MOZIONE DI SFIDUCIA VERSO IL SINDACO – esposto ufficiale

Al Signor Sindaco di Buccinasco Rino Pruiti

Al Signor Presidente Del Consiglio Comunale di Buccinasco Martina Villa

MOZIONE DI SFIDUCIA VERSO IL SINDACO RINO PRUITI in risposta alle gravi esternazioni pubblicate tramite social durante una seduta di Consiglio (art. 52 del Tuel).

Lette le gravissime dichiarazione fatte dal sindaco con un post su Facebook durante la discussione dell’ordine del giorno in difesa dei diritti dell’uomo, nel consiglio comunale del 14/06/18 , il cui testo è:

VIA GLI SCIACALLI DA #BUCCINASCO #èfinitalapacchia

Considerato che la frase riportata nell’ hashtag di questo post è quella di cui si dibatteva in quel momento in Consiglio e che, come tutti sanno, a Buccinasco non esistono esemplari di animali quali lo sciacallo, ci pare evidente che il sindaco ha usato una metafora per riferirsi a persone, esseri umani , a suo dire sgradite alla città, che dovrebbero andarsene via.

Queste sue frasi inaccettabili sono, secondo noi, riferite anche alle opposizioni politiche presenti in consiglio comunale.

Vorremmo ricordare che in tutti i regimi reazionari e tirannici della storia, le deportazioni di persone, ritenute avversari politici, sono cominciate proprio con paragoni ad animali apparentemente disgustosi come i ratti, le iene, gli scarafaggi, ecc.

Riteniamo che anche il solo scimmiottare questi comportamenti del passato più oscuro dell’umanità può risultare spaventoso per le persone sinceramente democratiche ed innamorate della libertà.

Visto l’articolo 3 dalla Costituzione, facciamo rilevare che simili affermazioni, oltre ad essere divulgate durante una seduta pubblica, nella quale il sindaco viene chiamato ad intervenire sul tema in modo chiaro e puntuale, sottintendono, in maniera indiscriminata, intimidazioni del tipo ” o con noi o contro di noi”. Una tale condotta mette in discussione l’affidabilità di un sindaco che deve rappresentare e rispettare le idee e le opinioni di ogni cittadino. Dato ciò che abbiamo esposto, i sottoscrittori della mozione che rappresentano -numeri alla mano- la maggioranza dei cittadini di Buccinasco :

CHIEDONO CHE IL CONSIGLIO COMUNALE VOTI LA SFIDUCIA A QUESTO SINDACO CHE HA DIMOSTRATO DI NON SAPER RAPPRESENTARE E RISPETTARE TUTTI I CITTADINI

I Consiglieri Comunali:

Alberto Schiavone (M5S)

Manuel Imberti (Lega Nord)

  • Caterina Romanello (BucciRinasco)
  • Nicolò Licata (FI)
  • Luigi Iocca(FI)
  • Aldo Scialino (FI)
  1. #1 scritto da Adriano Carena il 20 giugno 2018 13:06

    Questione di stile
    Mi pare di aver capito che il Sindaco oggi ha replicato che con il termine “sciacalli” intendeva riferirsi solamente ai mafiosi e criminali similari.

    Non ha però specificato in che modo concreto il sindaco possa dar seguito ad una tale invocazione.
    Magari affiancando un secondo cartello a quello che declama che a Buccinasco “la mafia ha perso!”:
    lo stile non cambia.

    Adriano Carena

    RE Q
  2. #2 scritto da socrate lusacca il 20 giugno 2018 14:14

    Il mistero rimane per la nulla relazione fra ciò cui assisteva mentre
    svolgendo il suo ruolo di sindaco scrive sui social network

    i tentativi di giustificazione sono diversi, dati in tempi diversi:
    > si giustifica dichiarando che quando scrive sui network agisce come cittadino e non come sindaco
    > quindi si giustifica con l’attribuzione del termine sciacalli alla mafia
    > non bastando aggiunge alla mafia come destinatario dell’offesa, anche i razzisti

    l’unica cosa che non spiega allora (e finora):
    perché poco dopo che la sua comunicazione viene scoperta e resa pubblica, la cancella?

    un personaggio che si comporta in questo modo ha lo status per ricoprire la carica di primo cittadino a Buccinasco?

    lasciamo che a dare la risposta siano i Consiglieri, quando saranno chiamati a decidere

    buona giornata Adriano

    RE Q
  3. #3 scritto da Andrea D. il 20 giugno 2018 19:22

    Si riferiva alla mafia (ma a Buccinasco non aveva perso?),

    ma corre a cancellare il post,
    che scrive come cittadino non come sindaco
    (sintomi dissociativi? Non indossava la fascia? Il sindaco non è contro la mafia? boh?!?).

    Come si dice in questi casi?
    Coda di paglia?
    Lanciare il sasso e nascondere la mano?

    Chiaro che la maggioranza imbullonata alla cadrega, non voterà mai una mozione di sfiducia, ma vederli in Consiglio nell’arrampicata sugli specchi insaponati sarà davvero esilarante.

    Per il resto, che spasso questo sindaco,
    quasi meglio di manolete,

    non ti pare Luigi? ;-)

    RE Q
  4. #4 scritto da socrate lusacca il 21 giugno 2018 00:18

    La ragione delle contorsioni è evidente:
    uscire dall’angolo in cui si è cacciato da solo

    quanto al resto?
    prevedibile? ….

    davvero voteranno per altri quattro anni così?

    staremo a vedere

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth