Pre-giudizi e memoria che fa flop (capita che si accoppiano)

Un post per fatto personale….. Non è che sono passati molti anni dalle storie che per l’occasione Caimi, un Cittadino “preconfezionato PD”  racconta sulla mia persona. Cose alle quali non si può che rispondere con il sorriso sulle labbra, tanto sono distorte e strumentali.

A memoria mia, da “accusato”, questo tipo di racconti, usuali a Buccinasco, sono classificabili nel familismo amorale. Quel modo di trasmettere “storie” verbalmente facendo circolare fandonie o distorsioni che, insistite, determinano una realtà virtuale, non scritta ma conosciuta col passa parola, destinata a diventare concreta in assenza di una smentita forte.

Il Cittadino Caimi, che non perde occasione per minacciare carte che provano tutto e smentiscono tutto, di cui dice di essere accurato e geloso custode, ricostruendo la sua storia su di me, invece di limitarsi al portato verbale (che rende indimostrabile quando si è detto), propala favolette, ma lo fa per iscritto su Fb. Questo è il suo errore. Adesso leggiamolo, segnalatoci da un amico (18 06 17).

Visto che ci sono racconto una piccola storia. Era una pedalata per/contro… non mi ricordo più cosa (forse quella scema a cui ho partecipato contro il ponte Giordani, Dio lo benedica), Carbonera (Maurizio, le colpe non ricadano sui figli) mi presenta tal Luigi Saccavini, dicendomi: l’ho sposato, è interessato alla vita di Buccinasco, uno in più per Sosteniamo Buccinasco”. SB era una piccola formazione di simpatici utopisti nata nell’ambito del centro sinistra. Non vi annoio con tutta la storia, basta dire che ad un certo punto, quasi subito, Luigi Saccavini mette in piedi un proprio blog, ha soldi e tempo, e poi una lista, da cui spara a zero sul CS su Carbonera, sul suo super nemico vicesindaco. ma nel frattempo continua a partecipare alle riunioni di SB. Come si dice? Giusto: tenere il piede in due scarpe, le giravolte sono quindi un ‘abitudine inveterata del nostro e piccola cosa rispetto alle scarpe.

Di vero c’è che in seconde nozze, Carbonera ha svolto la funzione vicaria di sindaco al mio matrimonio (2007). Nell’occasione mi parlò di un’associazione Sosteniamo Buccinasco, civica, fuori dai partiti,  persone di ogni orientamento che lui riteneva brave e capaci, invitandomi a conoscerle. Mi ha presentato una sera: ho conosciuto persone serie, capaci fra cui anche Caimi, da cui si è sviluppata amicizia e condivise attività civiche sul territorio.

Prima inesattezza: il motto: “né destra né sinistra, solo persone oneste” ne dovrebbe essere la prova; conferma di quanto indicatomi da Carbonera. Ma Caimi ora ci dice che non è così, che il motto è qualcosa di simile a uno specchietto delle allodole.  Che l’associazione “né destra né sinistra”, è nata “nell’ambito del centro sinistra”.  Lo vengo a sapere ora, almeno in via ufficiale, perché le posizioni che poi uscivano erano frequentemente classificabili come “progressiste”.

Sosteniamo Buccinasco ha gestito un blog al quale io ho iniziato a collaborare nel 2009 (salvo errore). Ho liberamente sostenuto le mie visioni politiche e economiche (esplicite per la libertà di mercato, contro monopolismi e statalismi, per l’etica democratica). Nulla di strano, tranne l’insofferenza di Caimi (che ricordo benissimo) e forse di qualcun altro (ma qui non sono altrettanto sicuro). L’insofferenza di Caimi per i miei contributi arrivò al punto che: “se vuoi scrivere ciò che vuoi non puoi usare Sosteniamo Buccinasco , se intendi  continuare a questionare con Pruiti (allora minoranza): fatti un tuo blog”.

Insofferente a mia volta per le velleità censorie di Caimi, preavvertendo e con il consenso di  tutti, ho dato vita a Città Ideale (Agosto 2010). Il seguito è stato che il blog Sosteniamo Buccinasco si è spento. Città Ideale al contrario e cresciuta. Caimi è stato insistito promotore perché Sosteniamo Buccinasco venisse a cessare e il blog fosse chiuso:  è stato accontentato.

Fino alla sua conclusione (di Sosteniamo Buccinasco), avvenuta recentemente, ho partecipato alle riunioni di Sosteniamo Buccinasco, invitato e accolto di buon grado,  dando un contributo credo positivo per Buccinasco e l’associazione. Ciò detto, la ricostruzione giravoltista di Caimi, come si può leggere?  Inventata, costruita distorcendo i fatti.

Non è un cattiva persona Caimi; penso si tratti di una mente a volte annebbiata da presupposti totalizzanti: siccome lui ritiene di avere sempre la verità in tasca, col trascorrere del tempo i neuroni cerebrali si sono adeguati e gli costruiscono un ricordo su misura di quanto gli torna utile per le sue tesi.  Peccato; avrebbe le possibilità di farne miglior uso.

Tag:

  1. #1 scritto da Andrea D. il 21 giugno 2017 14:37

    Caimi si diverte a mistificare
    (qualche volta si lascia prendere la mano, eccede e passa al falso conclamato).

    La realtà è che nel 2007 stava con la sinistra di Carbonera e Pruiti,
    nel 2012 stava CONTRO la sinistra di Carbonera e Pruiti

    e oggi sta di nuovo con la sinistra di Carbonera e Pruiti.

    RE Q
  2. #2 scritto da Max il 21 giugno 2017 14:40

    Caro Luigi,
    anche io conosco il personaggio Caimi fin dai tempi della Coalizione Civica del 2012 a cui appartenevamo entrambi, ci ha sfinito spesso in discussioni polemiche e sterili senza mai proporre qualcosa di positivo.

    Ti confermo che le sue ricostruzioni di storie e fatti sono sovente infarcite di volute distorsioni ed invenzioni atte a suoi scopi, che in fondo nessuno ha mai capito quali fossero, se non quelli di mettere zizzania….

    Concordo anche sul commento finale:una mente in fondo piuttosto vivace e preparata in generale, come quella di Paolo potrebbe essere molto meglio utilizzata, trattasi di talento sprecato, diventato persino superfluo ormai….

    A presto
    Max

    RE Q
  3. #3 scritto da Socrate Lusacca il 21 giugno 2017 15:51

    Ben trovato Andrea,

    L’adesione a Coalizione Civica da parte della persona in questione ritengo sia stata sofferta.
    Non certo “contro” i personaggi Carbonera e Pruiti,
    piuttosto con la funzione di un presidio “in partibus infidelium” (questa la mia impressione)

    buona giornata

    RE Q
  4. #4 scritto da Andrea D. il 21 giugno 2017 17:27

    Caro Luigi, potresti avere ragione,

    così come potrebbe darsi che Caimi non abbia mai cambiato veramente idea restando fedele a Pruiti/Carbonera anche quando militava in Coalizione Civica contro di loro,

    ma in tal caso il termine più consono dovrebbe essere “infiltrato” e

    non sarebbe certo un complimento per Caimi!

    Meglio per lui essere definito una persona che cambia spesso idea.

    RE Q
  5. #5 scritto da Saccavini il 21 giugno 2017 18:56

    Lo scopo di questo articolo e mettere in chiaro le cose,

    Caimi è l’autore di una maldicenza che preferisco causata da pre-giudizi
    Che la sua scelta di far parte di Coalizione Civica sia stata sofferta credo di poterlo affermare…

    quanto alle intenzioni non è il caso di investigare…

    In un caso come nell’altro la sua scelta non è stata orientata da ritorni personali, non è dovuta a interessi.
    (a differenza di come intende lasciare che sia, al contrario, il comportamento di chi sta scrivendo)
    Cambiare idea può anche essere segno di capacità di analisi e flessibilità nelle scelte in funzione della situazione che può mutare…

    buona giornata

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth