Corsico non è Buccinasco; qui il PD si coalizza per … proporre spese “sociali e culturali”

Siamo informati da pocketnews (VEDI) di una questione che non riguarda Buccinasco ma la vicina Corsico che, a differenza del Municipio di via Roma, è retta da una Giunta di centro destra, con sindaco Filippo Errante, presentatosi con una propria lista. Non staremo a ripete quanto l’articolo già bene chiarisce. Quanto bruci al PD che Corsico lo abbia messo in minoranza, all’opposizione è evidente.

Ci viene alla mente la farsesca vicenda della “sagra dello stocco”: una festa di paese per far conoscere un piatto calabrese che riguarda il baccalà. Il sindaco convocato in questura o in prefettura, soggetto a un’interrogazione da parte della commissione antimafia in trasferta a Milano, manifestazioni “antimafia” con fiaccolata, ecc. il senso del ridicolo capita spesso di essere superato da intenzioni strumentali.

In questo manifesto delle minoranze civiche associate col PD ci interessa la proposta programmatica che si propone in alternativa. Previsto un incontro pubblico presieduto da un esponente del Centro Studi PIM (tipica struttura para pubblica finanziata dai comuni, di ben definita caratura politica). Parteciperanno i Cittadini di Corsico? È probabile. Chi ha già garantito la sua presenza sono i sindaci di Trezzano, Cesano e Buccinasco (tutti PD).

Non che sia una colpa, ma certamente è fin troppo facile illustrare un programma sul territorio di Corsico senza uno straccio di imprenditore, professionista, associazione super partes; citando solo esponenti politici fuori casa. Forse li raccoglieranno poi… L’altro aspetto che interessa, se possibile ancora di più, è la descrizione sintetica dei punti qualificanti del programma.

“…che faccia della competenza, della solidarietà e della cultura i valori di riferimento per il domani; …”

Si parla di “solidarietà”, di “cultura” come valori di riferimento per il domani. Di queste cose noi di Buccinasco sappiamo qualcosa, con il poco d’utile e il molto di dispendioso e elettoralistico che comporta. Il sociale si traduce nel sostegno a associazioni di vario tipo cui si erogano soldi delle nostre tasse. Altrettanto, in misura ancora maggiore, quanto si potrebbe ricomprendere entro il termine “cultura”. Che significa tutto, ogni evento o manifestazione più o meno targata, non escluso attività sportive e ludiche varie.

Da queste attività, punti qualificanti sostenuti, evidentemente perché s’intende incrementare quanto già viene erogato e promosso dall’attuale amministrazione;  la neo coalizione della sinistra intende “investire” di più. Investimento fatto non con soldi loro bensì provenienti dalle tasse prelevate ai Cittadini. Investimenti che andranno a erodere le risorse per la gestione ordinaria del patrimonio comunale, così come avviene a Buccinasco.

Il PD è in crisi su scala nazionale, e lo si vede spesso per l’assenza d’idee, per proposte alternative rispetto all’attuale Governo del Cambiamento.  Non sanno che pesci pigliare e lavorano come se fossero nell’Italia “da bere” con l’amministrazione pubbliche che gonfiava il debito pubblico con spese acchiappa consenso  (anche intascate in parte non trascurabile). Non andranno lontano e certamente non è così che costruiranno i futuro: i Cittadini di Corsico siano avvertiti.

Tag:

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth