Adempimenti europei sulla mappatura acustica: siamo a posto?

Ci viene segnalato dalla Regione Lombardia l’emissione di una disposizione che riguarda la mappatura acustica, emanata dalla Comunità Europea  quindici anni fa (direttiva 2002/49/CE). Siamo in ritardo e si sta cercando di correre ai ripari, la disposizione regionale è stata inviata a tutti i comuni che sono “gestori” di assi stradali principali (traffico superiore a 3milioni di veicoli anno; 8.200 al giorno).

La scadenza della verifica della regione è il 30 Giugno 2017. Trascorsa la data, se il comune non ha inoltrato quanto richiesto, arrivano sanzioni (da 30mila a 180mila per ogni mese di ritardo). Ecco cosa richiede l’indicazione della Regione (VEDI):

Regione Lombardia ha chiesto ai Comuni gestori di assi stradali principali informazioni finalizzate a consentire di valutare se il Comune stia ponendo in atto le opportune iniziative finalizzate a garantire il rispetto dei termini per la consegna entro il 30 giugno 2017 della mappatura acustica degli assi stradali principali (cioè con traffico veicolare superiore 3 milioni di veicoli/anno) da esso gestiti, e precisamente:

1) Se siano state in bilancio previste per l’annualità 2017 risorse per far fronte agli obblighi stabiliti dal d.lgs.194/2005 relativamente alla mappatura acustica da consegnare entro il 30 giugno 2017.

2) Quali siano le azioni ed iniziative adottate o che si prevede di adottare e con quali tempistiche per pervenire entro il termine del 30 giugno 2017 alla consegna della mappatura acustica.

Buccinasco non risulterebbe fra i comuni cui sia stata inoltrata l’indicazione regionale. Il comune è interessato da una porzione di tangenziale gestita da Serravalle. Probabilmente non dovrebbe avere funzioni dirette nell’eseguire la mappatura acustica. Tuttavia la Comunità da questa mappatura è interessata per gli effetti sul suo territorio e sui Cittadini.

Può essere che in via subordinata chi ha la responsabilità del comune che abbia nel suo territorio debba farsi parte diligente e verificare nell’interesse della Comunità se questi adempimenti vengono eseguiti, se le disposizioni previste per la mappatura sono svolte secondo le direttive europee, se dalla mappatura emergono valori che richiedano interventi correttivi,  e come eventualmente debba intervenire nei confronti delle parti interessate.

Viste le cifre che l’ente interessato dovrebbe corrispondere all’Europa, non sarà male che qualcuno se ne interessi e ne riferisca anche ai Cittadini. Questo sarebbe utile e ci aspettiamo dai nostri pro tempore in uscita. Oltre al nulla fatto non vorremmo che la nuova amministrazione si trovasse cun un “reagalino” di sanzione regionale da dover  saldare.

Tag:

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth