A Buccinasco cambia il bilancio: spiegazioni? chiedetele in Consiglio

LA COMMISSIONE ALLORA COSA SERVE?

La Commissione bilancio del 28 Maggio ha lo scopo funzionale di informare i gruppi e i Cittadini (la comissione è sempre aperta al pubblico) spiegando cosa si andrà a trattare, informare sulle ragioni delle modifiche e motivarle. Dovrebbe essere così, ma in Commissione così non è stato. Curiosamente a spiegare il rifiuto di fornire dati numerici e quantità che generano i cambiamenti che l’Assessore al bilancio propone, è stato descritto dal Ragioniere Capo.

Avrà ragione? Non si sa… nessuno dei presenti si esprime su questo procedere; in particolare: la presidente della commissione, l’Assessore, il sindaco, tutti membri di maggioranza. Un consenso silente, che non può passare inosservato. Diciamo pure che questa amministrazione rifiuta di far conoscere i numeri dei cambiamenti del bilancio. Andiamo a spiegare qualcosa.

In bilancio spunta una spesa annua a regime, ulteriore, di 120mila euro relativo agli asili nido. Motivazioni? A) Una norma della Regione prevede il servizio gratuito per le famiglie. B) vi è personale che per ragioni di età non può continuare; l’amministrazione ha deciso di affidare un’unità, forse due,  a un ente esterno, perché la richiesta di asili nido aumenta.

Vogliamo mettere i numeri che mancano e dovrebbero giustificare i 125mila euro di maggiori costi? A) quanto supporta la Regione per questa spesa nuova del comune? (sembra zero perché non c’è un’entrata al riguardo); B) quanti sono i bimbi assistiti negli ultimi tre anni? Quanti previsti nei prossimi due?  C)Di quanto si riduce il numero dei dipendenti oggi impegnati? D) è stata fatta la comparazione di numeri e costi circa la soluzione attuale e quella esterna che si propone?

Nessuno di queati dati è stato fornito.  Nulla. Come se l’amministrazione dicesse: “abbiamo deciso così, punto e basta”. Si sentono i padroni e non devono dare spiegazioni ai Cittadini. Poi hanno anche l’improntitudine (vulgo: faccia di bronzo) di parlare di Trasparenza e Partecipazione. Sostanzialmente questo è un comportarsi anti-democratico, da proprietari della delega elettorale.

Un altro esempio? L’incasso delle multe dall’anno scorso è stato affidato a una società esterna. La quale ha un compenso sull’incassato. Se non incassa non prende nulla. Circa la categoria delle riscossioni (residenti, non residenti, stranieri, tipo di comportamento sanzionato, ecc.), nulla si dice. Il cambiamento si dice provocato da un aumento rilevante delle riscossioni coattive, e delle spese conseguenti.

Domande: A) Quante sono adesso rispetto agli anni precedenti? B) le spese  di riscossione sono o non sono addebitate ai ritardatari, aumentando l’importo? C) Quale è il titolo del contratto che prevede che il Comune anticipi  al gestore le spese di riscossione? Non dovrebbe cavarsela da solo, oppure è privo di autonomia economica?  La giustificazione  che viene addotta è questa: “poi sarà il comune a richiedere il rimborso delle maggiori spese.”

Ci auguriamo di aver capito male: affidiamo l’incasso a terzi, cui dobbiamo pure pagare le spese. Questi incassa solo l’importo iniziale (si tiene la provvigione) e le maggiori spese le incasserà in seguito il comune? Una cosa che ci pare del tutto insulsa, illogica. Nessuna spiegazione in Commissione… bisognerà richiederlo in Consiglio e prendere per buono quello che verrà al momento dichiarato.

Senza alcuna prova. Se si vuole si potrà richiedere l’accesso agli atti. Dopo 30 gioni arriverà una documentazione che sarà probabilmente parziale e insufficiente. Si dovrà ripetere, altri trenta giorni e via così. Ma la modifica di bilancio il Consigliere la deve approvare subito…  Si può andare avanti così? Se Buccinasco vuole avere una gestione trasparente e pulita, riscontrabile su ogni numero e ragione, bisogna cambiare le persone.

  1. #1 scritto da Miserabile di Montecristo il 30 maggio 2018 17:52

    RE Q
  2. #2 scritto da socrate lusacca il 30 maggio 2018 18:52

    In effetti,…. un avviso della Regione Lombardia pubblicato sul sito della Regione che prevede un supporto finanziario di 35milioni.
    Quindi dovrebbe essere finanziata, ma…

    se è finanziata perché mettere nel bilancio triennale 2018 -2020 un’uscita maggiore, una maggior spesa,
    quando questa dovrebbe essere coperta?

    O la crescita prevedibile è superiore a quella finanziata,
    oppure ancora riguarda categorie di utilizzatori che non rientrano nelle categorie finanziabili?

    Perché allora il Ragioniere Capo ha citato la legge quale motivazione per l’ampliamento della domanda?

    Chi amministra, che ha l’onore e l’incarico di gestire le nostre risorse
    (anche i soldi della Regione fanno parte delle nostre tasse)

    HA IL DOVERE, L’ONERE, DI DOVER RENDERE CONTO…
    DI RENDICONTARE

    non finiremo mai di ricordarlo a chi ci ammnistra

    grazie Miserabile di Montecristo e buona giornata

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth