Candidato sindaco della sinistra, una cronistoria del mandato passato – parte V

(Andrea Dalseno 06 Giugno 17) Eccoci giunti alla quinta e ultima puntata della nostra cronistoria. Non che non ci sia altro da dire, ce ne sarebbe abbastanza da scrivere un libro, ma ormai le elezioni sono alle porte e credo che i lettori abbiano avuto informazioni più che sufficienti per farsi un’idea.

Oggi ci occuperemo di Scuola di Musica, progetti originali (o dovrei dire strampalati?), ronde e sicurezza. Cenni telegrafici, ma chi fosse interessato ad approfondire potrà seguire i link e leggersi gli articoli.

La scuola civica di musica di Buccinasco era gestita direttamente dal Comune tramite ASB. La maggioranza, con un’operazione pasticciata per non dire fumosa, l’ha scorporata in fretta e furia per affidarla (temporaneamente), senza gara, a un’associazione senza alcuna esperienza pregressa nel settore, l’Accademia dei Poeti Erranti (APE), fondata da un certo Attilio Bergamin, sostenitore della lista civica Per Buccinasco nelle file della quale è stato eletto Rino Pruiti. Successivamente si è svolta la gara e APE, pur essendo risultata più cara, ha vinto battendo sul piano della qualità niente di meno che la Ricordi! Risultato? Un servizio che ai tempi di ASB si autofinanziava oggi ci costa oltre 35.000 euro l’anno e, che mi risulti, serve meno utenti di allora.

Un chiodo fisso del vicesindaco, prima in campagna elettorale e poi in maggioranza, sembra essere la realizzazione di un distributore di gas (lui ha una macchina a gas del resto). La cosa potrebbe avere un senso a certe condizioni (VEDI), di sicuro non come investimento diretto del Comune come, invece, sembra sia il suo orientamento. Altro pallino il sistema di sorveglianza integrato. Gli abbiamo spiegato che, con le leggi attuali, non si può fare e, infatti, non lo ha fatto (ma l’ha ancora in programma?) oppure l’idea, geniale, di utilizzare le telecamere per la video-sorveglianza per fare multe per il divieto di sosta: la legge non lo consente, ma sembra che questi “dettagli” lui non li voglia prendere in considerazione (VEDI).

In tema di sicurezza, l’amministrazione uscente, dopo aver snobbato la manifestazione cittadina, ha cambiato idea e ora si dice pronta a realizzare una nuova caserma dei Carabinieri. Peccato per tutti i soldi che hanno speso, possiamo dire buttato?, per interventi palliativi su quella vecchia! Non hanno abbracciato, anzi potrei dire che hanno osteggiato, il progetto di Sorveglianza Di Quartiere, però il vicesindaco si è inventato le ronde “pseudo-padane” con tanto di comparsata sui giornali. Lo avevamo avvisato per tempo che non avrebbero funzionato, ma lui, tetragono, è andato avanti lo stesso. Inutile dire che il progetto è fallito poco dopo.

Potremmo andare a vanti a parlare all’infinito, dalla pagina istituzionale del Comune su Facebook, dalla quale dopo uno scandalo con account fake (uno dei tanti, anche oggi è pieno) il vicesindaco è stato rimosso quale amministratore (VEDI), alla sua originale idea di confronto (lui non si confronta, ti banna, almeno  nel mio caso così ha fatto e so di non essere il solo!) Può una persona così fare il Sindaco? VEDI, dalla vicenda, con annessa telenovela, dei lavori in casa sua, dove, in un accorato intervento sulla stampa locale, il vicesindaco raccontava di voler ricavare una postazione di tele-lavoro.

Peccato che tale lavoro sarebbe risultato incompatibile coi permessi presentati e che, se fosse stato realizzato, avrebbe costituito un abuso edilizio (VEDI)! Come non ricordare il famoso comunicato stampa del Comune nel quale si negava che un avviso di garanzia fosse stato recapitato a Sindaco e vicesindaco giocando sull’equivoco che quello recapitato era un avviso di prosecuzione delle indagini; per dovere di cronaca noi che siamo garantisti, sempre non a corrente alternata, e corretti precisiamo che il procedimento è stato poi archiviato, ma la figuraccia comunicativa resta! Per una carrellata sintetica e riassuntiva dell’intero mandato si veda l’articolo di Saccavini (VEDI).

Che dire ancora? Mancanza di trasparenza e assenza di dialogo sono stati una costante dei cinque anni trascorsi; se li voterete sapete cosa aspettarvi.  Io mi auguro un cambiamento, un rinnovamento e una ventata di aria fresca, ma quale che sia la vostra scelta(Non si deve rimanere a casa, ndr)

VOTATE!

Non lasciate che siano altri a decidere per voi
chi dovrà governare Buccinasco nei prossimi cinque anni

Tag: , ,

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth