Il Comune di Milano o la Città Metropolitana trattano di casa nostra?

A fine anno 2016 la Giunta della Città di Milano ha approvato le linee di indirizzo del PGT e degli altri usuali documenti che ne fanno parte (delibera 2282 del 29 12 2016: VEDI). Riguarda la città di Milano e si potrebbe dire: legittimi affari loro, almeno per le questioni che non intervengono nei sistemi viari e nei piani di sviluppo delle linee pubbliche MM e di superficie che impattano con il  confine di Buccinasco.

Il documento è pubblicato “aggiornato” il 27 Marzo scorso e si da tempo fino al 14 Aprile perché Cittadini e le diverse componenti sociali ed economiche esprimano le loro osservazioni . Riguarda Milano e gli interessati devono essere milanesi, o così dovrebbe essere. Finora Buccinasco non è coinvolta e del resto siamo ai primi passi di un processo lungo, durante il quale gli argomenti di nostro interesse possano essere verificati, discussi ai tavoli appropriati, dalla nuova amministrazione, magari entro un paio d’anni o più..

Non si tratta però di argomento che si possa lasciar andare al suo destino, anche perché su aspetti specifici del PGT del capoluogo vi sono elementi su cui sarà bene che i nostri candidati sindaci si esprimano circa le posizioni che ritengono di dover sostenere in termini di indirizzo e di conseguenti piani attuativi. Questo è il contesto preciso in cui poter affrontare temi come i collegamenti viari e dei trasporti, che ci riguardano.

Bene accendere la luce sulla questione anche perché il documento del Comune di Milano esprime indirizzi tutt’altro che indifferenti, di tipo più generale e diverso, perfino ancora più importante. Cominciamo col primo punto che viene lì descritto circa le linee di indirizzo della Valutazione Ambientale Strategica (VAS):

rinnovare la visione strategica di sviluppo del Documento di Piano, aprendo a una visione e dimensione metropolitana delle politiche di governo del territorio e favorendo una logica di rete con le città globali;

Il testo è burocratese puro, ma in italiano, “aprire a una dimensione metropolitana” ecc. ha un significato che a noi pare incontestabile. Le linee di indirizzo ci riguardano in toto e determinano scelte che non sono più solo di casa nostra, ma trattano ambienti e territori che riguardano la Città Metropolitana. Quindi ove e dove recuperare aree dismesse o verdi;  il parco Sud; la pianificazione del territorio per la quale il nuovo PGT dovrà iscriversi e essere inserito entro quanto sarà stabilito dal PGT della Città Metropolitana.

In una condizione di paese normale la cosa sarebbe perfino pacifica e già attuata da mezzo secolo: le conurbazioni giganti formano un insieme che deve avere suoi momenti di gestione coordinata. La Città Metropolitana per come è stata normata e ora sta venendo attuata, è una cittadona con tutto il potere accentrato su scala molto maggiore. Un mostro organizzativo con politici in grado di gestire mega contratti, aziende e enti moltiplicati rispetto ad oggi.

Già da questo modo di procedere si vede come andrà a realizzarsi. Facciamo tutto noi e decidiamo noi: per la Milano come per il comune di Nosate o Morimondo e lo facciamo prima che siano istituite e operanti le norme che determinano i confini dei rispettivi poteri. Una cosa da repubblica delle banane, una gestione che si ancora si una piattaforma d’ignoranza diffusa dei politici, con lo scopo concreto di scippare potere per ottenere quanto descritto. Un esempio (altro)?

favorire l’inclusione sociale di persone e gruppi svantaggiati, in particolare attraverso criteri volti a sostenere le politiche per la casa e la messa a disposizione di spazi da destinare all’accoglienza sociale

I lettori hanno già capito: in questi orientamenti di Valutazione Ambientale Strategica, mettono giù bellamente quanti cosiddetti migranti, in italiano richiedenti asilo in assenza di una richiesta, ci mandano e ci dovremo tenere. Magari anche privi di documenti d’identità. Decisa da fuori la dimensione degli spazi?  La quantità dei “soggetti destinati all’accoglienza sociale”?  Nel silenzio (assenso?) dei nostri pro tempore in uscita (che intendono ripresentarsi)?

Tag:

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth