Bilancio lavori pubblici: municipio, strade, parchi e altro

Proseguiamo sulle opere che dovrebbero far crescere, migliorare, sviluppare le strutture della Comunità a Buccinasco. Investimenti, nuove opere, che rendono i luoghi più vivibili e frequentabili. Che sviluppano il sogno, il destino che è nelle possibilità: realizzare la città giardino di Buccinasco. Quella per cui i fine settimana vengono (ancora, anche se diminuiti)  genitori dal capoluogo per i parchi e l’ambiente.

Gli investimenti, per definizione, riguardano cose nuove: nuovo sistema viario, strade con marciapeidi larghi che privilegiano pedoni e ciclisti; trasferimento all’esterno  del traffico di transito; riqualificazione urbana che separi le aree residenziali da quelle che non lo sono; sistema produttivo e lavorativo che agevoli la logistica; impianti sportivi attrattivi, in particolare  del tipo assente nel Sud Ovest Milano,…

Hanno dovuto deliberare l’ampliamento della Caserma dei Carabinieri perché i comandi li hanno posti di fronte al rischio che la stazione fosse chiusa. Lo hanno fatto tirando in lungo, in modo che la modifica del PGT necessaria non siano loro a concluderla… toccherà a chi subentrerà. Un agire che può far percepire l’odore di conigli… Non la realizzeranno loro, ma però spendono 20mila euro per eventi ludici che hanno per tema… la mafia.

Pro tempore in uscita che di idee legate allo sviluppo urbanistico sono privi. Candidati sindaci dell’area questi progetti li descrivono così (Consiglio 31 Gennaio):

Baldassarre Assessore al Bilancio pag  28: ….la critica che verrà fatta a questa Amministrazione stasera, da qui è stata fatta, stasera, domani, da qui alle prossime elezioni, sarà fatta, su: “Non hanno fatto nulla” in termini di opere. Niente di visibile, tipo le piazze, le fontane. Queste cose qua. Ma perché non è nel nostro DNA.

Arboit Assessore alla Cultura pag  35: …..So già che in campagna elettorale ci diranno: “Ma voi che cosa avete fatto? Voi avete fatto niente”. A chi in campagna elettorale ci verrà a dire che non abbiamo fatto niente risponderemo: “Scusateci tanto ci siamo occupati poco, forse troppo poco è vero, di piani di lottizzazione, strade, marciapiedi e rotonde.

I nostri pro tempore in uscita sono dei “semplici” e come tali trattano i Cittadini. In cinque anni nulla; gli investimenti che hanno messo a bilancio sono solo opere di manutenzione straordinaria. Cioè: sono mancate, sono state trascurate, le manutenzioni ordinarie. Ritengono che gli investimenti siano singole opere scoordinate, come quelle che hanno descritto.

Le manutenzioni quando trascurate e divenute grosse e non più prorogabili si chiamano straordinarie, così diventano investimenti in conto capitale. Hanno lasciato deperire al massimo degradando la città, e poi … “investono” con l’obiettivo di restare come prima. Oltre le scuole di cui abbiamo già parlato, ecco cosa elenca il vicesindaco (delle manutenzioni, naturalmente):

Alcuni lavori sono concretamente obbligatori, come il primo, è l’impianto di condizionamento della sede municipale che in pratica è in ballo dal 2004, per un motivo o per l’altro è sempre stato spostato, adesso è sicuramente da fare, perché bisogna garantire non solo il condizionamento estivo, ma anche il riscaldamento. Quindi un intervento importante che è stato già, di fatto affidato per quanto riguarda lo studio.

Subito dopo abbiamo il rifacimento manti stradali, quest’anno manti stradali e marciapiedi viaggiano in simbiosi. Nel senso che verrà messo mano a determini parcheggi che quindi avranno sia la parte di manti stradali, ma anche un’opportuna parte di marciapiedi, di divisori, con nuove piantumazioni e cambiamenti vari. Quindi abbiamo fra manti stradali e rifacimento marciapiedi 1.000.000 di euro, di uscite in conto capitale.

Nel 2018 si prevede di intervenire anche suoi centri sportivi Scirea e Romano Banco, via Manzoni. Nel 2018 dovremo far fronte anche al finanziamento, questo chiunque arrivi, dovrà onorare questa previsione, delle nuove piste ciclabili.

Quindi anche per il 2017, è prevista una spesa adesso completamento dell’arredo urbano di 90.000 euro ed una manutenzione straordinaria di parchi e giardini di 150.000 euro che riguarderà il parco più grande che poi è quello di scarlatti, con l’inserimento di strutture sportive, ricreative, eccetera.

Un elenco del vecchio, del non fatto, del tralasciato, nel senso di lasciato andare. Tutto o quasi trasferito al  futuro, dopo che questi pro tempore in uscita, se ne saranno andati (che se ne vadano lo sperano i Cittadini; coloro che vogliono una Buccinasco che riparta davvero).

Non hanno speso in investimenti sperperando 135 milioni in cose ordinarie che non lasciano alcun segno. Non basta, trasferiscono al futuro le opere di cui si dichiarano promotori, opere di manutenzione, di sistemazione. Chi subentrerà si troverà problemi seri da affrontare; una condizione di emergenza, oltre a dover mettere mano a un progetto di sviluppo, inesistente. Di cui Buccinasco ha grande bisogno per incrementare lavoro e benessere, per far rinascere Buccinasco.

PER UNA CITTÀ CIVILE, SERENA, MODERNA,
ATTRATTIVA, CHE RICOMINCI A CRESCERE

BucciRinasco

PER UN DOMANI MIGLIORE

  1. Non vi è ancora nessun commento.
 
 

sottoscrivi il feed dei commenti

SetPageWidth