Buccinasco e i giovani: progettiamo insieme il domani di Buccinasco

Buccinasco e i giovani: un tema fra i più delicati e importanti di questo particolare periodo che sta vivendo il paese, che ha davanti a sé la nostra Comunità. Un tema che non sembra proprio sia affrontato dalle amministrazioni che i sono succedute. Dire che ci sia disattenzione è poco. Manca un progetto con i quale far costruire un futuro degno ai nostri giovani.

Per altro non è del tutto vero che non ci sia nulla. Una funzione vitale ed importante quella dell’oratorio, delle attività socializzanti che da sempre le parrocchie svolgono. Una manifestazione preziosa del nostro vivere civile, anche a Buccinasco. da preservare, far cresce e integrare con il supporto organico della Comunità, della Casa Comune.

L’impressione che se ne ha dall’esterno: sembra quasi che le amministrazioni precedenti abbiano considerato le attività e iniziative verso il mondo dei giovani soprattutto in senso ludico ricreativo. Che queste si siano viste forse come un doppione “laico” da porre in concorrenza con l’Oratorio, ovviamente dalla matrice confessionale (vista come un bacino di coltura del pensiero cattolico democristiano, cui contrapporsi).

Questi tempi e queste convinzioni da retaggio ideologico della guerra fredda non dovrebbero essere più. Forse nel pensiero dei lettori è cosa pacifica, di fatto però il Comune ha fatto poco o nulla, di suo, di autentico, di complementare alle attività degli Oratori. Un terreno da recuperare e  su cui lavorare; c’è da fare davvero molto.

La Casa Comune oggi deve avere i giovani al centro della propria attenzione. Il rischio far crescere una generazione a perdere, di cui sociologi e giornalisti sui media parlano frequentemente, deve essere visto in tutta la sua gravità potenziale: può essere un dramma e deve essere affrontato seriamente.

Occorrono spazi e iniziative congiunte, che coinvolgano le strutture locali anche avvalendosi della sussidiarietà e dando spazi di autoformazione che responsabilizzino e facciano crescere i nostri giovani. Sono indispensabili le progettazioni di percorsi formativi dedicati alla concreta domanda del mercato. L’avviamento e la specializzazione dedicata che agevola l’approccio al lavoro devono essere un plus che Buccinasco si impegna ad assicurare ai suoi giovani.

Il candidato Sindaco delle liste civiche unite Fiorello Cortiana esce con un comunicato che troverà la sua espressione in una serata dedicata ai giovani: un manifesto, una provocazione rivolta ai Cittadini, un invito a partecipare e contribuire a costruirsi il proprio futuro. Sei domande alle quali dare risposta. Parte un progetto vero che indica un futuro ai giovani di Buccinasco. 

 Buccinasco non è un posto per giovani.

Eppure è pieno di giovani, ma non è uno spazio dove possano trasformare le proprie passioni, i propri desideri e le proprie idee in progetti concreti.

Perché il Comune non chiede ai giovani di Buccinasco cosa desiderano?

 

Perché il Comune non fa incontrare la loro creatività con il credito e con i finanziamenti europei?

 

Perché il Comune non gli da Banda Larga e WI-FI per comunicare nella società della conoscenza?

 

Perché non fa incontrare le loro passioni con le competenze?

 

Perché non da loro uno spazio dove mettersi alla prova ed incontrarsi?

 

Perché non progettare con loro quello spazio?

Appunto. Perché?

Il 26 dalle 21,00 alla Fagnana ci troviamo con i giovani per iniziare insieme a costruire le risposte.

Abbiamo chiesto a persone che si occupano di Web, design e moda, di fotografia e di sport di essere presenti per confrontare le loro competenze con le aspettative e le domande dei giovani di Buccinasco.

Denis Curti di FORMA-Centro Internazionale di Fotografia,

Piero Rivizzigno di GLOSSOM,

Mabel Bocchi, giornalista e prima donna ad entrare nella Hall of Fame del Basket italiano

Le liste civiche unite si propongo di realizzare  un centro polivalente per i giovani di Buccinasco, vogliamo pensarlo con i giovani. Così particolare e moderno che i giovani delle città vicine vengano a Buccinasco e partecipino.

Vogliamo incontrare i giovani il 26 scambiando idee, esperienze e musica.

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth