Sui 140mila euro buttati qualcosa si muove a Buccinasco

Il nostro articolo appello del 3 Gennaio (VEDI) registra conseguenze in Consiglio: fra le altre presumibili, viene inoltrata da Coalizione Civica (consiglieri Cortiana e De Palo) datata 10 Gennaio, il giorno 11  la interpellanza sull’operazione nella quale si chiede la revoca dell’atto.

L’interpellanza appare precisa e sottolinea, riferendosi ai documenti, l’illogica deliberazione del funzionario. Responsabile Tecnico che ha sottoscritto e pubblicato questa delibera (e altre), il 30 Dicembre, al termine del suo lavoro in trasferta a tempo pieno a Buccinasco (in burocratese si chiama “comando”).

Questo tecnico sono tre anni che lavora a Buccinasco. Da Gennaio mantiene l’incarico ma limitato a 12 ore la settimana, fino a fine mandato di Maiorano. Dall’interpellanza (che invitiamo a leggere VEDI) ci sembrano di interesse i seguenti elementi che si sottolineano.

UNO:  la convenzione in essere con l’appaltatore scade il 01 Aprile 2017, fra tre mesi!
DUE: il capitolato prevede potature alberi (fino a 30 mt) in numero di 300 l’anno, contro un pagamento di 90mila euro l’anno.

La richiesta di annullare la delibera crediamo sia più che logica, ad evitare  (sotto elezioni; per un servizio che il contratto già prevede, quindi che già paghiamo) il danno di 140mila euro per le nostre casse comunali. Ciò che inoltre riteniamo opportuno sottolineare sono altri due aspetti:

  1. Visti gli obblighi previsti dalla convenzione in essere,  occorre pretendere l’esecuzione di quanto già previsto senza ulteriori esborsi.
  2. Vista ancora la prossima fine del capitolato, la tesoreria e l’amministrazione provvedano a sospendere i pagamenti rimandandoli all’avvenuto compimento delle opere previste dal capitolato, avendone verificato lo stato alla consegna.
  3. La perfetta funzionalità e stato delle strutture del verde con verbale di riconsegna, anche relativo agli impianti di irrigazione ricevuti in consegna ad inizio convenzione.

Questa può essere  l’occasione perché certo modo di condurre la gestione del municipio, dei nostri Beni Comuni, nostri perché pagati e mantenuti da noi, trovino una amministrazione attenta e oculata. La Cosa Pubblica non è un Pantalone che paga sempre,  senza il corretto criterio. Amministrare richiede la dovuta serietà, la difesa del bene pubblico: non solo perché lo dice la legge ma perché sono soldi nostri.

  1. #1 scritto da Cesare il 13 gennaio 2017 17:06

    Ma dev’essere un blog per segnalare che questa spesa non si deve fare,
    ma i ns. amministratori
    ed anche la minoranza
    cosa fanno quando c’è un consiglio, e nella fattispecie l’assessore al verde capisce cosa ha firmato quando ha assegnato l’appalto alla ditta che ha vinto???

    Oppure è come la storia degli alberi tagliati a Buccinasco,
    ho chiesto il perché di quei tagli all’assessore verde ma non ho ricevuto risposte,
    spero almeno che siano stati tagliati perché malati e quindi pericolosi.
    Ma non è dato a sapere.
    Buona serata
    Cesare

    RE Q
  2. #2 scritto da citta ideale il 13 gennaio 2017 18:08

    Purtroppo Cesare
    questo punto dei 140mila euro non solo non è passato in consiglio, che non l’ha discusso,
    ma sta diventando una ulteriore spesa e arriverà a circa 200mila
    per lavori che sono già compresi nell’appalto e vengono fatti in modi diversi.

    Il consigliere di minoranza Domenico De Palo ha tempestivamente inoltrato l’interpellanza…
    che riceverà risposta nel prossimo Consiglio…
    Intanto il giorno 9, tanto per portarsi avanti, hanno proceduto con la gara fra cinque aziende da loro invitate…
    Intendono tirare diritto… le elezioni si avvicinano e cercano consensi.
    Non dai cittadini.. in senso generale, ma in categorie varie da fidelizzare….
    Intanto 200mila euro nostre vanno sprecate

    buona serata

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth