Protocollo della Legalità? Com’è finito e qualche domanda che resta

Per rispondere a questa domanda con compiuta conoscenza di causa si dovrebbe ascoltare lo streaming di un Consiglio Comunale, per così dire straordinario, tenutosi il 12 Dicembre (VEDI Consiglio Comunale sedute in streaming) e trascriverlo. Sul tema si tratta di ottanta minuti entro cui si sono discussi cinque punti (16 minuti cadauno) che riguardano il tema. Data la delicatezza del tema ci sembra prudente attendere il verbale trascritto ufficialmente.

Ciò che rileva nel merito è quanto segue: non ci sono pervenuti gli atti dal gruppo Coalizione Civica; non sono depositati entro la direttrice Consiglio Comunale le documentazioni degli atti in deliberazione; non sono pubblicate (ancora) in Albo Pretorio le deliberazioni approvate. Neppure è pubblicata la trascrizione del Consiglio.

L’unica informazione pubblica che si reperisce è il comunicato stampa ufficiale che informa dell’approvazione all’unanimità dei documenti in Consiglio (VEDI). Insufficiente per una analisi del contenuto. L’unanime approvazione del Consiglio è positiva, quanto meno riguardo all’intento che si è dichiarato di perseguire. Circa la qualità del contenuto, ci riserviamo di esporre, documenti alla mano, gli eventuali aspetti degni di approfondimento.

Ci perviene in data 15 la proposta del Piano triennale di Prevenzione della Corruzione redatto dal Segretario dott. Carlino, che dovrebbe intendersi già facendo uso delle modifiche approvate ancora da pubblicare. Questo Piano triennale non è in approvazione nel già convocato Consiglio  di Lunedì 19. Documento che consta di 70 pagine, denso di richiami a leggi, avvisi, regolamenti ecc. (VEDI).

Documento inoltrato a assessori, componenti della commissione speciale sul Protocollo della Legalità, responsabili Posizioni organizzative, responsabili di servizio.  Le note e osservazioni a si devono far pervenire entro fine anno. Forse, c’è da augurarsi,  tutti costoro disporranno già dei documenti approvati in Consiglio, ancora non resi pubblici. Faremo pervenire le nostre osservazioni al gruppo Coalizione Civica, che naturalmente renderemo pubbliche.

Il Protocollo della Legalità ci viene segnalato essere già stato completato nella sua struttura dalla Commissione speciale, avvalendosi anche dei contributi della Prefettura. Il documento (ancora non pubblico, senza che siano stati finora pubblicati i verbali della Commissione) è stato inoltrato alla Prefettura da cui si attende la validazione e approvazione del Prefetto.

Senza pubblicare alcun documento la Commissione avrebbe finito il suo compito. Tutto finito, poi renderanno pubblico, ci faranno sapere. Coalizione Civica intanto proseguirà nell’analisi del piano anticorruzione, che renderà pubblica nei suoi risultati, facendola conoscere ai Cittadini.

Riflessione a oggi: un modo di procedere che è urgente cambiare. Da una parte un agire chiuso nelle stanze che fa conoscere ai Cittadini i risultati finali (auto esultandosi dell’operato). Dall’altra Città Ideale che agisce in un percorso di trasparenza e informazione puntuale consentendo la conoscenza e coinvolgendo i Cittadini, la Comunità.

TRASPARENZA E INFORMAZIONE SONO INDISPENSABILI
FAR PARTECIPARE E COINVOLGERE I CITTADINI
RENDE LA COMUNITA’ PIU’ FORMATA E PREPARATA
L’AMMINISTRAZIONE PIU’ CONDIVISA E AUTOREVOLE

Tag: , ,

  1. #1 scritto da citta ideale il 16 dicembre 2016 20:27

    casualmente la coincidenza:
    nella giornata di oggi,
    i documenti approvati dal Consiglio il giorno 12,
    sconosciuti a tutti,
    oggi 16 vengono pubblicati nell’Albo Pretorio on line

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth