Governo del Cambiamento, gestito nel nulla della decrescita infelice

Prendiamo ancora una breve e efficace   riflessione che viene da personalità di spessore nel loro trattare. In questo caso Alberto orioli è l’esperto per l’area Lavoro de ilsole24ore. Possiamo dire di conocerlo per le letture che sul tema negli anni si sono succeduti. Qui esamina non tanto il lavoro quanto l’effetto diffusivo di un’erogazione che si incorcia con la retribuzione del lavoro.

L’effetto che ne viene è davvero la rinuncia delle nuove generazioni a prendere nele mani i loro talenti per realizzare se stessi. Li aspetta una vita da nulla facenti, seduti sulla panchina fuori dlla piazzetta di un piccolo comune, parlando annoiati con loro simili, aspettando che venga sera, che tramonti il sole. Da una società che invita al confronto, che impone il mettersi in discussione, costruire se stessi in una vita che cambia, alla decrescita come sistema: davvero cambieremo, diventando un paese infelice.

REDDITO DI CITTADINANZA?
CARITÀ DI STATO SU VASTA SCALA

(Alberto Orioli 11 Marzo 2019 ilsole24ore) Giorno dopo giorno si disvela il vero volto del reddito di cittadinanza: una carità di Stato su vasta scala. Che la lotta alla povertà debba essere priorità dell’agenda politica è sacrosanto. Ma il congegno dell’assegno di cui ora si discute al Senato assomma in sé scopi diversi e rischia di creare un fortissimo squilibrio all’interno dello stesso mercato del lavoro.

L’Ufficio parlamentare di bilancio ha già spiegato che il 37% delle famiglie che percepiscono l’assegno non avrà alcun obbligo di prestazione lavorativa. Si tratta di circa 500mila famiglie probabilmente strappate alla povertà più nera. Ma che dire delle 400mila famiglie che saranno interessate alla ricerca di un percorso lavorativo di cui la metà già si sa che sarà esclusa dagli obblighi di legge (sempre dati Upb)? Per questi nuclei l’assegno resterà comunque un puro sussidio di assistenza senza altri fastidi.

Così come probabilmente per chi lo percepirà in molte delle zone più arretrate del Paese (per lo più al Sud ma non solo), dove le opportunità di lavoro semplicemente non esistono e nessuno mai verrà messo di fronte al conclamato rifiuto delle tre offerte di lavoro, reiterato il quale l’assegno viene annullato. Semplicemente, se non interverranno modifiche al Senato, quella prebenda schiettamente assistenziale resterà a vita. Così come probabilmente la gratitudine del percettore verso chi l’ha congegnata.

Ma anche quando il lavoro viene trovato le sorprese non sono finite: nel caso di occupazioni con meno di 858 euro mensili il percettore di reddito di cittadinanza può legittimamente rifiutare la proposta. Il diniego non si calcola ai fini dei famigerati tre rifiuti e quindi sarà difficile arrivare alla soglia che fa cessare il beneficio. Anche in questo caso, nelle zone dove peraltro il lavoro esiste, la via di fuga dell’assistenzialismo a vita sembra più che percorribile.

Semmai sorge un problema di equità sociale se i lavori che un percettore di assegno anti povertà potrebbe rifiutare, SONO OGGI BEN 4,2 MILIONI. Oltre quattro milioni di persone che ogni giorno vanno al lavoro sapendo che sarebbe molto più conveniente stare sul famoso divano. Ma che Italia è?

Tag: ,

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth