Comunicato di BUCCI RINASCO

BUCCI RINASCO CON NICOLÒ LICATA

Ci siamo Apparentati per il ballottaggio del 25 giugno 2017.
Insieme abbiamo posto le condizioni con un Programma e i Valori
che contraddistinguono la scelta fatta da Cittadini con i Cittadini
che hanno a cuore il futuro di Buccinasco.
Tanti cittadini ci hanno dato fiducia portando la Lista Civica all’11%.

Con NICOLÒ LICATA candidato Sindaco del centrodestra abbiamo condiviso il programma
finalizzato a garantire il rispetto dei Principi che caratterizzano il nostro essere civici:

LA LISTA DEL FARE

PER IL CAMBIAMENTO

Andiamo tutti il 25 a VOTARE  per una Buccinasco libera e rinnovata
che sia davvero messa  a nuovo.

Ecco  punti principali del PROGRAMMA CONDIVISO

  • La sicurezza del nostro territorio
  • Le scuole
  • Le imprese e lo sviluppo
  • La famiglia
  • I servizi alla persona
  • Il verde
  • Il consumo ZERO DEL TERRITORIO
  • BUCCI RINASCO CON NICOLÒ LICATA

    INSIEME

    FACCIAMO RINASCERE BUCCINASCO

    DA CITTADINI PER I CITTADINI


    1. #1 scritto da Dezio il 17 giugno 2017 14:04

      Questo apparentamento non mi garba proprio.

      Tanto sforzo per creare un’alternativa reale al sistema politico per poi confluire nel solito calderone.
      No grazie

      RE Q
    2. #2 scritto da Cittadino stanco il 17 giugno 2017 15:56

      Gradirei vedere una simulazione con i Consiglieri eletti in Consiglio nel caso vincesse Licata o nel caso vincesse Pruiti.
      Grazie
      Cittadino stanco

      RE Q
    3. #3 scritto da Socrate Lusacca il 17 giugno 2017 16:10

      Una riflessione Dezio:

      BucciRinasco poteva e potrebbe teoricamente ancora, chiamarsi fuori e aspettare un altro turno, fra cinque anni,
      sperando e operando perché nel frattempo cambino le sensibilità e gli orientamenti dei cittadini verso una gestione civica e autonoma, esterna la mondo dei partit.

      Oppure scegliere fra un ipotesi che è la piatta ripetizione del quinquennio trascorso e un impegno allo sviluppo, all’uscita dalla crisi,
      propria del nostro programma ma anche della coalizione che ha candidato Nicolò Licata,
      coalizione con cui nei mesi trascorsi vi è stato uno scambio approfondito di indirizzi e metodi,
      che non si è concretizzato con u sindaco civico da BucciRinasco proposto.

      Non è un terreno da dissodare, ma non poco vi è nella visione comune sulle cose da fare:
      sarebbe forse più semplice e netto chiamarci fuori…

      Ma… sarebbe questo il meglio per Buccinasco?

      Abbiamo deciso che no; che nell’interesse dei nostri Cittadini essere partecipi in un progetto nel quale crediamo,
      possiamo dare un nostro contributo positivo

      Possiamo comprendere lo scetticismo, visto lo storico da cui veniamo,
      Noi ci crediamo e non ci muove nessun tipo di accordo sottobanco,
      ancor meno di aspirazioni personali…

      Abbiamo bisogno del sostegno e della partecipazione attiva di persone come lei…

      bona giornata

      RE Q
    4. #4 scritto da Socrate Lusacca il 17 giugno 2017 16:16

      Ci faremo un articolo, con le composizioni del consiglio dell’una o l’altra ipotesi.
      Il criterio è relativamente semplice:
      i primi dieci con maggiori preferenze nelle liste vincenti
      gli altri sei con le maggiori preferenze con coloro che vanno in minoranza.

      Se si ripeterà la gestione uscente sappiamo per esperienza
      che si avrà una gestione chiusa, non partecipata, con decisioni presentate e votate in modo blindato
      Confidiamo che il coinvolgimento del consiglio, delle associazioni e dei cittadini sia ben diverso se si avesse un mandato Licata

      Avvertendo per altro che la gestione sostanziale non è del Consiglio,
      ma del Sindaco e del Vicesindaco (ove nominato) con le deleghe ai cinque assessori di giunta, nominati dal sindaco.

      Buona giornata

      RE Q
    5. #5 scritto da Cittadino stanco il 17 giugno 2017 17:21

      Ciao Socrate
      non è così semplice.
      Gli eventuali eletti sono prima attribuiti per lista e poi per numero di preferenze individuali.
      Se poi qualcuno si dimettesse dal Consiglio per fare l’Assessore occorre verificare chi subentra.

      Ad esempio, se non ho sbagliato i calcoli, il mancato apparentamento di Pruiti con Benedetti significa che Benedetti e la sua lista saranno fuori dal Consiglio.
      Se invece si fosse apparentato e Pruiti avesse vinto sarebbe probabilmente entrato dovendo dividere 10 posti.

      Ma visto l’apparentamento Licata + Romanello occorre rifare i calcoli,
      visto che resterebbero 6 posti a tutti gli altri, da non dividere più anche con BucciRinasco, ma solo tra le altre liste.

      Si può anche simulare quanti Consiglieri avrebbe M5S nelle due possibilità, e se scattasse il 2° consigliere…

      Non troppo semplice…!

      Cittadino stanco

      RE Q
    6. #6 scritto da Miserabile di Montecristo il 17 giugno 2017 17:36

      Sempre che non ci sia un apparentamento con Benedetti, la composizione in caso di vittoria Pruiti dovrebbe essere:
      PD (7): Palone, Arboit, Bianchi,Carbonera, Campese, Parmesani, Di Lieto
      Lista Pruiti (3): Villa, Ceccarelli, Lauciello
      sempre al netto di eventuali defezioni e/o ripensamenti; ne abbiamo viste delle belle nel mandato passato.
      Se ci fosse l’apparentamento dovrebbe entrare Benedetti e uscire Lauciello.

      In caso di vittoria di Licata, la cosa è un po’ più complicata, ma ci provo. Correggetemi se sbaglio:
      FI (4): Scialino, Iocca, Basile, Fotia
      Buccirinasco(3): Romanello, Cappuccini, Carrara
      Lega (2): Cardilli, Imberti
      FDI (1): Rapetti

      Spero siano giusti, non sono esattamente un esperto di meccanismi elettorali.

      RE Q
    7. #7 scritto da Miserabile di Montecristo il 17 giugno 2017 17:52

      Sulla carta il raggruppamento Licata-Romanello ha preso più voti di Pruiti, anche sommandogli tutti i voti di Benedetti. Lo scarto, tuttavia è molto modesto.

      Purtroppo i conti vanno fatti nella realtà e non sulla carta: occorrerà capire quanti andranno a votare al secondo turno. Storicamente a sinistra sono molto più disciplinati, mentre a destra c’è più dispersione.

      Quanti elettori di Buccirinasco voteranno davvero per Licata e quanti, invece, diserteranno le urne?
      Che votino Pruiti lo reputo molto improbabile.

      C’è da considerare, infine, l’incognita dei quasi 2.000 voti raccolti da Schiavone e dal M5S.
      E’ assai probabile che una buona fetta non voterà, ma non credo che proprio tutti diserteranno le urne.

      Francamente sembra improbabile che votino per chi si dilettava a definirli “grullini”.
      Per cui la partita è aperta.
      L’affluenza alle urne sarà fondamentale.

      VOTATE!

      RE Q
    8. #8 scritto da Dezio il 17 giugno 2017 18:15

      Non posso che ribadire il mio dissenso ed anche la mia forte delusione.

      Tanto vale votare uno schieramento politico vecchia maniera sin dall’inizio e risparmiare soldi per i ballottaggi.

      Anche questi apparentamenti sono la fucina della crescente ed inarrestabile disaffezione.

      Mi sapró regolare alle prossime elezioni.

      RE Q
    9. #9 scritto da Socrate Lusacca il 18 giugno 2017 08:35

      All’incirca dovrebbe essere come ci dice il Miserabile di Montecristo,
      La composizione delle minoranze, nell’uno come nell’altro caso, sarebbe asciutta:
      Licata perdente: porterebbe a un tre (Liste Liata), due (M5S) uno (BucciRinasco)… o qualcosa del genere

      Viceversa il PD/Pruiti sarebbe un 3o4 (PD), 2 (M5S) a 1 o zero (Pruiti) o qualcosa del genere

      Circa i nomi, le variabili nella maggioranza (l’una o l’altra) sono poi condizionate dalle nomine in Giunta, che farebbero entrare i successivi in ordine di preferenze.

      La questione è da ritenere tuttavia secondaria: questa è più che una curiosità.
      Il dilemma che abbiamo di fronte, su cui decidere nel voto è:
      a) un programma e un sindaco che si attrezza per un mandato di rinnovamento e cambiamento, cercando di aggiornare. Facendo uso delle risorse per generare lavoro e benessere.
      b) la ripetizione del mandato precedente proseguendo nella stagnazione, le difficoltà di singoli e famiglie che lentamente aumentano

      Non è un dilemma da poco: spetta a noi dare l’indicazione giusta nell’interesse di Buccinasco.

      ANDIAMO A VOTARE, SIAMO NOI CITTADINI CHE DETERMINIAMO LA BUCCINASCO DI DOMANI!

      RE Q
    10. #10 scritto da Socrate Lusacca il 18 giugno 2017 08:54

      Buon giorno Dezio.
      La sua reazione, legittima, contiene un limite a mio parere.
      Limite non solo suo ma della maturazione democratica del paese, dopo la guerra fredda e la globalizzazione.
      In generale non è che la politica globale sia in buona salute, si vive una fase di grandi cambiamenti e le risposte giuste da dare non sono a portata di mano.
      Vedrò di spiegare sinteticamente come si può vedere.
      Gli orientamenti dei cittadini tendono a liberarsi dal presupposto ideologico per diventare “liquidi”.
      Nel Regno Unito lo sono stati anche in passato (Churchill bocciato nel 1945; è un esempio clamoroso).
      Recentemente abbiamo un esempio altrettanto clamoroso in Francia: un partito inesistente un anno fa che nomina il presidente e ottiene la maggioranza assoluta.
      I partiti storici a destra e sinistra che quasi scompaiono.

      Le scelte dei cittadini (che ritengo più mature) tendono a orientarsi su chi propone vie d’uscita ai problemi del momento.
      Ci ripetiamo:
      a) il cambiamento, la crescita, il tentativo di scrollarsi di dosso la rassegnazione e cercare di uscirne
      b) la prosecuzione del deja vu appena finito

      Vi sono i personaggi, che potranno non essere entusiasmanti
      ma vi sono anche gli anticorpi, vi sono i progetti.
      L’indicazione che ci sentiamo di ripetere (disinteressata, nell’interesse solo di BucciRinasco) è:

      VOTARE, VOTARE, VOTARE,

      GUARDANDO AI PROGRAMMI, A CHI S’IMPEGNA PER IL CAMBIAMENTO..

      buona domenica ….

      RE Q
    11. #11 scritto da Cittadino stanco il 18 giugno 2017 09:20

      Caro Socrate
      tu hai una lettura delle ragioni del voto, ma non pensare che sia la sola possibile.
      “Non fare il Pruiti”, e pensare che i cittadini che la pensano diversamente siano dei “minus habiens”.

      Ci sono ottime ragioni per non votare l’alleanza PD – lista Pruiti con a capo Pruiti stesso.

      Ma ci sono anche ragioni per avere dubbi su alcuni esponenti delle liste che sostengono Licata.
      I futuri Consiglieri (o assessori) Scialino, Iocca, Basile, Rapetti sono in politica da anni.
      Hanno meritato stima da alcuni, ma devi renderti conto che potrebbero impedire il voto a Licata da parte di altri elettori.

      Che tipo di uomini sono Licata e Pruiti?
      Vorranno o almeno tenteranno di essere i Sindaci di tutta Buccinasco, o saranno i rappresentanti della parte che li ha eletti?
      Riusciranno a farlo “contro” la propria maggioranza?

      Comunque vada, chi vincerà rappresenterà circa il 25% dei cittadini.
      Il 75% che non ha votato o ha votato per altri sarà rappresentato dai 6 consiglieri di opposizione.
      Niente di più che una rappresentazione simbolica.

      Il nuovo Sindaco sarà capace di rappresentarli?

      I cittadini di Buccinasco conoscono Pruiti. Come si è comportato Licata ad Assago, dove era Assessore per la maggioranza? Che tipo di rispetto della minoranza (consiliare) e maggioranza (dei cittadini) ha dimostrato ?

      Non tanto facile…

      P.S. confermo che conoscere le eventuali Giunte prima delle elezioni sarebbe importante.

      Grazie
      Cittadino stanco

      RE Q
    12. #12 scritto da Socrate Lusacca il 18 giugno 2017 09:50

      Cittadino Stanco, un alias che descrive uno stato d’animo ma che
      senza stancarsi si impegna a costruire una gestione possibile, che faccia uscire Buccinasco dal pantano cui è immersa dal dramma Bucci+ e da cui non è ancora risollevata.

      La volontà dei cittadini l’abbiamo appena misurata, così come la “stanchezza”, l’assenza, il disinteresse, diciamo anche il distacco, se non proprio il rifiuto, del panel che offre la politica locale.
      Rifiuto che coinvolge, incolpevoli, anche le novità di questa tornata: M5S e BucciRinasco.

      Questa la fotografia che ci lascia la prima tornata elettorale:
      L’area che per semplicità definiamo “sinistra” (che di ideologico nella prassi non ha più nulla, ma che alla ideologia si richiama per compattarsi) è uno dei due poli.
      Uno dei due, non il “male” per definizione.
      Contiene comportamenti e personaggi che molto praticano di quella che riguardo a Togliatti è stata definita doppiezza.
      La totale separazione fra il rappresentare e la concreta azione del fare nella nostra Buccinasco (che fra l’altro a Togliatti non è attribuibile nel modo dis-etico applicato oggi da costoro).
      Possono far parte di un modo di cambiamento?
      Si, teorico però, solo teorico, visto l’agire loro cui abbiamo appena assistito.

      Aver gestito il mandato uscente porta con sé il ben fatto (quasi inesistente), gli errori e il non fatto: sinteticamente il nulla.
      Difficile contestare questa descrizione.

      Le persone che rappresentano l’area moderata e destra di Buccinasco, sul piano storico sono conosciute.
      Anche loro portatori di risultati, di errori (anche clamorosi), di una visione che in passato è stata di breve campo: un progetto organico per la città è stato solo abbozzato, ma hanno cercato di farlo, però.

      La politica è fatta di valori e questi si realizzano con le persone che vi fanno parte.
      Oggi, anche per i contatti, gli incontri e le discussioni intervenute da mesi, ci consentono di avere una reciproca comprensione, anche una condivisione sulle cose da fare e su quelle da non ripetere.
      L’indicazione di un candidato, Licata, dalla solidità comportamentale che gli viene da uomo dello Stato, è un segnale non da poco, direi forte.

      Con l’altra area, la sinistra, la chiusura è stata assoluta: una vera cortina di acciaio.
      Neppure possibile un inizio di confronto, a cominciare dall’ostracismo a questo blog, con azioni che hanno del clamoroso.

      Costruire il cambiamento richiede l’impegno di tutti: ci auguriamo che il clima elettorale (che non aiuta) porti a uscire dal criterio del finto centralismo democratico (non capisco ma mi adeguo).

      Oggi la scelta si vede in questa alternativa:
      la continuazione del mandato in uscita… con quel che segue
      l’alternativa che ridia fiducia a imprese e cittadini, che sia impegnata a creare opportunità di lavoro e ci faccia ripartire,
      che metta a frutto i giacimenti importanti che Buccinasco contiene…

      buona giornata

      RE Q
    13. #13 scritto da Dezio il 18 giugno 2017 11:05

      Caro Lusacca, possiamo vederla da più angolazioni ma rimane il fatto che le premesse erano ben diverse.

      Esistono dei valori, tra cui la coerenza.

      Si dice anche che chi non cambia idea non è intelligente, ma cambiarla in 2 minuti dopo aver perso è sintomo di un piano congegnato sin dall’inizio e nascosto ai possibili elettori, tra cui il sottoscritto e relativi familiari.
      Complimenti vivissimi.

      RE Q
    14. #14 scritto da Socrate Lusacca il 18 giugno 2017 14:37

      Rispetto il suo scoramento.
      E’ stato il nostro, per un risultato che abbiamo sperato migliore, più ampio, determinante.

      La responsabilità verso chi ha scelto il nostro progetto ha certo un dovere di coerenza.
      Insieme a ciò anche il non minore dovere di non tenere fuori, inattivo per cinque anni, il consenso ottenuto, mettendolo a frutto.

      Non certo per ragioni personali o di visibilità o che altro.
      Il nostro progetto rimane con la coerenza di portarlo avanti nei modi e nelle forme compatibili con una coalizione di cui siamo parte importante, ma non unica.
      Faremo il possibile e siamo certi che fra cinque anni la Buccinasco di oggi sarà rinata.
      Buccinasco avrà invertito la stagnazione decennale cui è stata costretta da fattori anche esterni ma certo anche per carenza di progettualità, di metodo, di competenze gestionali.

      Abbia fiducia e ci confermi la sua fiducia: siamo certi che non se ne pentirà

      buona giornata

      RE Q
    15. #15 scritto da Andrea D. il 18 giugno 2017 15:44

      Capisco la delusione del Signor Dezio e credo che il suo punto di vista, “duro e puro”, fosse ben rappresentato all’interno di BucciRinasco,
      ma credo che alla fine abbia prevalso il senso di responsabilità e la consapevolezza che i consiglieri civici possano avere un peso determinante per indirizzare, se vittoriosi, l’amministrazione per i prossimi 5 anni.

      In questa difficile decisione credo abbia avuto un peso determinante l’esperienza di Coalizione Civica:
      cinque anni all’opposizione con una maggioranza
      tetragona a ogni trasparenza,
      indisponibile a discutere,
      blindata su tutto,
      litigiosa, che faticosamente raggiungeva, in riunioni riservate, precari equilibri
      che non potevano essere modificati nemmeno di una virgola e che
      hanno ridotto il consiglio a una sorta di teatrino per la ratifica di decisioni già prese.

      Ripetere questa triste esperienza o cercare di dare un contributo positivo per la nostra Buccinasco?
      Sono lieto che con senso di responsabilità e spirito di sacrificio abbiano fatto tale scelta e sono certo che se i cittadini daranno loro fiducia dimostreranno coi fatti che si può fare politica in modo nuovo.

      Come tutti i sostenitori speravo davvero in una svolta, ma Buccinasco ha dimostrato di non essere ancora pronta, tuttavia io CREDO nelle PERSONE di BucciRinasco e darò loro FIDUCIA, sono sicuro che non mi deluderanno!

      Caro cittadino stanco, sono anch’io profondamente deluso:
      questa tornata di voto ha avuto un’affluenza addirittura inferiore a quella del 2012.
      Il nuovo sindaco sarà, anche questa volta, espressione di una minoranza.
      Se sarà eletto Pruiti, ormai ben noto, sappiamo già cosa aspettarci:
      nulla di diverso, se non in peggio, rispetto a quanto visto negli ultimi 5 anni.

      Se sarà eletto Licata abbiamo la speranza di un netto cambio di passo; speranza che per quanto mi riguarda diventa una certezza conoscendo il profilo dei candidati di BucciRinasco che non faranno sconti a nessuno,
      volesse anche dire far cadere la maggioranza e tornare al voto!

      Non è gente imbullonata alla cadrega, sono cittadini per bene come me e come Lei,
      interessati SOLO al bene di Buccinasco.
      Io ci credo, con Caterina Romanello Buccinasco rinasce!

      RE Q
    16. #16 scritto da Dezio il 18 giugno 2017 16:49

      Le anticipo che né io né i miei familiari aderiremo ad una decisione contraria alle premesse politiche della lista.

      Mi fermo qui perché l’amarezza che provo é davvero profonda.

      RE Q
    17. #17 scritto da Adriano Carena il 19 giugno 2017 09:06

      UNA LOTTA POCO AVVINCENTE
      Scialino, Iocca, Rapetti Vs Pruiti, Palone, Arboit: davvero una lotta poco avvincente!

      La tentazione di tenersene fuori è molto grande,
      anche perché è difficile aspettarsi che la differenza stia nella qualità dei programmi e nelle capacità di realizzarli.
      Adriano Carena

      RE Q
    18. #18 scritto da Uno che sa il 19 giugno 2017 10:29

      Dezio :Mi fermo qui perché l’amarezza che provo é davvero profonda.

      Io invece provo amarezza per tutto lo spazio e l’attenzione che ti danno. Da anni spargi scetticismo in questo sito (sì sono un lettore affezionato), critichi tutto, ma alla fine… cosa fai per migliorare le cose?

      Sbaglio, o pensi legittimamente ai fatti tuoi per tutto l’anno? Ringrazia che qualcuno si sbatte al posto tuo!

      Sai cosa penso? Che uno come te, una politica migliore non la merita neanche. Sei convinto di saperla lunga, e con questa convinzione ti terrai Pruiti per cinque anni e “tu e i tuoi familiari” pagherete felicemente qualche migliaio di euro pro quota per i debiti i Buccinasco Più.

      Buccirinasco ha preso 1.200 voti e fanno BENISSIMO a cercare di farli pesare.

      A cosa serve il tuo atteggiamento? A buttarli nel cestino. Esattamente come non conteranno nulla i voti dati ai 5 Stelle, che cocciutamente hanno voluto restare da soli, e soli rimarranno a sbraitare con 1-2 seggi.

      Se vincerà Licata, BucciRinasco avrà un posto in consiglio comunale (saranno tre i posti nella maggioranza, ndr) e probabilmente un assessorato.
      Non comanderà perché non ha preso abbastanza voti e la democrazia è questa, ma potrà incidere.

      Lo sai come è stato fermato lo scambio Romagna-Mantegna? Ovviamente no, perché tu credi di saperla lunga ma in realtà sei più o meno l’ultimo arrivato. Te lo dico io.
      Lanati, entrato in giunta da sconfitto (pochi voti), si dissociò dall’operazione, portandosi via Cardilli e Rapetti, oltre ovviamente a lasciare il posto di assessore.

      Ecco come una lista civica del 7%, in maggioranza, fermò un’operazione sbagliata.

      Forza BucciRinasco, fate pesare i voti che avete preso.

      RE Q
    19. #19 scritto da Paolo il 19 giugno 2017 10:49

      Apparentamento alla lista Licata?
      Ma scusa dovevamo essere l’alternativa. La rinascita e ci mettiamo con quella parte della politica di Buccinasco che ha già governato (male) ed è stata distrutta dall’incarcerazione di Cereda?
      Mi sembra molto strano questo atteggiamento soprattutto mi sembra guidato dai soliti giochi di poltrone.
      Capisco che è difficile essere ligi ai propri principi ma in questo modo li buttiamo proprio via.
      Mi dispiace ma non voterò..

      RE Q
    20. #20 scritto da Cesare il 19 giugno 2017 12:23

      Sono d’accordo con il sig. Andrea,
      con la cordata Pruiti sicuramente resteranno in carica 5 anni,
      perché il collante che usano è di quelli che anche il miglior solvente non riesce a sciogliere
      (l’ambizione di poter pronunciare la frase IO SONO),

      mentre la cordata Licata mi sembra che questo collante non lo conosca
      (dalla parte di BucciRinasco, questo è il mio pensiero e la mia speranza)

      se la maggioranza non si dovesse trovare d’accordo su di una decisione importante,
      Buccirinasco dovrebbe salutare i compagni di viaggio.
      Buona giornata

      RE Q
    21. #21 scritto da Socrate Lusacca il 19 giugno 2017 14:04

      Ben trovato Adriano,

      breve ed efficace, cercherò di replicare con chiarezza:
      Il potere di gestione da quando c’è il maggioritario nei comuni è nelle mani del sindaco.
      Il Sindaco sceglie il Segretario, affida le deleghe e può revocarle.
      Ha un contropotere potenziale in Consiglio, che può negargli la maggioranza sul bilancio.
      Tutti vanno a casa.

      da qui bisogna partire per capire la scelta di BucciRinasco da un lato (Licata è un carabiniere, forse non avrà le mostrine cucite sulla pelle come disse Dalla Chiesa, ma qualcosa può voler dire)
      dall’altra il candidato Sindaco Licata, che ha affrontato il tema di un apparentamento (che allarga la coalizione originaria):
      ci si conosce e ci si rispetta, reciprocamente.

      Che tutto sia facile e che scivoli via non si può dire, ma amministrare è un poco come andare di bolina con il mare mosso o molto mosso.
      Per i cittadini rappresentiamo un punto fermo, soprattutto per coloro che da fuori esprimono perplessità su alcuni nomi che si ripetono.
      Noi dobbiamo dire che stiamo trovando un clima di concreta condivisione sul che fare.
      L’importanza del momento per una ripresa, un voltar pagina rivolti al superare le numerose criticità che ci lascia questo mandato,
      abbiamo ritenuto che fosse prioritaria, nell’interesse dei cittadini e della comunità.

      Confidiamo di restituire alla città una Buccinasco migliore, più pulita, in ogni senso, più vivibile, meglio strutturata.

      buona giornata

      RE Q
    22. #22 scritto da Socrate Lusacca il 19 giugno 2017 14:14

      Ma no, Uno che sa,
      la discussione sul tema è bene che venga fuori,
      che si affrontino gli aspetti problematici,
      che si chiariscano le questioni che non sembrano risolte.

      Certo che nella nostra decisione
      (non facile, dibattuta, ma poi convinta e ogni giorno di più)
      L’utilità per Buccinasco, il rendere utili e far pesare il consenso in questo prossimo mandato,
      ha pesato non poco.
      Più facile sarebbe stato chiamarsi fuori,
      forse più belli ma con voti diventati inutili.

      Pensi che questo blog non conosce direttamente l’alias che fa uso del termine Dezio:
      trovo serio il confronto e gli stimoli che vengono dai suoi commenti, sempre corretti e rispettosi.

      Anche queste critiche ci spingono a far bene; cercheremo in ogni modo di non deludere tutti.

      buona giornata

      RE Q
    23. #23 scritto da Andrea D. il 19 giugno 2017 15:18

      Non condivido, caro Adriano.

      L’idea di tre consiglieri di Buccirinasco in maggioranza è MOLTO avvincente.

      Certo non sarà come governare da soli, ma potrebbe essere un (primo) passo decisivo e fondamentale per Buccinasco.
      Fidatevi delle persone che conoscete, non vi deluderanno!

      Non cercano poltrone o potere, ma solo il bene di Buccinasco e saranno una garanzia per tutti.

      Sig. Paolo, a Lei evidentemente, va bene Pruiti e la sua arrogante maggioranza
      (che ha governato bene secondo Lei?),
      perché questo è quello che otterrà col Suo astensionismo.

      Se invece così non fosse avrà l’occasione di portare tre persone per bene in Consiglio,
      tre persone che, se è vero che ha votato per loro,
      Le hanno ispirato fiducia al primo turno e che non La deluderanno in maggioranza!

      RE Q
    24. #24 scritto da Uno che sa il 19 giugno 2017 15:21

      Caro Socrate Lusacca, vero, bene che la discussione venga fuori.

      Bene anche dire a ognuno le cose come stanno.

      Abbiamo già visto gli Aventini quanto servono.
      Voi della coalizione civica nel 2012, M5S nazionale nel 2013, M5S Buccinasco nel 2017…

      Restare fuori è sbagliato, sul punto non c’è più nulla di cui dubitare.
      Esiste una vagonata di esempi.

      Chi ci è passato (voi) fa scelte sensate, chi non sa pontifica.
      E cosa ottiene? Di lasciare tutto com’è.

      Io a chi vuole fare politica chiedo concretezza.
      Voi vi siete messi in mezzo e ora cercate di fare, almeno in parte, quello che avete promesso.

      Continuate così.

      RE Q
    25. #25 scritto da Socrate Lusacca il 19 giugno 2017 16:57

      Libero di scegliere Paolo…
      Il non voto è simile al comportamento storico di quel marito della Grecia classica che ritiene di punire la moglie mutilandosi.

      Il potere di decidere, di scegliere, di contribuire a eleggere il proprio amministratore è troppo importante.
      L’unico pezzo di democrazia diretta che va esercitato, che deve essere esercitato.

      Qui vi sono commenti puntuali, che chiariscono il problema; ogni dubbio, sembra…

      Non ci sono poltrone da difendere o da occupare, ma solo l’impegno a compiere il meglio per Buccinasco
      Riteniamo di entrare a far parte di una squadra capace, guidata da un sindaco di assoluta sobrietà e rigore.
      Questo ci basta e ci rende confidenti per una amministrazione che risolva in positivo le criticità d’oggi, lasciateci da chi sta uscendo.

      Sarebbe stato invece un buttar via il consenso ottenuto se avessimo scelto di starne fuori…
      probabilmente deludendo molti che hanno ritenuto di darci la loro fiducia

      Contribuisca anche lei, partecipi, vada a votare… scelga chi deve amministrare 135 milioni nei prossimi cinque anni

      RE Q
    26. #26 scritto da Socrate Lusacca il 19 giugno 2017 17:04

      Grazie Cesare,

      Vede: io sono confidente che si possa costruire una squadra davvero valida.
      Le vicende trascorse lasciamole stare e guardiamo con gli occhi verso il domani.
      Le prime impressioni, gli incontri intervenuti, parlano di un clima collaborativo,
      di reciproco rispetto e attenzione,
      un sindaco Licata (ancora per qualche giorno solo potenziale) che si sta dimostrando capace di condurre la squadra, agendo da perno in positivo…

      Poi si vedrà, quel che è certa è la nostra partecipazione fattiva e concreta, di stimolo e collaborazione…

      Per i Cittadini vi saranno sorprese in positivo; date le premesse.

      buona giornata

      RE Q
    27. #27 scritto da Socrate Lusacca il 19 giugno 2017 17:08

      Grazie dell’incoraggiamento Uno che sa…

      fa sempre bene trovare riscontri …

      buona giornata

      RE Q

    I Commenti sono chiusi.


    SetPageWidth