Lavori pubblici piano triennale del nulla, a Buccinasco

Questa maggioranza è davvero malata: sta già pensando alle elezioni : è cominciato il piano di comunicazione elettorale, per ottenere consenso e sperabilmente voti.  Proviamo a fare una analisi delle carte che hanno in mano per capire, per dare un senso a ciò che si propongono. Quelle che seguono sono  ipotesi basate sull’attività svolta nei quattro anni.

In positivo le carte che pensano di poter utilizzare sono: le elargizioni negli eventi ludici o sportivi, in qualche caso dagli eventi più o meno culturali. Hanno speso e incoraggiato parecchio, così come hanno elargito aiuti ai residenti dell’area sinti, anche coprendo loro spese e comportamenti border line (e oltre), come ad esempio la corrente elettrica, anche rifacendo i servizi comuni (strutture illegittime).

Il lavoro lo sostengono spendendo in doppioni di servizi che già ci sono, pensano ancora adesso che il lavoro sia una questione di contatti, di far incontrare la domanda di lavoro con chi il lavoro offre. Sarebbe vero se ci fosse equilibrio fra domanda e offerta; non è così e il lavoro non arriva, le spese proseguono, senza utilità alcuna per la comunità.

Guardiamo adesso ai lavori pubblici, che siamo andati a rivedere, tanto per capire come e cosa hanno messo in programma, per 5,5 milioni (VEDI). Bisogna però partire dall’inizio del mandato Maiorano. Quali opere sono state portate a termine? Forse il nido Robarello, con una spesa complessiva notevole e altre che forse ancora verranno, forse senza contarci troppo .

Intanto da porre in evidenza che i programmi di opere pubbliche nell’intero mandato Maiorano ha riguardato speranze. Cifre di milioni (da 5 a 7 e passa ogni anno) che poi non si sono realizzate. Per di più si tratta di manutenzioni, ritardate da anni, anche dalle precedenti amministrazioni. Messe  come manutenzioni straordinarie.

Un artificio contabile che continua a spostare al futuro le opere di manutenzione ordinaria scaricandole sulle amministrazioni future. Non fare le manutenzioni ordinarie, rimandandole, senza segnare in bilancio il debito, in una società privata è falso in bilancio! Forse nel pubblico non sarà così, ma in termini economici  si tratta sempre di un comportamento gravemente irregolare.

Comunque delle opere messe a bilancio (anche prevedendo due mutui da 1 milione l’uno), quasi nessuna è stata compiuta e ogni anno a bilancio è stato necessario rettificare. Nel 2015 non hanno realizzato i lavori straordinari della scuola di via Mascherpa che, ancora un po’ e cade a pezzi. In questo caso hanno sostenuto comunque che i lavori sono partiti nel 2015.

Non è partito nulla e ancora adesso la scuola aspetta di essere sistemata. Come per tutte le altre opere in programma nel 2016: (scuola elementare Robbiolo: coperture e serramenti; scuola via Tiziano coperture e serramenti; Caserma carabinieri): non è partito nulla.  Anche quest’anno come negli anni precedenti. L’inazione fatta sistema ma, ciononostante ogni anno riescono a mettere in fila spese (le entrate sono le nostre tasse) per 27 milioni!

Come facciano a andare avanti così non vogliamo neppure sapere; non ci interessa. Questi sono incapaci che riescono a sprecare le nostre tasse mentre il patrimonio pubblico deperisce. Ma loro vanno a discutere di fare la nuova fermata M4… promettendo fantasie… che poi significa dovremo farci carico di decine di milioni di costi. Prima smettono meglio sarà per le nostre tasche, per la nostra Buccinasco, che deve ripartire. Ne ha urgente bisogno.

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth