Buccinasco in Consiglio…. Promesse elettorali, unanimità e ‘ndrangheta

REPLICA CON ADDENDUM SUL TEMA

Va bene che con il meccanismo premiante sui Consiglieri la maggioranza può fare ciò che vuole; che quindi andare in Consiglio diventa una recita obbligata (e inutile) se la maggioranza non ha una spina dorsale robustamente democratica e aperta. Se ogni decisione viene in via preventiva discussa entro la maggioranza e presentata in termini da prendere o lasciare ma,…..  approvare proposte superficiali come è stato fatto… non si dovrebbe.

Città Ideale allora proverà a integrare e spiegare la strumentalità delle decisioni (VEDI il comunicato). UNO Delibera di spesa di 200mila (a Buccinasco toccherebbe per 40mila, ma può essere di più). Per uno studio di fattibilità che riguarda M4. Si tratta di spendere la cifra per una ipotesi al buio, sul prolungamento Ovest. Non vi sono indicazioni circa lo studio (non sono state descritte).

Quale tracciato, quali i limiti di costo, quali i parametri di utilità entro cui attenersi. Mancano indicazioni di tempo; se interrato o in superficie.  Forse ci saranno e non ci sono state descritte? Sono così improvvisatori i nostri pro tempore che può anche essere. Ma che cavolo si presenta a approvare e a spendere, se questi elementi di indirizzo non sono illustrati? Ha detto bene il vicesindaco: “sarà la nostra bandiera in campagna elettorale”, insomma una bufala.

DUE Controllo dei cantieri che da comunale, (istituiti qualche mese fa a Buccinasco), lo si propone agli altri comuni del territorio. Il comune ne parla con finalità di contrasto alla criminalità organizzata!  Sono funzioni già esistenti e obbligate, che hanno compiti specifici ciascuno per la sua parte… coordinare gli interventi cosa migliora?  Se la P.L. è andata ieri, l’impresa è al sicuro che per tre mesi non arrivano altri controlli? Quale contrasto alla ‘ndrangheta c’è?

TRE Ancora, dopo 4 mesi di assoluto silenzio sull’adozione del contrasto al riciclaggio, c’è una mozione che impegna il sindaco a monitorare e vigilare fortune economiche di provenienza incerta. Una pura enunciazione priva di effetto pratico: a chi segnala il sospetto, se questo è ulteriore rispetto alla legge, che con vent’anni di ritardo ha adottato tre mesi fa?

Il sindaco e il Consiglio sta confondendo un’aspirazione con gli obblighi di legge che sono precisi e stringenti e non li ha finora neppure abbozzati, per quanto se ne sa. In queste condizioni, l’esortazione a non mollare è pura aria fritta. Applichi e renda operativa la legge. Legge che la giunta ha introdotto dopo una denuncia di Città Ideale su un’ipotesi di riciclaggio (VEDI), solo un’ipotesi ma rimasta come punto interrogativo..

Cosa vorrà mai monitorare questa giunta, questo sindaco, che riguardo a movimenti di danaro da ingegneria finanziaria, non sono neppure all’ABC ? Anziché far la sentinella al bidone vuoto in caserma, si attivi prontamente per dotare il municipio delle competenze specifiche, con una squadra d’esperti iniziale, che  funga anche da nucleo formativo, su materie  di alta specializzazione finanziaria. Adesso non c’è nulla, siamo al t/0: tempo zero. Perché mai condividere queste fanfaronate?

Tag: ,

  1. #1 scritto da Miserabile di Montecristo il 16 luglio 2016 16:07

    La storia dello studio di fattibilità sembra il classico far di conto senza l’oste o mettere il carro davanti ai buoi se si preferisce.

    Può aver senso che sia io a pagare uno studio che dimostri che tu puoi guadagnare dal progetto?

    Non sembra a dir poco ridicolo?
    L’avesse commissionato MM il progetto, avrebbe potuto avere un senso, ma così dove si vuole andare a parare?

    Dimostrare che in MM ci sono solo un branco di imbecilli che non sanno cogliere le opportunità?
    Che senza gli illuminati e progressisti sindaci del consorzio non si sarebbero mai accorti di quanto sia profittevole la cosa?

    O forse in MM sono solo furbi e hanno trovato i “polli” che ci mettono i soldi al posto loro?

    Tanto non sono soldi propri che spendono, ma quelli dei cittadini.
    Sembra solo la classica manovra elettorale, fatta con i soldi dei cittadini,
    tanto per avere un qualche straccio di argomento da spendere in campagna elettorale.

    RE Q
  2. #2 scritto da Città Ideale il 16 luglio 2016 20:50

    La cosa che fa sorridere,
    il sorriso ironico all’inglese con un velo di sarcasmo appena accennato,
    che fa venire alla mente personaggi del Circolo Pickwick,

    è che questi signori Consiglieri, proponenti e senzienti,
    approvano una spesa che riguarda un Progetto di Fattibilità

    di cui non si sa altro che:
    deve riguardare il prolungamento in Direzione Ovest della M4… senza indicazioni di massima
    > sul tracciato (o su quali sono le alternative indicate),
    > sulle tipologie delle opere (interrato, superficie, sotterraneo)
    > i limiti di costo economico: per km e complessivo
    > i tempi di attuazione di massima (minimo e limite massimo)
    > strutture di collegamento (parcheggi, percorsi pubblici prevedibili, ecc.)

    Niente di niente!
    però i nostri Consiglieri approvano la spesa di 200mila euro (a M4 o a MM spa)

    Nessuno che si pone la domanda, elementare, ma come sempre risolutiva, per la sua semplicità:
    Come mai M4 non ci pensa a farlo lei, lo studio di fattibilità?
    Lei e tutte le imprese interessate alle opere sono i maggiori coinvolti,
    è il loro lavoro, il loro business…

    Se loro non partecipano (neppure pro quota), ci sarà una ragione,
    Hanno già fatto quattro conti e compreso che non ci sono soluzioni economiche valide…

    All’unanimità il Consiglio ha deciso:
    > che la campagna elettorale si farà sulla M4 (?!)
    > a pagare saranno i cittadini
    > a gestire il problema (e l’enorme indebitamento, se mai dovessero decidere per il si) toccherà alla futura maggioranza

    Circolo Pickwick … oppure Tre uomini in barca (per non parlar del cane)

    buona serata

    RE Q
  3. #3 scritto da Alessandro La Spada il 18 luglio 2016 11:50

    Città Ideale : Ha detto bene il vicesindaco: “sarà la nostra bandiera in campagna elettorale”

    Sarà una bandiera un po’ stracciata, visto che con questa decisione scelgono di abbandonare la loro linea e seguire, fortunatamente, quella di associarsi con gli altri Comuni del Sud-Ovest, discussa in questo sito.

    Ricapitolando, Buccinasco è partita in tromba con invio di documenti a Milano, proclama, raccolta firme, salvo accorgersi dopo mesi che il capoluogo ha solo seguito la procedura prevista per chiunque. Nient’altro.

    Per fortuna scoprono su Città Ideale un approccio più serio, di cui vediamo il primo passo.

    Purtroppo, cara Città Ideale, qui da ogni cosa esce un disastro, per cui l’approccio corretto
    diventa l’incubo di spendere 200.000 euro così,
    diamo fuori un lavoro e vediamo cosa arriva. Ci troveremo il “documento di scoping” e altre amenità.

    Nonostante i Comuni in questione abbiano centinaia di dipendenti, svariati uffici Territorio e Urbanistica, personale qualificato (ingegneri, architetti, geometri).

    E’ ovvio che la prima analisi devono farla loro, e se i 4 Comuni raggiungono una posizione unitaria, allora si prende una società di consulenza per confermarla.

    Leggo che, diversamente da Buccinasco, gli altri sindaci hanno dei dubbi sulla spesa.
    Errante per recuperare soldi è stato costretto ad agire con decisione persino sulla mensa scolastica.
    Davvero spenderà 40.000 euro per uno studio al buio?

    Speriamo che prevalga ancora una volta il buon senso, e l’ipotesi di allungamento sia studiata prima di tutto dagli uffici comunali, senza spese aggiuntive.

    NB Se anche non seguissi la politica locale, varrebbe la pena leggere Città Ideale anche solo per le figure retoriche.
    “Fare la sentinella al barile vuoto” non l’avevo mai sentita!

    RE Q
  4. #4 scritto da Città Ideale il 18 luglio 2016 13:31

    Questo è Alessandro…

    sei di una generazione che ha evitato il militare?
    credo di sì.

    In caserma era un classico che, per abituare le reclute
    all’esecuzione di ordini sempre e comunque impartiti,
    fosse data consegna a un recluta di fare la sentinella per x ore
    a un barile di gasolio vuoto.

    naturale che il malcapitato fosse poi sbeffeggiato da commilitoni e altri…

    L’inutilità fatta sistema, regola di comportamento.

    buona giornata

    RE Q
  5. #5 scritto da Alessandro La Spada il 18 luglio 2016 14:14

    Città Ideale : sei di una generazione che ha evitato il militare?

    Lo hanno cancellato mentre cercavo di acquisire i titoli per il corso di sottoufficiale dei Carabinieri!

    Il ramo paterno della mia famiglia ha una lunga storia nell’Arma, quindi
    fatti i 3 giorni “dovevo” chiedere quella destinazione.

    Da laureato era più probabile essere selezionato e, fatto il militare,
    poter accedere al corso, quindi ho iniziato a rinviare come studente lavoratore.

    Mentre rinviavo hanno abolito l’obbligo, il Ministero voleva risparmiare,
    paradossalmente avere una destinazione precisa era più difficile di prima.

    Alla fine ho lasciato perdere, perché rischiavo di lasciare un lavoro, che comunque già avevo, per sprecare un anno a sorvegliare barili vuoti. :-)

    RE Q
  6. #6 scritto da Città Ideale il 18 luglio 2016 14:32

    No, non credo che l’ordine “educativo” di fare la sentinella a un barile vuoto di gasolio,
    durasse così tanto…

    aveva carattere educativo, relativo alla fase iniziale che si faceva al CAR.

    L’obiettivo di entrare nell’Arma, è comunque un intento del quale
    assolutamente,
    ci si deve onorare…

    peccato per te… e per l’Arma

    buona giornata

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth