Profughi, migranti e Sinti? Il sindaco propone un cambio al Prefetto

Il 27 Settembre a inizio Consiglio il sindaco fa dichiarazioni, come sua facoltà. Prendiamo in considerazione la più corposa e consistente, anche per gli effetti  sulla nostra Buccinasco: una, come dire?, relazione, o meglio  interpretazione del sindaco e della sua partecipazione, nello stesso giorno 27 ad un incontro presso la Prefettura di Milano, che ha come argomento l’emergenza dei clandestini.

Clandestini, che significa stranieri in Italia senza permessi, una volta chiamati sans papier; clandestini (appunto come una nota canzoncina Sud americana), elevati al termine generico di migranti. Migranti non è un sinonimo, ma un uso distorto dell’italiano. Anche noi abbiamo avuto migranti, dal settecento in poi, in Europa, a guadagnarsi il lavoro, a fare impresa, esuli perché patrioti (nell’Ottocento), antifascisti (il secolo scorso).

I clandestini sono altra cosa; ancora peggio se si definiscono profughi:

Ciò detto riportiamo quanto trascritto delle dichiarazioni del sindaco cominciando da quanto riferisce detto dal prefetto: il problema dei clandestini non è più un’emergenza ma sta diventando strutturale a causa delle chiusure europee: prima l’Italia era un passaggio, adesso resteranno in Italia. Invito alla Città Metropolitana d icontribuire all’accoglienza, che prevede un rapporto di 2,5 per ogni 1.000 abitanti. Su 134 comuni solo 30 sono oggi interessanti all’accoglienza.

ANCI tenta di distribuire su tutti i comuni con un piano nazionale. Alla Lombardia prevede il 14% del totale, mente nella Città Metropolitana ci sono 104 comuni che si rifiutano. Buccinasco da Aprile accoglie 6 minori non accomagnati. Su questi non ci sono esborsi prticolari perché coperti da contributi. Buccinasco non ha altri immobili disponibili.

A Buccinasco è presente dal 2001 una Comunità Sinta e sono tuttora tenuti in una condizione fuori luogo  in tutti questi anni non si è concluso nulla, salvo piccole attenzioni. Maromi ha finanziato la Ciclofficina per incoraggiare occasioni di lavoro per i sinti. Quindi abbiamo già dato e abbiamo tuttorà criticità. Di accogliere tendopoli non ci stiamo. Il prefetto in questo contesto,  ha detto il sindaco,  si è dichiarato disposto a trovre soluzioni alle nostre situazioni.

Poi per tranquillizzare: Non c’è ad oggi il problema; sarà domani o dopodomani ma bisogna contribuire a risolvere  il problema di profughi che scappano dalle guerre (che è una sua invenzione). Proviamo a semplificare:

PREFETTO:  REALIZZAMI LO SFONDAMENTO DEL PARCO SUD PER I SINTI
NOI TI PRENDEREMO 65 CLANDESTINI O MAGARI DI PIÙ

Non lo ha detto in modo esplicito ma: UNO: descrivere la questione illegale dei sinti in una riunione in cui si affronta la questione dei clandestini non ha ragione alcuna. DUE che il prefetto (a detta del sindaco) dichiari il suo impegno a risolvere l’illegalità della attuale collocazione è altrettanto fuori luogo. TRE che le due cose facciano da motivo per rendere edificabile un’area anche privata, enorme, del Sud Milano è uno sconcio inenarrabile, solo a pensarlo.

Il sindaco ha quindi il dovere di smentire nel modo più categorico che fra le due cose è esclusa qualsiasi dipendenza o legame. Che il sindaco non ha proposto la legalizzazione dell’area come soluzione del campo sinti. Città Ideale invita tutte le liste civiche e le forze politiche che intendessero opporsi a questo disegno assurdo,a promuovere un incontro istituzionale e a seguire a tutte le iniziative opportune raccogliendo firme dei Cittadini, perché la trasformazione di Buccinasco in una favela Sudamericana non passi.

BUCCINASCO NON SARÀ MAI  PERIFERIA
PER CATEGORIE  SOCIALI EMARGINATE E PRECARIE

COME GIUSTIFICAZIONE PER EDIFICARE NEL PARCO SUD
A QUESTO DISEGNO STRISCIANTE E SCONCIO
TUTTI I CITTADINI SI OPPORRANNO SENZA RISERVE

Tag: , , ,

  1. #1 scritto da Miserabile di Montecristo il 30 settembre 2016 00:11

    Mi scusi, ma davvero il Sindaco ha detto “Maroni (mi sono permesso di correggere il refuso, Maroni, con la “n” non con la “m”) ha finanziato la Ciclofficina per incoraggiare occasioni di lavoro per i Sinti” o si tratta di una libera interpretazione? Perché se avesse davvero detto una tale castroneria, temo che abbia proprio bisogno di un lungo periodo di riposo e quiete!

    RE Q
  2. #2 scritto da Città Ideale il 30 settembre 2016 00:38

    le parole testuali del sindaco sono ascoltabili dalla registrazione, disponibile sul blog comunale.
    Confermiamo il senso, con questa precisazione.

    Il sindaco con il periodo espresso ha inteso cercare di descrivere una condizione di illegalità conosciuta dalle strutture sovrastanti,
    allo scopo di sminuire lo stato illegale medesimo, di cui gli enti sovrastanti (Parco Sud, Provincia e ora Regione) fossero a conoscenza
    ed anzi deliberassero di aiutare e sostenere la comunità sinti con la Ciclofficina, che infatti è stata finanziata dalla Regione.
    Progetto insulso, per cui quei locali ci risulterebbero ancora oggi chiusi e inattivi (100mila euro buttati)

    Il sindaco del resto ha trasparentemente messo in sequenza:
    > lo stato di illegalità del campo sinti ancora oggi permanente;
    > la non disponibilità di immobili nei quali accogliere i clandestini (o come li si voglia chiamare)
    > la non disponibilità a installare tendopoli
    > l’attenzione del Prefetto disposto a trovare soluzioni alla illegalità del campo sinti

    non ha esplicitamente aggiunto il punto naturale che dovrebbe seguire:
    > Prefetto aiutami a rendere edificabile il campo sinti, che poi potrò considerare accoglimenti di clandestini

    ma ha per altro indicato:
    >Si tratta di persone che scappano dalle guerre… non è questione di oggi o domani ma bisogna contribuire a risolvere il problema…

    è notte e stiamo per essere accolti fra le braccia di Morfeo..
    possiamo dire che questo sindaco con le sue dichiarazioni suscita tenerezza….

    buona notte Miserabile di Montecristo

    RE Q
  3. #3 scritto da citta ideale il 5 ottobre 2016 16:43

    c’è voluta una settimana intera perché il sindaco, da par suo, corregga il tiro di ciò che ha detto in Consiglio:
    L’attenzione del Prefetto disposto a trovare soluzioni ai nostri problemi,

    riferita al campo sinti, entro il discorso che riguarda la disponibilità ad accogliere e l’attuale indisponibilità di locali disponibili.

    Precisa con la seguente frase oggi virgolettata su il giorno sud Milano:
    “….Se emergesse la disponibilità di altre associazioni a realizzare un progetto per altri profughi, appoggiandosi a strutture private, il Comune non farà mancare il suo supporto.”

    che non smentisce, che non corregge, ma che comunque tende a distogliere da quanto detto, ufficialmente, in Consiglio.

    Riportiamo per conoscenza, ma
    a nostro parere non cambia nulla..

    per fortuna sta scadendo il suo mandato…

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth