Buccinasco e il candidato che propone il male per Buccinasco

Sta nascendo una bufala gigantesca: la coalizione che presenta Nicolò Licata a candidato sindaco vuole cementificare Buccinasco!! Allarme rosso: Cittadini state distantie non votateli ecc. Siccome nel progetto costitutivo di BucciRinasco, uno dei programmi chiave è la riqualificazione urbana che metta ordine e distingua l’area residenziale dalle attività produttive e logistiche, in qualche modo questa rappresentazione da carnevale ci torna. Cominciamo con le dichiarazioni di tle he si propone quale sindaco:

No dai, ma fatemi capire, voi volete consegnare la nostra Buccinasco a chi vuole cementificare tutto? A chi dice che possono arrivare altri 3000 abitanti e che si devono abbassare le tasse per i costruttori? Il 25 giugno se voterete per Licata questo è il destino che ci attende. Chi lo dice? Lo dicono loro in video e audio. Rino Pruiti

Le dichiarazioni in Consiglio di Rapetti (allora Forza Italia, pesentatosi adesso in Fratelli d’Italia) vengono estrapolate dal contesto (l’argomento era l’ultimo bilancio del mandato Maiorano, con la maggioranza che cercava di giutificare.. il non fatto. Rapetti reagisce a suo modo, segnalando come e cosa si poteva fare diversamente, cosa c’è di concretamente possibile da progettare per rendere Buccinasco migliore, a fronte del nulla, riprendendo le confessioni di PGT insufficiente e sbagliato, che bisogna correggere (giustamente).

Togliere dal contesto le dichiarazioni di Rapetti per farne il programma di cementificazione di Buccinasco è operazione non decente. Si potrebbe fare altrettanto con Maiorano, Benedetti, Pruiti, andando a prendere le loro autoaccuse di aver sbagliato il PGT, di non essersi accorti per tempo che con i parametri messi nel costruire non si è fatto nulla. Che ciò li ha costretti a non fare nulla venendo a mancare gli oneri di urbanizzazione. Molto più pertinente.

Il programma che presenta BucciRinasco  è qui da leggere (VEDI punto 8). Parla chiaro e descrive un progetto complesso che ha un respiro superiore ai cinque anni di un mandato, ma che si propone un obiettivo, disegna una città rinnovata (Rinata), nella quale i citadini si riconoscano. Riportiamolo per chiarezza:

Revisione straordinaria del PGT con un piano urbanistico che metta ordine e sviluppi iniziative residenziali omogenee. Separare le direttrici di traffico di transito e lavoro dall’area locale e residenziale. Principio generale rimane preservare il verde con consumo di territorio pari a zero. Creazione di un centro di Buccinasco con l’attuazione di un progetto originale che ricrei un centro di aggregazione e cultura, attraverso il recupero degli spazi in zona Chiesetta/Emilia. Manutenzione, a partire dai primi 150 giorni, di strade e marciapiedi con pianificazionedegli interventi annuali per zone e quartieri. Riqualificazione impianti sportivi comunali. Illuminazione pubblica in gestione ad enti privati con beneficio economico per l’amministrazione e una garanzia di assistenza ed efficientamento per gli impianti.

Terrorismo propagandistico, anziché proporre un progetto alternativo (che sarebbe da discutere, ma che l’area PD non ha e a quanto pare non vuole avere, preferendo la Buccinasco simil-Rozzano, area di periferia in progressivo degrado, a quanto pare). La modestia dell’amministrazione uscente l’abbiamo tutti presente: aspettiamoci la discesa, l’impoverimento ulteriore di Buccinasco.

Abbiamo bisogno di un’amministrazione che intende reagire, per riprendere un percorso che faccia di Buccinasco un quartiere giardino del capoluogo (altro che cementificazione selvaggia). Milano sta crescendo sull’onda dell’EXPO esta diventando una delle capitali europee. Vi sono prospettive che entrano nelle nostre possibilità: possiamo coglierle con benefici per tutti, in tutti i sensi, anche economici, ma soprattutto in benessere e vivibilità.

Non discutiamo di argomenti elettorali che lasciano il tempo che trovano, lo spazio d’un mattino,  ma di un progetto  che può davvero far compiere un salto di qualità a Buccinasco, un cambiamento possibile. Smettiamola. Lasciamo perdere le polemiche da bar sport che si propongono di dividere i buoni (presunti, che si autodichiarano) dai cattivi (gli altri): si sta parlando di Buccinasco e del suo futuro. Una possibilità che dobbiamo cogliere e fare di tutto,  tutti insieme, perché diventi realtà concreta.

BUCCIRINASCO
PER CAMBIARE BUCCINASCO
PERCHÉ DIVENTI LA CITTÀ GIARDINO
DELLA METROPOLI MILANESE

  1. #1 scritto da Gino il 16 giugno 2017 16:02

    Ma cone fate a dire che Maiorano ha dichiarato di aver sbagliato il pgt? Non sono mai stati cementificatori come la destra. Vedi villaggio rovido e buccinasco +.

    RE Q
  2. #2 scritto da Socrate Lusacca il 16 giugno 2017 17:27

    Buon giorno Gino, non conosciuto che ben accogliamo.

    La riflessione di Maiorano è stata una constatazione a fine mandato, quando ha deciso di rettificare le clausole penalizzanti introdotte nel PGT, sperando che ne venisse un ritorno in opere edili (e conseguenti oneri di urbanizzazione).
    Ha preso atto; non poteva fare altro.

    Il progetto Buccinasco + ha stravolto il progetto Lanati aumentano di un terzo il costruibile… (con quel che ne è venuto)
    Certo che anche loro hanno preso atto di una condizione nuova, che non poteva più localmente assorbire costruzioni più o meno sociali o agevolate.
    Il PGT si è dimostrato superato, fin dalla sua approvazione nel 2013.

    Che facciano uso di un argomento insulso accusando l’area che propone Licata sindaco
    come un insieme di cementificatori senza senso, che stravolgono il territorio fa parte di “argomenti” elettorali poveri, ridicoli.
    Chi fa impresa rischia di suo, produce benessere, lavoro. Migliora l’ambiente e lo vuole coerente con la città.
    Mettere tutta una categoria in mazzo di “nemici” di Buccinasco è puerile.
    Non avendo fatto nulla, non hanno argomenti. Non hanno nulla da proporre se non la ripetizione del nulla già visto.

    E’ bene che Buccinasco volti pagina, nell’interesse di tutti.

    RE Q
  3. #3 scritto da Cittadino Civico il 16 giugno 2017 18:35

    E’ partita la consueta accusa della sinistra agli altri di essere “i cementificatori”. Come ricorderai, lo dissero anche di noi nel 2012 (e nel 2007 di Cereda, e nel 2002…).

    Sarebbe opportuno ricordare ai cittadini chi sono quelli che hanno presentato, praticamente l’altro ieri, l’unico vero progetto per cementificare massicciamente un intero quartiere di Buccinasco.

    Se ne e’ parlato varie volte in Citta’ Ideale, questa e’ una discussione:
    http://buccinasco.cittaideale.cerca.com/24232/m4-e-buccinasco-questo-sindaco-cosa-ci-racconta/

    Deposito M4 su oltre 10 ettari di verde agricolo
    + parcheggio da 1.000 posti auto (il doppio del parcheggio Esselunga)
    + raddoppio dell’Esselunga (autorizzato con osservazione al PGT)
    + deposito mezzi di superficie (eliminazione orti Garibaldi) fermata M4

    E’ abbastanza chiaro che il nuovo sindaco, di tutto questo, NON potra’
    fare la fermata M4,
    lontana anni luce dalle disponibilita’ di Buccinasco,
    mentre POTRA’ realizzare il resto della cementificazione.

    Mi sembra giusto chiarire che tutti possono controllare dagli atti chi vuole fare cosa.

    Buon lavoro,

    RE Q
  4. #4 scritto da Pippo il 16 giugno 2017 20:26

    Perché pubblicate solo quello che vi conviene?

    Quei progetti sono solo eventuali nel caso venisse realizzata la fermata m4.

    Altrimenti i 1000 posti rimarrebbero vuoti!!!

    RE Q
  5. #5 scritto da Socrate Lusacca il 16 giugno 2017 20:37

    Il sedicente Pippo ritiene di poter spiegare ciò che spiegato non è nelle modifiche introdotte al PGT.

    Ci informa di una clausola sospensiva (per come ne parla).
    Il PGT è stato approvato con una serie di disposizioni fra loro non coordinate
    per cui, come ci scrive il Cittadino Civico, non c’è una dipendenza delle una dalle altre.

    Il sedicente Pippo ne sa di più?
    Quale autorevolezza ha questa clausola sospensiva di cui parla?

    Zero… naturalmente…
    Sai che consolazione un parcheggio di 1000 posti auto inutilizzati,
    che non consumo di suolo….

    come diceva Totò… ma ci faccia il piacereee….

    RE Q
  6. #6 scritto da Miserabile di Montecristo il 17 giugno 2017 11:13

    Per quel che si è visto finora, e non c’è motivo di pensare il contrario, quello di Buccinasco sarà solo un deposito nel quale si potrebbe, eventualmente, ricavare una fermata.

    Il problema, però, è capire quale sarà il destino della M4.
    Si fermerà lì dov’è o proseguirà?

    E nel caso dovesse proseguire quale tracciato seguirà?
    Perché il rischio che la fermata venga abbandonata è tutt’altro che remoto: rimarrà solo il deposito!

    Ecco allora che tutta l’operazione si trasformerebbe nella solita cattedrale nel deserto e quelle aree, ormai “cementificate” diventeranno (magicamente) edificabili.

    D’altra parte questi sedicenti ecologisti a parole hanno votato a favore dello stralcio di 100.000 metri quadrati di Parco Sud per la variante di Vignate, ma i cementificatori sono sempre gli altri!

    Come è già stato fatto notare, il progetto di Buccinasco Più con il sensibile aumento delle cubature è frutto della giunta Carbonera, con Maiorano e Pruiti quali assessori!

    Spero che i cittadini imparino a distinguere le parole dai fatti, la propaganda dalla realtà.

    RE Q
  7. #7 scritto da Cittadino Civico il 17 giugno 2017 16:51

    Pippo : Perché pubblicate solo quello che vi conviene?
    Quei progetti sono solo eventuali nel caso venisse realizzata la fermata m4.
    Altrimenti i 1000 posti rimarrebbero vuoti!!!

    Pippruiti, il vostro progetto è quello, presentato e sostenuto nel tempo, sotto gli occhi di tutti.

    Ora non ti conviene più e quindi smentisci. Ma voi non avete tentato, appena due anni fa, di infilare nel… patrimonio dei cittadini il terreno inquinato di Buccinasco Più, gravato da un onere di 12 milioni di euro?

    L’operazione fu respinta dalla Coalizione Civica, ma il fatto è storia. Documentato dai video del Consiglio Comunale, da Città Ideale e altre carte.

    Non mi sembra che questi comportamenti consentano molta fiducia.

    Dagli atti compiuti in questi anni ognuno può capire chi ha intenzione di cementificare il territorio.

    RE Q
  8. #8 scritto da Socrate Lusacca il 17 giugno 2017 21:59

    Fatti certificati, che riguardano il mandato appena terminato.

    Non è detto che si ripetano, ma certo il problema li riguarda da vicino visto che all’epoca si trovavano in giunta e hanno approvato (o preso atto) compattamente

    amerebbero una bella pietra sopra…

    al riguardo il programma dice poco, molto poco

    RE Q
 
 

sottoscrivi il feed dei commenti

SetPageWidth