PD, nel silenzio pratico del sindaco, che fa senza spiegare, dopo un anno il PD dice la sua

La dichiarazione del PD di Buccinasco esce sul blog (VEDI)  senza indicazione dell’autore: una firma del collettivo: La redazione. Questa firma ha un significato: il PD di Buccinasco è tutto d’accordo sul contenuto.  Il che fa generare il dubbio che si voglia irregimentare una condizione nella quale  le voci che non concordano ci devono essere.

Cominciamo con la prima, appena meno recente, dell’ex  responsabile Morano, il quale, papale papale, dice  che azzerare il viale alberato era la cosa giusta da fare: sporcavano le macchine, toglievano la luce, ecc. Lui ci ha vissuto per vent’anni; convinto di ciò che afferma. Sembra di poter concludere che  Morano non faccia parte della “redazione”e che la “redazione” sia intervenuta per smentirlo.

Andiamo a vedere la “linea” come ce la spiega la “redazione” del PD. Assistiamo all’ennesima variante sul tema ATM. Le robinie sono piante  inadatte  agli autobus ATM: si devono sfrondare le piante. Non si spiega però perché l’ATM a Buccinasco debba assolutamente passare  da via Di Vittorio, oltretutto con monumentali autobus da città. Un viale alberato a Buccinasco vale meno del’esigenza ATM?

Le piante prescelte: quella comunicata dal sindaco sul suo sito non si è potuta acquistare… “perché  non ce ne sono” e si è reso necessario cambiare  pianta. Quella nuova prescelta è comunque alta. Il problema sostanziale è che la Liquidambar non era proponibile per ragioni di radici: ne sviluppa di molto grandi orizzontali, rompendo marciapiedi e terreno circostante. La nuova è sostanzialmente un arbusto a lenta crescita e chioma povera. Il viale alberato è perso (almeno per un decennio).

Altre spiegazioni sulle piante abbattute in via Costituzione: 20 piante. Descrive le condizioni di piante malate (non più a fine vita..). la sostituzione con altrettante giovani… senza ombra, ecc. Non spiega in nessun punto  le motivazioni di questi abbattimenti: i viali alberati vanno mantenuti; le piante potate con sistematicità e capacità professionale, con l’obiettivo di preservarle.  Pianificando le sostituzioni man mano.

La “redazione” del PD se la prende  con il Cittadino di via Di Vittorio, che ha protestato per la scelta fatta, anziché con BucciRinasco e altri gruppi di minoranza che hanno sollevato da tempo il problema. Neppure nominati, cui anche il PD (pardon, “la redazione” del PD), seguendo il sindaco, non riconosce  la funzione che ricoprono, con palese dimostrazione  di spirito anti-democratico sostanziale. Questa ricostruzione di parte poi se ne esce con il titolo che è tutto un programma; “disinformazione a Buccinasco”. Senza neppure avere  il coraggio, la dignità, di accennare al disastro in via Salieri con altre 120 piante abbattute!

Siamo messi bene… ma non drammatizziamo. La comunicazione è limitata al proprio interno e intende replicare alle diffusissime proteste e lamentele dei Cittadini.  Esigenza che , a nostro parere, dimostra l’insoddisfazione di come il sindaco tratta la materia, delle infelici scelte, ripetute nel tempo, sul problema dei viali alberati. Ma  può anche essere un’esigenza nata dal sindaco, che ha richiesto la presa di posizione dopo la denuncia ripetuta dei silenzi sugli attacchi venuti dai gruppi di minoranza e dai cittadini,  lasciandolo solo. Vogliono dimostrare di essere una cosa sola, coesi e determinati. A noi pare  il contrario.

  1. Non vi è ancora nessun commento.
 
 

sottoscrivi il feed dei commenti

SetPageWidth