” della vergogna non sarebbe passata.

Una delibera molto contrastata e faticosa appare questa: su 61 comuni la delibera per essere valida deve vedere la presenza di almeno metà più uno. In un primo avviso della Assoparcosud (ma anche di molti blog che hanno parlato della assemblea) si parla di 32 presenti, Poi nel verbale divenuti 34 (aggiunti in zona Cesarini?) i voti favorevoli, sono poco più di un terzo dei Comuni: 25. Oltre ai 9 contrari e astenuti, l’assenza di altri 27 Comuni che hanno ritenuto di non presentarsi su una delibera di tale importanza è da un lato una grave mancanza dei sindaci, dall’altro la dimostrazione che la approvazione è avvenuta per il rotto della cuffia, con evidente difficoltà.

Situazione che aumenta lo sconcerto, la rabbia per i nostri Cittadini che considerano il nostro verde un bene preziosissimo, insostituibile. Evidente ad ognuno che intaccare così pesantemente il Parco Sud in un Comune significa rendere intaccabili le aree del parco degli altri Comuni, compreso il nostro di Buccinasco. e nel verbale allegato che approva lo sconcio si può leggere chiaramente la presenza e la firma di suo pugno del nostro Sindaco.

Giova allora ricordare cosa ha scritto e letto riguardo al Parco Sud Giambattista Maiorano, nella seduta inaugurale di Consiglio: il giorno 8 Giugno,  sette giorni prima di firmare lo sconcio. Tanto per sapere quale credibilità assegnare alle sue parole, alla sua funzione:

……………….. Buccinasco ecologica e attenta alla sostenibilità

MISSION SPECIFICA

Nel corso del proprio mandato l’Amministrazione si impegna a …

Tutelare la qualità ambientale ai fini di preservare la salute e lasciare in eredità alle nuove generazioni un ambiente ancora fortunatamente incontaminato.

FINALITÀ DI MANDATO……….

Ampliare la rete di percorsi ciclabili sicuri, diffusi e di qualità che collegano tutta la città. Garantire il rispetto delle fasce fluviali restituendo naturalità ai corsi d’acqua, introducendo il principio comunitario del “chi inquina paga”, anche per quanto riguarda le bonifiche.

Valorizzare e custodire la vocazione agricola del Parco Sud, introducendo incentivi fiscali per un utilizzo più rispettoso dell’ambiente, la diversificazione delle produzioni e la conversione al biologico, agevolando colture che rispondono alle richieste locali (chilometro zero) e sviluppando strutture per la distribuzione di prodotti di filiera corta (dal produttore al consumatore).

Fermiamoci qui, se no Città Ideale rischia un’altra querela (strumento con i quale questa “casta” – come chiamarla diversamente?) vuol chiudere la bocca ai Cittadini dopo non averli avvertiti di ciò che era in ballo, non averne discusso in Consiglio, non averne dato informazione prima. Rimasti zitti dopo. Non sono degni di occupare il posto che i Cittadini fiduciosi hanno loro assegnato. Decenza vorrebbe che se ne tornassero silenziosamente a casa.

Si perché i sindaci che hanno firmato, firmando hanno anche  assicurato che:

…è stata garantita la partecipazione dei soggetti interessati e del pubblico… ed è stata data visibilità alle comunicazioni avvenute presso le commissioni consiliari, al fine di divulgare gli obiettivi … della variante parziale, con le motivazioni a sostegno della stessa…

Crediamo proprio che per quanto riguarda Buccinasco salvo errore è stato  firmato il falso. Almeno il nostro Sindaco, perché per quanto ne sappiamo di questa variante nessuna commissione antecedente ne ha mai trattato, perché mai ne hanno dato informazione ai Cittadini.

La Coalizione Civica con i suoi Consiglieri Fiorello Cortiana e Filippo Errante, certamente valuterà sotto ogni profilo la situazione e chiederà conto al Sindaco e alla amministrazione di questo operato. Non escludendo eventuali ripetizioni di danni. …

Tag: , , , ,

  1. #1 scritto da Franco Gatti il 22 giugno 2012 16:14

    Gentile sig Saccavini
    Visto che è così bene informato, potrebbe anche per favore entrare nel merito della delibera?

    Di cosa si tratta?

    Se ho ben capito dovebbe essere una azienda che poteva scegliere se delocalizzare (e sappiamo cosa vuol dire) o ampliarsi.

    Se così fosse, decidere di far licenziare delle persone negando l’ampliamento di una azienda è una decisione che forse non per tutti i Sindaci è stata facile da prendere come lo sarebbe stata per Lei

    Ed il fatto che sembra che sia Sindaci di Destra, sia Sindaci di Sinistra la abbiano approvata, mi fa ritenere che (forse) anche se avessimo avuto come sindaco di Buccinasco la sig.ra Cortinovi, la delibera sarebbe stata approvata.

    Forse non sempre è facile semplificare.

    La ringrazio
    Franco Gatti

    RE Q
  2. #2 scritto da Camilla il 22 giugno 2012 16:37

    Il signor Gatti è talmente fazioso da risultare patetico.
    Il fatto che sia i sindaci di centrodestra che quelli del PD abbiano votato questo sconcio è la prova della consociazione che la Coalizione Civica ha fermamente denunciato durante la campagna elettorale. Poi, ognuno se la racconti come vuole

    RE Q
  3. #3 scritto da Saccavini il 22 giugno 2012 16:39

    Credo che Città Ideale abbia già chiarito il tema nell’articolo precedente che forse lei non ha letto signor Gatti.

    L’importante è la continuità aziendale, certo: vada a rileggersi l’articolo.
    Non sostenga adesso che i xxx dipendenti di Vignate vanno salvaguardati perché a loro non è agevole spostarsi a Pioltello.

    All’azienda costa di più?
    Ebbene, il PASM investa un contributo che viene incontro ai maggiori oneri e preservi il Parco.
    Il Parco può essere una miniera di risorse (in termini di vivibilità della Grande Milano ma anche in termini economici) e un ente che abbia un minimo di decente conduzione ha ben chiari gli obblighi che derivano dal presevare il Parco.

    Non ci caschi anche lei col finto piagnisteo (che tutto giustifica) dei posti che si perdono: ciò che certamente si è perso sono 10 ettari di Parco Sud.
    Ciò che si è perso è l’intangibilità del Parco Sud.
    Se lo domanda signor Gatti quanti saranno i Comuni che adesso si sentiranno autorizzati a proporre “variazioni parziali” di questo tipo?

    I dipendenti e il lavoro potevano addirittura aumentare e non di poco se si fosse intervenuto in un riuso di queste dimensioni, anche col finanziamento diretto o indiretto, o con agevolazioni della Provincia.

    Che poi il nostro Sindaco, mio e suo anche se lei lo ha votato e io no, se ne stia zitto e non informi nessuno, che firmi di aver invece discusso nelle commissioni del progetto, di averne informato il pubblico, e che di questo non abbia fatto un bel nulla, questo lo lascio giudicare a lei e ai lettori.

    Una cartina di tornasole sulla sua coscienza di una azione indecorosa, da fare di nascosto, chiaramente dannosa per i suoi Cittadini e per tutto il Parco Sud.

    Non si faccia prendere in giro da chi compie di queste azioni mettendo davanti il fazzoletto listato a lutto con i posti di lavoro che si perdono… è chiaramente una falsa giustificazione.
    Uno dei 25 sindaci su 61 che hanno votato (come per le elezioni: neanche il 41% degli avanti diritto al voto).
    La maggioranza dei Sindaci, alla frottola dei posti di lavoro persi non ci ha creduto. Dei Ponzio Pilato
    .

    RE Q
  4. #4 scritto da Franco Gatti il 22 giugno 2012 16:59

    gentile sig. Camilla

    Lei e libera di pensare che la coalizione civica che ha messo assieme una sessantina di candidati in poco più di un mese sarebbe stata la panacea per ogni male passato, presente e futuro.

    Altri cittadini di Buccinasco, circa l’ 80% di coloro che hanno votato al primo turno, la pensano invece in modo diverso

    Altri, quelli che non hanno votato, non vi hanno neppure preso in considerazione.

    Io prima di giudicare, e condannare Maiorano, vorrei sentire anche le sue spiegazioni.
    Visto che Lunedì c’è un Consiglio Comunale, non dovrò attendere molto.

    Poi, con la mia testa, deciderò.

    Maiorano non è certo infallibile, e so che su alcune cose la pensa diametralmente all’opposto delle mie convinzioni.

    Arrivederci a Lunedì
    Franco Gatti

    RE Q
  5. #5 scritto da Saccavini il 22 giugno 2012 17:16

    Vede Gatti, io non ne faccio mai una questione di parte.
    Non mi interessa.

    Subito sotto come può notare ho approvato un comportamento molto positivo di un assessore della regione del PDL su una questione scolastica statale, che si propone di decentrare le decisioni, spendere meno soldi e dare maggiore autonomia alle scuole sugli insegnanti non di ruolo.

    Qualche giorno fa mi sono complimentato con Maiorano per il suo proposito di aderire alla Carta di Pisa. Introdurre un codice etico nella nostra amministrazione.

    Ciò non vuol dire che ho sempre ragione, naturalmente.
    Sono disponibile al confronto, senza pregiudizi.

    Non la giudico fazioso io, anche se ritengo che i suoi valori sono condizionati da presupposti ideologici che forse le impediscono di essere sempre conseguente.

    Ad esempio: consolarsi con i voti ottenuti e paragonarli a quelli della Coalizione Civica ha l’effetto di cambiare discorso.

    Maiorano dovrà spiegare, certo.
    Non sarà una spiegazione però: solo una giustificazione di ciò che ha fatto, tenendo nascosto il tema a tutti i Cittadini.
    Ha esercitato un potere che esorbita da ciò che richiedeva l’atto che ha firmato (non avendo eseguito ciò che ha dichiarato con la firma: informare il pubblico, dibattere in comissione).
    Già questo modo di agire dà indicazione di una scelta forse intimamente non condivisa, da nascondere sotto il tappeto prima della firma.
    Forzata da indicazioni che vengono da fuori?

    Ci sarà modo e sentiremo la “trasparenza” del nostro Sindaco….

    RE Q
  6. #6 scritto da Matteori il 22 giugno 2012 17:20

    Salve sig. Gatti, è sicuro che se ne parlerà durante il prossimo consiglio?

    E in caso affermativo, è sicuro che se ne sarebbe parlato se la cosa non fosse divenuta di pubblico dominio ?

    Rimango costernato pensando a tutte le aree disponibili nelle aree industriali già esistenti, a tutti i complessi industriali e terziari nuovi costruiti negli ultimi anni ed oggi malinconicamente sfitti o in vendita.

    Che VERGOGNA !!!

    RE Q
  7. #7 scritto da Franco Gatti il 22 giugno 2012 17:33

    Gentile sig Saccavini
    La prima parte del mio commento era rivolto al sig Camilla #2.

    Per quanto riguarda invece il suo commento #5, beh, a questo proposito sarà importante avere un po’ di memoria.

    Quante volte in passato ha visto la Giunta Cereda (quella sostenuta da PDL , CL ed alcune liste civiche) portare in Consiglio Comunale le decisioni prese all’assemblea dei Sindaci?

    Era necesario farlo? Non lo so, ma non ricordo sia stato fatto.

    A memoria non ricordo comunicazioni simili neppure da parte di Carbonera e Lanati.
    E neppure da parte di altri Sindaci.

    Ora Maiorano lo farà? Vedremo.
    Sono un poco più ottimista di Lei perchè ricordo come Carbonera fece il suo PGT, ed il numero di riunioni di Agenda 21 e dedicate al tema che furono organizzate.

    Ricorda quante ne fece Cereda per raccogliere suggerimeti per il “suo” PGT ?

    Buona Domenica
    Franco Gatti

    RE Q
  8. #8 scritto da Saccavini il 22 giugno 2012 18:07

    E ridajie Gatti… mi rende ilare.

    La campagna elettorale è appena finita e dietro le Liste Civiche Unite (o davanti, non importa), tutti coloro che si sono presentati agli elettori hanno sostenuto la necessità di voltare pagina, la “trasparenza”, ecc.

    perché adesso giustificarsi con simili comportamenti del passato?

    la frittata è fatta:
    quali che siano le “giustificazioni” di Maiorano, non potrà ritornare indietro.

    Un gravissimo precedente che intacca pesantemente l’integrità del Parco Sud: l’inizio di una frana?
    Oggi è toccato a Vignate..
    Quando sarà la volta di Buccinasco?

    RE Q
  9. #9 scritto da Andrea D. il 22 giugno 2012 19:52

    Mettiamola così, per pura coincidenza né sul sito del PD né sul sito di Pruiti (che da quanto mi era parso di capire avevano dichiarato di stare dalla parte del Parco Sud, ma effettivamente eravamo in campagna elettorale) è stata riportata la notizia.

    Se ne parlerà in Consiglio?

    Non compare nell’OdG, che, se non erro, è stato redatto dopo la delibera in questione.

    Ma in fondo di cosa si dovrebbe discutere, visto che hanno già deciso?

    RE Q
  10. #10 scritto da Saccavini il 22 giugno 2012 21:11

    Non credo sia il caso di definirla coincidenza Andrea.

    Anche Bruto dopo aver contribuito ad uccidere Cesare (suo padre putativo) passò una notte di tormenti e pentimento.

    Non è il caso di buttarla in farsa, perché la faccenda è gravissima e tale resta.
    Sto pensando a valutare le modalità utili che deve avere una azione verso la Provincia o il firmatario per conto del Comune di Buccinasco che firma un atto dichiarando cosa non corrispondente al vero riguardo ai Cittadini, tenuti all’oscuro mentre dichiara di averli informati e resi edotti della questione e del suo rilievo.

    Che il Comune di Buccinasco abbia subito danni mi sembra molto probabile se non certo: per il precedente realizzato, per una decisione non moderata e morigerata dal confronto con le commissioni competenti e la Cittadinanza.
    Staremo a vedere: l’obiettivo deve essere rifondere Buccinasco del grave danno che la firma ha provocato: al Parco Sud complessivo, alla sua fruibilità.

    Staremo a sentire e vedere.

    Certo che il prossimo Consiglio Comunale sarà molto interessante da ascoltare.
    In streaming o di persona: l’argomento non è all’ODG, ma anche se si opponessero a discuterlo, come un fantasma aleggerà nella accaldata sala consigliare.
    Vederli in viso mentre parlano d’altro sarà un piacere.

    RE Q
  11. #11 scritto da Andrea D. il 22 giugno 2012 21:21

    Qualora non si sia trattato di una coincidenza dovremmo forse pensare che abbiano deliberatamente deciso di NON dare la notizia?

    RE Q
  12. #12 scritto da Saccavini il 22 giugno 2012 22:11

    Non è una intenzione, Andrea.
    E’ un fatto.

    UNO E’ loro pervenuto l’avviso della assemblea, con l’ODG. diciamo 20 giorni prima, il 25 maggio ? (Bisgna vedere lo statuto).
    DUE hanno convocato il Consiglio senza porre la questione all’ODG
    TRE non ne hanno dato comunicazione sui media, nei blog, in alcun luogo.
    QUATTRO: nelle riunioni del costituendo Consiglio e Giunta, qualora ne avessero parlato, hanno dato l’ordine di riservatezza assoluta, perché nulla è trapelato. Deve ritenersi più probabile che a conoscere la questione fossero il Sindaco e il nominando Vice Sindaco: gli altri tenuti all’oscuro.
    CINQUE: in Consiglio il Sindaco non ne ha fatto cenno. Non so il Vice Sindaco di cui non ho letto l’intervento.
    SEI:
    eseguita la bisogna, hanno ritenuto di non farla conoscere sperando che non trapelasse.
    SETTE: insomma devono essersi convinti che la cosa rimanesse sotto il tappeto, se no: avrebbero studiato un modo di far sapere addolcito. Forse è loro sfuggito che un verbale di assemblea è destinato a diventare pubblico e devono aver sperato che non si sapesse.
    OTTO: la notizia la rendono nota associazioni e la società civile. Cosa possono dire? Devono pensarci bene.

    Vediamo una ipotesi un po’ velenosa (sarebbe sbagliatissima ma in mancanza di meglio..).
    Tirano fuori il progetto di restauro conservativo di Buccinasco Castello forse 2mila metri di terreno occupato in più (non 100mila) e sostengono di aver difeso lo scempio (?) promuovendo fuori tempo massimo il ricorso al TAR mentre Città Ideale, paragonandolo a quanto loro hanno proposto in precedenza ha dimostrato l’enorme (sottolineato l’aggettivo) qualità e resa estetica oltre che economica per le casse del Comune, rispetto al loro progetto.

    Non so se gli verrà in mente un’altra idea.
    Cercheranno di metterla in polemica: come il cieco che prende in giro l’amico vedente e lo accusa di avere un occhio solo dicendo che è orbo.

    RE Q
  13. #13 scritto da Saccavini il 25 giugno 2012 21:03

    Trascorsi 10 giorni dalla votazione qualcuno dei responsabili comincia a dire qualcosa: il Vice Sindaco!
    Che non ne parla sul suo sito, ma su SIoNO in una redazione d’articolo che in gergo si chiama “panino”.
    Lo schema classico è:

    a) chi critica, parla per primo
    b) si descrive sinteticamente il problema
    c) parla colui che si vuole favorire e completa la spiegazione in chiave positiva

    Ferri del mestiere; arrugginiti. Molto meno efficaci rispetto al video.

    Ciò che colpisce sono gli argomenti a favore:

    a) si riduce il trasporto su gomma (di 4 kilometri, che potevano benissimo essere su rotaia allungati allo stabilimento);

    b) si salvano posti di lavoro (a Vignate ma non si costruiscono a Segrate/Pioltello)

    Si può definire una fantasia?
    Dopo 10 giorni non vi sono argomenti.
    Si può pensare che si sia eseguito un ordine (mettendo i nsecondo piano l’interesse di Buccinasco)

    RE Q
  14. #14 scritto da Saccavini il 25 giugno 2012 22:09

    Dopo 10 giorni dall’aver votato senza averne parlato con alcuno e decidendo in solitudine per conto di tutti i Cittadini,
    dopo aver mantenuto il più assoluto silenzio quando è trapelata e divenuta pubblica la notizia di come aveva espresso il suo voto Buccinasco.

    Dopo tutto ciò ecco che motiva e cosa fa?

    Dal cilindro, in apertura di Consiglio, tira fuori un documento che i Sindaci hanno preteso di discutere e approvare prima, sottolinea tre volte: prima. Documento che giudica importantissimo.

    Tutti saranno curiosi di conoscere questo documento: curiosità che il Sindaco non soddisfa e continua a mantenere in busta chiusa.

    Da chi è stato firmato?
    Da quanti?
    Quali sono gli obiettivi (oltre la stantia assicurazione che questa “variante parziale” sarà l’ultima, che non se ne farà più)?

    Dopo queste dichiarazioni di forza e contenuto di una lumaca, il Presidente del Consiglio comunica che le mozioni presentate dal gruppo Coalizione Civica saranno esaminate il 23 Luglio 2012…

    Sperano nel caldo….

    RE Q
  15. #15 scritto da Andrea D. il 26 giugno 2012 04:47

    Ad onor del vero ha anche precisato che non ci saranno ripensamenti di sorta e che il termine cementificazione è stato usato a sproposito in quanto non si tratta di nuove volumetrie ma di un interporto di scambio.

    Per chi si stesse immaginando prati verdi, torrenti e caprette che brucano e corrono libere, una semplice ricerca con google fornisce qualche immagine di interporti di scambio (VEDI)
    che, ricordo, si estenderà su un’area di 100.000 metri quadrati, cioè l’equivalente di 20 campi da calcio.

    Staremo a vedere l’opera finita (la struttura di Melzo della So.ge.mar si vede bene con qoogle maps).
    Chi volesse avere un’idea di quanto potesse essere indispensabile l’opera può trovare un ragionamento qui che illustra più di qualche perplessità.

    PS Nello specifico l’interporto di scambio è un nodo ferroviario per lo scalo, la movimentazione e lo stoccaggio di container che vengono smistati su altri treni e/o su ruota. Ovviamente, visto che lo smistamento non avviene in tempo reale occorre molto spazio per poterli immagazzinare.

    RE Q
  16. #16 scritto da Saccavini il 26 giugno 2012 08:35

    Molto opportune le analisi video e le riflessioni che Andrea ci propone.

    Ho assistito ieri in streaming, da casa, al Consiglio comunale.
    Devo riflettere prima di un commento meditato perché l’impressione complessiva che ne ho ricavato per le parti che ho visto, è molto deludente: un Sindaco e una squadra molto al di sotto di quanto richiederebbe l’incarico.
    Ne parleremo in termini più precisi e motivati.

    RE Q
  17. #17 scritto da Camilla il 26 giugno 2012 09:17

    E poi questo interporto sorgerà a poca distanza da quello di SEGRATE, che esiste già, a conferma dell’inutilità dell’opera.

    Maiorano ieri sera mi ha fatto una pessima impressione: ha aperto la seduta su questa questione, dichiarandone implicitamente il carattere d’urgenza, ma poi il dibattito è stato rinviato al prossimo Consiglio e quindi non ha risposto all’interpellanza e all’interrogazione della Coalizione Civica.

    Dire “è l’ultima volta” rappresenta una scusa patetica che si dice sempre dopo scelte ingiustificabili, soprattutto da parte di chi ha strumentalizzato l’ambiente per tutta la campagna elettorale.

    La verità è che qui ci sono evidentemente degli interessi in gioco e che, consociativamente, PD e PDL hanno deciso di assecondarli.

    Nota a margine: ho trovato la conduzione della signora Palone francamente imbarazzante, causa manifeste incapacità e faziosità

    RE Q
  18. #18 scritto da Saccavini il 26 giugno 2012 09:50

    Camilla le consiglierei di lasciar perdere la faziosità, parlando del Presidente del Consiglio.

    Vede: perché un comportamento sia fazioso è necessaria comprensione e competenza delle materie trattate.
    La faziosità è un atto voluto, compiuto in modo determinato.

    Nel caso in esame atteggiamenti che possono sembrare di parte credo siano da assegnare allo svolgimento di un ruolo cui difetta la dimestichezza, l’esperienza.
    Poi ci potrebbe stare una base culturale inadeguata, questo a me sembra possa esserci, ma è ancora presto per dirlo.

    Quanto al Sindaco…. lasciamo perdere (per ora).
    Il fatto che impressiona sta in una squadra che sta dimostrandosi debole; almeno i Ragazzi della via Paal erano mossi da un animo che si proponeva, nel loro essere ragazzi, missioni elevate.
    Qui già adesso sembra di essere al tran tran con l’obiettivo di rimanere sulla sedia, privi di un progetto degno di questo nome.
    Vorrei sbagliarmi.

    RE Q
  19. #19 scritto da Camilla il 26 giugno 2012 13:14

    Saccavini, non sono d’accordo.

    Cortiana e anche la Cortinovi le hanno spiegato che il Presidente ha un ruolo di garanzia super partes e rappresenta tutti i consiglieri, di maggioranza e di opposizione, quindi non può continuare a parlare come un esponente della maggioranza, come invece ha fatto, ancora, ieri sera ( basta guardare le registrazioni).

    Chiaro che tale reiterata arroganza è dovuta anche ad ignoranza istituzionale.Penso però che se dopo la richiesta di maggiore equilibrio, la Presidente ha continuato ad esprimersi come esponente della maggioranza, suscitando brusìo in sala, ci siano solo due possibilità: o è faziosa o non capisce.

    Credo sia faziosa.

    RE Q
  20. #20 scritto da Saccavini il 26 giugno 2012 14:28

    Ieri sera abbiamo avuto la possibilità di capire meglio di cosa sia fatta questa amministrazione: dal Sindaco che esprime dal suo scranno cose prive di riscontri e francamente incredibili, che forse ritiene possano acquisire credito proprio per il posto che ricopre.
    Invece di rispettare il ruolo, lo svilisce.

    Alla giunta ove, a parte l’unico tecnico di cui è composta, appare priva di idee, di personalità, di spessore.

    Al consiglio di maggioranza, dagli interventi su cui è bene stendere un velo di comprensione (non uso aggettivi).

    Il Presidente del Consiglio credo sia in linea con questa squadra, oltretutto è alle prime armi.
    Può essere che intenda ancora il ruolo in termini partigiani, di parte; se ha senno ha tempo per ricredersi e migliorare.

    Per riscontro il paragone con la giunta e la maggioranza precedente… (finita come sappiamo) sul piano delle competenze la differenza è persino imbarazzante.
    Non è una questione di destra o sinistra, io credo.
    Possibile che il portato culturale dei progressisti non possa dar di meglio?

    Dal Sindaco in giu… forse ci sarà mestiere, quando c’è appaio mestieranti della politica.
    Non hanno le basi perché si possa discutere seriamente di un tema: capiscono una cosa per l’altra.
    Fanno della polemica strumentale.
    Nessuno che abbia nulla da dire di personale, di autonomo sul Parco Sud. …

    Non devono parlar male della loro maggioranza ma forse esprimere qualche sensibilità almeno un poco non coincidente con il comportamento tenuto dal sindaco prima, durante il voto e nella sua esposizione serale, preoccupato solo di garantire per tutti la compattezza “convinta” della sua maggioranza…
    Dovrebbero imparare ad ascoltarsi, ad analizzare criticamente la loro parte: sembra non siano capaci di farlo.

    Forse dei valori li avranno, in cui credere: non sembrano riconoscersi e non sanno che pesci pigliare.
    Lasciati da quella che forse è l’unica testa pensante, probabilmente cominciano ad avvertire la loro debolezza e si rinserrano in difesa.
    Mi domando dove ci porteranno in cinque anni di tempo che hanno; credo comincino a domandarselo anche i Cittadini.

    Sarà per tutto ciò che sono portato a guardare la funzione del Presidente con comprensione.

    RE Q
  21. #21 scritto da Camilla il 26 giugno 2012 14:36

    L’unico che mi è sembrato, anche come stile nell’eloquio, sopra la loro media è l’assessore al bilancio

    RE Q
  22. #22 scritto da Saccavini il 26 giugno 2012 14:47

    appunto….

    dovremo armarci di pazienza e comprensione, ma c’è anche bisogno di disponibilità da parte loro.
    I pareri di pensatori e filosofi sono concordi nel considerare il peggior interlocutore in coloro che sono semplici ma essendo i detentori del potere hanno paura di assumere e far proprie proposte degli “altri” e si chiudono a riccio.

    Un esempio da manuale nell’ODG Palone sulla “legalità” raffrontato con quanto hanno elaborato Cortiana ed Errante.
    Distanza abissale: pubblicato su questo blog prima, molto prima che vi fosse la conferenza dei capigruppo.

    Loro che pur di non far propria una proposta degli “altri”, si inventano il rovesiamento dei termini dicendo che la proposta è stata da Cortiana ed Errante fatta dopo la conferenza dei capigruppo, “rubando” loro le idee…

    Avrebbero dovuto prenderla al volo e farla propria, farla diventare di tutti, nella conferenza dei Capigruppo.
    Proprio perché culturalmente deboli, ritengono che questo sia un campo loro e considerano un ODG strutturato sul quale tutti possono concordare una sorta di invasione di campo…

    Ci vorrà pazienza, tanta pazienza con costoro.
    Far loro capire che la politica non è esclusiva di nessuno, che la proposta valida è di tutti e vale per tutti.
    Che conviene loro farla diventare di tutti.
    Ne avrebbero ricaduta maggiore loro, che sono maggioranza.

    Forse non sono avvezzi a considerare la minoranza portatrice di idee da condividere.
    Vivono ancora nel mondo spaccato in due, fermi al 1956 (come allora dalla parte sbagliata).

    Ci vorrà tempo perché imparino a confrontarsi in modo trasparente sui temi, anziché parlarne nella solita tavola rotonda del potere tenendo fuori i Cittadini, come cercano di fare.

    Per questo i nostri blog danno fastidio: siamo arrivati al Sindaco che in apertura se la prende con i blog che parlano troppo della vicenda Parco Sud…. Inaudito.

    Sono il sale della terra nella politica locale, i nostri blog: propugnano e praticano la trasparenza, coinvolgono i Cittadini.
    Aumentano le persone che si interessano, la partecipazione.
    Fanno crescere la democrazia diretta.

    Il gruppo della Coalizione Civica può migliorare le scelte loro se, continuando come ora, sarà di stimolo qualitativo sulle cose da fare.

    RE Q
  23. #23 scritto da Saccavini il 30 giugno 2012 14:35

    SioNo pubblica un editoriale di buon senso: indica semplicemente che Maiorano doveva informare la Comunità prima di andare ad approvare per conto suo.

    Da giornale che ora si può definire di area pruitiana attenua la verità dell’assunto con una valutazione positiva della decisione.

    Intende insomma ridimensionare la gravità con un atteggiamento pilatesco.
    Dimezza la responsabilità del gesto, o cerca di farlo.

    Fiorello Cortiana in 5 righe gli ricorda le alternative e le incongruità del vulnus (domani esce qui un approfondimento sul tema a Vignate).
    Civile e senza acrimonia, affronta il concreto del tema.

    Ed ecco come risponde un signore che si firma Aldo Cerri:
    Mi scusi Cortiana ma è vero che prende o prenderà a breve ben 4.725 euro al mese come ex parlamentare + la pensione da funzionario provinciale? Non so i nomi e cognomi dei privati di Vignate che saranno imprenditori che creano lavoro e rischiano i soldi propri, però il suo lo conosco e temo che “lavoro” sia una parola per lei aliena.

    Per quanto mi riguarda, non è il caso di rispondere a SioNO, che mi sembra sempre più infettato dal virus pruiti in commenti e alias., come sembra questo.

    Naturalmente non è una risposta ma il tentativo di mettere in cattiva luce Cortiana.
    Quindi difende l’impresa…che diversamente … ?
    I propri soldi li puo’ investire, magari anche molti meno, trasferendo il polo logistico a tre kilometri, ove già pronto e disponibile.

    A meno che il signor Aldo Cerri non voglia sostenere il diritto dei privati di costruire liberamente nel Parco Sud perché investono soldi propri…

    RE Q
  24. #24 scritto da Saccavini il 1 luglio 2012 14:42

    SIoNO tende a ripetersi con commenti di stile pruitiano fino a che non arrivano minacce di querela,
    Dopo il rischio allora si cancella tutto. Su richiesta…

    Già altre volte è successa la scusante per questioni che hanno riguardato Città Ideale.

    Se si vuol essere sospettosi si può dire che “ci provano”: obiettivo sempre è il cambiar discorso e far diventare il blog una palestra di insulti.
    Qualche volta gli va bene, altre volte meno.

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth